In che modo le persone con più di 60 anni possono proteggersi in questa emergenza

Categoria: Notizie dal mondo
Pubblicato: Mercoledì, 01 Aprile 2020 11:08
Scritto da Ryder Italia Onlus
Visite: 255

Di seguito, la traduzione in italiano di un'intervista di Katie Couric tratta da questo link :

https://medium.com/wake-up-call/how-people-over-60-can-protect-themselves-right-now-92eb50d0a554

Mentre la pandemia di coronavirus continua a dominare i titoli dei giornali, sappiamo che una particolare fascia di popolazione potrebbe essere più vulnerabile: le persone di età pari o superiore a 60 anni . 

Ma cosa espone questo gruppo a maggior rischio di complicanze da Covid-19? E chi ha più di 60 anni o ha una persona cara in quella fascia di età, cosa dovrebbe fare ?

Ci siamo rivolti al medico ed esperto di longevità Dr. Peter Attia ed ecco le sue risposte

Perché la fascia di età superiore ai 60 anni è particolarmente vulnerabile a questo virus?

Dr. Peter Attia: diverse popolazioni sono sensibili a diversi virus. Nel caso del virus SARS-CoV-2 (il coronavirus responsabile di COVID-19) è stato chiaramente osservato che il rischio di morte aumenta notevolmente per le persone di età superiore ai 60 anni, e in particolare per le persone di età superiore ai 75 anni, ciò non significa che le persone di età inferiore ai 50 anni siano al sicuro, ma per loro il rischio è molto più basso.

Probabilmente ci sono alcuni motivi alla base di questa osservazione. In primo luogo, l'età è fortemente correlata ad altre condizioni che aumentano il rischio - in particolare l'ipertensione, le malattie cardiache, il diabete di tipo 2 e le malattie polmonari. 

In secondo luogo, con l'avanzare dell'età, le risposte immunitarie delle persone cambiano e in genere c'è una risposta adattativa ridotta. Infine, quando le persone invecchiano la loro "riserva fisiologica" (quanto stress fisiologico possono tollerare) diminuisce, quindi hanno meno riserva per combattere le malattie gravi.

Cosa direbbe alle persone di età superiore ai 60 anni che non praticano l'allontanamento sociale?

L'opzione migliore per proteggere se stessi e coloro che li circondano dall'infezione è esattamente l'isolamento sociale. Dal più recente rapporto del CDC del 18 marzo sui casi verificatisi negli Stati Uniti per fascia d'età, ~ il 32% dei casi positivi per le età 65-74 anni sono stati ricoverati in ospedale, ~ l'11% di questi casi ha richiesto cure intensive e il tasso di mortalità riferita per questa classe di età è del 3%. E in altri paesi, come l'Italia, i numeri sono anche peggiori.

Inoltre, ritardare l'insorgenza della malattia - indicato come "appiattimento della curva" di crescita dei contagi - è particolarmente importante per garantire che il sistema sanitario possa supportare il numero ricoveri contemporanei in un dato momento.

C'è qualcosa che le persone in questa fascia d'età possono fare per aiutare a rafforzare il loro sistema immunitario in questo momento?

Il sonno può essere il comportamento più importante che possiamo controllare per mantenere un sistema immunitario forte.

Ma anche il sonno o altro altri sistemi di sostenimento del sistema immunitario non serviranno a molto senza allontanamento sociale, data l’alta contagiosità di questo virus. 

Può essere non dannoso assumere integratori di zinco e vitamina D, ma ciò non deve essere considerato affatto come "protezione" sostitutiva di misure più estreme per evitare l'infezione.

Se qualcuno di età superiore ai 60 anni ha bisogno di uscire di casa - diciamo di portare a spasso il cane o andare al negozio di alimentari - come dovrebbe proteggersi al meglio?

Se occorre lasciare un ambiente isolato, è meglio farlo in un momento in cui c'è la più bassa possibilità di incontro con altre persone. Andare a fare una passeggiata dove c'è poco traffico o andare al negozio di alimentari quando è meno affollato limiterà l'interazione da persona a persona. Occorre anche prendere precauzioni speciali come non toccarsi il ​​viso e lavarsi bene le mani dopo ogni uscita. Il lavaggio deve essere protratto almeno per 20-30 secondi con acqua (meglio se calda) e sapone.

Se qualcuno in questa fascia di età dovesse manifestare sintomi, deve andare in ospedale?

Se c’è la possibilità di essere stato esposto e se compaiono dei sintomi è importante chiamare un operatore sanitario il più presto possibile,

Sebbene non sia possibile effettuare una diagnosi al telefono, recarsi in un ambiente ospedaliero aumenta il rischio di esposizione virale e, se possibile, dovrebbe essere evitato. Se i sintomi peggiorano progressivamente, è necessario ricontattare il medico di base possibile tempestivamente . I sintomi devono essere monitorati telefonicamente dal medico al fine di valutare se e quando effettuare il test e passare all'assistenza diretta. 

La telemedicina sta inoltre emergendo come una risorsa fortemente suggerita per monitorare e rilevare i sintomi senza dover lasciare l'isolamento sociale.

Le persone di questa fascia d'età dovrebbero fare qualcosa per prepararsi, nel caso di malattia ?

 I protocolli per l’esecuzione dei di test variano da stato a stato, ma agli individui più anziani e alle persone a rischio di malattia grave generalmente viene data la priorità; e’ bene assicurarsi di aver preso contatto con il proprio medico di base in modo da avere un punto di contatto prima che i sintomi peggiorino. 

È anche una buona idea avere a portata di mano le informazioni cliniche per interpretare correttamente l'insorgenza dei sintomi e comprendere le istruzioni specifiche per il caso si debba recarsi ad effettuare il test.

Il medico può aiutare telefonicamente a valutare quando lasciare l'isolamento per andare a sottoporsi test .

I sintomi più preoccupanti da monitorare sono febbre, tosse e respiro affannoso. Più in generale, è sempre una buona idea essere in contatto con un familiare o un custode che può essere coinvolto e supportare il monitoraggio della progressione dei sintomi e fornire la possibilità di trasporto se e quando necessario.