Attenti a chi ti promette che la pandemia finirà presto

 Editoriale del News Scientist del 7/11/2020

 Mentre il coronavirus ha iniziato a diffondersi in Europa in primavera, molti scienziati hanno avvertito che il peggio potrebbe arrivare in inverno.  Ora, sembra che avessero ragione.

La seconda ondata di blocchi del continente (vedi "La seconda ondata europea di coronavirus ") ha portato tristezza, rabbia, paura e, in alcuni paesi, intense proteste.  Nel Regno Unito, il primo ministro Boris Johnson ha cercato di offrire ai suoi cittadini un po’ 'di speranza, dicendo loro che tutto sembrerà molto più allegro nel 2021.

  Queste offerte di speranza dovrebbero essere trattate con cautela.  Forse le cose andranno meglio quando la primavera tornerà nell'emisfero settentrionale.  Ma non è molto chiaro perché dovrebbe essere così.

 È possibile che a quel punto avremo una terapia provvisoria per creare l'immunità senza un vaccino, ma come scrive Graham Lawton, i risultati sono ancora troppo precoci per essere equiparati a una panacea.  Un vero vaccino potrebbe diventare disponibile, ma in tal caso sarà disponibile all’inizio solo per alcuni.  Potrebbe anche non riuscire a fornire un numero di risultati sicuri, ad esempio, richiedendo ripetute iniezioni di richiamo.

  Un vaccino, come abbiamo detto prima in queste pagine, non sarebbe mai stato a nostro parere una via d'uscita facile o veloce.  Nel frattempo, almeno nel Regno Unito, testare il coronavirus e rintracciare i contatti di coloro che risultano positivi è nel migliore dei casi un processo non omogeneo.

 Allora cosa succederà per quei paesi più colpiti?  In primo luogo, dobbiamo smettere di pensare a breve termine.  La pandemia potrebbe continuare a influenzare in modo significativo le nostre vite per anni. Sarebbe saggio pianificare la nostra vita di conseguenza.

  In secondo luogo, dobbiamo ammettere che i blocchi sono un'indicazione del fallimento del governo e in definitiva non fanno nulla per fermare la diffusione del virus se la pausa tra le differenti fasi non viene utilizzata per creare capacità di test e di tracciamento dei contatti.  Blocchi brevi e programmati, piuttosto che quelli di emergenza che vengono introdotti ora, potrebbero essere uno strumento utile per tenere sotto controllo le infezioni, ma in realtà abbiamo bisogno di ciò di cui abbiamo sempre bisogno: test di, tracciamento e isolamento delle persone.

  Infine, affinché i sistemi di test e tracciamento funzionino, abbiamo bisogno che questi siano di facile accesso, con risultati rapidi e infine  è opportuno fornire alle persone infette l'aiuto finanziario e pratico di cui hanno bisogno per isolarsi.  Tali sistemi comportano un enorme costo economico, come del resto anche i blocchi.  Queste soluzioni richiedono inoltre qualcosa che scarseggia in paesi come il Regno Unito: la fiducia nel governo.  Forse un po’ 'di realismo da parte dei leader, piuttosto che offerte di false speranze, potrebbe essere un buon punto di partenza.