Quello che sappiamo finora sui richiami dei vaccini per il covid-19.

Un numero crescente di dati suggerisce che la protezione indotta dal vaccino contro il covid-19 diminuisce nel tempo, molte nazioni si stanno preparando per lanciare un programma di richiamo.  Israele ha già iniziato, mentre Stati Uniti, Francia e Germania hanno annunciato piani per iniziare a distribuire le terze dosi.  Alcuni altri paesi, incluso il Regno Unito ci stanno pensando, aspettando a breve i risultati certi della terza iniezione.

Pubblicato su New scientist 11-9-21

 Il Comitato congiunto per la vaccinazione e l'immunizzazione, che fornisce consulenza ai dipartimenti sanitari del Regno Unito, sta rimuginando da tempo sulle iniezioni di richiamo.  A giugno ha emesso un avviso provvisorio secondo cui qualsiasi potenziale programma di richiamo dovrebbe essere offerto in due fasi a partire da settembre, a partire dai residenti nelle case di cura, dagli operatori sanitari e di assistenza sociale in prima linea, dalle persone di età superiore ai 70 anni e dagli adulti clinicamente estremamente vulnerabili o immunodepressi.  Ma questo in gran parte deve ancora concretizzarsi: tutto ciò che è stato annunciato finora è un programma limitato di terze iniezioni per le persone che hanno un sistema immunitario gravemente indebolito.

  Protezione in declino

 Fin dall'inizio dello sviluppo dei vaccini contro il coronavirus si è ipotizzato che sarebbero state necessarie dosi di richiamo, forse per combattere le varianti più recenti.  Ma anche il tempo è un fattore.  Per molte malattie, la forza della risposta immunitaria, derivante da infezioni naturali o vaccini, diminuisce in periodi di tempo che vanno da mesi ad anni.

 Diversi studi hanno dimostrato che, come previsto, i livelli di anticorpi diminuiscono gradualmente nei mesi successivi alla vaccinazione contro il coronavirus.  Gli anticorpi non sono l'intera storia, poiché le cellule della memoria che producono anticorpi e altre cellule immunitarie chiamate cellule T possono persistere in vari siti del corpo, pronte a entrare in azione se necessario, ma è molto più difficile rilevarle nelle persone tramite un test.

  Tuttavia, possiamo misurare l'efficacia pratica dei vaccini nell'impedire alle persone di ammalarsi.  Gli studi sulla vaccinazione contro il covid-19 hanno fornito stime diverse al riguardo.  I recenti dati israeliani hanno causato preoccupazione quando hanno mostrato che la protezione di una persona dall'infezione potrebbe arrivare fino al 40% circa sei mesi dopo l'inizio del programma di vaccinazione della nazione, anche se la protezione contro le forme gravi sembrava reggere, al 91%.

 Il mese scorso, uno studio del Regno Unito ha anche indicato che la protezione contro le infezioni sintomatiche sta diminuendo abbastanza rapidamente, dal 93% due settimane dopo una seconda dose di Pfizer/BioNTech al 71% tre mesi dopo.  Dopo due iniezioni di Oxford/AstraZeneca, il livello di protezione era rispettivamente del 72 e del 61 per cento.

  Risultati come questi sono il motivo per cui alcuni paesi hanno iniziato a offrire le terze dosi.  A luglio, Israele è diventato il primo paese a iniziare a fornire questo richiamo, a coloro di età pari o superiore a 60 anni che hanno avuto la seconda iniezione cinque mesi fa o prima.  La scorsa settimana, questo è stato esteso a tutti gli adulti e gli adolescenti.

 I risultati delle prime persone in Israele a ottenere la terza dose di richiamo mostrano che questa funziona bene nel prevenire sia le malattie gravi che le infezioni più lievi.  Circa 12 giorni dopo la terza dose, il numero di infezioni è diminuito di almeno cinque volte rispetto alle persone che avevano avuto due soli richiami.  "I nostri risultati forniscono chiare indicazioni dell'efficacia di una dose di richiamo anche contro la variante delta", ha affermato Yair Goldberg del Technion-Israel Institute of Technology nel rapporto online dello studio.

 I critici dicono che il Regno Unito è un caso a sè per non avere ormai un programma di richiamo in atto.  Il governo del Regno Unito afferma che ora la terza dose offerta alle persone con un sistema immunitario debole non sono in realtà un potenziamento, ma hanno un effetto di” ricarica ", per rimediare al fatto che due colpi non sembrano funzionare completamente in queste persone.

  Ma il Regno Unito non è solo: Spagna, Danimarca e Paesi Bassi hanno preso una posizione simile.  Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha recentemente concluso che "non c'è bisogno urgente di somministrare dosi di richiamo nella popolazione generale".

 Offrire questa così presto dopo i primi due iniezioni solleva la questione di quanto spesso saranno necessari, afferma Charlotte Thålin del Karolinska Institute in Svezia.  “Dobbiamo considerare gli effetti delle vaccinazioni ripetute: quali effetti collaterali avrà?  Non abbiamo ancora studiato la terza, la quarta, la quinta dose".

  Disparità globali

 Un altro argomento contro il potenziamento delle dosi è che è ingiusto nei confronti dei paesi a basso reddito, molti dei quali non sono ancora stati in grado di somministrare una prima dose alla maggior parte dei loro gruppi vulnerabili.  È come dare giubbotti di salvataggio extra a persone che già li indossano mentre altri annegano, ha affermato Michael Ryan all'Organizzazione mondiale della sanità il mese scorso.

  "Se avessimo una fornitura illimitata di vaccini, direi di farlo, ma non è così", afferma Stephen Griffin dell'Università di Leeds, nel Regno Unito.  "Se diventa un dato di fatto che abbiamo bisogno di tre dosi, allora l'uguaglianza dei vaccini ne soffrirà".  Quando New Scientist è andato in stampa, ci si aspettava che i risultati fossero imminenti da uno studio chiave chiamato Cov-Boost, che confronta l'efficacia di sette diversi vaccini covid-19 quando somministrati come terzo richiamo.

  Ciò fornirà ulteriori informazioni sull'opportunità di "mescolare e abbinare" i marchi di vaccini, che potrebbero provocare una risposta immunitaria più forte basata sull'esperienza passata con altre malattie.  Il programma del Regno Unito che offre un terzo vaccino alle persone con un sistema immunitario molto debole vedrà le iniezioni Pfizer/BioNTech o Moderna somministrate a molte persone che in precedenza avevano ricevuto le vaccinazioni Oxford/AstraZeneca.  Israele, tuttavia, ha offerto una terza dose del vaccino Pfizer/BioNTech alle persone che ne hanno già avute due, e gli Stati Uniti sembrano destinati a fare lo stesso.