Proteggere le persone anziane durante la crisi del coronavirus 

In che modo gli operatori sanitari possono utilizzare la tecnologia per aiutare le persone anziane a ridurre gli accessi agli ambulatori medici durante questa pandemia?

Abbiamo tradotto in italiano l'articolo Di Muriel R. Gillick, M.D. presente a questo link :

https://www.nytimes.com/2020/03/31/well/family/coronavirus-elderly-caregivers.html

31 marzo 2020 

Oggi negli Stati Uniti ci sono circa quattro milioni di adulti anziani che non vivono in residenze sanitarie ma che hanno bisogno di aiuto per la cura della persona (fare il bagno, vestirsi o mangiare) e altri 3,5 milioni di adulti anziani che hanno bisogno di assistenza in settori come la gestione delle finanze, e la spesa e la preparazione dei pasti per  poter vivere in modo indipendente.  Questi adulti anziani dipendono dai caregiver, assistenti sanitari a domicilio pagati, o familiari non retribuiti, per la loro esistenza quotidiana.  I caregiver familiari o professionali debbono oggi adattarsi rapidamente se vogliono rimanere in condizioni di sicurezza durante l'epidemia di coronavirus.

Programmare di stare a casa

La migliore strategia per gli adulti più anziani con necessità di assistenza è quella di rimanere in casa, lo stesso approccio che viene utilizzato per l'intera popolazione in alcune delle comunità più colpite del paese.  Devono stare lontano dai siti in cui le persone si riuniscono, comprese, ove possibile, le istituzioni sanitarie.

Le persone anziane possono sviluppare sintomi acuti che non hanno nulla a che fare con Covid-19 e trarranno beneficio dall'intervento del caregiver per evitare di dover ricorrere agli operatori sanitari per gestire questi problemi.

Si consiglia ai caregiver familiari di raddoppiare i loro sforzi per consentire un "distanziamento sociale", sia per la propria sicurezza che per aiutare a proteggere coloro a cui tengono.  A dire il vero, molte persone hanno già preso tali provvedimenti.  Ma man mano che la portata del virus si diffonde, per coloro che non stanno già utilizzando la tecnologia per interagire con farmacie, banche, negozi di alimentari e operatori sanitari, questo è il momento di iniziare.

Organizzare le consegne di tutto ciò che serve

Un primo passo dovrebbe essere quello di organizzare la consegna per corrispondenza di farmaci per gli adulti più anziani, preferibilmente una fornitura di tre mesi di tutte le medicine per le loro malattie croniche. Ma è necessario anche organizzare la consegna a domicilio di generi alimentari e le forniture di prodotti di farmacia da banco, assicurandosi di includere eventuali indumenti intimi monouso necessari o gli integratori alimentari.

 In molte aree la disponibilità per la consegna di generi alimentari sono molto difficili da trovare in questo momento, quindi si potrebbe dover pianificare in anticipo e provare presso più negozi.  L'impostazione del pagamento automatico delle fatture per le carte di credito nonché per i servizi di gas, elettrici e telefonici può alleggerire il carico sulle spalle dei caregiver se si trovano a gestire gli aspetti economici dell'adulto anziano.

Raccolta di semplici dati medici 

Per ridurre al minimo la necessità di visite all'ambulatorio medico o al pronto soccorso dell'ospedale, gli operatori sanitari dovrebbero prendere in considerazione l'utilizzo a casa  di una semplice tecnologia medica come un bracciale per la rilevazione della pressione del sangue, un pulsossimetro (per misurare la quantità di ossigeno nel sangue), un termometro digitale e  una bilancia digitale.

Imparando a usare questi dispositivi, gli operatori sanitari saranno in grado di raccogliere dati preziosi che potranno trasmettere a medici di base, infermieri o assistenti medici che, a loro volta, saranno meglio attrezzati per offrire consulenza medica o prescrivere trattamenti via telefono o  Internet.  Queste informazioni possono migliorare le visite di telemedicina, quando disponibili, e sostituirle per i molti pazienti più anziani che non hanno accesso alla tecnologia video.

Ad esempio, se un adulto anziano avverte vertigini e ha una pressione del sangue bassa, il medico potrebbe proporre come primo passo di aumentare l'assunzione di liquidi o di eliminare una pillola diuretica.  Se l'individuo segnala affanno e dimostra di essere ingrassato e di avere le caviglie gonfie, in presenza di una storia di insufficienza cardiaca, il medico potrebbe consigliare invece di aumentare la dose di diuretico, il tutto senza che il paziente e il caregiver debbano rischiare l'esposizione al virus  avventurandosi in una visita medico di persona.

Se il paziente mostra sintomi che suggeriscono il Covid-19, il controllo dei livelli di ossigeno con un pulsossimetro può aiutare gli operatori sanitari a decidere se il passaggio successivo nella valutazione debba essere presso lo studio del medico o il pronto soccorso dell'ospedale.

In un momento di crisi, l'uso della tecnologia e la collaborazione con il team sanitario per affrontare i sintomi acuti possono essere utili sia agli adulti anziani che ai loro caregiver. 

Queste strategie possono persino rivelarsi utili in futuro  in giorni di normalità.