In un recente studio si evidenzia che in circa 1 paziente su 3 colpito dal Covid-19 verrà diagnosticato un disturbo neuropsichiatrico.

In generale si pensa che l'infezione da Covid -19 presenti problematiche mediche soprattutto durante la fase acuta della malattia. Recenti pubblicazioni hanno individuato invece le problematiche mediche connesse alla infezione anche mesi dopo averla contratta. In questo ampio studio sei mesi dopo la diagnosi di Covid-19, un paziente su 3 ha presentato una malattia psichiatrica o neurologica, principalmente correlata a disturbi dell'umore ma anche ictus o demenza.

Circa 1 paziente su 8 (12,8%) è stato diagnosticato per la prima volta con uno di questi disturbi, i più comuni ansia o depressione. Rispetto ai gruppi di controllo di persone che hanno avuto l'influenza o altre infezioni respiratorie non Covid, le diagnosi neuropsichiatriche erano quasi il doppio.

 Lo studio pubblicato ultimamente su The Lancet Psychiatry, ha utilizzato dati sulla salute del mondo ricavati da milioni di persone per valutare l'incidenza di 13 disturbi di natura cerebrale. Ansia, umore e disturbi da uso di sostanze erano i più comuni, ma i ricercatori hanno anche riscontrato tassi preoccupanti, anche se inferiori, di gravi complicanze neurologiche, specialmente nei pazienti gravemente malati di Covid-19. In tutti i pazienti con Covid-19, lo 0,6% ha sviluppato un'emorragia cerebrale, il 2,1% un ictus ischemico e lo 0,7% demenza.

 "Abbiamo bisogno di ricerche urgenti per capire meglio come e perché questo si verifica nei pazienti con Covid-19 e come possono essere trattati e soprattutto [come] prevenire tali disturbi", Max Taquet, un borsista clinico in psichiatria presso l'Università di Oxford e un coautore dello studio, ha detto martedì in un colloquio telefonico con i giornalisti. "Ma pensiamo che, indipendentemente dalla spiegazione, i servizi sanitari devono essere preparati per la crescente domanda di assistenza che questi dati stanno mostrando".

 La dimensione dello studio conferisce fiducia sui suoi risultati, che confermano ciò che è stato accennato in studi più piccoli, compresi i lavori precedenti del gruppo di Oxford. I ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche elettroniche di 81 milioni di pazienti statunitensi (sia assicurati che non assicurati), trovando 236.379 persone a cui era stato diagnosticato il Covid-19 per poi confrontarle con tre gruppi di persone simili: una gruppo aveva avuto  l'influenza, un altro aveva  avuto un'altra malattia respiratoria come la sinusite o la polmonite, e una altro gruppo includeva persone ricoverate in ospedale per condizioni non correlate come fratture ossee o calcoli biliari. I ricercatori speravano che il confronto del gruppo Covid con gli altri avrebbe aiutato a isolare l’infezione da Covid-19 come causa e ad evidenziare i suoi effetti sul cervello.

Molto tempo dopo un'infezione da Covid-19, gli effetti mentali e neurologici possono ancora manifestarsi.

Dopo aver tenuto conto dell'età, del sesso, dell'etnia e delle condizioni di salute esistenti dei pazienti, questi avevano complessivamente un rischio maggiore del 44% di diagnosi di disturbi neurologici e mentali dopo Covid-19 rispetto a dopo un’influenza, e un rischio maggiore del 16% con il Covid-19 rispetto ad altre infezioni del tratto respiratorio.

 C'erano due eccezioni: i ricercatori non hanno visto un aumento del rischio di malattia di Parkinson, un disturbo del movimento o di sindrome di Guillain-Barré, che è una malattia rara che si manifesta dopo alcune infezioni virali con comparsa di formicolio e debolezza quando il sistema immunitario attacca i nervi.

 Allison Navis, assistente professore nella divisione di malattie neuro-infettive presso la Icahn School of Medicine sul Monte Sinai , ha manifestato una nota di cautela. "Si evidenzia che c'è qualcosa di unico in corso con Covid", ha detto a STAT. “E che il 12,8% presenti una nuova diagnosi di tipo neuropsichiatrico può sembrare molto sensazionale. Quel 12,8% di disturbi comprende depressione e ansia, quindi è estremamente importante non minimizzare e non farlo sembrare affatto una diagnosi minore, ma per fortuna le patologie più gravi come gli ictus sono ancora abbastanza rare. Non voglio che la gente pensi che 1 persona su 10 abbia un ictus con Covid. "

 Il nuovo studio rafforza la ricerca precedente che mostrava che alcuni disturbi cerebrali aumentavano con la gravità della malattia, aumentando in particolare nelle persone che avevano bisogno di essere ricoverati in ospedale e aumentando ulteriormente nelle persone che avevano bisogno di cure intensive. Mentre il 33,6% delle persone ha sviluppato complessivamente una malattia neuropsichiatrica, tale rischio è cresciuto al 46,4% tra i pazienti Covid trattati in terapia intensiva.

 La novità è la distinzione tra complicazioni neurologiche e psichiatriche. Le persone con Covid-19 molto grave avevano un rischio più elevato di complicazioni come ictus o demenza, ma le persone che hanno sviluppato ansia o depressione coprivano lo spettro della gravità della malattia.

 Sebbene lo studio non abbia esaminato i meccanismi che potrebbero spiegare i disturbi neuropsichiatrici associati al virus, gli autori hanno ipotizzato nel colloquio con i giornalisti che se i pazienti sapessero di avere Covid-19, quello e altri fattori di stress potrebbero contribuire a una malattia psichiatrica. "Potrebbero essere fattori psicologici e fattori biologici e fattori psicosociali, come, ad esempio, la necessità di rimanere isolati e la perdita di reddito come conseguenza di ciò che è avvenuto", ha detto Taquet.

 È più facile legare i disturbi neurologici agli effetti del virus sul cervello. Gli scienziati ritengono che il virus possa entrare nel cervello attraverso il bulbo olfattivo, dove il gusto e l'olfatto vengono decodificati. L'infiammazione in tutto il corpo danneggia anche i vasi sanguigni nel cervello e può portare a coaguli di sangue, delirio o demenza che causano ictus.  Un nuovo sondaggio evidenzia che quando il Covid-19 colpisce il cervello, può causare ictus, psicosi e una sindrome simile alla demenza.

Mentre le cartelle cliniche potevano dire ai ricercatori se qualcuno aveva già subito un ictus o già prima era stata diagnosticata una demenza, non potevano indicare se qualcuno avrebbe comunque avuto una recidiva delle due patologie o se Covid-19 lo avesse causato, secondo Masud Husain, professore di neurologia e neuroscienze cognitive a Oxford. Sarà necessario un follow-up più lungo per rispondere a questa domanda, ma il segnale era troppo forte per essere ignorato, ha detto il ricercatore.

 Husain ha anche avvertito che i numeri che hanno riportato potrebbero essere sottostimati se non includono persone che sono state infettate da Covid ma non sono risultate positive al test, o se le persone non hanno avuto sintomi che le hanno spinte a cercare assistenza medica. C’è un rovescio della medaglia, i pazienti con Covid-19 potrebbero avere maggiori probabilità di avere diagnosticato un disturbo neurologico e psichiatrico semplicemente perché stavano ricevendo più cure mediche rispetto ai pazienti con l'influenza o altre infezioni respiratorie, ha sottolineato Taquet.

  Ma la necessità di ulteriori ricerche e cure cliniche continua ad essere importante.

 "Purtroppo, molti dei disturbi identificati in questo studio tendono ad essere cronici o ricorrenti, quindi possiamo anticipare che l'impatto del Covid-19 potrebbe rimanere con noi per molti anni", hanno scritto Jonathan Rogers e Anthony David dell'University College di Londra in un commento che appare con lo studio Lancet.

Pubblicato su Stat 6/4/21