Le città dopo il coronavirus. Come il Covid-19 potrebbe cambiare radicalmente la vita urbana

Abbiamo tradotto in italiano un articolo di Jack Shenker presente a questo link : 

https://www.theguardian.com/world/2020/mar/26/life-after-coronavirus-pandemic-change-world

Le pandemie hanno sempre plasmato le città – e, dall'aumentata sorveglianza, alla "de-densificazione" , al nuovo attivismo delle comunità, ed il Covid-19 lo sta già facendo.

L’ argine Victoria (Victoria Embankment), che corre per un miglio e un quarto lungo il Tamigi, è per antonomasia l’immagine che molte persone hanno di Londra. Alcune delle prime cartoline inviate in Gran Bretagna raffiguravano le sue ampie passeggiate e giardini splendenti. Il Metropolitan Board of Works, che ha curato la sua costruzione, lo ha salutato come un "paesaggio urbano appropriato e opportunamente civilizzato, per una società commerciale prospera".

Ma l'argine, ormai radicato nella nostra coscienza urbana, è interamente il prodotto della pandemia. Senza una serie di devastanti epidemie globali di colera nel XIX secolo - inclusa una a Londra nei primi del 1850 che causò oltre 10.000 vittime – non si sarebbe mai individuata la necessità di un nuovo e moderno sistema fognario. La straordinaria impresa di ingegneria civile di Joseph Bazalgette, progettata per trasportare le acque reflue in modo sicuro a valle e lontano dalle forniture di acqua potabile, non sarebbe mai divenuta realtà.

Dalla peste di Atene nel 430 a.C., che determinò profondi cambiamenti nelle leggi e nell'identità della città, alla Morte Nera nel Medioevo, che trasformò l'equilibrio del potere di classe nelle società europee, alla recente ondata di epidemie di Ebola nell'Africa subsahariana che ha messo in evidenza la crescente interconnessione delle odierne città iper-globalizzate, le crisi di salute pubblica non mancano quasi mai di lasciare il segno su una metropoli.

Mentre il mondo continua a combattere la rapida diffusione del coronavirus, confinando molte persone nelle loro case e alterando radicalmente il modo in cui attraversiamo, lavoriamo e pensiamo le nostre città, alcuni si chiedono quale di questi adattamenti durerà oltre la fine della pandemia e come potrebbe essere la vita dopo.

Una delle domande più urgenti che gli urbanisti dovranno affrontare è l'apparente conflitto tra la densificazione urbana- la spinta verso città che diventano più concentrate, che è vista come essenziale per migliorare la sostenibilità ambientale - e la disaggregazione, la separazione delle popolazioni, che è uno degli strumenti chiave attualmente utilizzati per frenare la trasmissione dell'infezione.

"Al momento stiamo riducendo la densità urbana ove e’possibile, e per una buona ragione", osserva Richard Sennett , professore di studi urbani al MIT e consulente senior delle Nazioni Unite sul programma relativo al cambiamento climatico e le città. “Nel complesso la densità urbana invece è positiva: le città più dense sono più efficienti dal punto di vista energetico. Quindi penso che a lungo termine ci sarà una incompatibilità tra le esigenze contrastanti della salute pubblica e del clima ".

Sennett ritiene che in futuro ci sarà una rinnovata attenzione alla ricerca di soluzioni di design per singoli edifici e quartieri più ampi che consentano alle persone di socializzare senza essere stipate come “sardine" in ristoranti, bar e club - sebbene, dato il costo incredibilmente alto di terra in grandi città come New York e Hong Kong, il successo di questa tendenza può dipendere anche da importanti riforme economiche.

Negli ultimi anni, sebbene le città del sud stiano continuando a crescere a causa della migrazione rurale verso l'interno, le città del nord tendono invece nella direzione opposta, avendo residenti più ricchi che sono in grado di sfruttare le possibilità di lavoro a distanza e che si spostano verso città più piccole e insediamenti rurali più economici e caratterizzati da una migliore qualità della vita.

Il " costo decrescente della distanza ", come lo definisce Karen Harris, amministratore delegato del Macro Trends Group della società di consulenza Bain , probabilmente accelererà a causa della crisi da coronavirus. Sempre più aziende stanno creando sistemi che consentono al personale di lavorare da casa e sempre più lavoratori si stanno abituando. "Queste sono abitudini che probabilmente persisteranno", afferma Harris.

 Le implicazioni per le grandi città sono immense. Se la vicinanza alla propria sede di lavoro non è più un fattore significativo nel decidere dove abitare, ad esempio, il fascino della periferia diminuisce; potremmo dirigerci verso un mondo in cui i centri urbani esistenti e i "nuovi villaggi" remoti emergano in primo piano, mentre le tradizionali fasce dei pendolari svaniscono.

Un altro potenziale impatto del coronavirus potrebbe essere un'intensificazione delle infrastrutture digitali nelle nostre città. La Corea del Sud, uno dei paesi più colpiti dalla malattia, ha anche registrato alcuni dei più bassi tassi di mortalità, un risultato che può essere ricondotto in parte a una serie di innovazioni tecnologiche - tra cui, la controversa mappatura e la pubblicazione dei movimenti di pazienti infetti .

In Cina, le autorità hanno chiesto l'aiuto di aziende tecnologiche come Alibaba e Tencent per monitorare la diffusione di Covid-19 e stanno utilizzando l'analisi dei "big data" per anticipare dove emergeranno i cluster di trasmissione del virus. Se uno dei risultati governativi del coronavirus è che le "città intelligenti" tra cui Songdo o Shenzhen siano città più sicure dal punto di vista della salute pubblica, allora possiamo aspettarci che si facciano sempre maggiori sforzi per catturare e registrare digitalmente il nostro comportamento nelle aree urbane – e, contemporaneamente dibattiti più accesi sul potere che tale sorveglianza porterà a corporazioni ed ai singoli stati.

In effetti, lo spettro dell'autoritarismo strisciante - quando le misure di emergenza in caso di calamità diventano normalizzate, o addirittura permanenti - dovrebbe essere ben presente nelle nostre menti, afferma Sennett. "Se torni indietro nella storia e guardi ai regolamenti introdotti per controllare le città in tempi di crisi, dalla rivoluzione francese all'11 settembre negli Stati Uniti, molti di questi hanno impiegato anni o addirittura secoli per disgregarsi", egli afferma.

In un momento di etnonazionalismo crescente sulla scena globale, in cui i populisti di destra sono stati eletti al potere in molti paesi, dal Brasile agli Stati Uniti, in Ungheria e in India, una conseguenza del coronavirus potrebbe essere un radicamento delle narrazioni politiche di esclusione, che richiedono nuovi confini attorno alle comunità urbane – sorvegliati da leader che hanno la capacità giuridica e tecnologica e la volontà politica di costruirne.

Già in passato, dopo una emergenza sanitaria diffusa, le comunità ebraiche e altri gruppi socialmente stigmatizzati, come quelli colpiti dalla lebbra, hanno sopportato il peso della rabbia pubblica. I riferimenti al " virus cinese " di Donald Trump suggeriscono che un simile capro espiatorio sarà probabilmente ora una caratteristica conseguenza di questa pandemia.

Sul campo, tuttavia, la storia del coronavirus in molte città globali è stata finora molto diversa. Dopo decenni di crescente atomizzazione, in particolare per i giovani residenti urbani per i quali il costo proibitivo delle abitazioni ha reso la vita precaria e transitoria, l'improvvisa proliferazione di gruppi di mutuo soccorso - progettati per fornire sostegno comunitario ai più vulnerabili durante l'isolamento - ha riunito i vicini tra fasce di età e divisioni demografiche. Ironicamente, il distanziamento sociale ha avvicinato alcuni di noi come mai prima d'ora. Il fatto che tali gruppi sopravvivano oltre la fine del coronavirus per avere un impatto significativo sul nostro futuro urbano dipende, in parte, dal tipo di lezioni politiche che apprenderemo dalla crisi.

 La vulnerabilità di molti concittadini - non solo a causa di un'emergenza medica temporanea ma come una realtà quotidiana – ha vissuto una fase di sollievo: dagli anziani senza assistenza sociale sufficiente, ai lavoratori a basso reddito e autonomi che non dispongono di risorse finanziarie di riserva su cui fare affidamento, ma sul cui lavoro tutti facciamo affidamento .

Un più forte senso collettivo della società nel suo insieme, piuttosto che un agglomerato di individui frammentati, potrebbe portare a un aumento a lungo termine delle richieste pubbliche di misure più interventiste per proteggere i cittadini - uno sviluppo a cui i governi possono trovare più difficile resistere a causa della loro prontezza durante la crisi del coronavirus per mantenere la propria posizione di mercato.

Gli ospedali privati ​​stanno già subendo pressioni affinché aprano i loro posti letti senza costi aggiuntivi per i bisognosi; a Los Angeles, i senzatetto hanno sequestrato case vuote , con il sostegno di alcuni legislatori. Questo tipo di atteggiamenti diminuirà con la scomparsa del coronavirus o il sostegno politico alle iniziative urbane che mettano gli interessi della comunità al di sopra di quelli corporativi - come ad esempio una maggiore imposizione dei controlli sui canoni di affitto - durerà?

Non conosciamo ancora la risposta, ma nelle nuove e imprevedibili connessioni che rapidamente si sono forgiate all'interno delle nostre città a causa della pandemia, c'è forse qualche motivo di ottimismo. "Non puoi" ignorare "le persone", osserva Harris, "e di solito è una buona cosa". Sennett pensa che stiamo assistendo potenzialmente a un cambiamento fondamentale nelle relazioni sociali urbane. "I residenti della città stanno diventando consapevoli dei desideri che non avevano capito di avere prima", dice, " per un contatto più umano, per collegamenti con persone che sono diverse da loro". Se questo cambiamento nella natura della vita cittadina si rivelerà poi duraturo quanto il sistema fognario di Bazalgette rimane, per ora, da vedere.