Il distanziamento sociale è una cosa seria

Di seguito, la traduzione in italiano di un articolo di Jonathan Smith, presente a questo link :

https://elemental.medium.com/hold-the-line-17231c48ff17

Come epidemiologo di una malattia infettiva (sebbene minore), mi sento moralmente obbligato a fornire informazioni su ciò che stiamo vedendo dalla prospettiva della dinamica della trasmissione e relativamente alle misure di distanziamento sociale. Come ogni bravo scienziato, ho notato due cose che non sono ben argomentate o non sono presenti nella "letteratura" dei media online. Ho anche fatto affidamento su altri epidemiologi di malattie infettive per la revisione di questo articolo.

In particolare, voglio rendere molto chiari e inequivocabili due aspetti di queste misure di distanziamento.

Innanzitutto, siamo nella primissima fase della traiettoria di questa epidemia. Ciò significa che anche con queste misure in atto, vedremo casi e morti che continuano a crescere a livello globale, nazionale e nelle nostre stesse comunità. Ciò può indurre alcuni a pensare che le misure di allontanamento sociale non funzionino. Invece funzionano. Potrebbero sembrare inutili. Non lo sono. Potremmo sentirsi scoraggiati, è normale nel caos. Questa è la normale traiettoria epidemica . Bisogna rimanere calmi.

Il nemico che stiamo affrontando è molto bravo in quello che fa;ma noi non stiamo fallendo. Abbiamo bisogno di tutti per mantenere la linea scelta poiché l' epidemia inevitabilmente peggiora . Questa non è un'opinione. Questa è la matematica spietata delle epidemie per cui io e i miei colleghi abbiamo dedicato la nostra vita alla comprensione con grande dettaglio, e questa malattia non fa eccezione. Rimani forte e solidale sapendo che quello che stai facendo è salvare vite, anche se le persone continuano a ammalarsi e morire. Potresti avere voglia di arrenderti. Non farlo.

Dovresti percepire tutta la tua famiglia come una singola unità: se una persona si mette a rischio, tutti i componenti dell'unità sono a rischio.

In secondo luogo, sebbene le misure di allontanamento sociale siano state (almeno temporaneamente) ben accolte, vi è un fenomeno ovvio ma trascurato quando si considerano i gruppi (ovvero le famiglie) nelle dinamiche di trasmissione. Mentre il distanziamento sociale diminuisce il contatto con i membri della società, ovviamente aumenta il contatto all'interno di un gruppo (cioè famiglia). Questo fatto piccolo e ovvio ha implicazioni sorprendentemente profonde sulla dinamica della trasmissione della malattia. 

La meccanica di base di questo principio matematico impone che, anche se c'è solo un po' di connessione aggiuntiva tra i gruppi (ad esempio cene sociali, momenti di gioco, uscite non necessari al negozio, ecc.), l'epidemia probabilmente non avrà un corso molto diverso rispetto alla mancanza della misura in atto. Si applicano gli stessi fondamenti di base della trasmissione delle malattie e il risultato è che la comunità è lasciata con tutte le perturbazioni sociali ed economiche, ma con pochissimi benefici per la salute pubblica.

Dovresti percepire tutta la tua famiglia come una singola unità: se una persona si mette a rischio, tutti i componenti dell'unità sono a rischio. Le catene sociali apparentemente piccole diventano grandi e complesse con una velocità allarmante. Se tuo figlio visita la sua ragazza, e in seguito ti avvicini per un caffè con un vicino, il tuo vicino è ora collegato all'impiegato infetto con cui la madre della ragazza di tuo figlio si è stretta la mano. Sembra sciocco, non lo è. Questo non è uno scherzo e non è ipotetico. Noi, come epidemiologi nevediamo la conferma nei dati più e più volte continuamente

Al contrario, qualsiasi interruzione in quella catena interrompe la trasmissione della malattia lungo quella stessa catena.

Contrariamente al lavaggio delle mani e ad altre misure personali, le misure di allontanamento sociale non riguardano gli individui, ma le società che lavorano insieme. Queste misure richiedono anche di essere sostenute prima che i risultati siano evidenti. È difficile (anche per me) concettualizzare come, a livello di popolazione, "un piccolo rapido incontro" possa minare l'intero quadro di un intervento di sanità pubblica, ma può farlo. Ti garantisco che può. Lo garantisco. Lo garantisco. 

 Non puoi imbrogliare. Le persone hanno già voglia di tradire le precauzioni di distanziamento sociale almeno solo un po ': un breve incontro, un rapido taglio di capelli o il ritiro di un oggetto inutile dal negozio. Dal punto di vista della dinamica della trasmissione, questo ricrea rapidamente un social network altamente connesso che mina gran parte del buon lavoro svolto dalle nostre comunità finora.

Questo focolaio non sarà superato in un unico gesto grandioso, ma piuttosto dall’insieme di scelte individuali che faremo nei prossimi mesi. Questo virus non perdona le scelte poco sagge. Mentre questa epidemia continua, sarà facile essere attratti dall'idea che ciò che stiamo facendo non funzioni e potremmo sentirci costretti a "imbrogliare" con inutili violazioni delle misure di allontanamento sociale. Conoscendo cosa aspettarsi e conoscendo l'importanza fondamentale del mantenimento di queste misure, la mia speranza è di incoraggiare lo spirito di comunità e la strategia di perseverare in questo momento di incertezza .