Con la variante Delta che si sta diffondendo rapidamente, è tempo di ricorrere di nuovo alle mascherine?

New York Times 17 luglio 2021 ALLISON AUBREY

 

 Negli Stati Uniti le autorità sanitarie della contea di Los Angeles stanno ora esortando le persone non vaccinate e vaccinate allo stesso modo a indossare coperture per il viso negli spazi interni pubblici a causa della crescente minaccia rappresentata dalla variante delta più contagiosa.

Dopo sei mesi di forte calo, i casi di coronavirus sono di nuovo in aumento, grazie alla variante delta. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno riferito venerdì che i nuovi casi sono aumentati di quasi il 70% in appena una settimana. I ricoveri sono aumentati di quasi il 36%.

I picchi sono più pronunciati nelle aree in cui i tassi di vaccinazione sono bassi, ma ci sono anche aumenti in luoghi come Los Angeles e New York City. E i funzionari sanitari stanno ancora una volta premendo urgentemente sugli americani non vaccinati per ottenere che facciano il vaccino.

"Questa sta diventando una pandemia dei non vaccinati", ha detto il direttore del CDC, la dott.ssa Rochelle Walensky, durante un briefing venerdì. "Se rimani non vaccinato, sei a rischio".

 

Ma se sei già vaccinato, quanto dovresti preoccuparti?

Servono nuove precauzioni?

Ecco cosa sapere sulla variante a rapida diffusione e su come stare al sicuro e proteggere gli altri.

 

Quanto è più contagiosa la variante delta, davvero?

Molto. Come riportato da NPR, il delta sembra essere circa il 225% più trasmissibile rispetto ai ceppi originali di SARS-CoV-2. Un recente studio prestampato dalla Cina ha scoperto che le persone infette dalla variante delta hanno, in media, circa 1.000 volte più copie del virus nelle vie respiratorie rispetto a quelle infette dal ceppo originale e sono infettive nelle prime fasi della loro malattia. La variante Delta non è solo ipercontagiosa.  Cresce anche più rapidamente dentro il nostro organismo.Non importa come la si guardi, la variante delta sembra diffondersi più velocemente, spiega Helen Chu, professore associato di medicina all'Università di Washington. "Puoi guardarlo per mezzo di una simulazione, puoi guardarlo attraverso i dati a livello di popolazione e puoi guardarlo semplicemente inserendo il virus nella cellula e osservando quanto velocemente infetti la cellula successiva", dice. "In tutte queste misure, è sembrato che fosse più trasmissibile".

 

Se sono vaccinato, posso ammalarmi con la variante delta?

 Sì, ma niente panico. I vaccini sono efficaci contro la variante delta e, sebbene sia ancora possibile contrarre l'infezione, i vaccini riducono drasticamente il rischio di malattie gravi che portano al ricovero in ospedale o alla morte. Uno studio del Regno Unito ha scoperto che il vaccino Pfizer è efficace al 96% contro l'ospedalizzazione dalla variante delta dopo due dosi.  Per conoscenza, il CDC - Centers for Disease Control and Prevention (in italiano: Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie [1], in acronimo CDC), sono un importante organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti d'America -

 ha documentato un totale di 5.492 casi di persone completamente vaccinate che sono state ricoverate in ospedale o sono morte per COVID-19, tra i 160 milioni di persone che sono state completamente vaccinate in questo paese. Non è chiaro quante di queste infezioni provengano da casi di variante delta, ma è diventata rapidamente la variante dominante in circolazione.Sebbene il CDC tenga traccia solo delle infezioni che portano al ricovero in ospedale e alla morte, alcuni stati stanno tenendo traccia di ogni caso, anche di quelli lievi. In Massachusetts, ci sono stati circa 4.450 casi confermati di svolta o circa lo 0,1% di tutte le persone vaccinate, come riportato da WBUR.

 

E il lungo COVID-19?

Mentre il rischio di ammalarsi se sei vaccinato è molto basso, se ricevi un caso sintomatico, è probabile che sia ancora possibile finire con i sintomi COVID-19 lungo, secondo la virologa Angela Rasmussen che lavora con il vaccino e per l’Organizzazione per le malattie infettive presso l'Università del Saskatchewan in Canada. Tuttavia, osserva che i dati sono ancora piuttosto limitati."Anche se non finisci in ospedale, c'è sicuramente la possibilità che si possa finire con presentare il COVID lungo", dice. "Quindi, la cosa più sicura da fare è evitare di essere infettati del tutto".

 

Devo tornare a indossare la mascherina in pubblico?

Molti esperti di salute dicono che potrebbe essere una mossa intelligente, specialmente quando sarai in casa con persone che potrebbero essere non vaccinate e smascherate."Lo farei", dice Chu dell'Università di Washington. "Non ho smesso di indossare la mascherina in casa". Per lei, il calcolo ha a che fare con l'avere bambini non vaccinati in casa e non volerli mettere a rischio. "Ognuno fa la propria valutazione del rischio", dice. Ma con l'aumento dei casi di delta, "sarebbe prudente ricominciare a fare il mascheramento in luoghi chiusi", dice, in particolare mentre ci avviciniamo all'autunno.

 Il mascheramento può avere senso soprattutto in luoghi con tassi di infezione in aumento, afferma Bill Miller , medico ed epidemiologo presso l'Ohio State University.

È chiaro che le persone non vaccinate non seguono le linee guida raccomandate per il mascheramento nei luoghi chiusi, osserva. "Entri in un negozio di alimentari e il 95% delle persone viene senza mascherina quando ancora non ci siamo avvicinati a quel livello di vaccinazione di sicurezza", dice Miller. Questo può mettere a rischio le persone, compresi i bambini, e le persone immuno-compromesse.

Miller dice che continua a indossare una maschera nei luoghi pubblici, anche se è completamente vaccinato. "So che è estremamente improbabile che mi ammali gravemente. Ma so anche che se vengo esposto, potrei essere infettato e trasmetterlo ad altri", dice.La contea di Los Angeles ha appena annunciato che reintrodurrà un mandato di indossare la mascherina per interni, anche per le persone che sono completamente vaccinate, a causa dell'aumento dei casi e della preoccupazione per la variante delta.Sono passati quasi due mesi da quando il CDC ha annunciato nuove linee guida che dichiarano che le persone completamente vaccinate non hanno bisogno di indossare maschere nella maggior parte degli ambienti, ma l'Organizzazione mondiale della sanità incoraggia ancora le persone a mascherarsi. E il ricercatore sanitario Ali Mokdad dell'Institute for Health Metrics and Evaluation dell'Università di Washington afferma che vorrebbe che il CDC ripristinasse un mandato a favore della mascherina a livello nazionale, dato l'aumento dei casi.

"Questa è la cosa giusta e scientifica da fare", dice. "Questo è l'unico modo in cui possiamo inviare un segnale al pubblico negli Stati Uniti che non siamo fuori pericolo e dobbiamo incoraggiare le persone ad andare a farsi il vaccino".

 

Ho bisogno di un uno iniezione di richiamo?

A questo punto no. Finora il governo federale non raccomanda iniezioni di richiamo per migliorare l'immunità, sebbene stia studiando attivamente la questione. "Il CDC e la FDA - Food and Drug Administration ("Agenzia per gli alimenti e i medicinali", abbreviato in FDA) è l'ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, -stanno lavorando molto duramente per ottenere quanti più dati possibile per affrontare adeguatamente questa domanda", ha detto il dott. Anthony Fauci a Here & Now di NPR questa settimana. I funzionari sanitari federali e i produttori di vaccini continuano a seguire i partecipanti iscritti agli studi clinici iniziali per vedere come l'immunità regge con le attuali vaccinazioni. Finora, gli esperti dicono che è incoraggiante. "Il livello di anticorpi sembra reggere abbastanza bene, quindi dobbiamo guardare e vedere cosa succede nel corso dei prossimi mesi”, ha detto Francis Collins , direttore del NIH, a NPR in un'intervista.

Alla fine, quando l'immunità diminuisce, un richiamo potrebbe essere raccomandato per alcuni gruppi, compresi gli anziani. Sono inoltre in corso ricerche per testare un approccio mix-and-match ai colpi di richiamo. I ricercatori stanno dando ai partecipanti allo studio che erano stati originariamente vaccinati con uno qualsiasi dei tre vaccini autorizzati, una dose di richiamo del vaccino Moderna.Il coordinatore della risposta COVID-19 della Casa Bianca Jeff Zients ha dichiarato venerdì che l'amministrazione è pronta per la possibilità di booster "se e quando la scienza mostrerà che sono necessari".

 La variante delta causa diversi sintomi di COVID-19?

Può essere. Alcuni medici e dipartimenti di sanità pubblica hanno riferito che le persone infette da delta hanno sintomi diversi dai segni classici e originali di COVID-19: tosse, perdita del gusto o dell'olfatto e febbre. Ora, alcuni dei sintomi più comuni sembrano essere naso che cola, mal di gola e mal di testa, secondo lo studio ZOE COVID, un progetto di ricerca in corso basato su app con sede nel Regno Unito .Ma Chu avverte che è difficile sapere cosa c'è dietro questo apparente cambiamento, "perché la popolazione che sta infettando non è la stessa popolazione che è stata infettata nelle ondate precedenti", afferma Chu.  Le persone che si ammalano ora tendono ad essere molto più giovani, dice. Poiché il COVID-19 potrebbe presentarsi in modo diverso nelle persone più giovani, qualsiasi cambiamento nei sintomi potrebbe avere meno a che fare con la nuova variante e più con le persone che la stanno contraendo. "Non so se riusciremo a sbrogliarlo", dice Chu."Questa è già una malattia che produce una gamma piuttosto ampia di diverse presentazioni cliniche nelle persone", aggiunge Rasmussen. Vorrebbe vedere dati migliori prima di concludere che i sintomi sono, in effetti, diversi.

 

Ho bisogno di nuovo di quelle salviette con candeggina?

 Non è necessaria una pulizia extra della superficie. Anche se è più trasmissibile, delta trasmette ancora allo stesso modo del virus SARS-CoV-2 originale. "Questo tipo di virus, che è un virus a RNA, tende a trasmettersi [attraverso] la trasmissione respiratoria", afferma Chu. Ciò è supportato da "una traccia dei contatti estremamente dettagliata" effettuata nella recente relazione prestampa dalla Cina, afferma Rasmussen. I ricercatori "hanno determinato che questi casi sono stati trasmessi principalmente attraverso quello che hanno chiamato contatto indiretto, che è molto probabilmente l'inalazione di aerosol infettivi [mentre] si respira aria condivisa, o attraverso il contatto fisico diretto", dice.Ciò significa che il modo principale in cui il virus si diffonde rimane essere in casa con qualcuno che è infetto e respirare le sue goccioline o aerosol. Con delta, la differenza è che la persona infetta farà molte più copie del virus, più velocemente, il che rende più facile la diffusione.Ma in un certo senso, "questa è una buona notizia", ​​dice Rasmussen. "Significa che le misure di mitigazione che abbiamo messo in atto in precedenza funzioneranno ancora contro la variante delta, che non viene trasmessa per altre vie".

 

Devo rifiutare gli inviti a matrimoni e altri grandi raduni?

Molti esperti di salute pubblica dicono che è sicuro partecipare se sei vaccinato, ma tieni a mente la variante, specialmente se sei da qualche parte con casi in aumento.Bill Miller di OSU afferma di incoraggiare l'uso della maschera per un matrimonio o un evento al coperto "perché stai unendo persone provenienti da diversi social network, creando una grande opportunità per un'epidemia".C'è un caso di studio che serve a ricordare che il rischio non è zero: sei persone vaccinate hanno contratto il COVID-19 dopo aver partecipato a un matrimonio vicino a Houston, tenutosi in una grande tenda all'aperto. Tutte le persone infette hanno manifestato sintomi, una è stata ricoverata in ospedale e un'altra persona, che aveva ricevuto il vaccino indiano Covaxin, è morta, secondo un caso di studio prestampato.Per quanto spaventoso possa sembrare, "potrebbero esserci eventi rari come questi in cui le persone sono in una tenda chiusa e molto vicine l'una all'altra. Ma, la stragrande maggioranza della trasmissione virale avviene al chiuso", afferma Chu.

 

E i bambini? I bambini possono essere infettati e diffondere la variante delta?

 Sì. Sebbene i bambini tendano ad avere casi più lievi di coronavirus, sono certamente suscettibili all'infezione. I bambini rimangono la fascia di età meno protetta, poiché il vaccino non è autorizzato per i bambini di età inferiore ai 12 anni. È possibile che i bambini che vengono infettati dalla variante delta possano avere più sintomi di quelli che avrebbero se fossero stati infettati da una versione precedente del virus. Con una variante più trasmissibile, "quando qualcuno si ammala, tende ad avere più virus e tende ad avere più sintomi", spiega Chu.Detto questo, dice Chu, in genere "i bambini non sono così sintomatici con il COVID". La sua migliore ipotesi? Pensa che il delta "probabilmente non porterà a un numero significativo di bambini ricoverati in ospedale".Ma c'è ancora un motivo per tenere i propri figli con mascherina in pubblico, e cioè il rischio che possano diffonderlo a persone più vulnerabili, dice Rasmussen. "Anche se non ha un impatto su di loro, potrebbe avere un impatto su altre persone vulnerabili nella loro famiglia, come le persone che potrebbero non aver avuto una risposta robusta al vaccino, e/o le persone immuno-compromesse.