Ma questa famosa immunità di gregge è ancora un obiettivo sicuro?

All’inizio della pandemia si suppose che  la famosa immunità di gregge fosse un possibile obiettivo da raggiungere perché si era molto pessimisti sulla possibilità di avere in tempi rapidi uno o più vaccini con cui immunizzare il numero maggiore di persone. Con il trascorrere del tempo si è visto che nonostante gli sforzi e soprattutto l’esperienza acquisita ha modificato molti dei precedenti obiettivi nel cercare di individuare la via più sicura per gestire questa pandemia. Se ricordate all'inizio della pandemia il governo inglese aveva deciso di puntare sull'immunità di gregge. Ora dopo venti mesi questo articolo apparso in Gran Bretagna ha profondamente modificato l'approccio sanitario.

Articolo pubblicato New Scientist 21/8/2021

 

 Durante tutta la pandemia di covid-19 c'è stato un costante riferimento alla situazione intrigante che ne dovrebbe  segnare la fine: l'immunità di gregge.  Questo è quanto avviene quando un numero sufficiente di persone diviene immune ad un virus che non può diffondersi, proteggendo quindi l'intera comunità, compresi quelli che non sono immuni. A più di 18 mesi dall'inizio della pandemia e con il 59% della popolazione del Regno Unito che ha ricevuto due dosi di un vaccino contro il covid-19, quanto è lontano il paese dalla soglia di immunità di gregge e come sapremo quando l’avremo raggiunta?

 Togliamoci di mezzo la cattiva notizia: è improbabile che questo avvenga presto e tale obiettivo potrebbe non essere affatto raggiungibile.  La buona notizia è che potremmo non aver bisogno dell'immunità di gregge per convivere con il virus.  Per capire perché, prima dobbiamo capire l'immunità di gregge nella sua forma più semplice: questa situazione si raggiunge in un paese quando ogni persona con covid-19 infetta meno di un altro individuo suscettibile.  Questo fa sì che le infezioni diminuiscano, con solo casi sporadici che non si diffondono ampiamente.

 In teoria, si può’ raggiungere questo obiettivo attraverso la vaccinazione o l'infezione trascorsa, poiché entrambe forniscono una certa immunità da future infezioni.  In realtà, in passato abbiamo raggiunto l'immunità di gregge con infezioni da altri virus solo con la vaccinazione.  Ad esempio, il vaiolo è stato debellato nel 1980, a seguito di una campagna di vaccinazione globale.

  Un punto chiave per l'immunità di gregge è il numero di riproduzione di base – noto come R o R0 – che è il numero medio di persone che una persona con una malattia infettiva può’ infettare.

All'inizio della pandemia, l'R0 per il coronavirus era 2,5.  Da allora l'R0 è aumentato man mano che il virus si è evoluto per diventare più trasmissibile.  Le ultime stime mettono l'R0 della variante delta tra 5 e 9,5, afferma Willem van Schaik dell'Università di Birmingham nel Regno Unito.  "Ciò porterebbe la soglia di immunità di gregge da raggiungere tra l'80 e il 90% della popolazione [in corso di vaccinazione]".

  Potrebbe essere possibile raggiungere quella soglia, ma nessun vaccino è efficace al 100%.  Sebbene gli attuali vaccini per il covid-19 siano estremamente efficaci nel prevenire malattie gravi, non bloccano completamente le infezioni in tutti, il che significa che alcune persone vaccinate potrebbero essere ancora in grado di trasmettere il virus.  Le ultime informazioni suggeriscono che i vaccini sono efficaci fino al 79% contro l'infezione sintomatica da variante delta.

 La strada per l'immunità di gregge diventa più complessa se si considerano altri fattori che influenzano, tra cui l’intensità del contatto sociale, l'età in cui qualcuno viene infettato per la prima volta, come differiscono i sistemi immunitari delle persone, quanto è influente l'immunità preesistente e il potenziale impatto della genetica.

  L'unico modo per garantire il raggiungimento dell'immunità di gregge è disporre di vaccini estremamente efficaci che forniscano un'immunità quasi sterilizzante – in cui viene completamente impedita la replicazione degli agenti patogeni – e che abbiano un alto assorbimento di questi vaccini, afferma van Schaik.

 Considerando tutti questi fattori, ci vorrebbe l'impresa impossibile di vaccinare più del 100% della popolazione del Regno Unito per raggiungere l'immunità di gregge, afferma Paul Hunter dell'Università dell'East Anglia nel Regno Unito.

 Si potrebbe pensare che l'immunità della popolazione si crei lentamente nel tempo man mano che le persone acquisiscono l'immunità dopo l'infezione.  Sfortunatamente, l'immunità al covid-19 sembra essere relativamente di breve durata, il che significa che è possibile una reinfezione e potrebbero essere necessari vaccinazioni di richiamo.  Inoltre, le varianti possono evolversi per eludere l'immunità esistente e diventare pericolose.

 Infine, la velocità delle variabili e la distribuzione del lancio globale del vaccino significa che anche se un paese con alti tassi di vaccinazione, come Israele, supera la soglia di immunità di gregge, il contatto con persone di altre nazioni con bassi livelli di vaccinazione potrebbe innescare nuovi focolai.   Lo abbiamo visto accadere con il morbillo nel Regno Unito.

 Alla fine, tutto sembra indicare che "nessuna possibilità di raggiungere l'immunità di gregge per il covid", afferma Hunter.  In una commissione parlamentare di tutti i partiti del Regno Unito tenutasi il 10 agosto, gli scienziati presenti erano unanimi nel ritenere che il Regno Unito non avrebbe raggiunto l'immunità di gregge.

 Invece, la maggior parte dei ricercatori sembra concordare sul fatto che il Regno Unito raggiungerà il cosiddetto "equilibrio endemico", per cui il covid-19 diventerà’ stagionale. L'unico modo per evitare questa situazione, afferma Thomas House dell'Università di Manchester nel Regno Unito, è ottenere una copertura vaccinale superiore al 95% nelle persone con più di 12 anni e avere un richiamo ogni anno, o sviluppare un vaccino che crei un'immunità sterilizzante.  "Oppure potremmo accettare che ci saranno ulteriori ondate, proprio come l'influenza", dice.  “Prima che avessimo il vaccino, non era appropriato confrontare il covid con l'influenza perché il covid era molto più grave.  Non dovremmo essere ottimisti riguardo al covid, le persone sottovalutano gli effetti, ma dopo il vaccino, per quanto ne sappiamo ora, possiamo paragonare la malattia all'influenza".

 Il punto di vista di Hunter è condiviso: "Quando raggiungeremo l'equilibrio endemico vedremo le infezioni variare dall'estate all'inverno e da un anno all'altro".  Ma possiamo aspettarci di vedere sempre meno di quelle forme di infezioni che causano malattie gravi, dice.

Tutto questo punta in una direzione: nessuno dovrebbe fare affidamento sull'immunità di gregge.  "Tutti dovrebbero avere il vaccino", afferma van Schaik.  "Nessuno può fare affidamento sulla " immunità di gregge" per una protezione assoluta contro una malattia potenzialmente mortale e che può avere conseguenze sulla salute a lungo termine.