Come covid-19 ha generato una invasione di plastica: cosa è possibile fare al riguardo

 Adam Vaughan pubblicato su New Scientist del 15-08-2020

 Molti pensano erroneamente che le conseguenze negative della pandemia da Covid-19 riguardino soprattutto l’ambito sanitario con eventuali gravi ripercussioni in campo economico, ma secondo alcune recenti pubblicazioni la situazione potrebbe essere peggiore di quanto previsto per quanto riguarda l’inquinamento.

 Sembrava che l'anno scorso l’opinione pubblica si fosse rivoltata contro la plastica monouso, con l'Unione Europea che ha approvato il divieto di posate, cannucce e altro, ed il comune di New York che conferma il divieto dei sacchetti di plastica; comunque la pressione dei consumatori continuava a crescere.

 Poi è arrivato il coronavirus.  I timori per l'igiene e la richiesta di maschere hanno scatenato la paura di inquinamento da plastica, mentre i lobbisti del settore spingono per annullare le restrizioni precedenti.

  Non è passato abbastanza tempo perché ci siano dati ufficiali sui rifiuti di plastica e sui tassi di riciclaggio, ma non mancano stime e aneddoti.  Ogni persona nel Regno Unito che utilizza una maschera monouso al giorno per un anno creerebbe 66.000 tonnellate di rifiuti di plastica secondo una stima di un team dell'University College di Londra.  I lettori di New Scientist hanno riferito di aver visto maschere scaricate su spiagge, strade, porti e campagne.

 Nel frattempo, gran parte del settore della vendita al dettaglio e dell'ospitalità in genere ha interrotto gli sforzi per ridurre l'uso della plastica.  Molte catene di caffè-bar hanno smesso di usare tazze riutilizzabili, i pub nel Regno Unito servono solo bevande in contenitori di plastica, non in vetro, e le pompe dei distributori di benzina sono state dotate di guanti di plastica monouso.  I supermercati online hanno smesso di raccogliere e riciclare i sacchetti di plastica.  L'elenco potrebbe continuare.

 "I cittadini possono indossare maschere facciali riutilizzabili, smaltire con cura le maschere e i guanti monouso, per evitare di aumentare l'inquinamento da plastica che già intasa i nostri fiumi e mari", afferma Louise Edge di Greenpeace UK.

 Anche i governi e le autorità locali stanno tornando indietro.  La California ha abbandonato il divieto sui sacchetti di plastica monouso per diversi mesi, anche se da allora lo ha in parte ripristinato.  Altri luoghi negli Stati Uniti, da Denver a Minneapolis, hanno rimandato i divieti o le tasse sui bagagli o hanno revocato quelli esistenti.  L'Italia ha rinviato una tassa sulla plastica su bottiglie, borse di plastica, e altro fino al 2021. Il tentativo sostenuto dalla Norvegia per stabilire un trattato internazionale sull'inquinamento marino da plastica è stato rinviato a tempo indeterminato con tutti gli incontri previsti   a causa del covid-19.

 Mentre tutto questo va avanti, l'industria della plastica ha colto l'opportunità di respingere le crescenti restrizioni inserite negli ultimi anni, sostenendo che nel corso di una pandemia, la plastica monouso è più sicura e più igienica "L'industria della plastica utilizza cinicamente il covid-19 come giustificazione per la rimozione delle restrizioni", afferma Julian Kirby di Friends of the Earth.

 L'unità di intenti potrebbe non riuscire.  Gli organismi commerciali negli Stati Uniti, in Europa e nel Regno Unito hanno scritto al governo e ai funzionari statali chiedendo loro di promuovere i presunti benefici della plastica monouso durante la pandemia, ma non hanno ancora visto cambiamenti politici. Nel frattempo, i tassi di riciclaggio della plastica potrebbero essere diminuiti.  Mushtaq Memon del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) afferma di aver sentito notizie di un calo dovuto a catene di approvvigionamento interrotte, minori raccolte e paura della plastica contaminata.  Nel Regno Unito, il 26% delle autorità locali ha segnalato interruzioni del riciclaggio all'inizio di aprile, al culmine del blocco.  Quella cifra è scesa al 18% entro la fine di luglio.

 La rinascita del uso della plastica è stata innescata dalle preoccupazioni per la trasmissione del coronavirus, ma non è chiaro se quei timori siano ben fondati.  Diversi studi hanno scoperto che il virus sembra durare più a lungo sulla plastica che su altri materiali, inclusi vetro e cartone.  Decine di accademici hanno firmato una dichiarazione in cui afferma che i prodotti riutilizzabili "possono essere utilizzati in modo sicuro impiegando l'igiene di base". "Gli esperti ci dicono che quando si tratta di acquistare cibo e bevande, gli imballaggi in plastica non offrono alcuna protezione speciale e bicchieri e contenitori riutilizzabili sono perfettamente sicuri da usare", afferma Edge.

 Un motivo di speranza è che le persone sembrano ancora preoccuparsi di arginare l'uso della plastica nonostante la pandemia.  Nel Regno Unito, il 74% delle persone ha affermato che covid-19 non ha fatto alcuna differenza per i loro piani di ridurre l'uso di imballaggi in plastica, e il doppio ha affermato che avrebbero tagliato di più, piuttosto che di meno, come YouGov ha scoperto all'inizio di aprile.  Allo stesso modo, i sondaggi UNEP su persone in Indonesia, Malesia, Filippine, Tailandia e Vietnam suggeriscono che la preoccupazione per l'inquinamento da plastica rimane alta. E mentre alcune aziende potrebbero aver fatto passi indietro nel breve termine, ci sono pochi segni di grandi Industrie che rinnegano gli obiettivi a lungo termine, come l'impegno dello scorso anno del supermercato britannico Sainsbury a dimezzare gli imballaggi in plastica entro il 2025.

Alcuni attivisti e osservatori internazionali vedono i piani di ripresa economica del covid-19 e i cambiamenti nel comportamento dei consumatori come un'opportunità per reprimere la plastica monouso.  "Dobbiamo muoverci verso un'economia più circolare, rallentando il nastro trasportatore dalla produzione allo spreco, attraverso un maggiore riciclaggio, meno materiale monouso usa e getta, un design migliore ed un uso mirato dei materiali", afferma Richard Bailey dell'Università di Oxford.