Qual è la situazione in Francia?

Uno dei migliori sistemi sanitari al mondo sta affrontando il suo test più severo di sempre e, se dovesse riuscire, ciò dirà molto sull'adeguatezza finale di un piano di trattamento nazionale ben finanziato, ben attrezzato e ampiamente accessibile.

Se l'esperimento della Francia, nella limitazione dei  suoi cittadini - meno rigoroso di quello cinese, più precoce dell'italiano, molto più organizzato dell'americano - producesse la speranza di appiattire la curva, sarebbe una giustificazione non solo per il sistema che lo ha provato, ma rappresenterebbe un esempio di uno sforzo organizzato di una democrazia occidentale per combattere il coronavirus. Il verdetto si vedrà tra tre settimane.

Il presidente Emmanuel Macron ha ripetutamente detto ai francesi che il paese è "in guerra". E pensa di andare in battaglia ben preparato. 

La Francia spende di più per la salute della maggior parte degli altri paesi sviluppati, offre accesso ai medici ai massimi livelli a costi inferiori e incoraggia tutti i suoi cittadini, attraverso una copertura universale finanziata dal governo, a tenere traccia delle loro condizioni. La Francia ha il doppio del numero di letti di terapia intensiva dell’Italia.

Il signor Macron non è stato timido nel propagandare le virtù di quel sistema, specialmente in confronto con gli Stati Uniti. 

"Ciò che questa pandemia sta dimostrando, in questo momento, è che l'assistenza sanitaria gratuita, indipendentemente dal reddito, dalla carriera o dalla professione, o dal nostro stato sociale, non è un costi o un onere, bensì un preziosi quando il destino colpisce", ha affermato Macron in un appello televisivo al paese due settimane fa. 

"Ciò che dimostra la pandemia è che ci sono beni e servizi che devono essere protetti dalle leggi del mercato", ha aggiunto. Ma con casi di coronavirus che raddoppiano ogni quattro giorni, anche il sistema relativamente lussuoso della Francia è scricchiolante e sotto stress Una settimana dopo il blocco totale della Francia, Place de la Concorde, normalmente chiusa al traffico, è ora una piazza vuota spazzata dal vento – ma ancora non ci sono segni di una sospensione dell'intensità dell'epidemia.

"Per la Francia, questo è un crash test del nostro sistema", ha dichiarato François Bricaire, uno specialista in malattie infettive presso la National Academy of Medicine. È poco confortante per i francesi che i numeri di coronavirus nel loro paese siano ben al di sotto di quelli in Italia e Spagna, per il momento. Giovedì, 1.696 erano morti negli ospedali - in Italia, i decessi erano stati 6.077 - più di 3.000 erano in condizioni critiche e c'erano più di 29.000 infezioni conosciute. 

"Il nostro sistema centralizzato è forse meglio adatto dell'italiano a un'epidemia", ha dichiarato Bricaire, aggiungendo, "Le decisioni prese a Parigi vengono immediatamente diffuse in tutto il paese".

Ma le autorità potrebbero sottovalutare significativamente il numero di morti in Francia. 

"I decessi in ospedale rappresentano solo una piccola parte della mortalità", ha detto ai giornalisti il ​​direttore sanitario francese Jérôme Salomon. In particolare, sempre più morti nelle case di cura, non ancora conteggiati nei numeri ufficiali, stanno venendo alla luce, in particolare nella Francia orientale - 16 nell'Alta Marna, sette nell'Alta Savoia, 20 nei Vosgi.

Altri 16 sono morti in una casa di cura di Parigi, secondo i rapporti di notizie francesi.

L'epidemia stava "peggiorando rapidamente", ha detto Salomon martedì sera, definendola "intensa e grave".

I casi di coronavirus sono raddoppiati ogni quattro giorni in Francia e non vi sono segni di cedimento dell'intensità dell'epidemia

Gli ospedali con sforzi eccessivi in ​​Alsazia, la regione più colpita di gran lunga, hanno dovuto inviare i pazienti con aerei militari verso le regioni meno colpite, e persino in un treno "medicalizzato". Una conferenza di 2000 cristiani evangelici a Mulhouse a febbraio, dove un numero sconosciuto ma significativo dei partecipanti erano infetti, ha avuto l'effetto di una bomba coronavirus, prima sull'Alsazia e poi su tutta la Francia, mentre i partecipanti si sparpagliavano in tutto il paese.

"Siamo al limite delle nostre capacità", ha dichiarato Jean Sibilia, preside della facoltà di medicina dell'Università di Strasburgo. "Finché raddoppiamo i casi ogni quattro giorni, puoi solo immaginare il carico che dovremo affrontare", ha detto.

Gli ospedali in Alsazia sono così pieni che l'esercito francese ha programmato di creare un ospedale da campo. 

"Ciò che stiamo vivendo qui è assolutamente eccezionale", ha dichiarato Jean-François Cerfon, un medico del pronto soccorso nella città orientale di Colmar. “Un afflusso massiccio di pazienti, per un breve periodo, e dovremmo essere pronti per il lungo periodo. Speriamo solo che entro luglio siamo fuori da questo incubo. "

Ora, tra gli stessi aspri dibattiti che si svolgono in altri paesi - i politici dell'opposizione chiedono se i funzionari fossero preparati, perché le scorte di maschere non fossero più alte e se il signor Macron si fosse mosso abbastanza velocemente. Ora il governo sta trattenendo il fiato per vedere se il solido sistema francese può farcela. Tuttavia, molti dibattiti sono stati attenuati poiché il livello di ansia del pubblico ha finora superato il forte attaccamento del paese alle libertà individuali.

Non ci sono garanzie "Nessun sistema può reggere indefinitamente", ha dichiarato Philippe Juvin, capo del pronto soccorso dell'Hôpital Européen Georges-Pompidou di Parigi. '' C'è sempre un momento in cui l'onda è troppo grande ", ha detto.

"Sarà un test di organizzazione e un test umano", ha aggiunto, osservando che l'ondata di pazienti che arrivano negli ospedali in condizioni critiche stava crescendo. "Avremo la capacità di reggere?"

Settimane di proteste da parte del personale ospedaliero, prima della crisi, per ore troppo lunghe e personale eccessivamente stressato hanno sottolineato il morale basso del sistema sanitario.

Altri stanno cercando di mostrare un atteggiamento coraggioso. "Le squadre di sanitari resistono bene", ha dichiarato Martin Hirsch, direttore degli ospedali di Parigi. "Hanno capacità straordinarie".

Eppure la capitale si sta avvicinando al limite del letto di terapia intensiva di 1.200, e il sig. Hirsch ha detto mercoledì ai media francesi di poter "prevedere solo tre giorni di copertura sanitaria". 

Anche il signor Hirsch, un veterano della sanità, ha riconosciuto il gigantesco lavoro da affrontare. "Come puoi parlare di affrontare qualcosa che non abbiamo mai conosciuto prima?" ha detto in un'intervista telefonica.

Per settimane, la Francia ha pensato di poter sfuggire al destino dell'Italia anche se teneva d'occhio il suo vicino. Le misure iniziali erano limitate: chiudere le scuole nelle zone rurali di Parigi e nella regione nord-occidentale della Bretagna, dove erano stati notati alcuni casi, e vietare riunioni di oltre 1.000 persone. 

Il 6 marzo, con già nove morti, il signor Macron è andato a teatro, in parte per mostrare ai francesi che la vita normale poteva continuare. Ma cinque giorni dopo, ha chiuso le scuole, e due giorni dopo, bar, ristoranti e aziende "non essenziali".

Tuttavia, permise che il primo turno delle elezioni sindacali di Parigi proseguisse il 15 marzo. Quella domenica soleggiata, migliaia di francesi affollavano i parchi e i caffè della città.

Il signor Macron ordinò loro, il giorno successivo, di rimanere nelle loro case.

Con questa azione, la Francia si è posizionata in una posizione più favorevole dell’Italia. L'ordine di confinamento è iniziato quando erano morte solo 148 persone. Il governo italiano, al contrario, ha atteso che il bilancio delle vittime fosse oltre 800 prima di ordinare un blocco nazionale.

"I pazienti malati che avrebbero potuto essere salvati non lo furono, perché il sistema sanitario italiano era saturo", ha affermato William Dab, ex direttore sanitario nazionale francese. Ha aggiunto: "In Francia, siamo ancora in grado di salvare i pazienti in terapia intensiva".

C'è stata resistenza al confinamento nei sobborghi degli immigrati, dove i residenti irrequieti sono stipati in blocchi di appartamenti inospitali. Gli agenti di polizia hanno già distribuito decine di migliaia di multe.

Le autorità affermano di non avere altra scelta che continuare. La posta in gioco è troppo alta. "Le misure che sono state adottate, sono la nostra ultima possibilità di superare democraticamente questa crisi", ha affermato Dab. “Dimostrare che possiamo superare questo senza autoritarismo, senza dittatura, in altre parole come una democrazia può superare una crisi come questa. 

Di Adam Nossiter 27 marzo 2020 New York Times