Esiste una reale alternativa alla colonscopia per individuare il tumore del colon?

Categoria: Oncologia News
Pubblicato: Martedì, 09 Febbraio 2021 15:45
Scritto da Ryder Italia Onlus
Visite: 1017

L’articolo che segue è molto interessante perché fa riferimento ad un test di screening semplice che può essere effettuato a casa e che può individuare precocemente il tumore del colon, una neoplasia tra le più frequenti nella popolazione anziana. Essendo in molti casi una ottima alternativa alla colonscopia, un esame invasivo e non molto apprezzato dai pazienti, il ricorso al FIT può incrementare il numero di soggetti da sottoporre allo screening e soprattutto risolvere il probabile  affollamento nei reparti di gastroenterologia che si presenterà alla fine della pandemia.

 Di Paula Spann New York Times Pubblicato l'11 gennaio 2021 

La maggior parte degli americani che devono sottoporsi a uno screening per il cancro al colon in genere ricevono una cartolina o una chiamata - o una richiesta durante la visita di un medico - per ricordare loro che è ora di programmare una colonscopia.

 Ma nei grandi sistemi sanitari come Kaiser Permanente o la Federal Veterans Health Administration, il processo è cambiato.  I pazienti che dovrebbero essere sottoposti a questo screening regolarmente (età compresa tra 50 e 75 anni) e che sono a rischio medio, ricevono una lettera che informa loro di un kit per il test a casa che arriva per posta.

  Il test si chiama FIT, che sta per test immunochimico fecale. Cos'è il FIT? Il test di screening per il cancro del colon è chiamato Fecal Immunochemical Test (FIT).  FIT rileva il sangue nelle feci che può essere un segno di pre-cancro.  FIT può essere eseguito nel comfort della propria casa seguendo le istruzioni fornite nel kit.  Inoltre, non ci sono restrizioni dietetiche o farmacologiche, quindi si può continuare a consumare i pasti regolari e assumere i farmaci durante i test.

  Questo test sicuro e di facile utilizzo è più accurato del test del sangue occulto nelle feci precedentemente utilizzato e può individuare cellule precancerose e cancerose in modo che il cancro può essere prevenuto o individuato prima. Il piccolo contenitore di cartone contiene l'attrezzatura e le istruzioni per prelevare un campione di feci e restituire il test a un laboratorio, per rilevare quantità microscopiche di sangue.  Circa una settimana dopo, i risultati vengono visualizzati su un portale per i pazienti online.

 Dal 5 al 6% dei pazienti che avrà un test positivo dovrà programmare una colonscopia di follow-up.  Ma la grande maggioranza ha finito per l’anno con lo screening del cancro al colon: nessuna preparazione scomoda, nessuna necessità di saltare il lavoro o trovare qualcuno che li accompagni a casa dopo l'anestesia, niente colonscopia.

 La scorsa primavera, quando la pandemia di coronavirus ha chiuso molte strutture mediche e ha rinviato le procedure di non emergenza, questo approccio è apparso improvvisamente ancora più desiderabile.

  "Sappiamo che da marzo a maggio, gli screening per il cancro al colon sono diminuiti di circa il 90 per cento", ha detto la dottoressa Rachel Issaka, gastroenterologa presso l'Università di Washington e il Fred Hutchinson Cancer Research Center.  Anche se i test sono ripresi, ha detto, "non siamo ancora tornati come prima della pandemia".

  Eppure il cancro al colon rappresenta la terza causa di morte per cancro, dopo il cancro ai polmoni ed a pari merito, al secondo posto, con  il cancro al seno e alla prostata.  A differenza di quelli sopra riportati, il cancro al colon può essere prevenuto con la diagnosi precoce.

 Con molti anziani che cercano di evitare ospedali e centri chirurgici, anche se il rischio di cancro al colon aumenta con l'età, un test a domicilio fornisce un'alternativa alla colonscopia, più sicura, con un minor rischio di complicanze al Covid-19 e da ottimi risultati.

 "Se il tuo medico ti dice che una colonscopia è migliore, non ti fidare ciecamente", ha detto il dottor Alex Krist, presidente della US Preventive Services Task Force, un gruppo di esperti indipendenti che esamina le prove e fornisce raccomandazioni.  "I dati mostrano che i test sono ugualmente efficaci nel salvare vite umane".

 La Task Force sta aggiornando le sue linee guida per lo screening del cancro del colon e quest'anno probabilmente raccomanderà di abbassare l'età in cui dovrebbe iniziare, a 45. Ma le raccomandazioni sui più anziani rimarranno invariate: sulla base di prove evidenti, adulti fino a 75 anni dovrebbe essere controllati regolarmente. Dopo quell'età, gli svantaggi iniziano a salire.  La Task Force afferma che il vantaggio dello screening tra i 76 e gli 85 anni è piccolo e che la decisione dovrebbe essere individuale, dopo una consultazione con un medico.

 Il cancro al colon si sviluppa lentamente, ha spiegato il dottor James Goodwin, geriatra e ricercatore presso l'Università del Texas Medical Branch a Galveston.  I pazienti in età avanzata, che tipicamente lottano con molte altre malattie, potrebbero non vivere abbastanza a lungo per trarne beneficio.  "Ti fai più male che bene", ha detto il dottor Goodwin.

  Il consiglio di interrompere lo screening non è sempre popolare tra i pazienti.  "Alla gente non piace sentirsi dire di non avere una lunga sopravvivenza ", ha detto.  Ma con la colonscopia, ha osservato, "si passa attraverso un'esperienza spiacevole - o un'esperienza spiacevole seguita da una diagnosi spiacevole e da un trattamento spiacevole - per qualcosa che, anche se non diagnosticata, non sarà nociva per la probabile sopravvivenza".

  Anche se il test alla fine rileva il cancro al colon, con conseguente chirurgia e chemioterapia, il trattamento standard, potrebbero di per sé mettere in pericolo una persona anziana fragile.  "Sarei fortemente prevenuto nei confronti di chiunque riceva uno screening, di qualsiasi tipo, con un’età superiore agli 80 anni", ha detto il dottor Goodwin.

 Sebbene gli americani si affidino ancora principalmente alla colonscopia, la sua ricerca ha dimostrato che per molte persone anziane quel test è abusato, a causa dell'età dei pazienti o perché vengono testati troppo frequentemente.

  Eppure lo screening è contemporaneamente sottoutilizzato.  Nel 2018, secondo i Centers for Disease Control and Prevention, solo il 70% circa degli adulti era aggiornato sui test del cancro del colon-retto.  Circa un quinto di quelli tra i 65 ei 75 anni non era stato sottoposto a screening come raccomandato.  Tra le persone tra i 50 ei 65 anni, per le quali probabilmente ha contribuito la non copertura di Medicare (Medicare è il nome dato ad un programma di assicurazione medica amministrato dal governo degli Stati Uniti,) o di altre assicurazioni, solo il 63% circa è stato adeguatamente selezionato.

 La Task Force ha individuato diversi tipi di test di screening efficaci, ma quelli più utilizzati per le persone a rischio medio sono la colonscopia, con un intervallo raccomandato di 10 anni, o il FIT eseguito annualmente.

 Un esame più recente, un test a casa venduto con il marchio Cologuard che rileva i biomarcatori per il cancro nel sangue e nelle feci, può essere ripetuto ogni tre anni, ma uno studio ha rilevato che è meno efficace della maggior parte degli altri metodi e molto più costoso del FIT.

 

 Quando si raccomanda lo screening, e come si sovrappone la FIT alla colonscopia?

  I pazienti ad alto rischio - compresi quelli che hanno avuto un cancro al colon o genitori o fratelli con cancro del colon, quelli con disturbi infiammatori intestinali come il morbo di Crohn e quelli che hanno avuto precedenti test anormali, inclusi polipi multipli o grandi - dovrebbero effettuare una colonscopia,  spesso con un programma accelerato.  La procedura prevede l'inserimento di una sonda attraverso l'ano per visualizzare direttamente il colon di un paziente anestetizzato.

 Una colonscopia offre un netto vantaggio: se il gastroenterologo individua polipi, escrescenze che nel tempo potrebbero diventare cancerose (anche se la maggior parte non lo fanno), questi possono essere rimossi immediatamente.  "In questo modo si previene il cancro, eliminando le situazioni che potrebbero portare al cancro", ha detto il dottor Goodwin.  Dopo una colonscopia negativa, i pazienti non ne hanno bisogno per un decennio.

 Ma le complicazioni della procedura aumentano con l'età, sebbene rimangano basse; la più grave, un colon perforato, richiede il ricovero.  La pulizia dell'intestino il giorno prima della procedura, la preparazione, è dirompente e sgradevole, e il dottor Goodwin osserva che i pazienti più anziani a volte sperimentano cicli di diarrea e costipazione per settimane successive.

 I residenti in zone rurali possono trovare difficile recarsi in una struttura.  L'uso dell'anestesia significa che ogni paziente ha bisogno di qualcuno che lo guidi o lo accompagni a casa.  La prospettiva di trascorrere da due a quattro ore in una struttura, anche una che utilizza rigorose misure di sicurezza, indurrà alcuni adulti più anziani a posticipare i test a causa dei timori del Covid-19.

 Il FIT, che è molto più ampiamente utilizzato in altri paesi, evita molte di queste difficoltà.  Un netto miglioramento rispetto ai precedenti test delle feci a casa, il FIT richiede un campione di un singolo giorno invece di tre campioni e non impone restrizioni alimentari o farmacologiche.  Un risultato positivo richiede comunque una colonscopia, ma la grande maggioranza dei pazienti evita tale risultato.

 Perché così tanti americani si sottopongono ancora alla colonscopia, allora?  "C'è un grande incentivo finanziario per i medici che fanno la colonscopia a fare questo test invasivo", ha detto il dottor Goodwin, quindi i pazienti potrebbero non essere informati correttamente sulle alternative.  "Molti dei miei pazienti sono sorpresi di apprendere che esiste un altro modo", ha detto il dottor Krist, anche lui medico di famiglia presso la Virginia Commonwealth University.  "Invecchiando, vogliono metodi meno invasivi" e potrebbero essere felici di cambiare.

  Una più ampia adozione della FIT potrebbe anche salvare pazienti e assicuratori, in particolare per il   Medicare,.  Il test casalingo, disponibile presso diversi produttori, generalmente costa meno di $ 20; una colonscopia può facilmente superare i $ 1.000.

  Inoltre, con messaggi personalizzati ai pazienti e promemoria di follow-up per la restituzione del kit, l'uso FIT può comportare lo screening di più persone.  Ciò potrebbe rivelarsi importante quando la Task Force sui servizi preventivi abbasserà l'età consigliata a 45 anni, il che aggiungerebbe 22 milioni di americani all'elenco delle persone consigliate di sottoporsi a screening per il cancro al colon.  Le loro esigenze, oltre ad un arretrato di pazienti che hanno posticipato i test durante la pandemia, potrebbero sovraccaricare i reparti di gastroenterologia.

 "Se il personale sanitario non solleva" la possibilità di un test a casa, ha detto il dottor Issaka, "i pazienti dovrebbero sentirsi autorizzati a chiedere chiarimenti in merito".  Gli screening del cancro al colon, di qualsiasi tipo, "sono considerati non urgenti", ha detto.  "Ma non devono risultare una semplice opzione.