Le reinfezioni da coronavirus sono reali ma molto, molto rare

I casi rari di pazienti con una seconda infezione da coronavirus aprono un serio dibattito sulla sicurezza della immunità acquisita dopo il test di positività. I casi sono scarsi  per ricavarne regole sicure ma è prudente osservare comunque le disposizioni di sicurezza almeno sino a quando non avremo informazioni  piu sicure e sopratutto vedremo cosa succede con l'utilizzo del vaccino.

Questo articolo di Apoorva Mandavilli   è uscito il 13 ottobre 2020  sul New York Times.

Un caso in Nevada ha suscitato nuove preoccupazioni sul fatto che le persone che si sono riprese dall'infezione potrebbero essere ancora vulnerabili. È improbabile, dicono gli esperti.

Rapporti di reinfezione con il coronavirus evocano un futuro da incubo: ripetuti attacchi di malattia, vaccini impotenti, blocchi inesorabili: una pandemia senza fine.

Un caso di studio pubblicato lunedì, su un uomo di 25 anni in Nevada , ha alimentato di nuovo quei timori. L'uomo, che non è stato nominato, si è ammalato la seconda volta che è stato infettato dal virus, un modello che il sistema immunitario dovrebbe prevenire. Ma questi casi fanno notizia proprio perché sono rari, hanno detto gli esperti: più di 38 milioni di persone in tutto il mondo sono state infettate dal coronavirus e, a partire da lunedì, meno di cinque di quei casi sono stati confermati dagli scienziati come reinfezioni. "È un caso raro - è come una goccia nel secchio delle dimensioni di un microlitro, rispetto al numero di casi che si sono verificati in tutto il mondo", ha detto Angela Rasmussen, virologa della Columbia University di New York. Nella maggior parte dei casi, un secondo attacco con il virus ha prodotto sintomi più lievi o del tutto assenti. Ma per almeno tre persone, compreso un paziente in Ecuador , la malattia è stata più grave la seconda volta rispetto alla prima infezione. Una donna di 89 anni nei Paesi Bassi è morta durante la sua seconda malattia . Per quanto rari possano essere questi casi, indicano che la reinfezione è possibile, ha detto Akiko Iwasaki, immunologo dell'Università di Yale, che ha scritto un commento che accompagna il caso di studio del Nevada, pubblicato su The Lancet Infectious Diseases.

"È importante notare che ci sono persone che vengono reinfettate e in alcuni di questi casi la malattia peggiora", ha detto il dottor Iwasaki. "Devi continuare a indossare maschere e rispettare le distanze sociali anche se ti sei ripreso una volta da questa infezione."Abbiamo chiesto agli esperti cosa si sa sulle reinfezioni da coronavirus, e cosa significa il fenomeno per le vaccinazioni e il decorso della pandemia.

La reinfezione con il coronavirus è un evento insolito.

Innanzitutto, la buona notizia: la reinfezione sembra essere estremamente rara.

Dal primo caso confermato di reinfezione , segnalato a Hong Kong il 24 agosto, sono stati pubblicati tre casi; rapporti di altri 20 attendono la revisione scientifica.

Ma è impossibile sapere esattamente quanto sia diffuso il fenomeno. Per confermare un caso di reinfezione, gli scienziati devono cercare differenze significative nei geni dei due coronavirus che causano entrambe le malattie.

Negli Stati Uniti, dove i test sono stati una risorsa rara per gran parte di quest'anno, molte persone non sono state testate a meno che non fossero abbastanza malate da essere ricoverate in ospedale. Anche allora, i loro campioni di solito non venivano conservati per l'analisi genetica, rendendo impossibile confermare sospette reinfezioni.

La stragrande maggioranza delle persone che vengono reinfettate potrebbe non essere rilevata. Ad esempio, l'uomo a Hong Kong non ha avuto sintomi la seconda volta e la sua infezione è stata scoperta solo grazie a controlli di routine all'aeroporto.

"Ci sono molte persone che saranno state esposte anche che non hanno sintomi, di cui non sentiremo mai parlare", ha detto Marion Pepper, immunologa dell'Università di Washington a Seattle.

Le persone le cui seconde infezioni sono più gravi hanno maggiori probabilità di essere identificate, perché tornano in ospedale. Ma è probabile che siano ancora più rari, hanno detto gli esperti,"Se questo fosse un evento molto comune, avremmo visto migliaia di casi", ha detto il dott. Iwasaki.

Nella maggior parte delle persone, il sistema immunitario funziona come previsto.

Le reinfezioni possono verificarsi per una serie di ragioni: perché l'infezione iniziale era troppo lieve per produrre una risposta immunitaria, ad esempio, o perché il sistema immunitario era compromesso da altre condizioni di salute. A volte, un paziente può essere esposto a una grande quantità di virus che ha generato un'infezione prima che la risposta immunitaria potesse rispondere.

Questa variabilità è del tutto prevista, hanno detto gli esperti, ed è stata osservata in pazienti con malattie come il morbillo e la malaria.

"Non avrai mai la distribuzione di nulla con milioni di persone in cui non hai alcuni casi rari molto gravi che si verificano ai margini", ha detto il dottor Michael Mina, un immunologo pediatrico presso la Harvard TH Chan School of Public Health.

Almeno due dei pazienti reinfettati in Europa avevano un sistema immunitario compromesso, per esempio, e la donna di 89 anni morta stava ricevendo la chemioterapia. In altri pazienti reinfettati, fattori genetici o la mancanza di alcune precedenti esposizioni immunitarie possono aver attenuato la capacità del corpo di combattere un secondo attacco.

"Ci sono alcune persone che semplicemente non sviluppano buone risposte immunitarie a determinati agenti patogeni", ha detto Florian Krammer, immunologo presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai. “Cosa lo sta causando? Non ne siamo sicuri, ma di solito questa evenienza è rara. " Nella stragrande maggioranza dei pazienti infetti noti, hanno detto gli esperti, il sistema immunitario funziona come dovrebbe contro altri patogeni.

"Ci sono molte infezioni diverse in cui è possibile essere riesposti al virus e probabilmente non lo sapremmo perché non si hanno sintomi", ha detto il dott. Pepper. "E questa potrebbe essere una parte importante per aumentare l'immunità. Quando il corpo è esposto a un virus sconosciuto, è normale prima sviluppare una certa immunità e poi aumentare quella risposta con ogni ulteriore esposizione. Questo fenomeno è ben noto tra i bambini, ma è meno frequente negli adulti perché raramente incontrano nuovi virus, ha detto la dott.ssa Mina.

"Penso che sia importante riconoscere che le reinfezioni sono letteralmente incorporate nell'evoluzione del nostro sistema immunitario", ha aggiunto. "A volte ne perdiamo la cognizione con così tante persone che ne parlano che in realtà non hanno studiato il sistema immunitario".

Una ricomparsa dei sintomi non prova la reinfezione.

Per ogni caso confermato di reinfezione, ci sono dozzine di segnalazioni aneddotiche di persone infette che erano malate e apparentemente guarite ma poi si sono ammalate di nuovo settimane o mesi dopo. Di solito mancano dati cruciali in questi casi, come una diagnosi di laboratorio confermata o un campione di virus che può essere sequenziato.

"La domanda è sempre: è una vera reinfezione?" Ha detto il dottor Krammer. "Molto spesso è molto difficile ottenere questo tipo di dati." È improbabile che la stragrande maggioranza di questi casi siano vere infezioni. Più probabilmente, si tratta di persone che sperimentano una recrudescenza dei sintomi legati all'infezione originale. Il virus può innescare una risposta infiammatoria che può divampare anche settimane dopo e causare sintomi come affaticamento e problemi cardiaci. In rari casi, alcuni pazienti possono sviluppare un'infezione cronica di basso grado con il virus che non scompare mai del tutto.

"Anche con virus che possono causare infezioni acute, come l'influenza", ha detto il dottor Krammer, "puoi avere infezioni persistenti se il tuo sistema immunitario è sufficientemente compromesso". Anche se queste non sono vere reinfezioni, sono ancora preoccupanti se portano a una nuova malattia o al ricovero mesi dopo l'infezione iniziale, ha detto il dottor Rasmussen. "Se c'è una recrudescenza che si verifica frequentemente e le persone si ammalano gravemente la seconda volta, questo è potenzialmente un problema proprio", ha detto.

Le persone con un secondo attacco possono trasmettere il virus ad altri.

Le persone reinfettate senza sintomi possono comunque trasmettere il virus ad altri. Il paziente di Hong Kong, ad esempio, è stato isolato in un ospedale anche se non presentava sintomi. Ma la sua carica virale era abbastanza alta da poter trasmettere il virus ad altri. "Ovviamente, quella persona non era malata, quindi è di buon auspicio per lui, ma non è di buon auspicio per la comunità", ha detto il dottor Pepper. Ma per essere sicuri dell'infezione, i ricercatori potrebbero aver bisogno di cercare virus vivi. I ricercatori sudcoreani hanno studiato centinaia di segnalazioni di reinfezione e sono stati in grado di escluderli come casi reali dopo non essere riusciti a far crescere virus infettivi dai campioni.

Sarebbero necessarie procedure simili per escludere la possibilità di trasmissione in ogni paziente, ha detto il dottor Rasmussen, aggiungendo: "Penso che sia l'unico modo per arrivare a fondo".

I vaccini possono essere cruciali per prevenire le reinfezioni.

I rapporti di reinfezione hanno sollevato preoccupazioni sull'efficacia dei vaccini per il coronavirus e sull'aiuto alle comunità per ottenere l'immunità della popolazione. La preoccupazione è che l'immunità prodotta dai vaccini non sarà sufficiente a prevenire le reinfezioni con il virus. In realtà, hanno detto gli esperti, i vaccini hanno maggiori possibilità di generare un'immunità robusta rispetto all'infezione naturale con il virus. Ad esempio, il coronavirus è particolarmente abile a schivare i primi allarmi immunitari del corpo, guadagnando tempo prezioso per seminare un'infezione. In alcune persone, questo ritardo alla fine innesca una reazione immunitaria eccessiva a cascata che può essere più dannosa dell'infezione stessa.

I vaccini hanno lo scopo di dispiegare una risposta immunitaria senza interferenze da parte del virus e quindi possono evitare questa sequenza infiammatoria. I vaccini possono anche essere manipolati per migliorare la memoria immunitaria, producendo in questo modo risposte più durature e protettive. Le sperimentazioni sui vaccini sono progettate per cercare l'assenza di malattia, piuttosto che di infezione, e non è chiaro se i vaccini possano sopprimere i livelli di virus abbastanza da prevenirne la trasmissione ad altri.

Tuttavia, l'immunità indotta dal vaccino dovrebbe funzionare meglio dell'immunità naturale, ha detto il dottor Rasmussen, aggiungendo: "Sono ottimista".