Perché ci sono così tanti uomini che muoiono di coronavirus?

abbiamo tradotto in italiano l'articolo di Sharon Moalem presente a questo link :

https://www.nytimes.com/2020/04/02/opinion/coronavirus-men-women.html

Il bilancio sproporzionato che la mortalità per questo virus si evidenzia nei maschi non è un'anomalia. Quando si tratta di sopravvivenza, gli uomini sono il sesso più debole.

Le donne hanno un innato vantaggio biologico per la sopravvivenza che è evidente in ogni età e fase della vita umana.

Mentre il coronavirus continua a diffondersi oltre i confini, gli oceani e i continenti, c'è un dato sconcertante di dati che finora ha eluso una spiegazione adeguata: è ancora presto, ma in quasi tutti i paesi per i quali abbiamo numeri, più uomini che donne muoiono per il virus.

La maggior parte dei tentativi di spiegare questa discrepanza si è concentrata principalmente sul differente comportamento, alcuni dei quali sono quasi sicuramente validi. Tassi più elevati di consumo di tabacco, una riluttanza a cercare cure mediche adeguate e tempestive e tassi di lavaggio delle mani ancora più bassi hanno assolutamente un ruolo in chi sarà colpito più duramente.

Ma ciò che viene trascurato in queste spiegazioni è che il pedaggio sproporzionato che il coronavirus sta assumendo sugli uomini non è un'anomalia. Piuttosto, potrebbe essere una dimostrazione tempestiva e di alto profilo di ciò che fino a poco tempo fa è stato un fatto scientifico sottovalutato: quando si tratta di sopravvivenza, gli uomini sono il sesso più debole.

Questo non è solo il caso delle pandemie irripetibili. Questo innato vantaggio biologico è evidente in ogni età e fase della vita umana: le bambine hanno sempre più probabilità di arrivare al loro primo compleanno; L'80% di tutti i centenari oggi sono donne; un incredibile 95 percento di coloro che raggiungono l'età formidabile di 110 anni sono donne. Mentre in media i maschi genetici hanno più massa muscolare e maggiore altezza, dimensioni complessive e forza fisica, quando si tratta di sopravvivere alle difficoltà fisiche incontrate dalla nascita alla tarda vita, le femmine genetiche superano quasi sempre i maschi genetici.

Abbiamo a lungo ipotizzato che l'unica ragione alla base della morte precoce e sproporzionata degli uomini fosse comportamentale. In realtà, il vantaggio di sopravvivenza femminile tra i sessi è ancora valido, indipendentemente dall'istruzione, dai fattori economici e dal consumo di alcol, droghe o tabacco. 

Sono arrivato a capire il vantaggio biologico femminile in modo molto personale e doloroso alcuni anni fa. È stata una bellissima giornata estiva. Il sole era finalmente uscito dopo un inverno molto lungo e una primavera umida. Ho promesso a mia moglie Emma, ​​un po' di tranquillità, solo noi due: solo lei, una femmina XX e io, un maschio XY. L'ultima cosa che ricordo è stata allungare la mano e tenerle la mano mentre stavamo guidando verso ovest in una strada per lo più vuota.

I testimoni in seguito ci hanno detto che siamo stati colpiti da un lato da qualcuno che ha ignorato un semaforo rosso e si è lanciato verso di noi a oltre 45 miglia all'ora. La nostra macchina si è ribaltata due volte. L'impatto è stato grave, il tetto della nostra auto ha ceduto e nessuno degli airbag è stato attivato. A causa dell'entità dei danni alla nostra auto, i primi soccorritori si stavano preparando a orribili lesioni traumatiche. Siamo stati fortunati ad essere vivi.

Dato ciò che avevamo appena vissuto, le nostre ferite si sono rivelate relativamente minori e abbastanza simili, ma Emma era un po' più grave. Quindi, mentre ero legato a una tavola spinale nella parte posteriore di un'ambulanza che sfrecciava verso l'ospedale una delle cose a cui stavo pensando - oltre a chiedermi perché tutti e sette gli airbag non si erano aperti- era quanto ero grato che Emma fosse una femmina - perché sapevo che anche se le lesioni di mia moglie erano uguali alle mie, date le probabilità, era più probabile che lei guarisse meglio e più velocemente.

Cosa c'è dietro questa superiorità genetica femminile? Il tutto inizia a livello cromosomico.

Per rivedere le tipiche differenze cromosomiche di base tra i sessi: le cellule delle femmine genetiche hanno due cromosomi X - uno delle loro madri e uno dei loro padri - mentre quelli dei maschi genetici hanno solo un cromosoma X, delle loro madri, e uno Cromosoma Y.

Questo è fondamentale, perché i cromosomi X sono utili per funzioni vitali come la costruzione e il mantenimento del cervello umano e del sistema immunitario. E i biologi hanno capito da tempo che i cromosomi XX danno alle femmine un vantaggio in alcune aree: avere l'uso di una X di riserva nel caso in cui l'altra sia in qualche modo difettosa è il motivo per cui le femmine sono meno sensibili a disturbi come per esempio il daltonismo (deficit di visione dei colori).

Ma solo ora stiamo cominciando a capire il pieno vantaggio che questo extra cromosoma conferisce: non è solo che le donne hanno un cromosoma X di riserva da scambiare. Piuttosto, gli oltre 2000 geni che, combinati, compongono due cromosomi X, sono utilizzati da cellule che interagiscono e cooperano effettivamente all'interno del corpo di una donna. Ogni cellula utilizza prevalentemente un cromosoma X rispetto all'altro - quindi se un cromosoma X ha geni che sono migliori nel riconoscere virus invasori come Covid-19, ad esempio, le cellule immunitarie che usano quella X possono concentrarsi su quel compito, mentre le cellule immunitarie che usano l'altra X del cromosoma si concentrano, ad esempio, sull'uccisione di cellule infette da Covid-19, rendendo più efficace la lotta contro il virus.

I maschi tipici, al contrario, sono costretti a cavarsela nella vita con un solo cromosoma X. Cosa succede se i particolari geni di un maschio non sono in grado di riconoscere o uccidere in modo competente le cellule infette da un coronavirus? In tal caso, la sua capacità di combattere l'infezione sarà limitata; il suo X è l'unico che ha.

La linea di fondo è quando si tratta di affrontare il trauma e i fattori di stress della vita - che si tratti di evitare una grave malformazione congenita, una disabilità dello sviluppo o combattere un'infezione - le femmine hanno opzioni genetiche. E i maschi genetici no.

Mia moglie non vince solo quando si tratta di longevità generale. Il suo rischio di sviluppare tumori negli organi che entrambi abbiamo, ad esempio, è inferiore al mio. E se sviluppa il cancro, ha maggiori probabilità di sopravvivere, poiché la ricerca mostra che le donne rispondono meglio degli uomini ai trattamenti.

E i nostri cromosomi sessuali nel complesso determinano i nostri ormoni sessuali - il che le dà anche un vantaggio: livelli più alti di testosterone sembrano sopprimere il sistema immunitario; viceversa, è stato scoperto che gli estrogeni stimolano una risposta immunologica più vigorosa.

Mentre i nostri percorsi di recupero dall'incidente hanno preso due traiettorie molto distinte - le mie ferite e le infezioni successive hanno richiesto molte settimane in più per guarire - la realtà della sua superiorità genetica è davvero fondata. Non importa come, Emma probabilmente mi sopravviverà.

Il costo che le donne sembrano pagare per avere un sistema immunitario più aggressivo, che è migliore nel combattere sia le cellule maligne che i microbi invasori, però è più incline alle malattie autoimmuni. I sistemi immunitari delle femmine genetiche hanno molte più probabilità di attaccarsi, che è ciò che si verifica in condizioni come l'artrite reumatoide, la sclerosi multipla, la tiroidite autoimmune, la sindrome di Sjögren e il lupus. L'unica cosa che io, come maschio XY, ho in serbo per me è una minore possibilità di sviluppare una di queste condizioni.

I progressi nella comprensione e nell'affrontare queste differenze biologiche tra i sessi nella pratica della medicina clinica sono stati lenti. Per la maggior parte, ciò è dovuto al fatto che l'istituzione medica ha in gran parte trascurato la profonda unicità cromosomica, ormonale e anatomica delle femmine genetiche. L'attuale pratica della medicina è stata costruita utilizzando la ricerca che è stata condotta principalmente su cellule maschili, tessuti maschili, organi maschili, animali maschi e soggetti di test maschili. Di conseguenza, tendiamo a saperne di più sugli uomini quando si tratta dei determinanti della salute e del benessere. Con alcune eccezioni, come problemi ginecologici e ostetrici, tendiamo a trattare clinicamente le donne proprio come trattiamo gli uomini. Di conseguenza, la nostra comprensione dell'impatto medico sbalorditivo derivante dalle differenze tra i sessi è solo all’inizio.

Ma la comprensione di queste differenze ha il potenziale per colmare le lacune della conoscenza che ci hanno impedito di fare scoperte mediche. Il nostro modello di assistenza sanitaria incentrato sul paziente maschio, unico per tutti, e la cultura della ricerca che ne deriva devono cambiare. In nessun luogo questa urgenza è più evidente dell'attuale pandemia globale, poiché il numero allarmante di morti maschili in tutto il mondo continua a salire ogni giorno.

Quasi 20 anni fa, l'Istituto di medicina dell'Accademia nazionale delle scienze pubblicò un rapporto che affermava quanto segue: "Essere maschio o femmina è un'importante variabile fondamentale che dovrebbe essere considerata". Eppure, due decenni dopo, ci sono stati pochi progressi tangibili che si sono fatti strada nel modo in cui pratichiamo la medicina. Dobbiamo ora spingerci oltre la semplice considerazione di questa variabile per comprendere la vera forza biologica che ogni femmina genetica possiede intrinsecamente e in che modo gli uomini differiscono in questo senso. Il futuro della medicina dipende da questo.