In Usa sono stati aggiunti nuovi sintomi alla lista di possibili disturbi da covid-19

Abbiamo tradotto in italiano un articolo di Pam Belluck tratto da questo link :

https://www.nytimes.com/2020/04/27/health/coronavirus-symptoms-cdc.html

Brividi, dolori muscolari, mal di gola e mal di testa sono tra i disturbi ora considerati potenziali indicatori della malattia.

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha ampliato la sua lista di possibili sintomi del coronavirus, un passo che riflette l'ampia variazione e l'imprevedibilità nel modo in cui la malattia può colpire i singoli pazienti.

Facendo eco alle osservazioni dei medici che trattano migliaia di pazienti nella pandemia, l'agenzia federale della sanità ha cambiato il suo sito Web per citare i seguenti sintomi come possibili indicatori di Covid-19, l'infezione causata dal coronavirus:

 

  • brividi
  • agitazione ripetuta con brividi
  • dolore muscolare
  • mal di testa
  • gola infiammata
  • nuova perdita di gusto o olfatto.

 In precedenza aveva elencato solo tre sintomi: febbre, tosse e respiro corto.

Il CDC ha aggiunto i sei sintomi all'inizio di questo mese dopo che sono state emesse nuove raccomandazioni da un'organizzazione di epidemiologi della sanità pubblica che è responsabile della definizione di quali malattie infettive vengono rintracciate e segnalate all'agenzia. L'organizzazione, il Consiglio di epidemiologi statali e territoriali o CSTE, ha raccomandato che Covid-19 sia considerata una malattia da segnalare a livello nazionale e ha fornito linee guida su come definire e identificare i casi.

Le raccomandazioni del gruppo affermano che i casi dovrebbero essere segnalati se ci sono test di laboratorio positivi, ma anche se ci sono sintomi clinici che soddisfano una delle diverse soglie. Una categoria riguarda le persone che hanno tosse, mancanza di respiro o difficoltà respiratorie. Un altro riguarda le persone con due dei seguenti sintomi: febbre, brividi, dolori muscolari, mal di testa, mal di gola o nuove disfunzioni del gusto e dell'olfatto. Casi di persone che rientrano in queste le categorie dovrebbero essere segnalati come probabili Covid-19 solo se non esiste un'altra diagnosi più plausibile, affermano le raccomandazioni.

Mentre le persone che si ammalano gravemente a causa dell'infezione da coronavirus hanno principalmente difficoltà respiratorie acute, medici e ricercatori riferiscono che i sintomi che accompagnano la malattia possono variare ampiamente.

Si è scoperto, ad esempio, che molte persone con Covid-19 non hanno la febbre o che le loro febbri crescono e diminuiscono e talvolta sono accompagnate da brividi.

La mancanza di respiro può emergere contemporaneamente ad altri sintomi o può manifestarsi all'improvviso una settimana o anche 10 giorni dopo che una persona ha avuto sintomi più gestibili come tosse e dolori.

Alcune persone segnalano una notevole perdita di olfatto e gusto, un effetto che può verificarsi anche con altre infezioni respiratorie.

L'elenco CDC rivisto differisce in qualche modo dai sintomi descritti dall'Organizzazione mondiale della sanità sul suo sito web. L'OMS afferma che i sintomi più comuni sono febbre, tosse secca e stanchezza. "Alcuni pazienti possono avere dolori e dolori, congestione nasale, mal di gola o diarrea", afferma l'OMS. "Questi sintomi sono generalmente lievi e iniziano gradualmente."

Entrambe le agenzie raccomandano che le persone richiedano cure mediche di emergenza se hanno difficoltà a respirare o dolore persistente o pressione al petto. Il CDC afferma inoltre che è necessario rivolgersi immediatamente al medico se le persone avvertono improvvisa confusione, non possono essere risvegliate o se le loro labbra o il viso diventano di colore bluastro cioè cianotici.