Alcuni pazienti affetti da Coronavirus mostrano segni di disturbi cerebrali

I medici hanno osservato sintomi neurologici, tra cui confusione, ictus e convulsioni, in un piccolo sottogruppo di pazienti con Covid-19.

I neurologi di tutto il mondo affermano che un piccolo sottogruppo di pazienti con Covid-19 sta sviluppando gravi alterazioni del cervello.

Sebbene febbre, tosse e difficoltà respiratorie siano le caratteristiche tipiche dell'infezione con il nuovo coronavirus, alcuni pazienti presentano uno stato mentale alterato o un’encefalopatia, un termine usato per malattia cerebrale o disfunzione che può avere molte cause sottostanti, nonché altre gravi condizioni. Queste sindromi neurologiche si uniscono ad altri sintomi insoliti, come un ridotto senso dell'olfatto e del gusto , nonché disturbi cardiaci .

All'inizio di marzo, un uomo di 74 anni è venuto al pronto soccorso di Boca Raton, in Florida, con tosse e febbre, ma una radiografia ha escluso la polmonite ed è stato mandato a casa. Il giorno successivo, quando la sua febbre è aumentata, i membri della famiglia lo hanno riportato indietro. Aveva il fiato corto e non sapeva dire ai medici come si chiamava o spiegare cosa non andava: aveva perso la capacità di parlare in modo chiaro.

Il paziente, che aveva una malattia polmonare cronica e il Parkinson, agitava le braccia e le gambe con movimenti bruschi e sembrava avere una crisi. I medici sospettavano che avesse Covid-19 e alla fine il test fu positivo.

Martedì, i medici di Detroit hanno riportato un altro caso inquietante che coinvolge una lavoratrice di una linea aerea di anni '50 con Covid-19 il primo caso presuntivo di encefalopatia emorragica acuta necrotizzante associata a COVID-19, una rara encefalopatia che è stata associata ad altre infezioni virali ma che deve ancora essere dimostrata a seguito dell'infezione da COVID-19. . La paziente era confusa e si lamentava di un mal di testa; poteva dire ai medici il suo nome, ma poco altro, e divenne meno reattiva nel tempo. Le scansioni cerebrali hanno mostrato gonfiore e infiammazione anormali in diverse regioni, con aree più piccole in cui alcune cellule erano morte.

I medici hanno diagnosticato una condizione pericolosa chiamata encefalopatia necrotizzante acuta, una rara complicanza dell'influenza e di altre infezioni virali.

"Il modello di coinvolgimento e il modo in cui è progredito rapidamente nel corso dei giorni, è coerente con l'infiammazione virale del cervello", ha dichiarato, la dott.ssa Elissa Fory, neurologa del sistema sanitario Henry Ford,. "Questo può indicare che il virus in rare circostanze, può invadere il cervello direttamente." Il paziente è in condizioni critiche.

Questi rapporti nazionali seguono osservazioni simili da parte di medici in Italia e in altre parti del mondo, di pazienti Covid-19 con ictus, convulsioni, sintomi simili all'encefalite e coaguli di sangue, nonché formicolio o intorpidimento alle estremità, chiamati acro parestesia. In alcuni casi, i pazienti presentavano un delirio anche prima di sviluppare febbre o malattie respiratorie, secondo il dott. Alessandro Padovani, il cui ospedale dell'Università di Brescia in Italia ha aperto un'unità NeuroCovid dedicata alla   la cura di pazienti con condizioni neurologiche.

I pazienti che entrano con encefalopatia sono confusi e letargici e possono apparire storditi, esibendo comportamenti strani o fissando nello spazio. Potrebbero avere convulsioni che richiedono cure mediche immediate e gli esperti avvertono gli operatori sanitari che trattano tali pazienti di riconoscere la possibilità di avere il Covid-19 e di prendere precauzioni per proteggersi dalle infezioni.

Molto ancora non si conoscono i sintomi neurologici, ma sono in corso sforzi per studiare i fenomeni, ha affermato il Dr. Sherry HY. Chou, neurologo dell'Università di Pittsburgh School of Medicine, che guida un team di investigatori per la Neurocritical Care Society.

"Abbiamo assolutamente bisogno di avere informazioni, altrimenti voleremo alla cieca", ha detto il dott. Chou. “Non esiste un ventilatore per il cervello. Se i polmoni sono compromessi, possiamo mettere il paziente su un ventilatore e sperare in un recupero. Non abbiamo questa opportunità con il cervello colpito dal virus. "

"La maggior parte delle persone si presentano svegli e vigili e sembrano neurologicamente normali", ha affermato il dott. Robert Stevens, neurologo della Johns Hopkins School of Medicine di Baltimora, che sta monitorando le diverse osservazioni neurologiche.

Gli specialisti neurologici affermano anche che è troppo presto per fare affermazioni definitive o identificare i meccanismi specifici con cui il nuovo coronavirus sta influenzando il sistema neurologico.

In un recente articolo, gli scienziati cinesi hanno notato che c'erano alcune prove che i vari  coronavirus non fossero confinati solo al tratto respiratorio e invadessero il sistema nervoso centrale, e gli autori hanno ipotizzato che questo potrebbe potenzialmente avere un ruolo nell'insufficienza respiratoria acuta in Covid-19.

Il dott. Stevens ha sottolineato che tutte le spiegazioni meccanicistiche a questo punto sono ipotesi perché si sa così poco: "Potrebbe essere semplice ipotizzare che i  bassi livelli di ossigeno nel flusso sanguigno", risultante dalla insufficienza respiratoria, insieme ad un aumento dell'anidride carbonica , possa avere un impatto significativo sulla funzione del cervello e portare a stati di confusione e letargia ", ha detto.

"Siamo ancora agli inizi di questo, e non lo sappiamo davvero per certo."

 

Come Coronavirus dirotta le tue cellule

L'intricato viaggio del virus che causa Covid-19.

I neurologi a Wuhan, in Cina , dove è iniziata l'epidemia, sono stati tra i primi a segnalare i sintomi in un documento preliminare pubblicato online a febbraio.

Da quel rapporto, gli specialisti hanno osservato sintomi simili in Germania, Francia, Austria, Italia e Olanda, nonché negli Stati Uniti, compresi i pazienti di età inferiore ai 60 anni, ha affermato il dott. Stevens.

Alcuni medici hanno riportato casi di pazienti che sono stati sottoposti a trattamento a causa del loro stato mentale alterato e che alla fine si sono rivelati positivi per Covid-19, sebbene non presentassero nessuno dei sintomi classici come febbre o tosse.

Quattro pazienti anziani che sono entrati all'ospedale di Danbury nel Connecticut con encefalopatia alla fine sono risultati positivi per Covid-19, sebbene non avessero altri sintomi, ha affermato il dott. Paul Nee, specialista in malattie infettive all'ospedale. Due dei quattro hanno continuato a sviluppare febbri di basso grado e necessitavano brevemente di ossigeno, ma due no, ha detto.

Sebbene non sia insolito che le persone anziane provino confusione quando sviluppano altre infezioni, "la cosa sorprendente è che non abbiamo visto alcuna vera malattia respiratoria in questi pazienti", ha detto il dott. Nee. Questi hanno continuato a essere positivi ma non possono essere dimessi, anche se non sono davvero malati, ha detto.

Ma precedenti rapporti avevano indicato che gli individui gravemente malati con sintomi più tipici avevano maggiori probabilità di esibire le rare condizioni neurologiche, che variavano da vertigini e mal di testa a disturbi della coscienza, ictus e lesioni muscoloscheletriche. Lo studio cinese di febbraio ha affermato che circa il 15% di quei pazienti con malattia grave ha sperimentato un cambiamento nello stato mentale, rispetto al 2,4% di quelli che non hanno avuto una malattia grave.

Un altro studio, pubblicato sul British Medical Journal alla fine di marzo, ha scoperto che su 113 pazienti di Wuhan morti di Covid-19, il 22 percento aveva avuto disturbi della coscienza, che vanno dalla sonnolenza al coma profondo, rispetto solo all'1 percento di un altro gruppo dei pazienti che si sono ripresi dalla malattia.

Per i potenziali pazienti Covid-19 e le persone che si prendono cura di loro, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie includono "nuovo stato di confusione o incapacità di risvegliarsi" tra i segnali di avvertimento che dovrebbero indurre una decisione a cercare cure mediche immediate.

I pazienti che hanno encefalopatia e sembrano confusi o incoerenti sono inclini ad avere convulsioni e dovrebbero ricevere il trattamento il più presto possibile, ha detto il dott. Jennifer Frontera, neurologo della NYU Langone Health che lavora con il dott. Chou. Ha aggiunto che le convulsioni possono manifestarsi in modi più lievi rispetto alle presentazioni drammatiche spesso rappresentate nei film e negli spettacoli televisivi.

"Le convulsioni non sono sempre cosi eclatanti come quando le persone cadono e tremano per terra", ha detto il dott. Frontera. "Alcuni potrebbero semplicemente presentare disturbi neurologici lievi, non prestare attenzione, fare movimenti ripetitivi e non intenzionali, o solo cambiamenti di stato mentale in cui le persone non sembrano più se stesse".

Ma anche se non si osservano convulsioni, le persone malate possono presentare altri potenziali sintomi mentali.

"Non ti senti meglio quando hai la febbre, ma dovresti essere in grado di interagire normalmente", ha detto il dottor Frontera. "Dovresti essere in grado di rispondere alle domande e conversare in modo normale."

Ha aggiunto: "Non voglio che tutti chiamino il 911 perché sono eccessivamente preoccupati. Non abbiamo la capacità di rispondere a tutti. Ma se qualcuno è davvero fuori di testa, probabilmente ha bisogno di cure mediche. "

 

Di Roni Caryn Rabin  1 aprile 2020 New York Times