Come camminare può sviluppare il cervello

New York Times Gretchen Reynolds Pubblicato il 14 luglio 2021

 Aggiornato il 19 luglio 2021

  Uomini e donne più anziani che hanno camminato per sei mesi hanno mostrato miglioramenti nella sostanza bianca e nella memoria, mentre quelli che hanno ballato o fatto esercizi di stretching no.

 L'esercizio fisico può ringiovanire e rinnovare la materia bianca nel nostro cervello, migliorando potenzialmente la nostra capacità di pensare e ricordare con l'avanzare dell'età, secondo un nuovo studio sulla camminata, la danza e la salute del cervello.  Lo studio mostra che la materia bianca, che collega e sostiene le cellule del nostro cervello, si rimodella quando le persone diventano più attive fisicamente.  In coloro che rimangono sedentari, invece, la sostanza bianca tende a sfilacciarsi e rimpicciolirsi.

 I risultati sottolineano il dinamismo del nostro cervello e il modo in cui si trasforma costantemente, nel bene e nel male, in risposta a come viviamo e soprattutto a come ci muoviamo.

 L'idea che il cervello adulto possa essere malleabile è una scoperta abbastanza recente, in termini scientifici.  Fino alla fine degli anni '90, la maggior parte dei ricercatori credeva che il cervello umano fosse fisicamente statico e non modificabile dopo la prima infanzia.  Siamo nati, si pensava, con la maggior parte delle cellule cerebrali che avremmo avuto per la vita e che non potevamo averne di più.  In questo scenario, la struttura e la funzione del nostro cervello diminuisce semplicemente con l'età.

Ma la scienza è avanzata, per fortuna, e ha rivisto quella fosca previsione.  Studi complessi che utilizzano coloranti specializzati per identificare le cellule neonate hanno indicato che alcune parti del nostro cervello creano neuroni in profondità nell'età adulta, un processo noto come neurogenesi.  Studi di follow-up hanno poi stabilito che l'esercizio amplifica la neurogenesi.  Quando i roditori corrono, ad esempio, presentano tre o quattro volte il numero di nuove cellule cerebrali degli animali inattivi, mentre nelle persone, l'inizio di un programma di esercizio fisico regolare porta a un volume cerebrale maggiore.  In sostanza, questa ricerca mostra che il nostro cervello conserva la plasticità per tutta la vita, cambiando mentre lo facciamo, anche in risposta a come ci esercitiamo.

 Tuttavia, questi studi passati sulla plasticità cerebrale si sono generalmente concentrati sulla materia grigia, che contiene le celebri piccole cellule grigie, o neuroni, che consentono e creano pensieri e ricordi.  Meno ricerche hanno esaminato la materia bianca, il cablaggio del cervello.  Costituita principalmente da fibre nervose avvolte nel grasso note come assoni, la sostanza bianca collega i neuroni ed è essenziale per la salute del cervello.  Ma può essere fragile, assottigliarsi e sviluppare piccole lesioni con l'avanzare dell'età, che possono essere precursori del declino cognitivo.  In modo preoccupante, è stata anche considerata relativamente statico, con poca plasticità o capacità di adattamento tanto quanto le nostre vite cambiano.

 Ma Agnieszka Burzynska, professoressa di neuroscienze e sviluppo umano presso la Colorado State University di Fort Collins, sospettava che la scienza stesse sottovalutando la materia bianca.  "È stata considerata come la brutta sorellastra trascurata" della materia grigia, dice, ignorata e giudicata male.  Riteneva probabile che la materia bianca possedesse la stessa plasticità della sua controparte grigia e potesse rimodellarsi, specialmente se le persone iniziavano a muoversi.

  Quindi, per il nuovo studio, che è stato pubblicato online a giugno su NeuroImage, lei e il suo studente laureato Andrea Mendez Colmenares e altri colleghi hanno deciso di rinnovare la materia bianca delle persone.  Hanno iniziato raccogliendo quasi 250 uomini e donne più anziani che erano sedentari ma per il resto sani.  In laboratorio, hanno testato l'attuale forma fisica aerobica e le capacità cognitive di questi volontari e hanno anche misurato la salute e la funzione della loro sostanza bianca, utilizzando una sofisticata forma di risonanza magnetica, con scansione cerebrale.

 Quindi hanno diviso i volontari in gruppi, uno dei quali ha iniziato un programma supervisionato di stretching e allenamento per l'equilibrio tre volte a settimana, per fungere da controllo attivo.  Un altro ha iniziato a camminare insieme tre volte a settimana, a passo svelto, per circa 40 minuti.  E il gruppo finale ha iniziato a ballare, incontrandosi tre volte a settimana per imparare e praticare balli di gruppo e coreografie di gruppo.  Tutti i gruppi si sono allenati per sei mesi, quindi sono tornati in laboratorio per ripetere i test dall'inizio dello studio.

   E, per molti, i loro corpi e cervelli erano cambiati, hanno scoperto gli scienziati.  I camminatori e i ballerini erano aerobicamente più in forma, come previsto.  Ancora più importante, la loro materia bianca sembrava rinnovata.  Nelle nuove scansioni, le fibre nervose in alcune parti del cervello sembravano più grandi e qualsiasi lesione tissutale si era ridotta.  Queste alterazioni positive erano prevalenti tra i camminatori, che ora si comportavano meglio anche nei test di memoria.  I ballerini, in generale, no.

 Nel frattempo, i membri del gruppo di controllo, che non si erano esercitati aerobicamente, hanno mostrato un declino della salute della materia bianca dopo i sei mesi, con un maggiore assottigliamento e lacerazione dei loro assoni e punteggi cognitivi in ​​calo. Per gli atleti, questi risultati "sono molto promettenti", afferma il dott. Burzynska.  Ci dicono che la materia bianca rimane plastica e attiva, qualunque sia la nostra età, e qualche camminata veloce alla settimana potrebbe essere sufficiente, dice, per” lucidare” i tessuti e rallentare o prevenire il declino della memoria.

 Naturalmente, i cambiamenti del cervello erano sottili e in qualche modo incoerenti.  La dottoressa Burzynska e i suoi colleghi si aspettavano, ad esempio, che la danza avrebbe prodotto una maggiore sostanza bianca e miglioramenti cognitivi rispetto al camminare, afferma, poiché la danza comporta più apprendimento e pratica.  Ma il camminare era più potente, suggerendo che l'esercizio aerobico, di per sé, è più importante per la salute della materia bianca.  "I ballerini trascorrevano parte del loro tempo in ogni sessione guardando gli istruttori e non si muovevano molto", afferma la dott.ssa Burzynska.  "Questo probabilmente ha influenzato i loro risultati."

 Anche i partecipanti allo studio avevano più di 60 anni, erano inattivi e si allenavano solo per sei mesi.  Non è chiaro se anche il cervello delle persone più giovani e in forma ne trarrebbe beneficio o se l'esercizio aerobico a lungo termine potrebbe indurre miglioramenti maggiori nella memoria e nel pensiero.  Ma, per ora, afferma la dott.ssa Burzynska, i risultati offrono "un valido motivo per alzarsi e muoversi" per il bene della nostra materia bianca.