Ci sarà un'altra pandemia. Per fortuna, dovremmo già sapere cosa fare.

Abbiamo tradotto in italiano l'editoriale presente a questo link : https://www.newscientist.com/article/mg24632872-600-there-will-be-another-pandemic-thankfully-we-already-know-what-to-do/

Esiste già un piano di battaglia per affrontare l'inevitabile prossima pandemia - ma ci vorranno soldi e forza per usarlo in modo efficace quando sarà necessario.

Poiché molti paesi fanno un passo indietro verso la normalità, i pensieri inevitabilmente si rivolgono al futuro. Quali lezioni abbiamo imparato dai passi falsi fatti in questi mesi che possiamo applicare per preparare la prossima pandemia? Perché, per la sua natura di epidemia, i tempi e la mortalità non possono essere conosciuti, ma possiamo essere certi che ce ne sarà un’altra. Le condizioni che hanno portato a tutto questo, incluso il sempre maggiore commercio internazionale, i viaggi e le continue invasioni dell’uomo nelle aree selvagge, potrebbero fare una breve pausa, ma torneranno a manifestarsi.

In un mondo ideale, una volta che il virus fosse stato adeguatamente controllato, i leader di tutto il mondo si sarebbero riuniti per fare il punto e produrre una serie di passaggi ponderati per prepararsi alla prossima pandemia. Eppure, anche in paesi che stanno allentando le restrizioni, questo focolaio dell’infezione attuale è tutt'altro che finito. In molte parti del mondo, sta solo iniziando. Ciò significa che gli effetti a catena della noncuranza, delle politiche a breve termine e del nazionalismo che hanno definito gran parte dei preparativi e della risposta finora continuano a manifestarsi. Niente di tutto ciò è favorevole alla futura pianificazione della pandemia.

 Tuttavia, non possiamo permetterci di aspettare che finisca questa prima di prepararci alla prossima ondata. Ci sono buone notizie però: esiste già un piano. Sei perdonato per non averlo realizzato, viste alcune delle risposte finora. Anche se non è perfetto, è un buon punto di partenza per un piano più completo.

 Tanto per cominciare, i regolamenti internazionali concordati da quasi 200 paesi stabiliscono esattamente come identificare una potenziale pandemia, il lasso di tempo per far scattare l'allarme e persino le migliori pratiche per collaborare oltre i confini e ai punti di ingresso internazionali. Ma accettare i piani è una cosa, attenersi a loro e vederli attraverso un altro.

 Forse si tratta di riformulare il tutto. "Il mondo deve prepararsi alle pandemie nello stesso modo in cui si prepara alla guerra", ha affermato Bill Gates nel 2018. La maggior parte dei paesi mantiene estese difese militari - a costi elevati - nella speranza di non doverle mai usare.

 Questo dovrebbe valere anche qui. Abbiamo visto come un virus può uccidere le persone e distruggere le economie. La salvaguardia contro questa minaccia non può più essere considerata un lusso inaccessibile.