TED : Vivremo per sempre con il Coronavirus?

L'esperta di salute globale e relatrice al TED Talk Alanna Shaikh pensa che ci sia luce alla fine del tunnel. Eccovi la traduzione in italiano della sua intervista tratta dal link :

https://zora.medium.com/could-we-be-living-under-coronavirus-forever-c2174b64f3be di Karen Frances Eng

Mentre l'umanità entra nella realtà della vita con Covid-19, siamo tutti alla ricerca di voci rassicuranti ed esperte che ci guidino nel prendere decisioni sensate per noi stessi, le nostre famiglie e la nostra società. L'esperta di salute globale Alanna Shaikh - che studia cosa succede ai sistemi sanitari quando le malattie si muovono su larga scala - è una di queste voci.

Il 6 marzo, Shaikh è volata da casa sua in Sri Lanka a Dallas per parlare al TEDxSMU di Covid-19. Ha offerto una prospettiva realistica, ma in qualche modo rassicurante, che ha già raccolto oltre 5 milioni di visualizzazioni. Conosco bene il confortante pragmatismo e l'intelligenza riflessiva di Shaikh perché lei è anche una collega, amica e madre.

L'11 marzo, il giorno in cui sono stati pubblicati i suoi discorsi, mia figlia di 14 anni ha avuto sintomi riferibili a Covid19 qui nel Regno Unito, un paio d'ore prima dell'annuncio della pandemia da parte dell'OMS . Ho cancellato ogni impegno, ho fatto i bagagli nel mio ufficio a Cambridge, ci siamo isolati nella nostra casa, ma mi chiedevo cosa fare dopo.

Avevo fatto  scorte in caso di un futuro blocco, ma non ero attrezzata per andare immediatamente in quarantena, tanto meno isolare mia figlia da me mentre curavo la sua malattia a casa. Potevo uscire per fare  rifornimenti? Dovevo rimanere e proteggere i miei vicini? Come evitare di ammalarmi io stessa? Ho contattato Shaikh per avere la sua visione della situazione, sperando nella sua conoscenza del contesto globale e nella sua guida personale.

Come madre che ha conoscenza di come si diffondono le malattie e del loro impatto sui sistemi sanitari globali, cosa stai facendo per prepararti a Covid-19?

Alanna Shaikh: Sono preoccupata come madre, ma in realtà sono più preoccupata come figlia. Siamo una famiglia multigenerazionale. Mia madre, che avrà 77 anni a luglio, è in molti gruppi a rischio per Covid-19. Sarà molto pericoloso per lei se verrà infettata. Sembra essere meno pericoloso per i bambini. Sono preoccupata anche per loro - sono i miei figli! Ma meno preoccupata.

Come gestisci personalmente le cose, per te e la tua famiglia? Ad esempio, eri sola sull'aereo per Dallas e ritorno per tenere il discorso su TEDxSMU.

Andare a tenere quel discorso è stato probabilmente un errore. Ho guardato i numeri e i dati e ho deciso che sembrava un rischio accettabile. Quando ero sull'aereo, però, mi sono resa conto che la situazione stava cambiando così velocemente, che probabilmente non avrei dovuto andare. Era troppo tardi a quel punto. Quindi, sai, è così che va. Spero che valga la pena parlare di qualunque errore.

Sono poi rimasta a casa mia per undici giorni e rimarrò per 14 per essere sicura di non diffondere nulla. Mi lavo costantemente perché se  diffondo  virus non voglio trasmetterlo alla  mia famiglia.

"Questa è una crisi, ma è anche un'enorme opportunità per imparare e costruire meglio per la prossima volta."

Dovremmo essere a distanza sociale anche se nessuno nella famiglia è malato o mostra sintomi?

Direi  di sì, anche se sei sano e nessuno nella tua famiglia mostra i sintomi per la prima volta, dovremmo mantenere una distanza. Il ragionamento dietro questo è che c'è un lungo periodo asintomatico in cui potresti essere malato e spargere il virus e non saperlo. E se lo facciamo ora per scelta, forse non saremo costretti a farlo in seguito.

Le quarantene e i blocchi hanno una funzione utile. Ma affinché funzionino, dobbiamo metterli in atto rapidamente.

Puoi confrontare la situazione in cui ci troviamo ora con ciò che hai imparato dall'epidemia di Ebola?

Durante l'epidemia di Ebola, ho condotto una valutazione dei centri di trattamento dell'Ebola in Sierra Leone e il loro impatto sulla malattia e il modo in cui hanno fornito assistenza. C'era una sensazione schiacciante che sapessero che la cosa era molto grave  e che erano nei guai, ma non avevano abbastanza soldi o medici per rispondere.

Il problema è che non abbiamo imparato nulla da quello. Ci siamo comportati come se lo scoppio fosse stato un terremoto - uno shock improvviso e strano che non potevamo prevedere. In realtà, era una situazione che probabilmente continuerà a ripetersi.

Cosa può fare il mondo per prepararsi meglio a una pandemia in futuro, una volta superata questa crisi?

A livello funzionale, ogni comunità ha bisogno di una struttura o di un fornitore di assistenza sanitaria a cui le persone possano rivolgersi quando sono malati. In quella struttura ci deve essere un medico o una sorta di personale medico in grado di diagnosticare la malattia, riportando tali informazioni verso un laboratorio nazionale - l'equivalente di un CDC. Dovrebbero anche essere in grado di trattare la persona malata. Idealmente, curarli, ma almeno trattarli perché se non riesci a trattare le persone, non hanno alcun incentivo a presentarsi.

Dobbiamo essere in grado di farlo in ogni parte del mondo. Siamo molto lontani da questo obiettivo in questo momento.

“Gli scoppi di Covid-19 non si verificheranno più e più volte. Alla fine troveremo un vaccino. Detto questo, il mondo cambierà ".

Sembra che stiamo cambiando radicalmente la mentalità ora, senza precedenti, ma oltre all'Ebola, abbiamo anche avuto la SARS e l'influenza suina prima di questa. In che modo questo sarebbe è un campanello d'allarme più forte di quell?

Con la SARS, siamo stati fortunati perché l'hanno fermata abbastanza velocemente. La SARS è stata in realtà più fatale. E poiché era più fatale, non aveva molto tempo per diffondersi. Anche l'Ebola ha ucciso le persone abbastanza velocemente da non diffondersi troppo rapidamente. L'influenza suina si è rivelata molto mite. Si diffuse moltissimo, ma non era una malattia grave. Il "grande agente” teorico - di cui gli esperti in malattie infettive da virus si preoccupano davvero - è quello che si diffonde rapidamente, impiega un po 'a ucciderti ed è altamente contagioso.

Quindi il Covid-19 è il “grande agente”?

Non sappiamo ancora quali saranno i tassi di mortalità, quindi non possiamo  ancora dirlo , ma sicuramente ci assomiglia molto. Se non lo fosse , sarebbe  però come il canarino nella miniera di carbone. E’ il segnale per correggere i nostri sistemi ed essere pronti per la prossima volta, se lo facciamo nel modo giusto. Oppure potrebbe solo indebolire un po' di più i nostri sistemi.

Covid-19 ci insegnerà molto su come prenderci cura di noi stessi in una situazione come questa. In questo momento, a casa mia, io e mia figlia stiamo seguendo protocolli di isolamento che non avremmo mai immaginato una settimana fa, per esempio. La vita sembra già drasticamente diversa. Ma immagino che diventerà una pratica standard per molte famiglie in tutto il mondo mentre la malattia continua a diffondersi.

Questa situazione potrebbe aiutare a costruire la resilienza logistica e sociale contro le pandemie. Se osservi il modo in cui la California reagisce ai terremoti, l’hanno vissuto così tante volte che è un dato di vita e sono abbastanza bravi a questo punto. È possibile che come comunità e società impareremo da ciò buone abitudini pro-sociali e saremo più pronti a prenderci cura l'uno dell'altro la prossima volta, così come iniziare a isolarci più velocemente. La cosa migliore che possiamo fare è che le comunità provino a prendersi cura l'una dell'altra. E in un modo strano, in questo caso, le comunità che si prendono cura l'una dell'altra coinvolgono le comunità che si evitano a vicenda.

Un altro comportamento umano che potremmo cambiare è trascurare i nostri territori selvaggi rimanenti . Potremmo porre restrizioni molto più rigide alla riduzione delle  foreste pluviali, reprimere il commercio di specie selvatiche. Il rallentamento del cambiamento climatico aiuterebbe anche a proteggere noi. Man mano che i cambiamenti climatici avanzano, ci sono agenti patogeni (malattie) che si sviluppano  meglio in questo nuovo clima .

Questi sono i cambiamenti grandi e di grande impatto che possiamo apportare per fermare nuove malattie all’origine.

Se, come abbiamo sentito, i focolai di Covid-19 potrebbero ripetersi ancora e ancora, e nuove pandemie sono inevitabili nel nostro futuro, in che modo questo focolaio potrebbe rappresentare un cambiamento di paradigma nel modo in cui il mondo intero socializza, funziona e così via giorno per giorno?

Gli scoppi di Covid-19 non si verificheranno più e più volte. Alla fine troveremo un vaccino. Potremmo dedicare i prossimi due anni al distanziamento sociale, ma alla fine ci sarà un vaccino. Detto questo, il mondo cambierà. Se accetteremo un mondo in cui si verificano questi focolai, allora inizieremo a pensare alle risposte alle epidemie e a minimizzarne l'impatto. Forse più persone lavoreranno da casa e saremo più bravi a tenere conferenze digitali. Forse torneremo ai singoli uffici con porte anziché agli open-space

Saremo tutti molto più consapevoli circa le nostre interazioni con altre persone. Penso che le apprezzeremo di più: se c'è una cosa che abbiamo imparato dalla quarantena è che la gente odia stare da sola. Allo stesso tempo, staremo molto più attenti. Nessuno di noi si avventurerà mai più in una folla densa senza pensare molto seriamente a quella scelta.

Forse viviamo anche in un mondo più precario ora, e saremo meno ottimisti nel pensare che il futuro assomiglierà al passato.

Puoi darci alcune fonti autorevoli ed  dove i cittadini possano tenersi informati e prendere le migliori decisioni per le loro famiglie?

Praticamente suggerirò sempre l' Organizzazione mondiale della sanità . Quando stai pensando alle informazioni sulla salute, la ricerca effettiva è superiore a singole storie  o casi di studio - e un team di esperti è meglio di uno. L'OMS è in grado di  convocare team di bravi esperti per rivedere i dati e fornire consigli su cui le persone possano basarsi.

C'è una cosa che vuoi dire al pubblico in questo momento?

Abbiamo ignorato a lungo i nostri sistemi di sanità pubblica perché ci vuole un evento nero veramente straordinario per mostrarci il problema. Bene, questo è un evento più unico che raro. Questa è una crisi, ma è anche un'enorme opportunità per imparare e costruire meglio per la prossima volta. Potrebbe essere l'emergenza che ci fa capire l'importanza di sistemi sanitari di buona qualità.

Le risposte sono state modificate per lunghezza e chiarezza.