L’importanza della telemedicina nel futuro della sanità.

L’attenzione che stiamo offrendo al problema della telemedicina si basa sull’esigenza di educare il pubblico dei nostri lettori ad un settore che puo’ avere un forte sviluppo nella programmazione dei servizi sanitari. Il precedente articolo sulle unita specialistiche per l’ictus ( stroke unit) rappresenta un caso emblematico di approccio innovativo ad una problematica che sino ad ora era rimasta aperta e probabilmente se affrontata con le modalità tradizionali sarebbe rimasta irrisolta.

Harvard Gazette 8 aprile 2021

La telemedicina ha dimostrato il suo potenziale valore come un modo per integrare le cure mediche durante la pandemia, migliorando notevolmente l'accesso e l'accessibilità, ed è probabile che in futuro rimarrà come elemento strutturale di un sistema sanitario moderno. Ma, hanno detto gli esperti, saranno necessari cambiamenti nei procedimenti normativi dei aggiornamenti tecnologici per garantire che i soggetti già emarginati - gli anziani, i poveri, i disabili tra loro - non siano lasciati più indietro.

 "La telemedicina avrà tanto successo quanto sarà accessibile alle nostre popolazioni più vulnerabili", ha affermato Laura Hoffman, ricercatrice senior presso il Solomon Center for Health Law and Policy della Yale Law School. "Abbiamo il rischio di raddoppiare le disparità sanitarie negli Stati Uniti e probabilmente in tutto il mondo se non affrontiamo adeguatamente tali esigenze".

 Hoffman ha partecipato a una discussione online sui vantaggi e le potenziali insidie ​​della telemedicina sponsorizzata dal Petrie-Flom Center for Health Law Policy, Biotechnology, and Bioethics della Harvard Law School . L'evento avvenuto pochi giorni fa includeva sostenitori dei disabili, rappresentanti di una società di telemedicina ed esperti in diritto e politica sanitaria.

 C'è stata una grande espansione delle visite di telemedicina dall'inizio della pandemia, prendendo spunto da ciò che il moderatore Mason Marks, un collega presso l'Edmond J. Safra Center for Ethics, ha descritto come una tecnologia "marginale" che ha fornito inizialmente meno dell'1% delle visite in  cure primarie dei beneficiari di Medicare nel febbraio 2020, salendo a quasi la metà delle visite di assistenza primaria nell'aprile 2020, secondo Tara Sklar, professore di diritto sanitario presso l'Università dell'Arizona.

 Quella rapida crescita è stata guidata dalla necessità. La pandemia di coronavirus ha imposto restrizioni sulle visite mediche effettuate in studio, come ha fatto per una serie di altri servizi nella società. Ma le persone avevano ancora bisogno di cure e consigli medici. Si è scoperto così che gran parte di tutto ciò poteva essere fornito a distanza, con la possibilità di seguire le visite anche senza l’assistenza di persona.

 I membri del comitato hanno convenuto che è improbabile che il genio della telemedicina torni nella sua bottiglia mentre la pandemia si attenua e, fintanto che vengono prese le idonee misure per garantire l'accesso per tutti, proteggere la privacy e fornire una supervisione normativa, è probabile che sia uno sviluppo necessario e positivo. Solide pratiche di telemedicina in tutto il paese, che fungono da supplemento all'assistenza di persona, renderanno più facile per coloro che saltano le visite mediche a causa delle difficoltà nel viaggiare da e verso uno studio o una clinica, forse a causa dei limiti di tempo libero dal lavoro, o per coloro che vivono in zone rurali lontane dalle cure mediche, o la cui capacità di muoversi è limitata, o che hanno condizioni psicologiche come ansia o difficoltà cognitive emergenti e per i quali parlare con un medico o un consulente nell’intimità della propria casa è un beneficio ed un’opportunità..

 "La possibilità di fornire un'assistenza di qualità è immensa", ha affermato April Mims, vicepresidente delle politiche pubbliche per Hims and Hers, una piattaforma di telemedicina e benessere che da tre anni, si rivolge al consumatore, che si è espansa dal suo obiettivo originale sul sesso, salute, cura della pelle e perdita di capelli sino a fornire anche cure primarie, cure per la salute mentale e servizi di test COVID-19. “La telemedicina ha così tante promesse. Ma a meno che non riusciamo a rendere tutti questi strumenti accessibili a più persone, non manterremo pienamente la promessa della telemedicina ".

 Mims ha affermato che la telemedicina offre ai consumatori una scelta più ampia, attraverso l'accesso a fornitori fisicamente distanti se desiderano, ad esempio, un medico che parla spagnolo o francese e così via. Ha detto che la società esegue regolarmente sondaggi sulla soddisfazione dei clienti e sta scoprendo che i clienti sono "estremamente soddisfatti della loro esperienza", mentre solo il 34% afferma di essere soddisfatto dell'assistenza tradizionale.

 I membri del gruppo hanno convenuto, tuttavia, che è importante avere gli occhi chiari sui potenziali svantaggi della telemedicina. Un cambiamento chiave che ha consentito l'espansione della telemedicina nell'era della pandemia è stata la sospensione dei regolamenti federali che garantivano che le piattaforme utilizzassero regole per la privacy dei pazienti. Ciò significa che i problemi di privacy dovrebbero essere affrontati in futuro quando la pratica diventerà permanente, incluso l'esame delle garanzie sulla privacy del software di terze parti utilizzato durante tali sessioni. Le piattaforme per la comunicazione con i pazienti disabili dovrebbero ospitare sessioni con strumenti che includano problemi di udito e vista, in particolare se diventa necessaria la telemedicina per questi pazienti o continuare in modalità standard per i pazienti che vogliono interagire con il sistema sanitario.

 

 Come sarà la nuova normalità post-pandemia?

 L'epidemia ha costretto cambiamenti grandi e piccoli, alcuni dei quali sono destinati a rimanere Tra le altre popolazioni che potrebbero utilizzare la telemedicina, hanno detto i relatori, ci sono gli anziani che potrebbero non essere esperti di tecnologia e coloro le cui risorse limitate mettono un computer o uno smartphone fuori dalla portata.

 È anche importante, hanno detto i relatori, che gli esperti abbiano voce in capitolo nella legislazione e nella regolamentazione che interessano la pratica fiorente, entrambe allo studio in diversi stati a livello federale. Hoffman ha detto che un altro ambito da prendere in considerazione dalla telemedicina sono le scuole di medicina della nazione.

 "Dobbiamo iniziare a preparare i medici per questo, il che significa che nella scuola di medicina, dobbiamo insegnare ai nostri studenti universitari a usare la telemedicina", ha detto Hoffman. “Non è solo tecnologia. Dobbiamo approfondire in che modo questo trasforma il rapporto paziente-fornitore? Cosa significa avere quel rapporto in termini di farlo virtualmente invece di essere di persona? Siamo in un momento molto dinamico. "

 In tutto questo, ha detto Mims, è importante riconoscere che la telemedicina è in un'era non solo di espansione ma anche di innovazione, ed è importante garantire che qualsiasi regime normativo inteso a semplificare i servizi, rafforzare l'accesso universale e proteggere la privacy dei pazienti non deve soffocare l'innovazione o legare le mani alle aziende private che cercano di creare nuovi prodotti e servizi di telemedicina.

"La risposta non è spegnere la tecnologia, perché c'è un motivo per cui è disponibile, c'è un motivo per cui le persone utilizzano la tecnologia", ha detto Mims. "È perché funziona e sta colmando una lacuna che c'era ed è emersa in un periodo difficile come la pandemia.

 

Bibliografia

 1-https://www.ryderitalia.it/index.php/medicina-e-ricerca/327-la-telemedicina-per-i-pazienti-colpiti-da-ictus-migliora-i-risultati

2-https://www.ryderitalia.it/index.php/medicina-e-societa/123-lo-psicoterapeuta-virtuale-il-web-puo-combattere-la-depressione