Un nuovo studio collega l’alimentazione con cibi sani su base vegetale con minori rischi di contrarre COVID-19 e di sviluppare una malattia grave dopo l'infezione.

Sebbene condizioni metaboliche come l'obesità e il diabete di tipo 2 siano state collegate a un aumento del rischio di COVID-19, nonché a un aumento del rischio di manifestare sintomi gravi una volta infettati, l'impatto della dieta su questi due rischi è sconosciuto.  In un recente studio condotto da ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) affiliato ad Harvard e pubblicato sulla rivista Gut, le persone la cui dieta era basata su cibi sani a base vegetale avevano rischi inferiori su entrambi i fronti.  Gli effetti benefici della dieta sul rischio di COVID-19 sembravano particolarmente rilevanti negli individui che vivevano in aree ad alta deprivazione socioeconomica.

  "Precedenti rapporti suggeriscono che la cattiva alimentazione è una caratteristica comune tra i gruppi colpiti in modo sproporzionato dalla pandemia, ma mancano dati sull'associazione tra dieta e rischio e gravità di COVID-19, afferma l'autore principale Jordi Merino, ricercatore associato presso l'Unità per il diabete.  e Center for Genomic Medicine presso MGH e un insegnante di medicina presso la Harvard Medical School.

  Per lo studio, Merino e i suoi colleghi hanno esaminato i dati su 592.571 partecipanti allo studio sui sintomi COVID-19 basato sull’utilizzo di smartphone.  I partecipanti vivevano nel Regno Unito e negli Stati Uniti e sono stati reclutati dal 24 marzo 2020 e seguiti fino al 2 dicembre 2020. All'inizio dello studio, i partecipanti hanno completato un questionario che chiedeva informazioni sulle loro abitudini alimentari prima della pandemia.  La qualità della dieta è stata valutata utilizzando un punteggio dietetico su base vegetale che sottolinea l’importanza dei cibi vegetali sani come frutta e verdura.

  Durante il follow-up, 31.831 partecipanti hanno sviluppato COVID-19.  Rispetto agli individui nel settore con minore punteggio della dieta, quelli con punteggio più alto nella dieta avevano un rischio inferiore del 9% di sviluppare COVID-19 e un rischio inferiore del 41% di sviluppare COVID-19 grave.  "Questi risultati erano coerenti in una serie di analisi di sensibilità che tengono conto di altri comportamenti sani, determinanti sociali della salute e tassi di trasmissione del virus della comunità", afferma Merino.

  "Anche se dobbiamo sottolineare abbastanza l'importanza di vaccinarsi e indossare una maschera in ambienti chiusi affollati, il nostro studio suggerisce che le persone possono anche potenzialmente ridurre il rischio di contrarre COVID-19 o di avere una certa protezione prestando attenzione alla loro dieta", afferma il coautore senior Andrew Chan, gastroenterologo e capo dell'Unità di epidemiologia clinica e traslazionale presso MGH.

  I ricercatori hanno anche scoperto una relazione tra una dieta povera (su base vegetale) e una maggiore deprivazione socioeconomica con maggiore rischio COVID-19.

 "I nostri modelli stimano che quasi un terzo dei casi di COVID-19 si potevano prevenire se uno dei due fattori - dieta o privazione - fosse stata presente", afferma Merino.

  I risultati suggeriscono anche che le strategie di sanità pubblica che migliorano l'accesso a cibi sani e affrontano i determinanti sociali della salute possono aiutare a ridurre l'onere della pandemia di COVID-19.

 "I nostri risultati sono un invito ai governi e alle parti interessate a dare priorità a diete sane e benessere con politiche di impatto, altrimenti rischiamo di perdere decenni di progresso economico e un aumento sostanziale delle disparità di salute", afferma Merino.

 

Tracy Hampton su Harvard Gazette 10 settembre 2021