Perché è opportuno vaccinare i giovani e non lasciare che si prendano l’infezione da covid-19.

L’ultima parte della campagna vaccinale prevede che la vaccinazione venga allargata a giovani adolescenti. Molti genitori sono preoccupati per i possibili effetti collaterali ma una recente ricerca effettuata  negli USA dimostra che la miocardite, una complicazione osservata dopo il vaccino,   è risultata più comune nei pazienti colpiti dalla infezione da covid-19 rispetto alle persone vaccinate.

L'infiammazione del cuore innescata da alcuni vaccini contro il covid-19 è stata una preoccupazione, specialmente nella campagna vaccinale per i giovani, ma uno studio preliminare suggerisce che nelle persone la miocardite è sei volte più probabile che si verifichi dopo un'infezione da coronavirus che dopo la vaccinazione.

 Negli ultimi mesi sono stati registrati alcuni casi di questa patologia, nota come miocardite, a seguito dell'uso dei vaccini Pfizer/BioNTech e Moderna.  Questo ha suscitato preoccupazione in particolare negli Stati Uniti e in Israele, poiché questi due paesi hanno aperto la strada alla vaccinazione dei giovani.

La reazione si verifica più spesso negli uomini e nei ragazzi di età inferiore ai 30 anni dopo la seconda dose e di solito si osserva entro 10 giorni, afferma Alma Iacob dell'Imperial College di Londra.  Ma molti enti sanitari in tutto il mondo affermano che i benefici della vaccinazione superano ancora i rischi per la maggior parte delle persone.

Ora uno studio negli Stati Uniti ha analizzato la frequenza con cui si verifica la miocardite a seguito dell'infezione da coronavirus.  I ricercatori hanno analizzato i registri delle organizzazioni sanitarie che coprono un quinto della popolazione statunitense.  Hanno scoperto che, durante i primi 12 mesi della pandemia, i maschi di età compresa tra 12 e 17 anni avevano maggiori probabilità di sviluppare miocardite entro tre mesi dalla infezione del covid-19, a un tasso di circa 450 casi per milione di infezioni.

 Questo dato si confronta con 67 casi di miocardite per milione di maschi della stessa età dopo la seconda dose di un vaccino Pfizer/BioNTech o Moderna, secondo i dati del Comitato consultivo statunitense sulle pratiche di immunizzazione.  I ricercatori hanno sommato i casi dopo la prima e la seconda dose per raggiungere un tasso totale di 77 casi per milione in questa fascia di età maschile innescata dalla vaccinazione, ovvero un sesto di casi osservate nei pazienti dopo l'infezione. “In altre parole 450 casi di miocardite per milione di casi di covid-19 in giovani maschi colpiti dal visus.”

 "Se sei preoccupato per l'infiammazione del cuore, la scommessa più sicura è prendere il vaccino", afferma Mendel Singer della Case Western Reserve University in Ohio, che ha contribuito a realizzare lo studio.

 I segni di miocardite includono dolore toracico, mancanza di respiro e palpitazioni.  I sintomi vanno da così lievi da passare inosservati a casi gravi, con danni cardiaci permanenti o addirittura la morte.  Tuttavia, le forme estreme sono rare e non sono stati segnalati decessi dopo la vaccinazione negli Stati Uniti.

  Le cause della miocardite non sono chiare.  Un’ipotesi è che si verifica quando il sistema immunitario attacca il cuore, ma questo non è stato dimostrato.  Né si sa perché si verifica più spesso nei maschi più giovani.

  I casi lievi vengono solitamente trattati con farmaci antinfiammatori da banco come l'ibuprofene e la maggior parte delle persone guarisce entro pochi mesi, afferma Iacob.  Altri fattori scatenanti della condizione includono l'influenza e il vaccino antinfluenzale, alcuni farmaci e alcune droghe illegali.

 Il piccolo rischio di miocardite dopo il vaccino Pfizer/BioNTech è uno dei motivi per cui il Joint Committee on Vaccination and Immunization (JCVI) del Regno Unito non ha ancora raccomandato questo vaccino - l'unico autorizzato per l'uso nei minori di 18 anni nel Regno Unito - per la maggior parte bambini dai 12 anni in su.  Mentre paesi come l'Irlanda e gli Stati Uniti lasciano vaccinare gli adolescenti, a luglio il JCVI ha affermato che solo i giovani che sono altamente vulnerabili o che vivono con qualcuno con un sistema immunitario debole dovrebbero avere il vaccino.

  Iacob afferma che le persone che sono state vaccinate o hanno avuto il covid-19 dovrebbero essere consapevoli dei possibili sintomi di miocardite, in particolare il dolore al petto che brucia o è acuto e che può peggiorare quando si cambia posizione.

Il rischio maggiore per le persone non vaccinate è che se colpite dal virus sviluppino le complicazioni della malattia e soprattutto quella sindrome denominata patologia da lungo covid di cui abbiamo scritto in altri articoli su questo sito.

 

Bibliografia

Articoli pubblicati sul sito www.ryderitalia.it negli ultimi mesi

 

  1. Covidlungo: Quale terapia è disponibile?  ...

(Coronavirus)

 Pubblicato su New Scientist 26-6-2021 Non esiste un farmaco provato per il lungo covid, ma ciò non significa che non ci sia un qualche supporto per le persone che convivono con esso. Il primo punto ...

Creato il 28 Giugno 2021

  1. La malattia da lungocovid: Chi ne è colpito, quanto durerà e possiamo curarla?  ...

(Coronavirus)

Cos'è il covid lungo? Pubblicato su New Scientist il 26/6/2021  Sebbene non esista una definizione universalmente accettata, il covid lungo viene spesso utilizzato per  includere chiunque abbia sintom ...

Creato il 25 Giugno 2021

  1. Il Covidlungo nei bambini puo rappresentare un problema sanitario. ...

(Coronavirus)

I bambini colpiti dal covid’ presentano effetti prolungati e talvolta alcuni rimangono con problemi cronici significativi  Articolo pubblicato su The new scientist 27/2/2021  Sta emergendo un quadro ...

Creato il 16 Marzo 2021

  1. Capire cosa si nasconde dietro i misteri di un lungoCOVID ...

(Coronavirus)

Un numero crescente di medici è alla ricerca urgente di trovare cure per un problema ormai molto diffuso.  Molte delle persone contagiate dal Covid-19, ricoverate o meno in ospedale, continuano a manifestare ...

Creato il 12 Marzo 2021

  1. Long covid: per troppo tempo abbiamo ignorato le sindromi post-virali ...

(Coronavirus)