I pazienti con Coronavirus in terapia intensiva hanno un tasso di sopravvivenza del 50% in UK

Di seguito, la traduzione di un articolo del Guardian presente a questo link :

https://www.theguardian.com/society/2020/mar/28/coronavirus-intensive-care-uk-patients-50-per-cent-survival-rate

I risultati di un nuovo rapporto sollevano preoccupazioni circa l'efficacia delle nuove strutture

Un rapporto ha rivelato che il il tasso di mortalità per i pazienti sottoposti a terapia intensiva dopo essere stati infettati da Covid-19 si avvicina al 50%.

I dati del Centro nazionale di audit e ricerca di terapia intensiva (ICNARC) hanno mostrato che su 165 pazienti trattati in terapia intensiva in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord dalla fine di febbraio, 79 sono morti, mentre 86 sono sopravvissuti e dimessi. Le cifre sono state tratte da un audit di 775 persone che sono state o sono in terapia intensiva con la malattia, all’interno di 285 unità di terapia intensiva. I restanti 610 pazienti continuano a ricevere cure intensive.

L'elevato tasso di mortalità solleva interrogativi sull'efficacia delle cure nei reparti per acuti nel salvare la vita delle persone colpite dalla malattia. Come priorità assoluta, l' NHS (servizio sanitario nazionale inglese) sta aprendo ospedali da campo a Londra, Birmingham e Manchester, che incorporeranno alcune delle più grandi unità di terapia intensiva mai viste in Gran Bretagna.

"La verità è che un sacco di questi individui [in terapia intensiva] moriranno comunque e c'è il timore che li stiamo solo ventilando per il gusto di farlo, per il gusto di fare qualcosa per loro, anche se non sarà efficace. Questa è la nostra preoccupazione ", ha detto un medico.

Il rapporto ha anche scoperto che sebbene la maggior parte di coloro che sono morti di coronavirus nel Regno Unito fossero più di 70, nove dei 79 che sono morti in terapia intensiva avevano un'età compresa tra 16 e 49 anni, così come 28 degli 86 sopravvissuti.

L'audit ha suggerito che gli uomini hanno un rischio molto più elevato a causa del virus: sette su dieci di tutti i pazienti in terapia intensiva erano maschi, mentre il 30% degli uomini in terapia intensiva aveva meno di 60 anni, rispetto a solo il 15% delle donne. Anche l'eccesso di peso sembra essere un fattore di rischio significativo; oltre il 70% dei pazienti era sovrappeso, obeso o clinicamente obeso sulla scala dell'indice di massa corporea.

Le tristi statistiche sono state rese pubbliche quando un deputato Tory, che lavora nel SSN ha affermato che il personale del servizio sanitario in prima linea che non aveva sintomi di Covid-19 ma che potrebbe essere ancora infetto, dovrebbe essere incluso tra quelli da testare per prevenire il peggioramento della crisi.

L'ex ministro della sanità Dan Poulter, che lavora come psichiatra nei reparti con molti casi di virus, afferma che i test, se diffusi potrebbero essere un "punto di svolta" che impedirebbe al personale che è portatore asintomatico del virus di trasmetterlo ai pazienti in ospedale per altri motivi.

Test diffusi su coloro che si auto isolano con sintomi lievi consentirebbero anche a loro di tornare al lavoro se risultassero negativi.

Scrivendo in Observer, Poulter afferma: “I livelli di malattia del personale del SSN sono già elevati e aumenteranno quando si intensificherà l'epidemia di Covid-19.

“Molti di noi sono anche preoccupati di poter essere infetti, ma asintomatici (senza mostrare sintomi) e quindi potrebbero essere un potenziale rischio per i nostri pazienti, colleghi e famiglie. Questa è l'ultima cosa che vorremmo, ma semplicemente non lo sappiamo.

"I test se più diffusi del personale del SSN avrebbero cambiato la situazione e avrebbero aiutato i medici del SSN a proteggere i nostri pazienti e a tornare più rapidamente in prima linea."

Si dice che la mancanza di test finora sta facendo sì che il personale medico per paura di prendere il virus, stia lontano dal lavoro con sintomi relativamente minori che probabilmente non sono correlati a Covid-19, come un mal di gola, Se dovessero risultare negativi potrebbero tornare al lavoro.

Michael Gove, ministro dell'ufficio del gabinetto, ha dichiarato venerdì che ulteriori test saranno eseguiti sul personale del SSN da questo fine settimana. Ma ha chiarito che inizialmente questo sarebbe stato diretto solo al personale chiave del SSN e agli operatori sanitari che si auto isolavano. Molti medici, infermieri e altro personale lo vorrebbero a tutto il personale in prima linea.

Poulter suggerisce anche che il governo dovrebbe chiedere consigli ai medici senior su come si svolgerà la pandemia negli ospedali, piuttosto che fare affidamento solo su esperti che lavorano lontano dal fronte.

"Abbiamo già molti di questi clinici con ruoli di leadership negli ospedali di tutto il paese", afferma. "È tempo di utilizzare meglio le loro conoscenze ed esperienze."

Denis Campbell e Toby Helm The Guardian Dom 29 Mar 2020