Covid lungo: Quale terapia è disponibile?

 Pubblicato su New Scientist 26-6-2021

Non esiste un farmaco provato per il lungo covid, ma ciò non significa che non ci sia un qualche supporto per le persone che convivono con esso.

Il primo punto di riferimento è parlare con il medico.  Idealmente, il medico di famiglia rimanda chi presenta i sintomi più gravi a un servizio covid di lunga durata.  La prima clinica dedicata al covid lungo nel Regno Unito è stata lanciata nel novembre 2020 e ora ne sono aperte 83 in Inghilterra.  Ad oggi non esistono ancora cliniche di lunga data in Galles, Irlanda del Nord o Scozia.  Il Mount Sinai Hospital di New York City è stato il primo negli Stati Uniti ad aprire una clinica del genere, e molte altre sono nate in altri stati.

 "C'è un gruppo di persone che se la cava molto bene dopo un’assistenza per un covid lungo", afferma David Strain dell'Università di Exeter e della Taskforce Long Covid del NHS.

  “Il servizio è davvero focalizzato sul trattamento dei sintomi, perché non conosciamo la causa.  C'è una vasta gamma di sintomi e ora abbiamo alcune strategie per tutti loro", afferma Melissa Heightman presso l'University College London Hospitals, che ha istituito una delle prime cliniche covid del Regno Unito.

  Sulla base dei dati di circa 1300 pazienti, Heightman ha scoperto che le persone con covid da lungo tempo necessitano di fare riferimento a specialisti e riabilitazione, indipendentemente dal fatto che siano state ricoverate o meno dopo l’infezione iniziale.  I sintomi persistenti possono durare fino a sei o 12 mesi, suggerisce la sua ricerca.

  Le cliniche ora sono molto più efficienti nell'identificare che tipo di covid lungo ha una persona, afferma Strain.  "Il covid lungo non è una malattia", dice.  Capire la tipologia è cruciale per la giusta riabilitazione.  Ad esempio, la terapia fisica graduale aiuta le persone con un impatto simile alla polmonite, ma può essere dannosa per le persone con condizioni simili alla CFS/ME (sindrome di stanchezza cronica), afferma Strain.

 Un altro elemento vitale nelle cliniche è il supporto psicologico.  “Le persone con covid da lungo tempo hanno un quadro simile a quello da stress post-traumatico.  Sono passati da persone sane e in forma che gestiscono la casa, si allenano, ed all’improvviso sono a corto di fiato che camminano dalla cucina alla sala da pranzo ", afferma Strain.

 Gli sforzi dell'Inghilterra per affrontare il lungo covid si confrontano favorevolmente a livello internazionale, ma ciò è in parte dovuto al fatto che il Regno Unito è stato debole nella sua risposta al controllo delle infezioni ed ha avuto un enorme carico di casi da affrontare, afferma Amitava Banerjee dell'University College London (UCL).

Sfortunatamente, non ci sono abbastanza cliniche o specialisti.  "Non possiamo indirizzare tutti a una clinica per il covid lungo, verrebbero solo inondati", afferma Kamlesh Khunti dell'Università di Leicester, nel Regno Unito.  Anche i medici di famiglia sono ancora in fase di formazione per valutare meglio il lungo covid.

Per le persone che non possono recarsi in una clinica o che hanno sintomi relativamente lievi, ci sono app, gruppi di social media e alcune cure basate sulla comunità che aiutano i pazienti con la mancanza di respiro e la salute mentale. In assenza di un trattamento comprovato per il covid lungo, ci sono segnalazioni aneddotiche dalle cliniche di ciò che i pazienti hanno trovato utile per sintomi specifici, inclusi alcuni farmaci esistenti.  I cambiamenti dello stile di vita, come l'aumento dell'assunzione di liquidi e sale, sembrano aiutare alcune persone, mentre altri trovano che lo yoga e il nuoto siano benefici.  Tuttavia, per ora tutto è aneddotico, afferma Heightman.  "Abbiamo un disperato bisogno di prove in questo ambito post pandemia", dice.

  L'effetto delle vaccinazioni sulle persone con covid lungo rimane poco chiaro.  Khunti e Heightman riferiscono che aneddoticamente alcune persone si sentono peggio e altre migliorano dopo la vaccinazione. I ricercatori stanno anche cercando di testare l'uso dei farmaci esistenti.  Charlotte Summers dell'Università di Cambridge sta conducendo HEAL-COVID, uno studio di controllo randomizzato di interventi per covid lungo. Lo studio sta esaminando una statina( farmaco che blocca la produzione di colesterolo nel nostro organismo) per alleviare l'infiammazione in corso da covid lungo e un anticoagulante orale per combattere i coaguli di sangue. La società di biotecnologia statunitense PureTech Health ha avviato una sperimentazione clinica di LYT-100, un farmaco candidato che ritiene promettente per il trattamento di infiammazioni e cicatrici causate da covid-19 e altre condizioni.  I risultati sono previsti per la fine del 2021.

Seguiranno ulteriori studi clinici.  Entro le prossime due settimane, il NIHR dovrebbe annunciare come utilizzerà 20 milioni di sterline di finanziamenti, molti dei quali andranno a prove per i trattamenti.  "È ancora molto, molto presto", dice Khuti.  Non si aspetta che nessun trattamento sia pronto per l'uso clinico prima del prossimo anno.

 Che dire delle somiglianze con la stanchezza cronica?

 Alcune forme di covid lungo hanno paralleli con CFS/ME, in cui le persone sperimentano affaticamento debilitante e altri sintomi come dolori muscolari e difficoltà di concentrazione.  Come con il covid da tempo, il meccanismo alla base non è chiaro, non c'è consenso sul trattamento e le persone colpite possono non comprendere lo scetticismo sul fatto che ci sia qualcosa di sbagliato.

  Alcune persone sperano che, poiché il covid da tempo viene segnalato dai professionisti medici, l'idea che esista un affaticamento post-virale abbia guadagnato rispetto.  "Chiaramente, ci sono molte cose sui virus che non capiamo", afferma Tyson.  "Inoltre ci sono molti finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo di servizi per lungo covid.

  E i bambini con covid lungo?

 Le informazioni sugli esiti clinici per i bambini che contraggono il covid-19 sono scarse.  La buona notizia è che di solito è asintomatica o si manifesta come una malattia breve e lieve.  Tuttavia, alcuni bambini sembrano manifestare sintomi prolungati.  Non è chiaro quanto sia comune e l'OMS sta lavorando a una definizione separata per covid lungo nei giovani.

 Come per gli adulti, le stime sulla prevalenza del covid lungo nei bambini variano.  Ad esempio, i risultati di uno studio in corso sui bambini negli Stati Uniti, in Costa Rica, in Canada e in Spagna suggeriscono che il 6% dei bambini che contraggono il covid-19 ha sintomi in corso, che salgono a circa il 10% nei bambini ricoverati in ospedale.

Un secondo studio su 151 bambini a Melbourne, in Australia, ha rilevato che circa l'8% presentava sintomi persistenti, più comunemente tosse e affaticamento, che duravano da tre a otto settimane dopo l'infezione iniziale.  Alla revisione più recente del marzo 2021, tutti i 151 bambini si erano completamente ripresi (The Lancet, doi.org/gj9p7b).

  In una ricerca dal Regno Unito, circa il 4,4% di un gruppo di bambini risultati positivi al covid-19 ha manifestato sintomi più di 28 giorni dopo (medRxiv, doi.org/gjg8).

  "I più grandi studi pubblicati in tutto il mondo suggeriscono che i sintomi persistano tre mesi dopo, in circa il 5% dei bambini che hanno avuto il covid", afferma Terence Stephenson dell'UCL Great Ormond Street Institute of Child Health.

Nel Regno Unito, gli ultimi dati dell'ONS affermano che al 2 maggio c'erano circa 30.000 bambini di età compresa tra 2 e 16 anni che convivevano con il covid lungo.  Di questi, circa 14.000 hanno ritenuto che la loro attività fosse un po' limitata e 3000 hanno affermato che la loro attività era molto limitata.

  Di tutti i giovani, gli adolescenti potrebbero essere i più a rischio, afferma Roz Shafran dell'UCL.Ricerche precedenti suggeriscono che sono a maggior rischio di affaticamento e problemi di salute mentale dopo infezioni virali, come la febbre ghiandolare.  Maggiori informazioni dovrebbero essere disponibili.  Shafran, Stephenson e i loro colleghi hanno reclutato 30.000 ragazzi di età compresa tra 11 e 17 anni, metà dei quali ha avuto il covid-19 confermato, per seguire i problemi di salute fisica e mentale.  I risultati sono attesi entro la fine di giugno.

 Il lungo covid nei bambini ha bisogno di maggiore considerazione nei piani del governo del Regno Unito, afferma Layla Moran, una deputata liberaldemocratica che presiede un gruppo interpartitico sul coronavirus.  "La lunga coda del covid è reale e peggiorerà solo se si permetterà al virus di diffondersi tra la popolazione più giovane non vaccinata".  Per affrontare il lungo covid nei bambini, "dobbiamo essere più attenti ed efficaci in primo luogo nel prevenire che i bambini contraggono l'infezione ", afferma Alwan.

 Almeno in Inghilterra, i genitori di bambini con sintomi persistenti che cercano aiuto hanno ricevuto alcune buone notizie questo mese, con l'annuncio di 15 servizi specialistici covid lungo per bambini.  I nuovi poli pediatrici riuniranno esperti di problemi respiratori e affaticamento, che potranno curare direttamente i bambini o rivolgersi, se necessario, a medici di famiglia e specialisti