Come il coronavirus sta accelerando la ricerca medica

Di seguito, la traduzione in italiano di un articolo di Jessica Wapner tratto da questo link :

https://elemental.medium.com/the-thing-that-usually-takes-a-year-took-one-week-fb7f48539e23

I primi casi Covid-19 sono arrivati ​​all'ospedale di Stanford circa due settimane fa, durante la seconda settimana di marzo, principalmente dalla comunità locale.

 "È una condizione che non ha un trattamento definitivo noto", afferma Neera Ahuja, professore di medicina, medico direttore dei reparti ospedalieri di medicina generale presso la Stanford University. Le tendenze dalla epidemia in Cina hanno suggerito ad Ahuja che entro due settimane il numero di casi segnalati nella Contea di Santa Clara, dove si trova Stanford, avrebbe potuto arrivare a 700. Come altri medici in tutto il mondo, Ahuja e il suo team hanno dato alle persone con Covid-19 che non mostravano segni di miglioramento, dell'idrossiclorochina, un farmaco per la malaria che aveva mostrato qualche beneficio, per un uso compassionevole, (pratica che consente alle persone di assumere farmaci disponibili in commercio per situazioni critiche in cui ciò può essere d'aiuto).

Ma prove concrete di efficacia mancavano del tutto. Come altri medici di tutto il mondo, Ahuja si è trovata di fronte a una situazione ironica: nessuna opzione terapeutica e un imminente assalto di pazienti cioè “la combinazione ideale per la ricerca sperimentale.” L’avvio di una sperimentazione clinica a Stanford per studiare le opzioni di trattamento aveva un senso; è stata l'unica cosa che ha fatto.”

Ma c'era un problema: gli studi clinici difatti non sono noti certamente per la loro velocità. Un nuovo farmaco impiega in media almeno 10 anni per passare dal laboratorio al mercato, con un massimo di sette spesi per test sull’uomo. Anche studiare un farmaco già esistente per una nuova malattia può richiedere anni. Etica, logistica, regolamenti, dipartimenti, comitati, pratiche burocratiche, finanziamenti, approvazione da parte delle agenzie federali: sono tutti parte dell’ingranaggio.

Eppure, accanto alle tragiche storie che Covid-19 sta scrivendo - le morti, le malattie, l'isolamento, il disastro economico - gli ostaggi umani del virus stanno forgiando i propri racconti di umanità, dedizione, gentilezza e generosità. Nel mondo della ricerca medica, la condivisione delle informazioni  sta dando una possibilità alla scoperta del trattamento prima che sia troppo tardi. La risposta di un mondo tipicamente così strettamente vincolato dai regolamenti si sta guadagnando , come tanti altri aspetti di questa pandemia, il titolo di "senza precedenti".

A Stanford, Ahuja collabora con Kari Nadeau, che tratta e studia le allergie alimentari. La ricerca sulle allergie alimentari è supervisionata dall'Istituto Nazionale per le allergie e le malattie infettive (NIAID), la stessa agenzia federale che sovrintende alla ricerca Covid-19. Il NIAID ha risposto entro 24 ore. Lunedì 24 febbraio, l'Organizzazione Mondiale della Sanità aveva riconosciuto il remdesivir, un farmaco antivirale sviluppato anni fa che una volta portava la speranza di trattare le infezioni da Ebola (altri farmaci si sono dimostrati poi più efficaci), come candidato principale per il trattamento di Covid-19.

Il NIAID stava sponsorizzando un ampio studio clinico del farmaco che si svolgeva in un massimo di 50 siti negli Stati Uniti e a livello internazionale e voleva che Stanford si unisse. Lo studio assegna casualmente i pazienti di nuova diagnosi al trattamento con remdesivir o con un placebo. Se una di queste opzioni mostra un beneficio nelle prossime settimane, diventerà il nuovo settore di controllo per confronto con un altri trattamento.

Ahuja e Nadeau hanno immediatamente contattato l'istituto di revisione istituzionale dell'università (IRB), un comitato che ogni istituto di ricerca ha per la revisione e l'approvazione di studi sperimentali. L'IRB ha concesso l'approvazione pochi giorni dopo, un processo che normalmente richiede mesi . I dottori si sono affrettati a contattare altri ospedali locali per lavorare con Stanford nello studio, sapendo che la California stava probabilmente andando verso un ordine di “cure sul posto” che poteva rallentare i loro progressi. In un'occasione, Nadeau aveva al telefono il capo dei contratti, il responsabile legale e il responsabile della gestione dei rischi con un preavviso di un'ora.

Revisioni normative da parte della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, che di solito richiedono diversi mesi, sono state fatte in due settimane. Quando ho parlato con Ahuja il 17 marzo, il sito di prova di Stanford stava per iniziare ad arruolare pazienti. Ciò che mancava, dice Ahuja, era tempo di riflettere. "Non abbiamo avuto il tempo di essere completamente rilassati e accademici", afferma. "Non avevamo quel lusso."

La ricerca è vitale. All'inizio di marzo, Ahuja ha ricevuto una copia del manuale ufficiale del ministero cinese per le cure del Covid-19, che include diversi farmaci antivirali tra i possibili approcci terapeutici. I dati preliminari dalla Cina hanno suggerito che remdesivir, che blocca la capacità del virus di replicare il suo materiale genetico, potrebbe funzionare, ma i risultati non erano affidabili, poiché si basavano su rapporti aneddotici acquisiti paziente per paziente, piuttosto che una analisi sistematica, un protocollo predefinito per il trattamento.

Solo una sperimentazione clinica può fornire i dati rigorosi richiesti affinché la FDA approvi un farmaco, gli assicuratori ne autorizzino la coperturae ed i pazienti possano essere certi che il trattamento offerto si basi sulle migliori conoscenze disponibili. "Non stiamo giocando con le vite qui", dice Nadeau.

Mentre Ahuja si organizzava per iniziare lo studio, Caleb Skipper, ricercatore delle malattie infettive presso l'Università del Minnesota, stava reindirizzando i suoi oggetti di ricerca. Skipper di solito conduceva esperimenti in Africa per curare le infezioni fungine derivanti dall'HIV / AIDS, ma la pandemia ha interrotto questo suo lavoro. Rivolgere la propria attenzione al coronavirus è stata la mossa ovvia. Lui e il suo mentore, David Bowlaire, studiando le evidenze di ricerca in corso su Covid-19 trovarono un aspetto inesplorato. I ricercatori stavano esaminando i trattamenti per sradicare il virus, ma nessuno stava osservando come fermare la malattia.

Lui e Bowlaire hanno proposto uno studio di confronto tra l’uso della idrossiclorochina e un placebo per evitare che Covid-19 diventasse sintomatico dopo il contagio . L'idrossiclorochina è il farmaco anti-malaria salutato dal presidente Trump come “salvatore della pandemia” ,ma le prove a sostegno dei suoi poteri contro il virus sono nella migliore delle ipotesi, deboli. Ma Skipper in realtà non cercava una cura. Lo studio per così dire non cercava di “svuotare la vasca da bagno”, ma pittosto di trovare solo un tappo più efficace.

Il team del Minnesota ha riscontrato lo stesso fenomeno della “velocità di risposta” riportato da Ahuja. 

Skipper ha condotto numerosi test di Fase 3 - l'ultimo passo prima che la FDA approvi un trattamento - e sapeva quanto tempo poteva richiedere l'approvazione normativa. "In questo caso, la cosa che di solito richiede un anno è durata una settimana", afferma. L'IRB dell'università ha rivisto il protocollo in un giorno, così come la FDA, afferma Skipper. "L'intero sistema di ricerca medica si è concentrato per assicurarsi che ciò avvenisse rapidamente", afferma.

Ho chiesto a Skipper cosa pensava mancasse nel processo. "Multitasking", dice. 

Senza nulla da dire sull’attenzione, tutti dovrebbero concentrarsi sulla singolare missione. Notevole anche la volontà dei colleghi di condividere i dati, un atteggiamento poco praticato in un mondo in cui l'avanzamento di carriera dipende dalla pubblicazione di nuovi risultati. La minaccia rappresentata da Covid-19 aveva evaporato completamente quella preoccupazione. "Spero che continui", afferma Skipper.

Non tutti però hanno trovato le porte magicamente aperte da parte dei regolamenti . Tom Pitts, neurologo presso uno studio privato a New York City, aveva l’intuizione che prendere di mira il sistema immunitario potesse funzionare meglio che prendere di mira il virus, perché è la reazione immunitaria contro lo sconosciuto invasore virale che causa tutti i problemi respiratori. "Il virus non sta davvero uccidendo nessuno", afferma Pitts. "Sta provocando il sistema immunitario per ucciderti." Ha avuto così l'idea di trattare Covid-19 con eculizumab, un anticorpo monoclonale che prende di mira una proteina del sistema immunitario chiamata C5 ed è approvato per due malattie: una che colpisce i reni e un'altra che colpisce i globuli rossi. Testare la sua idea, tuttavia, avrebbe richiesto la collaborazione di chi sta stava effettivamente curando i pazienti, cosa che Pitts non faceva. Il modo più rapido per ottenere informazioni era attraverso il CDC, ma nessuno avrebbe parlato con lui. "Non sono riuscito a superare il call center", afferma Pitts. "Il CDC ha per me ”il pollice verso”" La FDA ha invece rapidamente autorizzato Pitts a utilizzare eculizumab su persone con Covid-19, però l'assistenza nelle disposizioni relative agli studi clinici non rientra nell'ambito di competenza di tale agenzia.

Alla fine, Pitts ha aperto uno studio di uso compassionevole in cui i pazienti hanno il permesso di prendere l'anticorpo. Non è la sperimentazione clinica formale che voleva e non genererà i dati concreti necessari per testare la sua ipotesi. Egli afferma che uno studio sponsorizzato dall'industria di un altro farmaco immunomodulatore a cui parteciperà si aprirà presto, anche se non è stato in grado di rivelare il nome dell'anticorpo o dell'azienda. Ma l'esperienza l’ha segnato. "In questo paese, se non sei il direttore di Harvard o qualcosa del genere e hai una linea diretta, non puoi davvero far sentire la tua voce da nessuno", dice Pitts.

Nelle settimane successive alla sua prova di uso compassionevole,la sperimentazione è stato aggiunta all'elenco delle prove Covid-19 presso ClinicalTrials.gov, Pitts afferma di aver sentito di medici dell'Università dell'Ohio, dell'Università della Carolina del Nord a Chapel Hill e di un ospedale a Milano, Italia , tra gli altri, che vogliono includere i loro pazienti nella sperimentazione.

La trasformazione del mondo della ricerca si estende oltre la ricerca di trattamenti. Il bioingegnere Stephen Quake, copresidente del Biohub dell'Iniziativa Chan Zuckerberg, che supporta la collaborazione di ricerca tra UC Berkeley, UC San Francisco e Stanford, sta lavorando con scienziati per modellizzare la traiettoria di diffusione del virus in modo che le autorità possano prendere decisioni informate su quando o se riaprire le scuole o revocare altre restrizioni. 

Gruppi in Italia, Cile, Repubblica Ceca e Spagna stanno studiando se le stampanti 3D possano essere utilizzate per realizzare i ventilatori disperatamente necessari. E all'università di Pittsburgh, Junmei Wang sta usando la modellistica molecolare per trovare farmaci esistenti che si legheranno alla proteina su cui il virus atterra, impedendo così il suo insediamento nel corpo, lavoro che potrebbe accelerare notevolmente la ricerca di candidati terapeutici praticabili. Quake afferma di non aver mai visto nulla di più veloce degli sforzi per combattere questo virus.

Per Ahuja, tuttavia, non è solo la velocità che è stata così notevole, ma anche la compassione. 

Racconta la storia di un dottore la cui barba, che aveva da molto tempo, non si adattava alla maschera chirurgica. I suoi colleghi lo incoraggiarono a indossare una maschera più protettiva che era più grande ma anche scarsamente disponibile. "Nessun problema", disse alla sua squadra. "Torno subito." "Andò in bagno e si rasò la barba", dice Ahuja in lacrime. "E poi altri tre membri dello staff hanno fatto la stessa cosa."

Quando abbiamo parlato, Ahuja ha affermato che nessuno dei ricoverati nel reparto di terapia intensiva era stato in grado di andarsene. Sa che non ci saranno abbastanza letti d'ospedale per servire tutti i pazienti, e conosce la realtà che sta affrontando ogni volta che indossa il suo equipaggiamento protettivo ed entra nella stanza di un paziente. "La profondità di quanto grande sia questa minaccia per l'intero globo lampeggia davanti ai tuoi occhi", dice Ahuja. Ma la risposta a quella minaccia - la sua velocità, l'umanità - è più oltre . "Sono preoccupata", dice, "ma sono ottimista".