Perché alcuni americani e non solo loro rifiutano di osservare la distanza sociale e di indossare mascherine?

Michael Sandel esplora l'etica di ciò che dovremmo fare reciprocamente nel mezzo di una pandemia.

Michael J. Sandel  è un filosofo statunitense professore presso l'Università di Harvard.

 Gli esperti di salute pubblica e funzionari governativi affermano che indossare una maschera e rispettare l’allontanamento sociale sono due importanti ostacoli all'infezione da COVID-19, Ma l'adozione di precauzioni apparentemente semplici è diventata un campo di battaglia culturale in un paese (USA) in cui i diritti individuali sono stati a lungo considerati parte dell'etica fondante della nazione.

Eppure, cosa dobbiamo ai nostri concittadini di fronte ad un virus mortale privi di un vaccino, che ha già causato oltre 200.000 vite e che probabilmente diventeranno migliaia, e potenzialmente centinaia di migliaia, se non di più? Nel suo popolare corso "Giustizia", Michael Sandel, Anne T. di Harvard e Robert M. Bas, chiedono regolarmente ai loro studenti di affrontare questioni etiche così spinose. Lo farà di nuovo questo autunno con la sua nuova classe "Justice: Ethics in an Age of Pandemic and Racial Reckoning ". La Gazette ha recentemente chiesto a Sandel le sue considerazioni sull’argomento.

 

Domande e risposte a Michael Sandel

 

GAZETTE: Tante persone hanno scelto di non indossare maschere o di mantenere le distanze dagli altri, nonostante i dati che queste semplici misure aiutano a salvare vite umane. Perché c'è tanta resistenza?

 

SANDEL: L'uso di maschere è diventato un punto critico di dissenso aspro, diventando un nuovo fronte di una guerra culturale. A pensarci bene, questo sembra sconcertante. Perché non tutti indossano semplicemente una maschera per il bene della salute pubblica? Per due ragioni: in primo luogo, molti americani considerano l’obbligo della maschera una violazione della libertà individuale. Non vogliono che il governo li costringa a indossare una maschera. In secondo luogo, molti americani   mostrano risentimento verso l’élite governative che affermano di derivare la loro autorità dalla scienza. Qui, il dibattito sulle maschere è simile al disaccordo partigiano sul cambiamento climatico. Molti sostenitori del presidente Trump condividono il suo risentimento nei confronti dell’élite e degli esperti. Non si fidano degli esperti che dicono loro che dovrebbero indossare una maschera per ridurre la diffusione del coronavirus più di quanto si fidino degli esperti che dicono che dovrebbero pagare una tassa sul carbone per alleviare il cambiamento climatico. La resistenza a indossare una maschera non riguarda la salute pubblica; si tratta di politica.

 

 

 

GAZETTE: Quali sono i nostri obblighi etici nel mezzo di una pandemia?

 

SANDEL: I nostri obblighi etici sono, prima di tutto, ridurre al minimo la possibilità che il nostro comportamento esponga altri al rischio di contrarre il virus. Ciò significa indossare maschere e osservare l’allontanamento sociale. Oltre a questo, quelli di noi che sono abbastanza fortunati da lavorare nella sicurezza delle nostre case hanno la responsabilità di sostenere coloro che si assumono dei rischi per nostro conto - non solo medici, infermieri e lavoratori ospedalieri, ma addetti alle consegne, impiegati di drogheria, addetti alla manutenzione, addetti all'assistenza all'infanzia, operatori sanitari a domicilio. Questo sostegno dovrebbe assumere la forma di apprezzamento pubblico per tali lavoratori, ma anche sostegno materiale e tangibile, come assistenza sanitaria, congedo per malattia retribuito e sostegno salariale.

 

GAZETTE: Ci sono periodi nella storia americana - come la seconda guerra mondiale - in cui quasi tutti hanno trascorso anni a sacrificarsi volontariamente al servizio di una causa nazionale. Perché non sta succedendo adesso? Cosa è cambiato?

 

SANDEL: La domanda mi ricorda alcune affermazioni su Internet all'inizio della pandemia: “I tuoi nonni furono chiamati in guerra. Tu ora sei chiamato a sederti sul tuo divano. Puoi farlo." Anche se la pandemia mette in luce la nostra dipendenza reciproca, è sorprendente quanto poca solidarietà e sacrificio condiviso abbia suscitato. Perché sembriamo incapaci di solidarietà nel momento in cui ne abbiamo più bisogno? La risposta risale al disfacimento sociale che ha preceduto questa crisi. La pandemia ci ha colti impreparati, dal punto di vista logistico e medico, ma anche moralmente impreparati. È arrivato in un momento di profonda polarizzazione e rancore partigiano. Quattro decenni di crescente disuguaglianza ci hanno separati. Il risentimento verso l’élite le cui politiche hanno prodotto queste disuguaglianze ha portato a una reazione populista. La pandemia è arrivata proprio nel momento sbagliato - tra una politica tossica ed una leadership incompetente,

 

GAZETTE: In che modo gli americani potrebbero essere gli stessi o diversi dalle persone di altre società nel compiere questo tipo di misure individuali per aiutare la società nel suo insieme? Ci sono esempi di COVID a cui puoi puntare?

 

SANDEL: Purtroppo, gli Stati Uniti hanno gestito la crisi COVID peggio della maggior parte dei paesi ricchi. Abbiamo avuto più di quattro volte e mezzo il numero di morti pro capite della Germania, 60 volte il numero in Giappone e più di 80 volte di più della Corea del Sud. Il nostro scarso rendimento è dovuto in parte al fallimento della leadership a livello federale e alla mancanza di un sistema sanitario pubblico adeguato. Ma penso che tu abbia ragione a suggerire che entrano in gioco le abitudini sociali ei fattori culturali. Il nostro ardente individualismo è un punto di forza in alcuni contesti, ma non nel far fronte a una pandemia. In Giappone, la pronta accettazione delle maschere per il viso sembra aver ridotto la diffusione del virus. In Germania, l'elettorato ha sostenuto investimenti molto maggiori nella sostituzione dei salari e nella spesa sanitaria pubblica rispetto a quanto il governo degli Stati Uniti potrebbe raccogliere. In Corea del Sud, un sistema sanitario a pagamento unico ha reso i test più facili e più diffusi. Inoltre, un movimento sociale tra i proprietari terrieri per ridurre o congelare gli affitti ha contribuito a mantenere a galla le piccole imprese.

 

"Questo momento rende vivida la necessità di un più ampio dibattito pubblico sulla disuguaglianza che questa crisi ha evidenziato è una riconsiderazione di come ci dovremmo comportare l'un l'altro come cittadini".

 

GAZETTE: Che ruolo hanno i leader nel sostenere questo contratto sociale?

 

SANDEL: La fiducia è importante in una pandemia: non solo fiducia nelle informazioni scientifiche e nei consigli medici forniti dal governo, ma anche tra i cittadini. Forse la più grande responsabilità dei leader in tempi di crisi è ispirare tale fiducia. Angela Merkel in Germania e Jacinda Ardern in Nuova Zelanda sono esempi di leader che hanno guidato efficacemente i loro paesi attraverso la crisi, in parte promuovendo la fiducia. In questo paese, al contrario, abbiamo visto come sottrarsi alle responsabilità e seminare discordia mina la fiducia e la solidarietà di cui abbiamo bisogno per combattere la pandemia.

 

GAZETTE: Cosa dice questo, quando siamo tutti così culturalmente isolati, sul futuro dei valori americani condivisi e su ciò che dovremmo offrire gli uni agli altri?

 

SANDEL: Dall'inizio di questa crisi, abbiamo sentito lo slogan: "Siamo tutti sulla stessa barca". Lo sentiamo da politici, inserzionisti e celebrità. Evoca la nostra mutua dipendenza e vulnerabilità di fronte a COVID-19. Indica un ideale stimolante. Ma suona vuoto, perché sappiamo che non descrive i fatti sul campo. Alcuni di noi lavorano da casa e tengono riunioni su Zoom. Altri hanno poca scelta se non quella di rischiare la propria salute e la propria vita servendo il pubblico e consegnando le cose a casa nostra, permettendoci di evitare il rischio. Le persone che oggi celebriamo come "lavoratori essenziali" non sono i lavoratori meglio pagati o più onorati della nostra società. Questo è il momento per chiedersi come riconfigurare l'economia per portare le ricompense di tali lavoratori in un migliore allineamento con l'importanza del lavoro che svolgono.

 

GAZETTE: Quali sono alcune delle domande etiche che intendi affrontare nel tuo semestre autunnale, corso universitario " Justice: Ethics in an Age of Pandemic and Racial Reckoning "?

 

SANDEL: Il corso è una versione aggiornata del corso “Giustizia” che ho insegnato negli anni. L'urgenza morale della pandemia e di questo momento di resa dei conti razziale mi ha spinto a offrire nuovamente il corso, aggiornato per includere le questioni etiche con cui ci confrontano oggi. Ad esempio: chi dovrebbe essere il primo in linea per ottenere un vaccino contro il coronavirus quando questo sarà disponibile? Dovremmo usare i dati di tracciamento del cellulare per far rispettare gli ordini sugli spostamenti? Nel decidere come bilanciare la salute pubblica con la riapertura dell'economia, dovremmo attribuire un valore monetario alla vita umana? Affronteremo anche i dibattiti in corso sull'ingiustizia razziale, compresa la questione delle riparazioni per la schiavitù e il razzismo”.

 

Articolo pubblicato il 28 agosto 2020 su The Harvard Gazette