Vaccini Covid-19: tutto ciò che è opportuno sapere sui principali vaccini in uso. Prima parte

New Scientist 14-8-2021 Michael Le Page

Prima parte

 Dopo più di sei mesi dall'inizio della campagna per vaccinare il mondo contro il covid-19, stiamo ottenendo un quadro di quanto bene stia funzionando ogni vaccino.  Riassumiamo ciò che le ultime ricerche dicono sull'efficacia nella prevenzione dei sintomi, del ricovero e della morte, nonché sugli effetti collaterali, oltre alle ultime riflessioni sulle varianti del coronavirus e sui richiami, per tutti i principali vaccini:

 

  • Oxford/AstraZeneca,
  • Pfizer/BioNTech ,
  • Moderna,
  • Johnson & Johnson,
  • Covaxin,
  • Sputnik V,
  • Sinovac,
  • Sinopharm e CanSino.

  Diamo anche un'occhiata ai vaccini attualmente in fase di sperimentazione che potrebbero essere utilizzati in futuro, oltre a ciò che sappiamo finora sulla vaccinazione e sul lungo covid.

 

Oxford/AstraZeneca

 Come funziona?

 Un adenovirus freddo di scimpanzé è stato geneticamente modificato in modo che non possa più riprodursi e gli è stato aggiunto un gene che codifica per la proteina spike del coronavirus.  Quando viene iniettato, il virus viene assorbito dalle cellule immunitarie, che poi producono la proteina spike e la "mostra" ad altre cellule immunitarie, innescando una risposta immunitaria.

  Dove è fatto?

 La maggior parte delle scorte del Regno Unito è prodotta da strutture AstraZeneca nel Regno Unito, sebbene il vaccino sia prodotto anche in altri 14 paesi.  Il Regno Unito ha utilizzato circa 5 milioni di dosi dal Serum Institute of India, ma le esportazioni si sono fermate quando il covid-19 è aumentato in India all'inizio di quest'anno.

  Le versioni britannica e indiana del vaccino sono diverse?

 Sono identici, ma ad alcune persone nel Regno Unito che hanno ottenuto la versione prodotta in India sono stati rifiutati i passaporti del vaccino contro il covid-19 da alcuni paesi europei, come Malta, Cipro e Portogallo.  Questo perché l'Agenzia europea per i medicinali sta ancora valutando la richiesta di AstraZeneca di approvare il Serum Institute of India come sito di produzione.  La versione di fabbricazione indiana ha i numeri di lotto 4120Z001, 4120Z002 e 4120Z003, che possono essere trovati sulle carte di vaccinazione del Regno Unito o tramite l'app del servizio sanitario nazionale.

  Dove è stato approvato?

  Ha varie forme di approvazione in 121 nazioni, tra cui Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda, Canada e quelle dell'Unione Europea.

  Quante dosi sono state distribuite finora?

 Sono state prodotte più di un miliardo di dosi.

  Ci sono effetti collaterali?

  Tutti i vaccini possono causare dolori al braccio e problemi tra cui febbre, affaticamento, vertigini e mal di testa.  È stato anche scoperto che quello di Oxford/AstraZeneca causa raramente una sindrome da coagulazione del sangue chiamata trombocitopenia immunotrombotica indotta da vaccino o VITT.

 Questo tende a verificarsi più spesso nelle persone più giovani: si stima che accada dopo 1 dose su 100.000 nelle persone di età pari o superiore a 50 anni, ma dopo 1 dose su 50.000 nelle persone tra i 18 e i 49 anni. Per questo motivo, alcuni paesi, incluso il Regno Unito, stanno limitando l'uso del vaccino nelle fasce d'età più giovani.

  Quanto è efficace?

  I dati di Public Health England suggeriscono che è efficace dal 75 al 99% nel ridurre i decessi per covid-19 dopo due dosi.  Avere due iniezioni riduce il numero di persone che devono andare in ospedale a causa del virus tra l'80 e il 99% e riduce il numero di persone che hanno un'infezione dal 65 al 90%.  Si stima che una dose riduca la trasmissione dal 35 al 50%, ma non ci sono ancora dati su quanto si riduca la trasmissione dopo due dosi.  Tuttavia, tutte queste cifre risalgono a un'epoca in cui la principale variante del coronavirus nel Regno Unito era alfa (precedentemente nota come variante Kent).

  Quanto dura l'immunità?

 Non lo sappiamo ancora, ma il Regno Unito sta valutando di offrire vaccinazioni di richiamo da settembre a gruppi vulnerabili e persone di età pari o superiore a 50 anni.

 Quanto è efficace contro le varianti?

 Due dosi sembrano essere efficaci per il 67 per cento nel ridurre i casi di malattia sintomatica causata dalla variante delta, originariamente individuata in India.  Ciò si confronta con l'efficacia del 75% contro la variante alfa, ma solo del 10% contro la variante beta, che è stata vista per la prima volta in Sud Africa.

 

 

Vaccino Pfizer/BioNTech

 Come funziona?

  Il vaccino utilizza l'RNA messaggero (mRNA) per far produrre al corpo una proteina dal coronavirus e preparare il sistema immunitario a combattere la cosa reale.

  Dove è fatto?

 Il processo di produzione coinvolge più siti, ma la maggior parte delle dosi viene distribuita dai siti di Kalamazoo nel Michigan e di Puurs in Belgio.

 Dove è stato approvato?

 Ha forme di approvazione in 97 paesi finora, inclusi Stati Uniti e Regno Unito, che è stato il primo paese al mondo ad autorizzarlo.

  Quante dosi sono state distribuite finora?

 "Centinaia di milioni di dosi", secondo Pfizer.

 Ci sono effetti collaterali?

 Il più comune è il dolore nel sito di iniezione, seguito da affaticamento e mal di testa.  Sono stati segnalati effetti collaterali più gravi, come gravi reazioni allergiche o infiammazione del cuore (miocardite), ma sono estremamente rari.

  Quanto è efficace?

 L'analisi iniziale di Pfizer nel 2020 ha rilevato che era efficace al 95% nel prevenire la malattia sintomatica.  Ci sono meno informazioni sui casi asintomatici, ma uno studio ha scoperto che il vaccino li ha ridotti di circa un terzo negli over 60.

 Uno studio del mondo reale a giugno ha rilevato che è efficace all'89% nel prevenire il ricovero in ospedale e al 100% efficace nel prevenire la necessità di ricovero in un'unità di terapia intensiva.

 Due studi israeliani, pubblicati a luglio, hanno scoperto che due dosi del vaccino erano efficaci dall'80 all'88% contro l'infezione e dal 41 al 79% efficaci nel ridurre la trasmissione.  Quest'ultimo intervallo è incerto perché così poche persone vaccinate ne hanno infettate altre, quindi la dimensione del campione era piccola.

  Quanto dura l'immunità?

  Il vaccino è ancora fortemente efficace nel prevenire la malattia sei mesi dopo la seconda dose, ma l'efficacia diminuisce lentamente, secondo uno studio preliminare della Pfizer.  Nei primi due mesi dopo la seconda dose, l'efficacia contro la malattia era del 96 per cento, ma da quattro a sei mesi era scesa all'84 per cento.  Lo studio si è concluso prima che la variante delta diventasse così dominante.

  Quanto è efficace contro le varianti?

  Il vaccino ha retto bene contro la variante alfa, ma sappiamo meno delle sue prestazioni contro il delta.  Uno studio britannico di luglio ha suggerito che una dose era efficace al 31% contro i sintomi causati dal delta e due dosi erano efficaci all'88%.

 La ricerca preliminare del Ministero della Salute israeliano suggerisce che il vaccino è anche meno in grado di prevenire la trasmissione del delta.  Il paese ha iniziato a dare una terza possibilità come richiamo alle persone di età superiore ai 60 anni. Secondo un rapporto commerciale di Pfizer, ci sono prove che una terza dose somministrata almeno sei mesi dopo la seconda può aumentare gli anticorpi contro la variante delta di almeno cinque volte.

 

Vaccino Moderna

 

 Come funziona?

 Come il vaccino Pfizer/BioNTech, il vaccino Moderna utilizza l'RNA messaggero (mRNA) che spinge il corpo a produrre una proteina dal coronavirus che poi innesca il sistema immunitario.

  Dove è fatto?

  In uno stabilimento a Norwood, nel Massachusetts.

  Dove è stato approvato?

  Ha varie forme di approvazione in 64 paesi.

 

 Quante dosi sono state distribuite finora?

 

 L'accordo iniziale di Moderna con il governo degli Stati Uniti era di 100 milioni di dosi.  L'azienda prevede di fornire da 800 a 1 miliardo di dosi a livello globale nel 2021 e fino a 3 miliardi nel 2022.

 Ci sono effetti collaterali?

 La stragrande maggioranza sono lievi e di breve durata, come mal di testa, nausea e gonfiore delle ghiandole ascellari sul lato in cui è stato iniettato.  L'infiammazione del cuore, o miocardite, si verifica molto raramente.

 Quanto è efficace?

 L'analisi iniziale di Moderna, pubblicata nel novembre 2020, ha rilevato che due dosi erano efficaci al 95% contro la malattia sintomatica.

 Ciò è supportato da un'analisi dei dati del mondo reale co-autore di Venky Soundararajan, co-fondatore di nference, una start-up biomedica di intelligenza artificiale in Massachusetts, pubblicata a giugno.  Ha scoperto che il vaccino era efficace al 93% contro l'infezione, sia sintomatica che asintomatica.

  L'analisi iniziale di Moderna ha rilevato che il vaccino era efficace al 100% contro le malattie gravi, mentre lo studio di Soundararajan ha rilevato che era efficace all'86% contro il ricovero in ospedale e al 100% efficace contro il ricovero in un'unità di terapia intensiva.

 L'Organizzazione mondiale della sanità afferma che non è chiaro se il vaccino prevenga la trasmissione.  Tuttavia, un recente studio di Marc Lipsitch e Rebecca Kahn dell'Università di Harvard ha concluso che lo fa.  Hanno stimato che una dose del vaccino Moderna riduce il potenziale di trasmissione di almeno il 61 per cento.

 Quanto dura l'immunità?

Uno studio pubblicato ad aprile ha rilevato che i livelli di anticorpi sono rimasti alti sei mesi dopo la vaccinazione.  Quello stesso mese, Moderna ha annunciato che l'efficacia contro la malattia sintomatica è rimasta al di sopra del 90% dopo un jab.  Ciò suggerisce che l'effetto protettivo non diminuisce molto nei primi sei mesi.

  Quanto è efficace contro le varianti?

 Moderna ha pubblicato uno studio preliminare a giugno che affronta questa domanda.  Non c'era alcuna differenza nei livelli di anticorpi prodotti contro la variante alfa e il virus originale.  Tuttavia, le varianti beta, delta e gamma hanno mostrato riduzioni.  I livelli erano 2,1 volte inferiori per il delta, un calo che la società descrive come "modesto".

  Sarà necessario un colpo di richiamo?

 È decisamente possibile e Moderna si sta preparando a lanciare tali richiami.  Ha sviluppato un booster che prende di mira la variante beta, che mostra alcune prove di fuga dall'immunità.  In uno studio preliminare pubblicato a maggio, l'azienda ha scoperto che i livelli di anticorpi contro la beta erano bassi nelle persone vaccinate sei mesi prima, ma che il richiamo ha riportato i livelli al picco post-vaccino originale.

 

Vaccino Johnson & Johnson

 Come funziona?

  Il vaccino Johnson & Johnson è simile a quello Oxford/AstraZeneca nell'usare un adenovirus innocuo che è stato ottimizzato in modo che non possa più riprodursi.  Ma quello di Johnson & Johnson riguarda un virus umano, non uno scimpanzé.  Al virus è stato somministrato un gene che codifica per la proteina spike del coronavirus, che spinge le nostre cellule immunitarie a produrre la proteina e innescare una risposta immunitaria.

  Dove è fatto?

 Paesi Bassi e Stati Uniti.

  Dove è stato approvato?

 Ha varie forme di approvazione in 59 paesi, inclusi Regno Unito e Stati Uniti.

  Quante dosi sono state distribuite finora?

 I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) stimano che negli Stati Uniti siano state somministrate più di 13 milioni di dosi.

  Perché ti serve solo una dose?

 Johnson & Johnson ha testato questo vaccino somministrando solo una dose nei suoi studi clinici nella fase finale, perché i piccoli studi iniziali suggerivano che ciò fornisse una risposta immunitaria sufficientemente forte.  L'azienda ha anche una sperimentazione in corso per testare due dosi somministrate a otto settimane di distanza, un approccio che probabilmente aumenterà ulteriormente la risposta immunitaria e la farà durare più a lungo.

  Ci sono effetti collaterali?

 È stato scoperto che il vaccino causa raramente la stessa sindrome da coagulazione del sangue, chiamata trombocitopenia immunitaria indotta dal vaccino, o VITT, del vaccino Oxford/AstraZeneca.  Negli Stati Uniti, 28 di questi casi di VITT sono stati identificati dopo che erano state somministrate quasi 9 milioni di dosi.  Di conseguenza, il CDC ha sospeso l'uso del vaccino ad aprile, ma ha permesso di riavviarlo dopo 10 giorni.

  Quanto è efficace?

 Ci sono meno dati reali disponibili per questo vaccino rispetto a molti altri, ma il suo ampio studio clinico pubblicato ad aprile ha scoperto che ha ridotto i casi di infezioni da moderate a gravi del 66 percento e ha ridotto le malattie gravi dell'85 percento.  Non ci sono stati ricoveri o decessi durante il processo.

 Quanto dura l'immunità?

  Non è ancora noto quanto dura l'immunità.

  Quanto è efficace contro le varianti?

  Uno studio pubblicato a luglio suggerisce che le persone che hanno il vaccino Johnson & Johnson generano livelli inferiori di anticorpi contro la variante delta rispetto alle persone che hanno i vaccini Pfizer/BioNTech o Moderna.  Gli autori dello studio affermano che una seconda dose del vaccino Johnson & Johnson potrebbe essere utile.

Segue seconda parte