Dovremmo pianificare regolari blocchi del coronavirus come se fossero "interruzioni di un circuito"?

In tutto il mondo si discute su come e quando riattivare il lockdown totale o parziale di un singolo paese. Non esistono regole certe ma un recente articolo pubblicato sul New Scientist del 24 ottobre 2020 propone una soluzione che sembra molto interessante.

 Con i casi di covid-19 in aumento nella maggior parte del Regno Unito, c'è un acceso dibattito sul modo migliore per rispondere.  Mentre alcune persone sostengono una strategia tipo “lascia che il virus cresca", altri vogliono aumentare le restrizioni sociali, fino a includere il blocco completo, come è successo nella prima ondata della pandemia.

  Ma c'è un altro modo?  Un'idea che sta guadagnando terreno è che i paesi dovrebbero tenere regolari blocchi preventivi, ciascuno della durata di circa due settimane.  Potrebbero essere programmati per coincidere con le vacanze scolastiche, riducendo al minimo i disagi per l'istruzione.  Nel Regno Unito, potrebbe significare avere queste chiusure circa ogni due mesi.

 Il concetto può suonare simile al blocco corto, come se fosse un, "interruzione di un circuito", un'idea che è stata sostenuta da alcuni scienziati che hanno fornito consulenza al governo del Regno Unito, tra cui il capo consulente scientifico Patrick Vallance.  L'Irlanda del Nord ha avviato tale blocco il 16 ottobre e il Galles ha annunciato che farà lo stesso dal 23 ottobre.

 Ma c'è una differenza cruciale tra queste strategie: l'idea è che i blocchi preventivi avvengano periodicamente, anche quando i numeri dei casi di coronavirus di un paese sono relativamente bassi. La conoscenza anticipata di quando dovrebbero accadere dovrebbe ridurre l'impatto sulle imprese, mentre il fatto che siano brevi e abbiano un punto finale definito potrebbe renderle più sopportabili per il pubblico.

 È difficile capire esattamente quale effetto avrebbe sulla prevalenza del virus, ma dovrebbe regolarmente riportare i numeri dei casi a un livello inferiore. Nella migliore delle ipotesi, potrebbe significare evitare il tipo più lungo di blocchi osservati nella prima ondata della pandemia.

 

 Quest'anno, c'è stato una crescente valutazione del pedaggio sulla salute mentale causato dall'impedimento alle persone di mescolarsi con i loro amici e familiari.  Le interruzioni automatiche preventive possono alleggerire leggermente questo carico.  "Il periodo di tempo specificato riduce l'incertezza, ed è l'incertezza che spesso promuove ansia e scarso benessere mentale", afferma Charlotte Hilton, psicologa con sede nelle East Midlands, Regno Unito.

 Aziende come pub, ristoranti e negozi non essenziali dovrebbero comunque far fronte a una perdita di reddito: se due settimane di blocco fossero programmate ogni due mesi, sarebbero chiuse circa un quarto del tempo.  Tuttavia, se sapessero quando arriveranno queste chiusure, potrebbero essere in grado di pianificare finanziariamente il futuro in modo più efficace.

  Sfortunatamente, se un blocco viene annunciato all'improvviso, le aziende perdono i vantaggi della pianificazione anticipata.  In quanto tale, è troppo tardi per ottenere questo tipo di vantaggi da qualsiasi blocco immediato dell'interruttore che potrebbe essere in procinto di verificarsi questa volta.

Come possiamo sapere se i blocchi preventivi sarebbero migliori dell'approccio alternativo di inasprire le restrizioni sociali solo quando i casi aumentano e di allentarli quando i numeri diminuiscono?  Questo tipo di strategia non è stato provato in nessuna parte del mondo, quindi non possiamo ancora misurare i suoi effetti sui casi reali di covid-19, sulla salute mentale o sull'economia.

 Ma uno studio di modellazione di Graham Medley presso la London School of Hygiene & Tropical Medicine e dei suoi colleghi suggerisce che un blocco di due settimane in tutto il Regno Unito alla fine di ottobre dimezzerebbe le morti da covid-19 tra novembre e la fine di quest’anno.  Poiché la salute è una questione delegata ai vari paesi nel Regno Unito, la decisione di intraprendere tale azione dovrebbe essere presa dai rispettivi governi delle quattro nazioni del Regno Unito.  Quando quel documento è stato scritto, un blocco di ottobre come quello proposto sarebbe stato di tipo preventivo.  Il lavoro è stato messo online ma non è ancora stato pubblicato. Poiché i numeri dei casi di coronavirus stanno aumentando nella maggior parte del Regno Unito, il dibattito si è spostato sul fatto che le attuali restrizioni locali siano sufficienti o se le quattro nazioni del Regno Unito abbiano bisogno di un blocco completo e non preventivo.

 Questo sarebbe simile alle azioni intraprese da Israele il mese scorso, che ha iniziato quello che doveva essere un breve blocco di tre settimane in risposta a casi in rapida crescita.  Sebbene abbia dovuto essere prorogato di una settimana, il paese ha ora iniziato ad allentare le restrizioni.

 Nel Regno Unito, la scorsa settimana i membri di un gruppo consultivo indipendente sul coronavirus chiamato Independent SAGE hanno chiesto un blocco completo e immediato in tutto il paese della durata di due o tre settimane, oltre a diverse altre settimane di restrizioni leggermente meno severe.

  Christina Pagel, membro indipendente di SAGE presso l'University College di Londra, afferma che non sarebbero necessari blocchi preventivi regolari se il Regno Unito utilizzasse questa chiusura proposta per rinnovare il suo sistema di test e tracciamento.  “Non vogliamo continuare a chiudere il paese.  Pianificare ciò è un'ammissione di fallimento ", dice.

 Michael Edelstein dell'Università Bar-Ilan di Ramat Gan, in Israele, afferma che pianificare in anticipo è vitale, ma piuttosto che ricorrere a i blocchi che avvengono a date prestabilite, sarebbe meglio per i paesi concordare soglie di infezione che li innescano.  "Non hai tempo per discuterne ogni volta, metti delle regole”.