L'esercizio fisico regolare può aiutare a proteggersi dal Covid grave.

Pubblicato il 14 aprile 2021 The times

 In Italia la maggior parte della popolazione è ancora in attesa di effettuare il vaccino, nel frattempo esistono precise indicazioni su cosa fare per ridurre al minimo il rischio di ammalarsi di Covid e delle sue complicazioni.

 Le persone che tendono ad essere sedentarie hanno molte più probabilità di essere ricoverate in ospedale e morire a causa di Covid rispetto a quelle che si esercitano regolarmente.

Più esercizio fisico significa meno rischio di sviluppare un’infezione grave da Covid, secondo un nuovo importante studio sull'attività fisica e sui ricoveri per coronavirus.  Lo studio, che ha coinvolto quasi 50.000 californiani che hanno sviluppato Covid, ha scoperto che coloro che erano stati i più attivi prima di ammalarsi avevano meno probabilità di essere ricoverati in ospedale o morire a causa della loro infezione.

 I dati sono stati raccolti prima che i vaccini Covid diventassero disponibili e non suggeriscono che l'esercizio fisico possa sostituire in alcun modo l'immunizzazione con il vaccino.  Ma fanno supporre che un regolare esercizio fisico - che si tratti di una nuotata, una passeggiata, una corsa o un giro in bicicletta - può ridurre sostanzialmente le nostre possibilità di ammalarci gravemente se veniamo infettati.

  Gli scienziati sanno da tempo che le persone in forma fisica hanno meno probabilità di contrarre raffreddori e altre infezioni virali e si riprendono più rapidamente rispetto alle persone fuori forma, in parte perché l'esercizio fisico può migliorare le risposte immunitarie.  Una migliore forma fisica aumenta anche le risposte anticorpali ai vaccini contro l'influenza e altre malattie.  Ma le infezioni con il nuovo coronavirus sono  recenti e si sa poco se e come l'attività fisica e la forma fisica possano influire sui rischi di ammalarsi di Covid.  Alcuni studi recenti, tuttavia, sono sembrati incoraggianti.  In uno, che è stato pubblicato a febbraio sull'International Journal of Obesity, le persone che potevano camminare velocemente, un indicatore accettato di buona forma fisica, hanno sviluppato una Covid grave a tassi molto inferiori rispetto ai camminatori pigri, anche se i camminatori veloci presentavano l'obesità, un rischio noto come fattore di malattia grave.  In un altro studio sugli anziani in Europa, una maggiore forza nella presa, un indicatore della salute muscolare generale, ha segnalato una riduzione dei rischi per i ricoveri Covid.

 Ma quegli studi hanno esaminato le misure indirette della forma fisica aerobica o muscolare delle persone e non le loro effettive abitudini di esercizio quotidiano, quindi non possono dirci se alzarsi e muoversi - o stare fermi - cambia il calcolo dei rischi Covid.

 Quindi, in questo nuovo studio, che è stato pubblicato martedì sul British Journal of Sports Medicine, ricercatori e medici della Kaiser Permanente Southern California, l'Università della California, San Diego e altre istituzioni hanno deciso di confrontare le informazioni sulla frequenza con cui le persone si esercitavano e se sono finiti ricoverati in ospedale lo scorso anno a causa di Covid.

 Il sistema sanitario Kaiser1 si è rivelato particolarmente adatto per questa indagine, perché, dal 2009, ha incluso l'esercizio come “segno vitale” durante le visite dei pazienti.  In pratica, questo significa che i medici e gli infermieri chiedono ai pazienti quanti giorni alla settimana si esercitano, ad esempio camminando a passo svelto, e per quanti minuti ogni volta, quindi aggiungono quei dati alla cartella clinica del paziente. Ora, i ricercatori hanno tracciato documenti anonimi per 48.440 uomini e donne adulti che hanno utilizzato il sistema sanitario Kaiser, hanno controllato le loro abitudini di esercizio almeno tre volte negli ultimi anni e, nel 2020, erano stati diagnosticati con Covid-19.  I ricercatori hanno raggruppato gli uomini e le donne per routine di allenamento, con il gruppo meno attivo che si esercitava per 10 minuti o meno per la maggior parte delle settimane; il più attivo per almeno 150 minuti a settimana; e il gruppo moderatamente attivo che occupa la posizione in mezzo.  I ricercatori hanno anche raccolto dati sui fattori di rischio noti di ogni persona per Covid grave, tra cui età, abitudine al fumo, peso e qualsiasi storia precedente di cancro, diabete, trapianti di organi, problemi renali e altre gravi condizioni di base.

 Quindi i ricercatori hanno confrontato i numeri, con risultati sorprendenti.  Le persone nel gruppo meno attivo, che non si sono quasi mai allenate, sono state ricoverate in ospedale a causa di Covid a un tasso doppio rispetto alle persone nel gruppo più attivo, e successivamente hanno avuto una probabilità circa due volte e mezzo più alta di morire.  Anche rispetto alle persone del gruppo un po’ 'attivo, sono state ricoverate in ospedale circa il 20% più spesso ed avevano circa il 30% in più di probabilità di morire.

 Tra gli altri fattori di rischio comuni per malattie gravi, solo l'età avanzata e i trapianti di organi hanno aumentato la probabilità di ospedalizzazione e mortalità da Covid più che essere inattivi, hanno scoperto gli scienziati.

 "Essere sedentari era il più grande fattore di rischio" per una malattia grave, "a meno che qualcuno non fosse anziano o ricevente un organo", afferma il dottor Robert Sallis, medico di famiglia e di medicina dello sport presso il Kaiser Permanente Fontana Medical Center, che ha condotto il nuovo studio.  E mentre "non puoi fare nulla per questi altri rischi", dice, "puoi fare esercizio".

  Naturalmente, questo studio, poiché era di semplice osservazione, non dimostra che l'esercizio fa diminuire i rischi gravi di Covid, ma solo che le persone che spesso si esercitano sono anche persone a basso rischio di ammalarsi gravemente.  Lo studio inoltre non ha approfondito se l'esercizio riduce il rischio di contrarre il coronavirus in primo luogo.

  Ma il dottor Sallis sottolinea che le associazioni nello studio erano forti.  "Penso che, sulla base di questi dati", dice, "possiamo dire alle persone che camminare a passo svelto per mezz'ora cinque volte a settimana dovrebbe aiutarle a proteggerle contro il Covid-19 grave".

  Una passeggiata - o cinque - potrebbe essere particolarmente utile per le persone in attesa del primo vaccino, aggiunge.  “Non suggerirei mai a qualcuno che fa esercizio fisico regolare di considerare di non farsi vaccinare.  Ma finché non riescono a ottenerlo, penso che l'esercizio fisico regolare sia la cosa più importante che possono fare per ridurre il rischio.  E fare esercizio fisico regolarmente proteggerà probabilmente da nuove varianti o dal prossimo nuovo virus che in futuro ci colpirà.

 1-Kaiser Permanente è una delle maggiori Organizzazioni senza scopo di lucro negli Stati Uniti con oltre 12 milioni di membri. Gestisce 39 ospedali, più di 700 studi medici e più di 80.000 tra medici ed infermieri.