Domande frequenti sulla immunità di gregge e COVID-19.

Dopo più di un anno di convivenza con COVID-19, molti paesi iniziano a vedere una luce alla fine del tunnel.

Negli Stati Uniti ogni giorno vengono somministrati più di 3 milioni di vaccini. Con oltre 74 milioni di persone completamente vaccinate - oltre il 22% della popolazione - la nazione sta costantemente costruendo la sua immunità al virus. L'immunità di gregge è costantemente menzionata come l'obiettivo finale delle vaccinazioni, ma cosa significa esattamente il termine e quando sarà raggiunta per esempio nei differenti paesi ?

 Ecco le risposte ad alcune delle più grandi domande sull'immunità di gregge:

 

Cos'è l'immunità di gregge?

 

Quando un numero sufficiente di persone ha l’immunità a una malattia infettiva, sia attraverso una precedente infezione o con la vaccinazione, diventa più difficile per la malattia continuare a diffondersi. Ciò fornisce una protezione indiretta in tutto un gruppo (o un “gregge”), anche per coloro che non hanno un'immunità individuale alla malattia. La fine di COVID sarà un processo lungo e prolungato. La velocità con cui ciò accadrà dipenderà da ciò che faremo.

Gli esperti possono stimare la percentuale di una popolazione che deve essere immune per prevenire la diffusione di una malattia, quella che viene chiamata soglia di immunità di gregge. Più è contagiosa la malattia, più alta è la soglia. Una persona con il morbillo, ad esempio, può infettare tra 12 e 18 altre persone non vaccinate e circa il 95% della popolazione deve avere l’immunità al morbillo per prevenire la trasmissione. Una malattia alla fine non si propaga quando un individuo infetto trasmette la malattia, in media, a meno di una persona. Ma anche quando una popolazione nel suo insieme ha l'immunità di gregge, sono ancora possibili epidemie locali, ha affermato Samuel Scarpino, PhD, assistente professore presso il Network Science Institute della Northeastern University di Boston. "Ciò che ci dice la soglia di immunità di gregge è:" Quante probabilità ci sono che un piccolo numero di casi si trasformi in un numero elevato di casi? " .

 

Qual è la soglia di immunità di gregge per il  COVID-19?

 

Gli esperti hanno stimato che dal 70% al 90% della popolazione deve essere vaccinata per frenare la diffusione del COVID-19, ma c'è ancora molto da imparare su questa malattia. Finora, i tre vaccini COVID-19 autorizzati negli Stati Uniti sono rimasti efficaci contro le varianti più contagiose e mortali del virus che sono emerse, sebbene leggermente meno efficaci di quanto lo siano contro il virus originale. Tuttavia, se emerge un nuovo ceppo in grado di schivare la risposta immunitaria del nostro organismo ai vaccini, ciò smorzerà gli sforzi della nazione per ottenere l'immunità di gregge.

Prendiamo ad esempio il Texas che è ancora lontano di circa 13 milioni di persone dall'immunità del gregge al coronavirus. Lo stato sta inseguendo quell'obiettivo anche se i texani iniziano ad agire come se la pandemia fosse finita.  E mentre il lancio del vaccino in tutta la nazione è stato promettente, i numeri complessivi delle vaccinazioni del paese non forniscono la storia completa dello stato della pandemia, afferma Abraar Karan, MD, medico di medicina interna presso la Harvard Medical School e il Brigham and Women's Hospital. a Boston. "Non abbiamo a che fare solo con un enorme focolaio ma abbiamo a che fare con molti focolai locali", ha detto, e l'immunità necessaria per prevenire la diffusione del virus varia da luogo a luogo.

Le città affollate, dove le persone interagiscono costantemente, avranno una soglia di immunità di gregge più alta rispetto alle aree scarsamente popolate, osserva Karan. Sebbene alcune comunità possano già aver ottenuto l'immunità di gregge, altre sono ancora vulnerabili alle epidemie. "Inoltre, vedremo che gli individui non vaccinati non sono sparsi in modo casuale", ha detto Scarpino. "Saranno raggruppati nelle stesse famiglie, negli stessi quartieri e nelle stesse città". L'identificazione e la somministrazione di vaccini in queste aree ad alto rischio è la chiave per controllare la diffusione del virus, aggiunge Karan. L'immunità di gregge significa un ritorno alla normalità? Sebbene le vaccinazioni siano un passo fondamentale per contenere il virus, "l'immunità è solo una parte dell'equazione", dice Karan. "Non è un interruttore che si accende e si spegne."

 Il virus continuerà a circolare anche una volta raggiunta la soglia di immunità di gregge. È come togliere il piede dall'acceleratore di un'auto in movimento: l'auto alla fine si fermerà, ma prima percorrerà una certa distanza. Quelli con COVID-19 infetteranno ancora gli altri e più infezioni si verificheranno a valle. Prendiamo, ad esempio, uno scenario in cui si ottiene l'immunità di gregge e, in media, un individuo malato infetta 0,8 altre persone. Se 100.000 persone avessero il virus, ne infetterebbero altre 80.000. Quegli 80.000 trasmetteranno la malattia ad altre 64.000 persone e così via. Se un virus si sta ancora diffondendo in una popolazione, "a meno che il 100% delle persone non sia immunizzato, c'è ancora il rischio che più persone vengano infettate e più persone finiscano in ospedale e muoiano a causa del virus", afferma Lauren Ancel Meyers, PhD , direttore dell'Università del Texas all'Austin COVID-19 Modeling Consortium. "Il momento in cui abbiamo l'immunità di gregge non è il momento in cui possiamo abbassare completamente la guardia", ha detto. Nello scenario delle auto in movimento, i protocolli di allontanamento sociale che rallentano la diffusione del virus, come indossare mascherine ed evitare grandi raduni, agiscono come un freno e influenzano la rapidità con cui una pandemia si restringe.

 

Possiamo perdere l'immunità di gregge?

 

Il mantenimento dell'immunità di gregge è una "battaglia costante che abbiamo con le malattie infettive", ha detto Karan, poiché i virus si evolvono per eludere le risposte immunitarie. Ecco perché ogni anno viene somministrato un nuovo vaccino antinfluenzale e perché abbiamo bisogno di un vaccino di richiamo per la difterite ogni 10 anni per ripristinare l'immunità alla malattia che diminuisce nel tempo. Questo è anche il motivo per cui nel 2019 si sono verificati focolai di morbillo; tassi di vaccinazione più bassi in alcune comunità hanno reso i residenti più vulnerabili alla malattia. Gli esperti non sanno ancora quanto dura l'immunità individuale al coronavirus. I dati suggeriscono immunità può durare almeno 6 a 8 mesi dopo l'infezione o la vaccinazione. Ma è probabile che saranno necessarie ulteriori vaccinazioni per innescare il sistema immunitario a respingere il virus, dice Karan. Il comportamento umano influenza anche l'immunità di gregge. La soglia protettiva per una società che non usa la maschera, e prima del Covid-19 è più alta di una comunità’ che usa le mascherine e con il distanziamento sociale. "Possiamo sicuramente entrare e uscire dall'immunità di gregge man mano che il nostro comportamento cambia", aggiunge Scarpino.

 

L'immunità di gregge è necessaria per fermare la pandemia?

 

Anche con il successo del lancio del vaccino in ogni nazione, ci sono ancora una serie di ostacoli al raggiungimento dell'immunità di gregge, ha detto Meyers. La minore efficacia dei vaccini contro ceppi più infettivi e virulenti di COVID-19 significa che una percentuale maggiore della popolazione ha bisogno dell'immunità per ottenere un'ampia protezione. Inoltre, i vaccini non sono ancora autorizzati per i bambini di età inferiore ai 16 anni. Dati recenti di sondaggi suggeriscono che dal 25% al ​​30% degli adulti statunitensi esiti a ricevere un vaccino, il che rende difficile superare la soglia minima di immunità del gregge del 70% senza bambini e adolescenti. Nessuno sa con certezza quale sia la soglia di immunità di gregge per il coronavirus, anche se molti esperti dicono che è del 70% o superiore. E l'emergere di varianti complica ulteriormente il quadro. Ma questo non condanna gli Stati Uniti a una battaglia continua contro il virus senza una fine in vista, ha detto Ali Khan, MD, decano del College of Public Health presso l'Università del Nebraska Medical Center di Omaha.

 "Stiamo cercando di ottenere l'immunità di gregge tradizionale con i vaccini dimenticando il fatto che la salute pubblica da sola può farci controllare questa malattia", ha detto, citando i risultati in paesi come Cina, Nuova Zelanda e Australia. Sebbene aumentare il numero di vaccinazioni sia importante, l'immunità di gregge è diventata un po’ 'un "falso Dio", dice, mentre dovremmo prestare maggiore attenzione a morti, ricoveri ed ai casi in una comunità. "Se questi numeri stanno diminuendo, importa se il numero di persone vaccinate nella comunità è del 5%, 55% o 99%?" Sia il numero crescente di vaccinazioni sia lo sforzo concertato di salute pubblica per controllare la diffusione sono fondamentali, aggiunge Karan, poiché non esiste un'unica soluzione magica per fermare COVID-19. E la lotta è tutt'altro che finita. "La fine di COVID sarà un processo lungo e prolungato", ha detto. "La velocità con cui ciò accadrà dipenderà da ciò che faremo.

 

WEBMD HEALTH NEWS 14/04/2021

 Articolo “Immunità di gregge “aggiornato al 14 aprile 2021 –