Qual è il valore minimo giusto della pressione del sangue ?

Il limite inferiore per la pressione del sangue viene forse meglio definito dai sintomi piuttosto che dai valori misurati con un apparecchio della pressione. Nei primi anni del 1900, le compagnie di assicurazione sulla vita iniziarono a compilare un’ analisi attuariale dei rischi per le singole persone che stabilivano un legame tra aumento della pressione sanguigna e aumento del rischio di morte.  Questo approccio ha portato alcuni medici ad adottare una filosofia sulla pressione sanguigna del  tipo "più bassa, meglio è".
Successive linee guida hanno da allora ridotto la soglia raccomandata per ciò che costituisce l'ipertensione, da 160/95 millimetri di mercurio nel 1973, a 140/90 nel 1997, a 130/80 nel 2017.
Tuttavia, la domanda rimane: quanto in basso dovrebbe andare la pressione del sangue?


Un studio iniziato nel 1972 ha fornito un indizio.  Come previsto, lo studio ha dimostrato che l'abbassamento della pressione riduce il rischio di morte.  Ma il rischio aumentava di nuovo inaspettatamente quando la pressione diastolica del sangue (il secondo valore , che indica la pressione mentre il cuore si rilassa) scendeva sotto gli 85 millimetri di mercurio, un modello che gli autori dello studio descrivevano come una "curva J".

È noto che bassi valori di pressione arteriosa sono associati a un aumento del rischio di eventi cardiovascolari (CV), dando origine al cosiddetto fenomeno della curva J, per cui una riduzione aggressiva (confrontata con una riduzione meno aggressiva) dei valori pressori dà luogo a esiti clinici più sfavorevoli in pazienti ipertesi.

 Gli studi successivi sono stati contraddittori.  Uno studio osservazionale del 2014 su oltre un milione di pazienti ha sostenuto che la curva J non esiste, ma uno studio clinico randomizzato del 2018 su oltre 30.000 pazienti suggerisce che il fenomeno esiste. Comunque , ci sono poche prove per consigliare l'abbassamento della pressione sanguigna sistolica o diastolica al di sotto dei livelli  consigliati dalle attuali linee guida.
 I medici sono d'accordo, tuttavia, che i sintomi  clinici sono un segno inequivocabile di una pressione sanguigna eccessivamente bassa.
Il giramento di testa , in particolare la vertigine che si verifica quando si è in piedi, è il sintomo cardinale della bassa pressione sanguigna.  Nei casi limite, le vertigini possono provocare svenimenti.  Lo svenimento può indicare che la pressione sanguigna è pericolosamente bassa e richiede cure mediche immediate.  Altri possibili sintomi di bassa pressione sanguigna comprendono nausea, affaticamento e visione offuscata.
 I sintomi di bassa pressione sanguigna a volte possono essere il risultato di un eccesso di terapia o di troppi farmaci per la pressione del sangue.  In presenza di questi sintomi, il medico può ridurre la dose, interrompere uno dei farmaci o passare a un altro farmaco.  Il medico può anche valutare se sussistono problemi cardiaci o altre condizioni che potrebbero far abbassare la pressione sanguigna.
 Poiché molte domande rimangono senza risposta sulla gestione ottimale della pressione arteriosa e poiché le conseguenze di una pressione del sangue troppo bassa possono essere gravi, è essenziale attenersi alle raccomandazioni delle linee guida.  Fare così è il miglior consiglio di salute per milioni di persone - che in tutto il mondo soffrono di ipertensione.

 

What is the lowest a blood pressure should go?
Ask Well R. Glasko NYTimes.com

https://www.diabete.com/ipertensione-presentate-le-nuove-linee-guida-escesh-revisione-2018/