Al lavoro, a scuola e a vedere gli amici: come ridurre il rischio di coronavirus

Abbiamo tradotto in italiano l’articolo a cura di Linda Geddes presente a questo link :

https://www.newscientist.com/article/mg24632843-300-at-work-school-and-seeing-friends-how-to-lower-your-coronavirus-risk/

Il coronavirus è ancora in circolazione ma molti paesi stanno prendendo provvedimenti per allentare le restrizioni. Se viene richiesto di tornare al lavoro o di rimandare i figli a scuola, come è possibile ridurre al minimo il rischio di infezione per te e la tua famiglia?

Sebbene ci siano ancora molte incognite sul virus, una crescente quantità di dati su come questo si trasmette e sopravvive sulle superfici può guidare le nostre decisioni.

È opportuno tenersi aggiornati e seguire le linee guida locali. Al momento della pubblicazione, le linee guida per l'Inghilterra, ad esempio, erano che chiunque fosse in grado di lavorare da casa dovrebbe continuare a farlo e che le visite sociali dovrebbero essere limitate alle riunioni all'aperto con una sola persona alla volta, almeno a 2 metri di distanza. Le protezioni per il viso sono consigliate in spazi pubblici chiusi.

Come evitare l'infezione

È molto probabile che si possa prendere il virus SARS-CoV-2 trascorrendo molto tempo vicino a una persona infetta in uno spazio chiuso. I ricercatori di Guangzhou, in Cina, hanno esaminato il modo in cui il virus è stato trasmesso tra 347 persone con infezioni confermate e le persone con cui hanno avuto contatti. Hanno scoperto che il rischio che l'infezione venisse trasmessa a casa o dal contatto ripetuto con la stessa persona era circa 10 volte maggiore del rischio di trasmetterla in ospedale e 100 volte maggiore rispetto a farlo sui mezzi pubblici (medRxiv, doi .org / dwgj).

 Fuori casa, è difficile classificare i rischi relativi, poiché gli ambienti variano ampiamente. Tuttavia, "ciò che possiamo dire è che la diffusione della SARS-CoV-2 tende ad essere più elevata nelle aree comuni in cui vi è un numero maggiore di persone che passano o in aree in cui vi è un maggiore coinvolgimento fisico con l'ambiente circostante, ad esempio le maniglie delle porte, scrivanie e tastiere di computer ", afferma Seema Jasim presso il MRC-University of Glasgow Centre for Virus Research, Regno Unito.

 Il rischio sembra anche maggiore quando le persone sono più fisicamente attive. Indagini su un gruppo di casi nella città sudcoreana di Cheonan hanno rivelato che otto istruttori di fitness sono stati infettati dal virus dopo aver partecipato a un seminario di Zumba di 4 ore. Alcuni di loro lo hanno successivamente trasmesso agli studenti durante le lezioni che hanno comportato esercizi ad alta intensità in un piccolo studio al coperto (Emerging Infectious Diseases, doi.org/ggwpjz).

 "L'atmosfera calda e umida unita al flusso d'aria turbolento generato da un intenso esercizio fisico può causare una trasmissione più densa di goccioline isolate", scrive il team che ha condotto lo studio. Tuttavia, gli studenti che frequentano corsi di yoga e pilates più limitati nello stesso spazio non sono stati infettati.

 Si consiglia comunque di lavarsi le mani regolarmente e accuratamente. Non è chiaro per quanto tempo il virus possa sopravvivere e rimanere contagioso sulle superfici, ma si ritiene che questa sia ancora una via di trasmissione significativa.

 "Se le superfici sono state contaminate da goccioline di una persona infetta, potrebbe esserci una quantità di virus sufficiente per infettare una persona che tocca la superficie e successivamente trasferisce il virus alla bocca, al naso, agli occhi o al viso", afferma Margaret Hosie, anche presso la MRC -Università del Glasgow Centre for Virus Research. "Tuttavia, se si lavano accuratamente le mani con sapone e acqua calda per almeno 20 secondi, qualsiasi virus sulle loro mani verrà distrutto."

Un recente studio ha rivelato che il lavaggio delle mani da 6 a 10 volte al giorno è associato a una riduzione del 36% del rischio di infezione da coronavirus (Wellcome Open Research, doi.org/dwgk).

Poiché il sapone dissolve l'involucro esterno grasso del virus, il lavaggio con acqua ma senza sapone non è così efficace. Lo sfregamento delle mani con alcol funziona, ma è necessario solo dove non c'è accesso alle strutture per il lavaggio delle mani, afferma Hosie.

 Muoversi

Molte persone hanno bisogno o viene chiesto loro di recarsi al lavoro, mentre in alcuni paesi è consentito di spostarsi all'aperto. Quindi, come è possibile ridurre al minimo il rischio in queste circostanze?

"Qualunque cosa tu stia facendo all'aperto, una distanza di 2 metri [dalle altre persone] dovrebbe essere sufficiente", afferma Lena Ciric all'University College di Londra. Questo si basa sulle osservazioni secondo cui grandi goccioline di virus di persone infette tendono a depositarsi a pochi metri dalla loro fonte. "Goccioline più piccole, che trasportano meno particelle di virus, possono spostarsi ulteriormente ma saranno disperse rapidamente dalle correnti d'aria", afferma Ciric.

Ma sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere il ruolo delle piccole particelle di aerosol nella trasmissione del virus. Un recente studio ha suggerito che le gocce possono essere trasportate fino a 8 metri in nuvole di aria umida e turbolenta, come quelle prodotte dagli starnuti (JAMA Insights, doi.org/ggqtj4). Lo studio, tuttavia, non ha testato se tali nuvole potevano trasmettere il virus o cosa sarebbe successo a nuvole simili in un ambiente esterno.

Per arrivare al lavoro, i modi di trasporto che evitano altre persone, come camminare, andare in bicicletta o guidare in auto, sono i rischi più bassi. Il car sharing può essere la prossima opzione più sicura, supponendo che il conducente stia dando solo un numero limitato di persone. I taxi trasportano numerosi passeggeri, quindi c'è il rischio di contrarre il virus da superfici come sedili e maniglie delle porte o dal conducente che parla, tossisce o starnutisce.

 Se queste opzioni non sono disponibili, rimane il trasporto pubblico. Le persone che viaggiano su autobus o tram durante la stagione influenzale invernale possono avere circa sei volte più probabilità di sviluppare un'infezione respiratoria rispetto a coloro che non usano i mezzi pubblici.

Se devi usarlo, ci sono cose che puoi fare per ridurre il rischio. La quantità di tempo che passi vicino ad altri utenti dei trasporti è importante, afferma Anders Johansson dell'Università di Bristol, nel Regno Unito, che ha modellato la trasmissione delle malattie nella metropolitana di Londra.

Oltre a cercare di evitare le stazioni più trafficate e gli orari di viaggio più affollati, vale la pena considerare il tempo che impieghi a muoverti nelle stazioni. Quelli con lunghi passaggi sotterranei - specialmente se comportano l'incontro con persone che camminano nella direzione opposta -sono a rischio, ed è anche meglio evitare di cambiare treno. Questo cambio "di solito significa che trascorri un tempo più lungo nella stazione, e ci si mescola con persone provenienti da varie parti diverse della città, se non dal paese", afferma Johansson.

Il rischio di esposizione può essere leggermente inferiore su autobus, treni e tram con piattaforme esterne, ma una volta all'interno del veicolo, il rischio di infezione dipende da quanto bene i passeggeri possono distanziarsi e da quanti salgono e scendono. "Se ti trovi accanto alla porta dell'autobus, ci saranno molte persone che passano vicino a te a distanza ravvicinata", afferma Anders.

La simulazione della trasmissione di malattie respiratorie su aerei ha scoperto che spostarsi all'interno della cabina aumenta il rischio di una persona di incontrare un passeggero infetto, mentre quelli seduti vicino ai finestrini tendono ad avere il più basso contatto con altre persone.

Quando si viaggia, continuare a prestare attenzione alle superfici. Lo studio sulla trasmissione in aereo ha identificato la base dei vassoi, le cinture di sicurezza e le maniglie delle toilette come oggetti ad alto rischio, ma anche i binari per le mani o per attaccarsi , gli strumenti di pagamento e gli schermi protettivi in ​​plastica possono ospitare virus.

I paesi variano nei loro consigli sulle protezioni del viso quando ci si muove. Finora, l'evidenza suggerisce che potrebbe esserci un piccolo vantaggio nell'indossare una sorta di copertura per il viso, poiché questa sembrano ridurre la misura in cui i malati diffondono il virus. Inoltre, le protezioni per il viso possono aiutare a proteggere le persone vulnerabili che entrano temporaneamente in luoghi ad alto rischio come gli ospedali, ma l'uso di maschere mediche per tutti può privare gli operatori sanitari di dispositivi di protezione.

Rischi sul lavoro

Ci sono ragioni per essere nervosi per gli spazi di lavoro interni. Uno studio in Giappone che ha seguito i contatti di 110 persone infette ha concluso che la possibilità di catturare il coronavirus in un ambiente chiuso è 18 volte maggiore rispetto a un ambiente all'aperto. Gli eventi di super-diffusione, in cui un individuo infetto trasmette il coronavirus a molti altri, avevano anche maggiori probabilità di verificarsi al chiuso (medRxiv, doi.org/dwgn).

Alcuni ambienti interni possono essere più rischiosi di altri. Durante l'epidemia covid-19 a Wuhan, in Cina, i ricercatori hanno prelevato l'aria da varie posizioni in due ospedali. L'RNA virale è stato rilevato in un'unità di terapia intensiva, in aree di cambio del personale e in una piccola toilette non ventilata (Nature, doi.org/ggtgng). Hosie afferma che le aree scarsamente ventilate hanno un rischio maggiore di infezione. "Una buona ventilazione significa cambiare regolarmente l'aria all'interno dello spazio, non solo raffreddare e far ricircolare la stessa aria", afferma Ciric.

Un altro studio di Wuhan ha rivelato che i desktop, le tastiere dei computer, le maniglie delle porte e i distributori di disinfettanti per le mani sono le superfici più contaminate all'interno degli ospedali. Sono stati rilevati più virus su questi che su guanti, protezioni per gli occhi e schermi facciali utilizzati negli ospedali (medRxiv, doi.org/ggqtpr). È quindi essenziale disinfettare regolarmente le superfici ad alto rischio di contatto e gli oggetti condivisi, così come lavarsi le mani dopo averle toccate.

 I programmi sul posto di lavoro possono anche essere modificati per ridurre le possibilità che le persone si mescolino. "Forse tutti non hanno bisogno di tornare o andare per la pausa pranzo allo stessa ora", afferma Johansson. È giusto considerare che il momento in cui le persone iniziano a lavorare sia un grosso problema, ma nel caso di un grande magazzino questa valutazione potrebbe fare una differenza enorme perché non avresti necessariamente una folla enorme che aspetta fuori quando la porta si apre. ”

 Schermi di plastica trasparenti possono essere utili per i lavoratori il cui ruolo comporta che si incontrino un gran numero di persone dove è difficile l'allontanamento sociale, come il personale della cassa del supermercato, i farmacisti o gli addetti alla reception medica. "In questi contesti, questi schermi di plastica fungono da barriera fisica alle goccioline trasportate dall'aria", afferma Jasim.

Ma quanto sono efficaci dipende dalle loro dimensioni e da quanto bene sono montati. "Possono anche diventare un rischio se non vengono puliti regolarmente", afferma Ciric. I rivestimenti per il viso possono anche aiutare i lavoratori che devono interagire con molte persone.

Rientro a scuola

Dai dati pubblicati finora, i bambini sembrano avere meno probabilità di contrarre l'infezione rispetto agli adulti e, quando lo fanno, hanno meno probabilità di sviluppare sintomi gravi. Sebbene una piccola minoranza si ammali gravemente, anche con una sindrome infiammatoria recentemente identificata, ciò vale anche per molte altre malattie virali.

"In una pandemia, in cui così tante persone vengono infettate senza alcuna immunità precedente, forse non sorprende che alcune persone stiano sviluppando un'infiammazione durante le fasi successive", afferma Saul Faust presso l'Università di Southampton, nel Regno Unito. “Dobbiamo capirlo meglio. Ma quello che è chiaro è che per i bambini questo problema riguarda un numero molto piccolo e stanno quasi tutti migliorando, anche se alcuni hanno bisogno di cure ospedaliere. "

Ci sono anche poche prove che le scuole e gli asili nido siano i principali terreni fertili per l'infezione, sebbene questo sia difficile da valutare perché molti paesi hanno chiuso le loro scuole relativamente presto nella pandemia.

Alcune nuove rassicurazioni provengono da un rapporto del Commissario per l'infanzia in l'Inghilterra, il cui team ha intervistato i gestori di 44 asili nido che sono collegati agli ospedali del SSN e sono rimasti aperti. Tre hanno riportato un caso confermato di covid-19 in un bambino e otto hanno segnalato un caso sospetto, ma non hanno trovato prove di trasmissione da bambino a bambino all'interno degli asili .

E sebbene 19 di questi abbiano segnalato un caso confermato o sospetto di covid-19 tra il loro personale, in 10 casi il manager ha dichiarato che non era stato catturato nel luogo di lavoro, mentre nei restanti casi la fonte non era chiara. Allo stesso modo, nel Nuovo Galles del Sud, in Australia, solo due su 735 studenti hanno contratto il virus dopo aver frequentato le scuole dove c'erano nove bambini infetti e nove adulti infetti.

D'altra parte, l'apertura delle scuole può indurre un aumento dei casi tra la popolazione generale. La Danimarca, che ha riaperto le sue scuole primarie il 15 aprile, ha segnalato un aumento del numero R - il numero medio di persone che ogni caso infetta - da 0,6 a 0,9 nelle due settimane successive, ma da allora è nuovamente calato.

Anche se i bambini non sembrano diffondere il virus tanto quanto alcune persone avevano temuto, per alcune famiglie, i rischi di rimandare i propri figli a scuola o all'asilo supereranno i benefici. "Certo, devi considerare le circostanze di ogni famiglia e il rischio cambia se hai una mamma o un papà che ha un cancro o un nonno che vive nella stessa casa che ha ipertensione o l'unica assistenza all'infanzia dopo la scuola disponibile possa essere la nonna, che ha il cancro ", dice Faust. "Ma se è la salute di tuo figlio di cui sei più preoccupato, il rischio per loro appare basso."

Tuttavia, attendere ancora un po' potrebbe ridurre ulteriormente questo rischio. Il 22 maggio, un gruppo di scienziati indipendenti ha annunciato che la modellizzazione suggerisce che ritardare di due settimane i piani di riapertura delle scuole nel Regno Unito il 1 ° giugno dimezzerebbe il rischio per i bambini, mentre aspettare fino a settembre potrebbe ridurre ulteriormente il rischio.

Incontro con amici e familiari

Le prove suggeriscono che l'infezione in casa e tra i membri della famiglia è una fonte significativa di trasmissione virale e che visitare le persone a casa non è ancora consentito in molti paesi. Poiché il rischio di trasmissione è probabilmente molto più basso all'aria aperta e può essere ridotto mantenendo una distanza di 2 metri, è probabilmente più sicuro incontrare persone esterne alla propria casa in spazi esterni poco affollati.

Ma cosa succede se tu e un tuo amico siete stati entrambi in auto isolamento? Sarebbe quindi sicuro visitarsi l'un l'altro? In generale, ci si aspetterebbe che sviluppati tutti i sintomi di un'infezione e che lo spargimento virale sia in gran parte cessato, 14 giorni dopo la cattura del virus. Questo può essere vero anche per i casi asintomatici. "In entrambi i casi, alla fine del periodo di 14 giorni ci si può considerare non infettivi", afferma David Heymann alla London School of Hygiene & Tropical Medicine.

Ciò può suggerire che, se sei rimasto a casa negli ultimi 14 giorni e non hai avuto alcun contatto esterno, è improbabile che tu abbia il virus.

Tuttavia, ci sono state segnalazioni del virus che persiste nel corpo per più di due settimane. Un'analisi di ricercatori statunitensi ha calcolato che il 97,5 per cento delle persone che sviluppano sintomi covidi-19 lo fanno entro 11,5 giorni dall'esposizione, ma hanno stimato che per ogni 10.000 individui messi in quarantena per 14 giorni, circa 101 di loro svilupperebbero sintomi dopo questo periodo ( Annals of Internal Medicine, doi.org/dph3). Uno studio in Cina ha riportato periodi di incubazione che vanno da 0 a 33 giorni e ha suggerito che una quarantena di 18 o 21 giorni catturerebbe molti più casi (medRxiv, doi.org/dwgp).

Per questo motivo, le persone dovrebbero rimanere caute nel visitare altre persone, soprattutto se sanno di essere state infettate o di aver incontrato altre persone infette. Inoltre, se uno di voi appartiene a gruppi ritenuti vulnerabili a covid-19, Heymann suggerisce di indossare entrambe le maschere come ulteriore precauzione quando ci si riunisce.