Un attacco di cuore? No, è il coronavirus

Il paziente di 64 anni è arrivato in un ospedale di Brooklyn con sintomi simili a quelli osservati in pazienti con un grave infarto.

Un elettrocardiogramma ha rivelato un ritmo cardiaco alterato. Il paziente aveva alti livelli ematici di una proteina chiamata troponina, un valore ematico indice di muscolo cardiaco danneggiato. I medici si affrettarono a verificare se le arterie del cuore erano bloccate del paziente, ma scoprirono che nel paziente nessuna arteria era danneggiata.

Il paziente non stava avendo un infarto. Il colpevole era il coronavirus.

Il paziente di Brooklyn si è ripreso dopo 12 giorni in ospedale ed è ora a casa. Ma ci sono state segnalazioni di pazienti simili negli Stati Uniti e all'estero e i casi hanno sollevato domande preoccupanti per i medici.

Cosa dovrebbero fare i medici in questi giorni quando vedono pazienti con apparenti attacchi di cuore? Dovrebbero prima escludere l'infezione da coronavirus - o è una perdita di tempo prezioso per la maggior parte dei pazienti che hanno effettivamente attacchi di cuore?

Ogni paziente coronavirus dovrebbe essere testato per livelli elevati di troponina nel sangue per vedere se il virus ha attaccato il cuore?

"Non so quale sia la risposta giusta", ha detto il dott. Nir Uriel, cardiologo alla Columbia University e Weill Cornell Medicine a New York.

Il paziente di Brooklyn aveva una miocardite, un'infiammazione del cuore che è stata osservata in pazienti con altre infezioni virali, come la MERS - causata anche da un coronavirus - e l'influenza suina H1N1.

Ma il nuovo coronavirus, chiamato SARS-CoV-2, infetta principalmente i polmoni, causando polmonite nei casi più gravi. Credendo che causasse malattie respiratorie, molti cardiologi hanno pensato che il coronavirus fosse al di fuori della loro specialità.

"Pensavamo ai polmoni, ai polmoni, ai polmoni - con noi come ruolo di supporto", ha affermato il dott. John Rumsfeld, direttore scientifico e responsabile della qualità presso l'American College of Cardiology. "Poi all'improvviso abbiamo iniziato a sentire parlare del potenziale impatto diretto sul cuore".

Trump firma un piano di stimolo da 2 trilioni di dollari, aprendo la strada a controlli per gli americani.

Venerdì è stato pubblicato su JAMA Cardiology un rapporto sui problemi cardiaci tra i pazienti con coronavirus a Wuhan, in Cina.

Lo studio, condotto dal Dr. Zhibing Lu presso l'ospedale Zhongnan dell'Università di Wuhan, ha scoperto che il 20 percento dei pazienti ricoverati in ospedale con Covid-19, la malattia causata dal coronavirus, presentava alcune prove di danni cardiaci.

Molti non erano noti per avere malattie cardiache sottostanti. Ma al ricovero avevano spesso elettrocardiogrammi anormali, come il paziente di Brooklyn, oltre a livelli elevati di troponina, che a volte salivano ai livelli osservati in pazienti con attacchi di cuore.

Il rischio di morte era quattro volte più elevato tra questi pazienti, rispetto ai pazienti senza complicanze cardiache.

È stato pubblicato un rapporto, condotto da medici in Italia, che descrive una donna di 53 anni precedentemente in buona salute che ha sviluppato miocardite.

Come la paziente di Brooklyn, il suo elettrocardiogramma era anormale e aveva alti livelli di troponina nel sangue. A causa dell'epidemia di coronavirus in Italia, i medici hanno pensato di testarla e hanno scoperto che era infetta.

L'elettrocardiogramma di un paziente italiano di 53 anni ha mostrato segni che suggeriscono un infarto e nessuna polmonite.

L'elettrocardiogramma di un paziente italiano di 53 anni ha mostrato segni che suggeriscono un infarto e nessuna polmonite. DaGuo T et al., JAMA Cardiology, 2020.

La dott.ssa Enrica Ammirati, esperta di miocardite all'Ospedale Niguarda di Milano, che si è consultata sul caso, ha affermato che i problemi cardiaci della paziente erano probabilmente causati dalla risposta immunitaria del suo corpo al virus.

Le notizie su questo nuovo patogeno sono sconosciute e non è ancora chiaro cosa potrebbe causare danni al cuore a seguito di infezione.

"La miocardite può probabilmente essere causata dal virus stesso o dalla risposta immunitaria e infiammatoria contro il virus", ha affermato il dott. Scott Solomon, cardiologo della Harvard Medical School.

I pazienti infetti con il patogeno che soffrono di miocardite non hanno necessariamente più virus nei loro organismi rispetto a quelli che non sviluppano la condizione,

È possibile - ma non ancora stabilito - che la miocardite derivi da un sistema immunitario che sfugge al controllo mentre cerca di contrastare il coronavirus, pompando livelli eccessivi di sostanze chimiche chiamate citochine che causano infiammazione che danneggiano sia i polmoni che il cuore.

La condizione, chiamata tempesta di citochine, è più grave nelle persone anziane e nelle persone con patologie croniche sottostanti, ha affermato il dott. Solomon. È la ragione principale delle gravi complicanze respiratorie che possono portare alla morte nei pazienti con coronavirus.

Le citochine promuovono anche la coagulazione del sangue e interferiscono con il sistema di eliminazione dei coaguli corporei, ha affermato il dott. Peter Libby, cardiologo della Harvard Medical School. I coaguli di sangue nelle arterie coronarie possono bloccare il flusso sanguigno e causare attacchi di cuore.

Un'altra possibilità, ha affermato il dott. Libby, è che alcuni pazienti affetti da coronavirus sviluppano problemi cardiaci a seguito di infezioni ai polmoni.

"I polmoni non funzionano, quindi non c'è abbastanza ossigeno", ha detto. "Ciò aumenta il rischio di aritmie".

Allo stesso tempo, la febbre causata dal virus aumenta il metabolismo del corpo e la gittata di sangue nel cuore. Il risultato è che il cuore del paziente deve lottare con un aumento della domanda di ossigeno ma con una riduzione dell'offerta, uno squilibrio che può causare danni al cuore.

Ma i medici non possono escludere la possibilità che il coronavirus danneggi direttamente il cuore, affermano diversi esperti.

A Seattle, un paziente infetto dal virus è recentemente morto dopo aver sperimentato il cosiddetto blocco cardiaco: i segnali elettrici che hanno origine nella parte superiore dell'organo, che stabilisce il ritmo normale del cuore, non raggiungevano la parte inferiore del cuore.

Quando ciò accade, il cuore entra in una modalità di emergenza con un ritmo cardiaco, che molto rallentato. L'uomo aveva una malattia polmonare di base, che peggiorava la sua prognosi.

Il Dr. April S. Stempien-Otero, un cardiologo dell'Università di Washington, spera che un'autopsia mostrerà se il virus ha attaccato il cuore dell'uomo.

"Abbiamo pensato che fosse un blocco cardiaco tipico delle persone anziane", ha detto. "Poi all’improvviso abbiamo scoperto il Covid."

D'ora in poi, ha detto, "dobbiamo pensare, in modo più complesso a quello che sta succedendo".

 

A Heart Attack? No, It Was the Coronavirus Di Gina Kolata  New York Times 27 marzo 2020