Cercheremo, in vista della seconda ondata della pandemia, di darvi alcune risposte alle numerose domande sul covid-19.

Da dove viene il coronavirus?   Articolo di Nina Westervelt  sul New Scientist 17/10/2020

 Ormai abbiamo convissuto con SARS-CoV-2, il virus che causa il covid-19, per la maggior parte dell'anno.  In questo periodo, la nostra conoscenza si è ampliata notevolmente, ma c'è ancora tanto che non sappiamo - e anche quando pensiamo di sapere le cose, la scienza può cambiare velocemente opinione su molte delle questioni.

Prima parte.

  Il 24 settembre, abbiamo tenuto un evento online di domande e risposte sulla pandemia per gli abbonati della nostra rivista e siamo stati sommersi di richieste di chiarimenti.  Qui, i nostri giornalisti affrontano alcuni delle questioni più comuni.

  Trasmissione

 Come si diffonde il coronavirus nell'aria?  È possibile la trasmissione di aerosol?

  Il coronavirus infetta definitivamente le persone per via aerea.  Il dibattito piuttosto confuso tra gli esperti è se sia trasportato solo da goccioline di grandi dimensioni che cadono rapidamente a terra o se le persone possono anche essere infettate da goccioline più piccole che possono rimanere in volo per ore, note come aerosol.

  È molto difficile stabilire esattamente come le persone siano state infettate, ma l'evidenza complessiva suggerisce che la trasmissione stia avvenendo con l’aerosol.  Per fare un esempio, uno studio ha evidenziato su come un passeggero su un volo tra Londra e Hanoi in Vietnam ha infettato fino a 15 altre persone e gli autori hanno concluso: "La via di trasmissione più probabile durante il volo è l'aerosol o la trasmissione di goccioline".

  È gli aerosol al chiuso?  Mi chiedo se sia rischiosa una visita al museo.

 Si ritiene che il rischio sia maggiore negli spazi affollati e scarsamente ventilati dove le persone non indossano maschere e gridano o cantano, come alcuni pub.  In un museo spazioso che non è affollato e dove tutti indossano maschere, come attualmente richiesto nel Regno Unito, il rischio dovrebbe essere inferiore.  Tuttavia, il rischio dipende anche dalle probabilità di incontrare persone infettive.  Se i numeri dei casi aumentano, aumentano anche queste probabilità.  Anche il modo in cui ti recherai al museo sarà importante.

  E all'aperto?

 Il rischio varierà enormemente a seconda delle circostanze, ad esempio quanto vento c'è, quante persone sono intorno a te, quanto sono vicine e se ce ne sono infette.  Anche il tempo è un fattore: potresti dover stare vicino a una persona infetta per un po’ 'di tempo e respirare una dose di virus abbastanza alta da infettarti.

  I filtri HEPA sono molto utili?

  Con il termine filtro HEPA (dall'inglese High Efficiency Particulate Air filter) si indica un particolare sistema di filtrazione ad elevata efficienza di fluidi (liquidi o gas).

 Questi filtri dovrebbero rimuovere la maggior parte delle particelle di aerosol fluttuanti che potrebbero contenere i virus.  Questi sono ora consigliati per il filtraggio dell'aria di ricircolo negli impianti di ventilazione degli spazi pubblici.  Ad esempio, tutti gli aerei passeggeri dovrebbero averli, il che potrebbe aiutare a spiegare perché ci sono relativamente pochi casi confermati di persone infettate durante il volo.  Ma non sappiamo quanta differenza abbiano fatto.

  Quanto tempo il virus rimane attivo sulle superfici?

 Dopo aver esaminato la letteratura scientifica, Emanuel Goldman della Rutgers University nel New Jersey ha concluso che il rischio di infezione dalle superfici è minimo per la maggior parte delle persone.  "L'attenzione dovrebbe essere sulle maschere, sulle distanze sociali e sul fare le cose all'aperto il più possibile", dice.  "Le superfici inanimate sono un fattore molto secondario in tutto questo."

 Don Schaffner, anche lui della Rutgers, afferma di aver trovato solo un caso che fornisce prove di trasmissione tramite superfici, o i vettori passivi (aghi, indumenti ecc.), nella letteratura.  È avvenuto per due persone che sedevano nello stesso posto in un volo per Singapore.  Ma in questi casi si mitiga il rischio usando un disinfettante per le mani e lavando le mani regolarmente.  "Non sto dicendo alle persone di non preoccuparsi delle superfici", dice.  "Sto dicendo che ti devi preoccupare prima delle altre persone."

  Un documento pubblicato il 7 ottobre ha rilevato che SARS-CoV-2 potrebbe rimanere stabile per 28 giorni a 20 ° C su superfici non porose, come touchscreen in vetro, acciaio inossidabile e banconote di carta.  Il team australiano dietro la ricerca ha convenuto che il virus si diffonde principalmente attraverso aerosol e goccioline nell'aria, ma ha concluso che anche le superfici possono essere una via importante perché il virus "può rimanere infettivo per periodi di tempo significativamente più lunghi di quanto generalmente considerato possibile".  Tuttavia, le differenze nel mondo reale di temperatura, umidità e luce solare (i campioni di virus sono stati testati in un laboratorio al buio) significano che i risultati non riflettono le situazioni della vita reale.

 Vale la pena disinfettare le superfici e, in caso affermativo, con cosa?

  A casa, disinfetta le superfici come faresti normalmente.  Acqua e sapone vanno bene, dice Goldman.  Dice di sentire di persone che disinfettano la posta e puliscono la spesa.  "È una buona idea lavarsi le mani dopo essere tornati dalla drogheria", dice, ma non è necessario disinfettare il cibo.

  Le maschere sono una misura efficace?  È necessario indossarne uno all'aperto?

 Un numero crescente di studi suggerisce che le coperture per il viso riducono le possibilità di contrarre l'infezione, rendono le infezioni meno gravi se si viene infettati, riducendo la quantità di virus a cui si è esposti, e impediscono di infettare gli altri se si è contratto il virus.  Nessun singolo studio è conclusivo, ma considerato nel suo insieme, l'evidenza è convincente.  Anche quando non è necessario indossare coperture per il viso all'esterno, è comunque una buona idea in luoghi affollati dove non è possibile evitare di essere vicini agli altri.

 Indossare maschere per lunghi periodi di tempo è dannoso per la salute dei bambini?

  I bambini piccoli non dovrebbero indossare maschere.  L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) afferma che i bambini di età pari o inferiore a 5 anni non dovrebbero essere tenuti a indossarle e per quelli di età compresa tra i 6 e gli 11 anni dovrebbe dipendere dalle circostanze.  In Inghilterra e Galles, i bambini sotto gli 11 anni non devono indossare maschere, nell'Irlanda del Nord vale per i minori di 13 anni e in Scozia per i minori di 5 anni.  Ci sono anche esenzioni per le persone che trovano fastidioso indossare o rimuovere le maschere.  Ci sono state affermazioni che si sono diffuse sui social media secondo cui può essere dannoso indossare maschere per lunghi periodi, ma i medici dicono che questo non è vero.  Finché puoi respirare comodamente dopo aver indossato una maschera che deve rimane asciutta, per quanto tempo la indossi non dovrebbe avere importanza.

 Vaccini

 Quali sono i progressi nello sviluppo di un vaccino universale contro il coronavirus?

  Mai prima d'ora nella storia del vaccino sono stati fatti così tanti progressi in così poco tempo.  Diversi vaccini sono già in fase di sperimentazione III per vedere se funzionano davvero e si stanno sviluppando dozzine di altri potenziali vaccini.  Anche i produttori di vaccini vengono pagati per prepararsi a fare miliardi di dosi.  Le speranze sono alte, ma anche se diversi vaccini si dimostrassero efficaci, ci vorranno anni per distribuirli in tutto il mondo.

  I primi vaccini andranno a beneficio dei più vulnerabili?

 Le persone anziane hanno una risposta immunitaria inferiore ai vaccini e quindi i vaccini antinfluenzali per loro contengono componenti aggiunti chiamati adiuvanti che aumentano la risposta immunitaria.  Non sappiamo se questo sarà necessario per il coronavirus, ma il vaccino Novavax già negli studi di fase III contiene un adiuvante e molti altri vaccini con adiuvanti si trovano in sperimentazioni umane in fase iniziale.

  Se emergono diversi ceppi del nuovo coronavirus, possiamo aspettarci che un vaccino sia completamente efficace?

 Ci sono molte ragioni per cui i vaccini potrebbero non essere efficaci al 100%, sfortunatamente.  Ad esempio, potrebbero non produrre una risposta immunitaria abbastanza forte.  Le differenze tra le varianti di coronavirus sono piccole, quindi la speranza è che qualsiasi vaccino funzioni contro tutte.  Se questo non dovesse essere il caso, tuttavia, dovrebbe essere possibile modificare i vaccini in modo che proteggano da più varianti, proprio come fanno i vaccini antinfluenzali.

  Quanto tempo si sarebbe risparmiato nello sviluppo di un vaccino effettuando prove di sfida, rispetto all'approccio tradizionale?

 Con le prove di sfida, alle persone sane viene somministrato il coronavirus per testare l'efficacia di un vaccino.  Questi potrebbero essere in grado di dare risultati in settimane invece che in mesi o anni, almeno per i giovani.  Nessuno propone prove di sfida che coinvolgono persone anziane o vulnerabili, quindi non sapremo quanto bene funziona un vaccino per questi gruppi fondamentali.

 Sarebbe un vantaggio ricevere più di un vaccino nello stesso momento in cui diventano disponibili, dal momento che nessun vaccino promette di offrire una protezione globale o di essere efficace al 100%?

  Non sappiamo ancora quanto bene funzionerà un vaccino, alcuni potrebbero proteggere completamente dalle infezioni.  Sarebbe anche immorale per chiunque ottenere due vaccini mentre le scorte sono limitate.  Inoltre, l'ingrediente chiave di molti vaccini è la proteina del coronavirus.  Se due diversi vaccini contengono la stessa versione della proteina spike, è improbabile che riceverli contemporaneamente sia in grado di fornire alcun vantaggio.  Tuttavia, ottenere una seconda iniezione di vaccino poche settimane o mesi dopo potrebbe aumentare la risposta immunitaria.  Questo è il motivo per cui molti vaccini candidati contro il coronavirus comportano due dosi somministrate a poche settimane di distanza.

  Trattamenti

 Con i miglioramenti nel trattamento, come è cambiato il tasso di mortalità per covid-19?

 Abbiamo una buona idea di quante persone sono morte nelle nazioni più ricche.  Quello che non sappiamo è quanti sono stati infettati, poiché il numero di casi segnalati non è la storia completa.  Quindi non esiste un modo definitivo per calcolare il tasso di mortalità dell'infezione (che stima la percentuale di decessi tra le persone infette) o come sta cambiando - le stime variano ancora ampiamente.  I dati dell'Intensive Care National Audit & Research Center del Regno Unito suggeriscono che l'83% delle persone ricoverate in unità di terapia intensiva dopo il 1 ° settembre sopravvive rispetto al 60% prima di questa data, ma questi numeri devono essere trattati con cautela.  Le unità di terapia intensiva potrebbero aver respinto più casi limite durante il primo picco all’inizio dell’anno a causa della mancanza di risorse, ad esempio, rendendo il tasso di mortalità apparente più alto allora.

 È probabile che la terapia al plasma sia efficace?

 In teoria, ci sono tutte le ragioni per pensare che il trattamento di pazienti covid-19 utilizzando plasma sanguigno prelevato da persone che si sono riprese dalla malattia funzionerà.  E diversi piccoli studi iniziali hanno riportato risultati promettenti.  Ma dobbiamo aspettare i risultati di grandi sperimentazioni perché la complessità della biologia spesso confonde le aspettative.  Ad esempio, è stato appena scoperto che un decimo delle persone con grave covid-19 produce anticorpi contro una molecola antivirale chiave prodotta dal proprio corpo, una sorta di risposta autoimmune.  Il plasma donato da questi individui potrebbe peggiorare la malattia.

 Test

 È realistico per il Regno Unito aumentare la capacità di test al livello richiesto per avere una sorveglianza adeguata e una rapida tracciabilità dei contatti?

  Gli esperti ritengono che i test possano essere intensificati se il governo del Regno Unito si espande oltre il suo attuale approccio ampiamente centralizzato.  Ciò significa fornire supporto ai laboratori più piccoli, afferma Charles Swanton del Francis Crick Institute, ad esempio fornendo loro soluzioni Tecnologiche e supporto per lavorare con ospedali, case di cura e comunità.  Un nuovo laboratorio vicino a Loughborough - uno dei "Lighthouse Labs" che fa parte della spina dorsale dei test nel Regno Unito - dovrebbe aggiungere capacità per ulteriori 50.000 test al giorno entro la fine dell'anno.

 Swanton afferma che una migliore tracciabilità dei contatti è vitale se si vuole che test più approfonditi siano efficaci nel rallentare l'epidemia.  La ricerca dei contatti in Inghilterra non riesce a tenere il passo con la domanda.  I dati pubblicati l'8 ottobre mostrano che il 31,4 per cento dei contatti, ovvero quasi 32.000 persone, non è stato raggiunto, il livello più basso dall'inizio del programma a maggio.  "Migliorare il tracciamento dei contatti, sia in avanti che all'indietro, per stabilire come il caso indice è stato infettato in primo luogo sarà una parte centrale ed essenziale degli sforzi per aumentare la capacità di test", afferma Swanton.  "Senza un'efficiente infrastruttura di tracciamento dei contatti e una disponibilità dei test 24 ore su 24, l'aumento della capacità sarà associato solo a guadagni marginali".