Il Coronavirus sta mutando. Che cosa significa per noi?

Categoria: Notizie dal mondo
Pubblicato: Martedì, 22 Dicembre 2020 16:20
Scritto da Ryder Italia Onlus
Visite: 214

I funzionari in Gran Bretagna e Sud Africa affermano che le nuove varianti vengono trasmesse più facilmente. C'è molto di più nella storia di questa mutazione, dicono gli scienziati.

New York Times-Di Apoorva Mandavilli-20 dicembre 2020

Proprio mentre i vaccini iniziano a offrire speranza per una via d'uscita dalla pandemia, i funzionari in Gran Bretagna lo scorso fine settimana hanno lanciato un allarme urgente su quella che hanno definito una nuova variante altamente contagiosa del coronavirus che circola in Inghilterra. Citando la rapida diffusione del virus a Londra e nelle aree circostanti, il primo ministro Boris Johnson ha imposto il blocco più rigoroso del paese da marzo. "Quando il virus cambia il suo metodo di attacco, dobbiamo cambiare il nostro metodo di difesa", ha detto. Le stazioni ferroviarie di Londra si sono riempite di persone che si affrettavano a lasciare la città prima che le restrizioni entrassero in vigore. Domenica, i paesi europei hanno iniziato a chiudere i loro confini ai viaggiatori provenienti dal Regno Unito, sperando di escludere la nuova mutazione dell'agente patogeno.

In Sud Africa, secondo gli scienziati che l'hanno rilevata, è emersa una versione simile del virus, condividendo una delle mutazioni viste nella variante britannica. Quel virus è stato trovato fino al 90% dei campioni le cui sequenze genetiche sono state analizzate in Sud Africa da metà novembre. Gli scienziati sono preoccupati per queste varianti ma non ne sono sorpresi. I ricercatori hanno registrato migliaia di minuscole modifiche nel materiale genetico del coronavirus mentre è esploso in tutto il mondo. Alcune varianti diventano più comuni in una popolazione semplicemente per caso, non perché i cambiamenti in qualche modo sovraccaricano il virus. Ma poiché diventa più difficile per il patogeno sopravvivere - a causa delle vaccinazioni e della crescente immunità nelle popolazioni umane - i ricercatori si aspettano anche che il virus acquisisca mutazioni utili che gli consentano di diffondersi più facilmente o di sfuggire al rilevamento da parte del sistema immunitario.

 "È un vero avvertimento al quale dobbiamo prestare maggiore attenzione", ha detto Jesse Bloom, biologo evoluzionista presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle. "Certamente queste mutazioni si diffonderanno e, sicuramente, la comunità scientifica - deve monitorare queste mutazioni e deve caratterizzare quali effetti compariranno." La variante britannica ha circa 20 mutazioni, comprese alcune che influenzano il modo in cui il virus si aggancia alle cellule umane e le infetta. Queste mutazioni possono consentire alla variante di replicarsi e trasmettersi in modo più efficiente, ha affermato Muge Cevik, esperto di malattie infettive presso l'Università di St. Andrews in Scozia e consulente scientifico del governo britannico.

Ma la stima di una maggiore trasmissibilità - i funzionari britannici hanno affermato che la variante era fino al 70% più trasmissibile -  per ora si basa su modelli e non è stata confermata in esperimenti di laboratorio, ha aggiunto il dottor Cevik. "Nel complesso, penso che abbiamo bisogno di avere un po’ 'più di dati sperimentali", ha detto. "Non possiamo escludere del tutto il fatto che alcuni di questi dati sulla trasmissibilità potrebbero essere correlati al comportamento umano".

Anche in Sud Africa, gli scienziati si sono affrettati a notare che il comportamento umano stava guidando l'epidemia, non necessariamente con nuove mutazioni il cui effetto sulla trasmissibilità doveva ancora essere quantificato. L'annuncio britannico ha anche suscitato la preoccupazione che il virus potrebbe evolversi per diventare resistente ai vaccini che stanno uscendo proprio ora. Le preoccupazioni sono concentrate su un paio di alterazioni del codice genetico virale che potrebbero renderlo meno vulnerabile a determinati anticorpi.

Ma diversi esperti hanno sollecitato cautela, dicendo che ci vorrebbero anni, non mesi, perché il virus si evolva abbastanza da rendere impotenti gli attuali vaccini. "Nessuno dovrebbe preoccuparsi che ci sarà una singola mutazione catastrofica che improvvisamente rende inutili tutta l'immunità e gli anticorpi", ha detto il dottor Bloom." Questo sarà un processo che si verifica nell'arco di più anni e richiede l'accumulo di molteplici mutazioni virali", ha aggiunto. "Non sarà come un interruttore on-off." Questa sfumatura scientifica importa poco ai vicini della Gran Bretagna. Preoccupati dal potenziale afflusso di viaggiatori che trasportavano la variante, i Paesi Bassi hanno dichiarato che sospenderanno i voli dalla Gran Bretagna da domenica fino al 1 gennaio. Anche l'Italia ha sospeso i viaggi aerei e domenica i funzionari belgi hanno emanato un divieto di 24 ore agli arrivi dal Regno Unito in aereo o in treno. La Germania sta elaborando regolamenti che limitano i viaggiatori dalla Gran Bretagna e dal Sud Africa.

Secondo i media locali, anche altri paesi stanno prendendo in considerazione divieti, tra cui Francia, Austria e Irlanda. La Spagna ha chiesto all'Unione Europea una risposta coordinata al divieto dei voli. Il governatore Andrew Cuomo di New York ha chiesto all'amministrazione Trump di considerare di vietare i voli dalla Gran Bretagna.

In Inghilterra, i funzionari dei trasporti hanno affermato che aumenteranno il numero di agenti di polizia che monitorano hub come le stazioni ferroviarie per garantire che vengano effettuati solo i viaggi essenziali. Il segretario alla sanità del paese, Matt Hancock, domenica ha definito coloro che stavano affollandone treni "chiaramente irresponsabili".

Ha anche detto che le restrizioni imposte dal signor Johnson potrebbero rimanere in vigore per mesi.

Come tutti i virus, il coronavirus è un organismo che può mutare. Alcuni cambiamenti genetici sono irrilevanti, ma alcuni potrebbero dargli un vantaggio.

Gli scienziati temono quest'ultima possibilità, in particolare: la vaccinazione di milioni di persone può costringere il virus a nuovi adattamenti, mutazioni che lo aiutano a eludere o resistere alla risposta immunitaria. Ci sono già piccoli cambiamenti nel virus che si sono manifestati in modo indipendente più volte in tutto il mondo, suggerendo che queste mutazioni sono utili per il patogeno.

La mutazione che influisce sulla suscettibilità agli anticorpi - tecnicamente chiamata delezione 69-70, il che significa che mancano lettere nel codice genetico - è stata osservata almeno tre volte: nei visoni danesi, in persone in Gran Bretagna e in un paziente immunosoppresso che è diventato molto meno sensibile al plasma convalescente.

"Questa mutazione si sta trasmettendo, si sta acquisendo, si sta adattando continuamente", ha detto il dottor Ravindra Gupta, un virologo dell'Università di Cambridge, che la scorsa settimana ha descritto in dettaglio l’emergenza e la diffusione ricorrenti della delezione. "Ma la gente non vuole sentire quello che diciamo, ovvero: questo virus muterà".

La nuova delezione genetica modifica la proteina spike sulla superficie del coronavirus, di cui ha bisogno per infettare le cellule umane. Varianti del virus con questa delezione sono apparse indipendentemente in Thailandia e Germania all'inizio del 2020 e sono diventate prevalenti in Danimarca e Inghilterra ad agosto.

Gli scienziati inizialmente pensavano che il nuovo coronavirus fosse stabile e improbabile che sfuggisse alla risposta immunitaria indotta dal vaccino, ha affermato il dottor Deepti Gurdasani, epidemiologo clinico presso la Queen Mary University di Londra. "Ma è diventato molto chiaro negli ultimi mesi che possono verificarsi mutazioni", ha detto. "Con l'aumento della pressione selettiva con la vaccinazione di massa, penso che questi mutanti diventeranno più comuni". Diversi studi recenti hanno dimostrato che il coronavirus può evolversi per evitare il riconoscimento da parte di un singolo anticorpo monoclonale, o da un cocktail di due anticorpi o persino da un siero di convalescenza somministrato a un individuo specifico.

 Fortunatamente, l'intero sistema immunitario del corpo è un avversario molto più formidabile.

I vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna inducono una risposta immunitaria solo alla proteina spike trasportata dal coronavirus sulla sua superficie. Ma ogni persona infetta produce un repertorio ampio, unico e complesso di anticorpi contro questa proteina. "Il fatto è che hai un migliaio di grossi calibri puntati contro il virus", ha detto Kartik Chandran, virologo presso l'Albert Einstein College of Medicine di New York. "Non importa quanto il virus si attorcigli e si intrecci, non è così facile trovare una soluzione genetica che possa davvero combattere tutte queste diverse specificità anticorpali, per non parlare degli altri bracci della risposta immunitaria".

Insomma: sarà molto difficile per il coronavirus sfuggire alle difese dell'organismo, nonostante le tante varianti che potrà adottare. La fuga dall'immunità richiede che un virus accumuli una serie di mutazioni, ciascuna delle quali consente all'agente patogeno di erodere l'efficacia delle difese del corpo. Alcuni virus, come l'influenza, accumulano questi cambiamenti in tempi relativamente brevi. Ma altri, come il virus del morbillo, non raccolgono quasi nessuna delle alterazioni.

Anche il virus dell'influenza ha bisogno di cinque o sette anni per raccogliere abbastanza mutazioni da sfuggire completamente al riconoscimento immunitario, ha osservato il dottor Bloom. Venerdì il suo laboratorio ha pubblicato un nuovo rapporto che mostra che anche i comuni coronavirus del raffreddore si evolvono per sfuggire al rilevamento immunitario, ma nel corso di molti anni.

L'entità delle infezioni in questa pandemia potrebbe generare rapidamente diversità nel nuovo coronavirus. Tuttavia, la stragrande maggioranza delle persone in tutto il mondo deve ancora essere infettata e questo ha reso gli scienziati fiduciosi. "Sarebbe un po’ 'sorprendente per me se vedessimo una selezione del virus capace di una fuga immunitaria", ha detto Emma Hodcroft, epidemiologa molecolare presso l'Università di Berna, in Svizzera.

"In una popolazione che è ancora per lo più “vergine “, il virus non ha ancora bisogno di farlo", ha detto. "Ma è qualcosa a cui vogliamo prestare attenzione a lungo termine, soprattutto quando inizieremo a vaccinare più persone". Immunizzare circa il 60% di una popolazione entro circa un anno e mantenere basso il numero di casi mentre ciò accade, contribuirà a ridurre al minimo le possibilità che il virus muti in modo significativo, ha detto il dottor Hodcroft.

Tuttavia, gli scienziati dovranno monitorare da vicino il virus in evoluzione per individuare le mutazioni che potrebbero dargli un vantaggio rispetto ai vaccini.

Gli scienziati monitorano regolarmente le mutazioni nei virus influenzali per aggiornare i vaccini e dovrebbero fare lo stesso per il coronavirus, ha detto Trevor Bedford, un biologo evoluzionista presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle.

 "Puoi immaginare un processo come quello esistente per il vaccino antinfluenzale, in cui stai monitorando queste varianti e tutti ricevono il loro vaccino Covid annuale", ha detto. "Penso che sia ciò che generalmente sarà necessario."

La buona notizia è che la tecnologia utilizzata nei vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna è molto più facile da modificare e aggiornare rispetto ai vaccini convenzionali. I nuovi vaccini generano anche una massiccia risposta immunitaria, quindi il coronavirus potrebbe aver bisogno di molte mutazioni nel corso degli anni prima che i vaccini debbano essere modificati, ha detto il dottor Bedford.

Nel frattempo, ha detto lui con altri esperti, i Centers for Disease Control and Prevention e le altre agenzie governative dovrebbero istituire un sistema nazionale per collegare i database delle sequenze virali con i dati sul campo, come se si fosse verificata un'infezione nonostante la vaccinazione." Questi sono strumenti utili per scienziati e governi per mettere in atto i sistemi - ora, molto prima del reale bisogno, soprattutto quando iniziamo a vaccinare le persone", ha detto il dottor Hodcroft. "Ma il pubblico non dovrebbe essere necessariamente nel panico.