Effetti collaterali del vaccino Covid-19: ecco tutto ciò che si deve sapere.

New Scientist 8/05/2021

Poiché un numero crescente di giovani adulti viene vaccinato contro il covid-19, i social media sono inondati di informazioni sugli effetti collaterali, che sembrano essere più comuni nei giovani.  Che tipo di effetti collaterali possono aspettarsi le persone, come possono essere differenziati dai segni della rara sindrome da comparsa di coaguli di sangue legata ad alcuni vaccini e questi effetti che rapporto hanno con l'immunità delle persone? 

Quali effetti collaterali possono verificarsi le persone dopo un vaccino covid-19?

Tutti i vaccini possono causare dolore e gonfiore nel sito di iniezione, nonché effetti più generali o “sistemici”.  Secondo il National Health Service(NHS) nel Regno Unito, questi possono includere febbre, affaticamento, mal di testa, dolori muscolari e articolari, nausea e brividi - quando le persone sentono freddo senza una causa apparente - e tendono a verificarsi nel primo giorno o nel secondo dopo la vaccinazione.  Questi disturbi non dovrebbero durare più di una settimana.  L'impressione degli esperti è che tra un terzo e la metà delle persone sperimenta questi effetti sistemici in qualche forma, ma la maggior parte sarà lieve, afferma Paul Morgan dell'Università di Cardiff nel Regno Unito, che è membro della British Society for La task force covid-19 di Immunology.

Perché si verificano effetti collaterali?

La maggior parte dei vaccini contro il coronavirus agisce costringendo il corpo a produrre la proteina spike del coronavirus, che è la parte del virus che gli consente di legarsi e invadere le cellule.  Questo innesca quindi una risposta immunitaria.  Tuttavia, ci vogliono alcuni giorni prima che il corpo inizi a produrre la proteina spike.  Ciò significa che qualsiasi effetto collaterale immediato che si verifica è probabilmente una risposta ad altri componenti del vaccino, come il guscio del liposoma utilizzato per fornire l'mRNA della proteina spike nel jab Pfizer / BioNTech o l'adenovirus che contiene il DNA della proteina spike in quello di Oxford / AstraZeneca .  Le cellule immunitarie rispondono a queste sostanze sconosciute nel muscolo del braccio rilasciando sostanze chimiche di segnalazione chiamate citochine per attivare altre parti del sistema immunitario.  Il risultato è un'infiammazione sistemica, che porta a dolori, stanchezza e in alcuni casi febbre.  "È un segnale di pericolo", dice Morgan.  "Il corpo ha bisogno di essere avvisato che qualcosa sta succedendo per essere pronto a rispondere ed Inviare il giusto tipo di cellule per eliminare il danno o il patogeno. "

Quali sono i segni di un pericoloso coagulo di sangue?

I vaccini covid-19 prodotti da Oxford / AstraZeneca e Johnson & Johnson sono stati collegati a rari casi di una sindrome che comporta la comparsa di insoliti coaguli di sangue, spesso nel cervello, associati a bassi livelli di piastrine, piccole particelle nel sangue che causano la coagulazione.  Secondo il consiglio del NHS (sistema sanitario pubblico inglese), le persone che hanno avuto uno di questi vaccini dovrebbero consultare un medico se hanno un forte mal di testa, gonfiore alle gambe, dolore addominale o mancanza di respiro nel periodo compreso tra quattro giorni e quattro settimane dopo la vaccinazione.  Un'eruzione cutanea che assomiglia a piccoli lividi o sanguinamento sotto la pelle potrebbe anche essere un segno di un numero basso di piastrine.

È importante ricordare che il rischio di effetti collaterali negativi di questi vaccini è molto basso.  Francis Collins, direttore del National Institutes of Health degli Stati Uniti, ha dichiarato domenica alla NBC che mentre i problemi di coagulazione del sangue sembrano spaventosi, il rischio che una persona soffra di effetti collaterali negativi dal vaccino Johnson & Johnson è circa "mille volte meno probabile" rispetto a effetti negativi dell'aspirina.  Il tasso complessivo di coagulazione del sangue è stato di quattro casi per milione di persone che hanno ricevuto il vaccino Oxford / AstraZeneca nel Regno Unito.

Per le persone sotto i 30 anni, la possibilità che il vaccino Oxford / AstraZeneca causi la reazione di coagulazione è leggermente superiore al rischio di malattia grave da covid-19.  Per questo motivo, diversi paesi ne hanno limitato l'uso nei giovani.

 Gli effetti collaterali sono più comuni nei giovani?

I risultati degli studi sui vaccini di Pfizer / BioNTech, Oxford / AstraZeneca e Moderna suggeriscono che i giovani adulti hanno maggiori probabilità di sperimentare reazioni sistemiche e al sito di iniezione.  Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le persone anziane hanno una risposta infiammatoria più debole, poiché il potere del sistema immunitario diminuisce con l'età, afferma Morgan.  Molti paesi inizialmente hanno dato la priorità alla vaccinazione degli anziani e sono passati in seguito ai giovani adulti, quindi questo potrebbe essere il motivo per cui i social media recentemente sembrano essere inondati di segnalazioni di effetti collaterali sistemici.

 Gli effetti collaterali peggiorano con il vaccino Oxford / AstraZeneca?

  Uno studio sugli utenti dell'app Covid Symptom Tracker ha mostrato che circa tre su 10 hanno riportato effetti sistemici dopo il jab Oxford / AstraZeneca, rispetto a circa uno su 10 con il vaccino Pfizer / BioNTech.  Ma altri fattori possono essere responsabili, come le differenze in chi ha ricevuto le due iniezioni e la probabilità di segnalare gli effetti collaterali.  È difficile saperlo con certezza poiché non ci sono ancora studi pubblicati che confrontino direttamente i diversi vaccini, utilizzando le stesse definizioni di effetti collaterali.

 Gli effetti collaterali significano che hai una risposta immunitaria più forte?

  Sì e no.  In uno studio su persone che hanno ricevuto i vaccini Pfizer / BioNTech o Moderna, ci sono stati indizi che coloro che avevano effetti sistemici dopo la seconda dose avevano livelli più elevati di anticorpi.  Ma non presentavano livelli più alti di un tipo di cellula di memoria che innesca la produzione di anticorpi, che aiuta a mantenere l'immunità a covid-19 nei mesi successivi alla vaccinazione.  Morgan dice che le persone hanno una grande variabilità nelle loro reazioni ai vaccini e coloro che non notano effetti sistemici non hanno nulla di cui preoccuparsi.  Le persone risponderanno in modo diverso all'infiammazione, dice ad esempio, ma non avere effetti collaterali non significa che non hai avuto una risposta immunitaria