Vaccini Covid-19: tutto ciò che è opportuno sapere sui principali vaccini in uso. Seconda parte

Conoscere la situazione dei vaccini utilizzati in giro per il mondo serve alla popolazione mondiale ad avere le migliori informazioni sui vantaggi e gli eventuali effetti collaterali dovuti ai differenti vaccini. Conoscere a fondo un problema serve ad diminuire le eventuali paure che molte persone hanno verso la campagna vaccinale. E' evidente che i dati qui riportati e ripresi dal New Scientist, una delle più prestigiose riviste scientifiche internazionali, possano essere modificati nel giro di pochi mesi  in base a quanto avverrà nel corso della pandemia.

New Scientist 14-08-2021

Vaccino Covaxin

 

 Come funziona?

  Covaxin è un vaccino inattivo, che comprende il coronavirus che causa il covid-19, ma in una forma alterata che non può replicarsi.  Quando il vaccino viene iniettato nel corpo, il sistema immunitario impara a riconoscere il virus.

  Dove è fatto?

 È prodotto da Bharat Biotech in India.

 Dove è stato approvato?

 L'India ha approvato l'uso di emergenza di Covaxin a gennaio.  Altri otto paesi gli hanno concesso varie forme di approvazione, ma la Food and Drug Administration degli Stati Uniti afferma che non ci sono informazioni sufficienti per concedere l'approvazione.  L'Organizzazione mondiale della sanità dovrebbe prendere una decisione a breve.

  Quante dosi sono state distribuite finora?

  I numeri esatti non sono chiari, ma ne sono stati distribuiti meno di quanto sperato.  Il governo indiano dice che prevede di ricevere 400 milioni di dosi tra agosto e dicembre di quest'anno, ma Bharat Biotech ha finora erogato solo 16 milioni di dosi, mancando l'obiettivo di 80 milioni di vaccinazioni tra gennaio e luglio.

  Ci sono effetti collaterali?

  Per diversi giorni, ci possono essere alcuni effetti collaterali dal Covaxin, tra cui febbre, mal di testa, irritabilità e dolore o gonfiore sul braccio iniettato.

 Quanto è efficace?

 Secondo Bharat Biotech, i dati degli studi di fase III mostrano che Covaxin ha un'efficacia del 93% contro le complicazioni gravi.  L'efficacia complessiva del vaccino contro le infezioni sintomatiche è del 78% e del 64% per le infezioni asintomatiche.

 Quanto dura l'immunità?

  Non è ancora noto quanto dura la risposta immunitaria del corpo a Covaxin.

 Quanto è efficace contro le varianti?

  L'analisi del siero del sangue da parte del National Institutes of Health degli Stati Uniti suggerisce che Covaxin stimola gli anticorpi che sono efficaci contro la variante alfa.

  Tuttavia, alcune ricerche suggeriscono che Covaxin stimola circa 2,7 volte meno anticorpi neutralizzanti contro la variante delta e tre volte meno contro la variante beta.

 Allo stesso modo, il vaccino sarebbe efficace contro la variante altamente infettiva delta plus, ma con una risposta immunitaria più debole a questa variante.

  Sarà necessario una iniezione di richiamo?

  Non lo sappiamo ancora.  Bharat Biotech sta conducendo prove sulle vaccinazioni di richiamo e dovrebbe rilasciare i primi risultati ad agosto.

  È possibile che annualmente siano necessarie vaccinazioni di richiamo per mantenere i livelli di anticorpi sufficientemente alti da proteggere le persone.

 Vaccino Sputnik V

 Come funziona?

 Il vaccino Sputnik V utilizza adenovirus ottimizzati, come i vaccini Oxford/AstraZeneca e Johnson & Johnson.  Ma a differenza degli altri, i virus inattivati ​​usati per somministrare la dose uno e la dose due di Sputnik V sono leggermente diversi, il che teoricamente rende più forte la risposta immunitaria che provoca.

  Dove è fatto?

 Il vaccino è stato sviluppato da un team del Centro nazionale di epidemiologia e microbiologia di Gamaleya a Mosca con il finanziamento di RDIF, il fondo sovrano della Russia.  È prodotto in Russia da società farmaceutiche partecipate da RDIF e anche su licenza in altri 14 paesi.

 Dove è stato approvato?

 È disponibile in 69 paesi con una popolazione complessiva di 3,8 miliardi, per lo più su base di emergenza.  La stragrande maggioranza di questi sono paesi a basso reddito.

  C'è anche "Sputnik Light", che è solo la prima dose, da usare in luoghi con focolai acuti che necessitano di una rapida vaccinazione.  Questo approccio è approvato in 12 paesi.

  Quante dosi sono state distribuite finora?

 Secondo la società di database Statista, la Russia ha esportato oltre 600 milioni di dosi, di cui 250 milioni in India, e altri 3,3 miliardi di dosi sono state prodotte all'estero su licenza.

  Ci sono effetti collaterali?

  Il vaccino è ben tollerato: poco più della metà delle persone a cui sono state somministrate entrambe le dosi ha avuto lievi effetti collaterali come mal di testa, malattie simil-influenzali e dolori alle braccia.  RDIF ha affermato che i risultati reali di Serbia e San Marino mostrano che il vaccino è estremamente sicuro.

  Quanto è efficace?

  RDIF ha affermato di avere il "vaccino covid-19 più efficiente al mondo", citando numeri non sottoposti a revisione paritaria dalla Russia e dagli Emirati Arabi Uniti secondo cui una doppia dose è efficace quasi al 98% contro l'infezione e efficace al 100% contro la malattia grave.

  A febbraio, un'analisi peer-reviewed in The Lancet dei risultati dello studio di fase III ad interim ha riportato un'efficacia del 92% contro l'infezione e un'efficacia del 100% contro la malattia moderata o grave, entrambe dal giorno della dose due in poi.

  La prima dose da sola, somministrata come Sputnik Light, è efficace per il 79% nel prevenire l'infezione, secondo il documento di The Lancet.  Uno studio indipendente ha confermato che stimola il corpo a produrre anticorpi.

  Quanto dura l'immunità?

  Non ci sono dati sulla durata, ma è stato riferito che Sputnik Light sarà utilizzato anche come booster sei mesi dopo la seconda iniezione.

 Quanto è efficace contro le varianti?

  Molto efficace, secondo una ricerca effettuata presso il centro di Gamaleya e pubblicata sulla rivista Vaccines This ha scoperto che neutralizza le varianti alfa, beta, delta e gamma.

 Tuttavia, uno studio molto piccolo in Argentina ha scoperto che era efficace contro l'alfa ma meno contro la variante beta.

 

I vaccini cinesi contro il coronavirus

 IN TERMINI di numeri, il principale vaccino cinese è il BBIBP-CorV dall'azienda farmaceutica con sede a Pechino Sinopharm e dall'Istituto di prodotti biologici di Pechino.  Questo è un vaccino virale inattivato che utilizza virus originariamente isolati da pazienti covid-19 in Cina.  Questi vengono coltivati ​​in coltura cellulare e quindi "uccisi" immergendoli in una sostanza chimica chiamata beta-propiolattone.

  Questo vaccino è approvato in qualche forma in 59 paesi, per lo più a basso reddito, e ha anche un elenco di uso di emergenza dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il che significa che può essere utilizzato nell'ambito di COVAX, l'iniziativa globale per la condivisione equa dei vaccini.

  Le informazioni di Sinopharm sono scarse, ma l'OMS afferma che tutti i vaccini nell'elenco degli usi di emergenza sono "altamente efficaci nel prevenire malattie gravi e il ricovero in ospedale a causa del covid-19".  L'approvazione dell'OMS è anche un'approvazione della sicurezza.

 I risultati sottoposti a revisione paritaria di uno studio di fase III hanno mostrato che il vaccino è efficace al 78% contro la malattia sintomatica (JAMA, doi.org/gj7khd).  L'OMS ha concluso che il vaccino contro il coronavirus di Sinopharm è efficace al 79% contro il ricovero in ospedale.

  Il vaccino sembra essere efficace contro la variante alfa coronavirus ma meno contro la variante beta.  I dati peer-reviewed sul suo effetto sulle varianti gamma e delta devono ancora emergere.  L'OMS afferma inoltre che non sono disponibili informazioni sul fatto che impedisca la trasmissione.

  Un altro vaccino contro il virus inattivato dalla Cina, il Coronavac di Sinovac Biotech, ha una qualche forma di approvazione in 39 paesi, per lo più a basso reddito, e ha l'elenco degli usi di emergenza dell'OMS.

  L'efficacia di questo vaccino varia molto da uno studio all'altro, con un massimo dell'84 per cento contro la malattia sintomatica in uno studio in Turchia e un minimo di poco più del 50 per cento in Brasile.  La valutazione dell'elenco degli usi di emergenza dell'OMS ha concluso che il vaccino è efficace per il 51% nel prevenire le malattie sintomatiche ma efficace al 100% contro le malattie gravi e il ricovero in ospedale.

  Anche l'efficacia contro le varianti varia.  Alcune ricerche suggeriscono che il vaccino Sinovac funziona bene contro la variante alfa ma meno contro la beta ed è inefficace contro la gamma.  Tuttavia, l'OMS afferma che è efficace contro la variante gamma.  Non ci sono dati sulla sua efficacia contro delta.  L'OMS afferma inoltre che non sono disponibili informazioni sul fatto che impedisca la trasmissione.

 Un terzo vaccino cinese, Ad5-nCoV di CanSino Biologics, è approvato in otto paesi ma non dall'OMS.  Utilizza un adenovirus come veicolo per fornire il DNA per la proteina spike del coronavirus nel corpo, somministrato in dose singola.  I risultati di uno studio in Pakistan suggeriscono un'efficacia del 66%.

 Altri tre vaccini cinesi vengono utilizzati esclusivamente in Cina e uno è in uso in Cina e in Uzbekistan.  Uno di questi vaccini è stato sviluppato anche da Sinopharm, in collaborazione con l'Istituto di virologia di Wuhan.  È essenzialmente identico a BBIBP-CorV e altrettanto efficace, ma ha utilizzato un diverso campione SARS-CoV-2 come punto di partenza.

  I vaccini  che sono risultati non idonei

 Alcuni vaccini contro il coronavirus sono caduti nel dimenticatoio, ma non molti.  Su un totale di 135 candidati, solo cinque sono stati abbandonati.  Dato che circa tre quarti dei vaccini sperimentali di solito falliscono, questo dato potrebbe sembrare molto basso, ma c'è ancora molto tempo per ulteriori fallimenti.  Nessuno dei vaccini ha ancora ottenuto la piena approvazione normativa negli Stati Uniti o nel Regno Unito.

  Tre dei fallimenti riguardavano una tecnologia chiamata vettore virale replicante (RVV), che utilizza un virus vivo e replicante non correlato al coronavirus SARS-CoV-2 per fornire i geni SARS-CoV-2.  Tutti hanno prodotto risultati deludenti nelle prime prove.

 Nessuno dei 21 vaccini approvati si basa su questa tecnologia, quindi si è tentati di considerarlo un fallimento, ma ha avuto successo con altre malattie e ci sono otto vaccini RVV contro il coronavirus ancora in fase di sperimentazione clinica.

  Uno degli altri fallimenti, dell'Imperial College di Londra, ha utilizzato una nuova tecnologia di mRNA auto amplificante.  I progressi si sono semplicemente rivelati troppo lenti. Anche l'altro, un vaccino a sub unità proteica dell'Università del Queensland, in Australia, ha provato e non è riuscito a dare risultati attendibili.  Uno dei suoi componenti era una proteina derivata dall'HIV che ha contribuito a stabilizzare la proteina spike SARS-CoV-2.  Ma questo inaspettatamente ha indotto alcuni volontari a registrare test falsi positivi per l'HIV, che potrebbero interferire con i risultati legittimi di tali test.

 

Altri vaccini in cantiere

 Diversi altri vaccini contro il coronavirus sono in fase di test in fase avanzata.  Secondo il tracker dei vaccini della McGill University, ci sono 130 vaccini contro il coronavirus ancora in fase di sperimentazione clinica, 40 dei quali in fase III.

 Nel Regno Unito, quelli che hanno maggiori probabilità di vedere la luce del giorno sono prodotti da Novavax, Valneva e CureVac.  Il governo del Regno Unito ha opzioni per acquistare lotti di tutti e tre, in attesa di approvazione.

  Il colpo di Novavax consiste in proteine ​​​​spike del virus SARS-CoV-2 incorporate in una nanoparticella simile a un virus.  I risultati intermedi degli studi di fase III suggeriscono che è efficace circa il 90% nel prevenire la malattia con il ceppo di coronavirus originale, ma meno efficace con le varianti (NEJM, doi.org/gk3zvz).  Novavax sta modificando il vaccino per affrontarli.

  Il vaccino di Valneva è un vaccino a virus inattivato, l'unico del suo genere in fase di sviluppo in Europa.  È in uno studio di fase III nel Regno Unito, con risultati attesi a settembre.

 Il vaccino di CureVac è un vaccino mRNA, ma finora i risultati dei suoi studi di fase III sono stati deludenti, con solo il 48% di efficacia contro l'infezione.

  Altri vaccini in fase avanzata che vale la pena guardare sono della società canadese Medicago, che coltiva vaccini in un parente della pianta del tabacco, nonché un vaccino proteico virale dei giganti farmaceutici Sanofi e GlaxoSmithKline.  I primi risultati su quest'ultimo sono stati deludenti e gli studi sono stati interrotti, ma è stato riformulato e sta mostrando risultati promettenti negli studi di fase III.

  I vaccini colpiscono la malattia del  covid lungo?

 Essere vaccinati riduce la possibilità di contrarre un covid lungo, che può comportare una varietà di sintomi che persistono per settimane o mesi dopo un'infezione da coronavirus.

  I benefici della vaccinazione nel ridurre il rischio di contrarre il covid lungo possono essere visti anche se le persone si infettano dopo aver fatto un'iniezione.  Ci sono anche prove che i vaccini riducono la gravità dei sintomi nella maggior parte delle persone che hanno già un covid da tempo, solo in una minoranza i loro sintomi peggiorano.

 Mentre sono in corso vari studi, finora non ci sono quasi prove pubblicate sulla relazione tra covid lungo e vaccinazione.

  "Non sappiamo ancora fino a che punto la vaccinazione contro il covid-19 possa prevenire il covid  lungo", afferma Annika Jödicke dell'Università di Oxford, il cui team utilizzerà i dati dei servizi sanitari nazionali del Regno Unito per cercare di rispondere a questa domanda.

  Un team del King's College di Londra ha pubblicato i primi risultati di uno studio in corso in cui le persone segnalano sintomi di covid lungo tramite un'app.  Secondo il leader dello studio Tim Spector, la vaccinazione riduce il rischio di contrarre covid  lungo di un fattore 20 (medRxiv, doi.org/gk7czd).  Ciò è principalmente dovuto al fatto che la vaccinazione riduce il rischio di essere infettati in primo luogo di un fattore 10, e il rischio è anche dimezzato in coloro che si infettano nonostante siano vaccinati, afferma Spector.

  Per chi ha già da tempo il covid, sembra che la vaccinazione possa essere utile.  In un'indagine su 900 persone che sono state vaccinate dopo aver avuto sintomi che sono durati per almeno quattro settimane e nella maggior parte dei casi per più di tre mesi, circa il 60% ha riportato un miglioramento generale dei sintomi.  Un quarto non ha riportato differenze e il 20% ha riportato un peggioramento dei sintomi (SSRN, doi.org/gqrw).

  "Il nostro è lo studio più grande e probabilmente la migliore prova fino ad oggi", afferma Ondine Sherwood di LongCovidSOS, un'organizzazione del Regno Unito che si batte per il sostegno alle persone con covid da lungo tempo.

  Dei tre vaccini valutati da Sherwood e dai suoi colleghi, quello di Moderna è stato il più vantaggioso, riducendo il punteggio medio di gravità dei sintomi del 31%.  Per Pfizer/BioNTech, era del 24% e del 23% per Oxford/AstraZeneca.

  Sherwood e il suo team vogliono fare un follow-up per vedere quanto durano i sintomi e quale sia l'impatto di una seconda dose.  Tuttavia, uno studio randomizzato piuttosto che un sondaggio fornirebbe risultati più affidabili.

 I diversi effetti della vaccinazione sul covid lungo hanno senso date le prove emergenti che ci sono molti meccanismi diversi che possono causare il covid lungo.  Può essere dovuto, ad esempio, a infezioni persistenti in alcune parti del corpo, a danni ai tessuti dovuti a infezioni pregresse, a un'interruzione del sistema immunitario o può derivare da tutti questi eventi che si verificano in una persona.

  Ci si aspetterebbe che i vaccini aiutino a eliminare le infezioni persistenti, ma non facciano alcuna differenza per i danni ai tessuti.  Potrebbero persino peggiorare la situazione immunitaria in alcuni casi.

  Michael Le Page 14/08/2021 New Scientist