Come in un ghetto ebraico fu sconfitta un'epidemia di tifo durante la seconda guerra mondiale.

Le notizie provenienti da tutto il mondo raccontano che il covid-19 colpisce soprattutto le aree più povere e disagiate di una nazione. Questa ricerca dimostra che anche in una situazione di estremo degrado, e nonostante le condizioni di vita tragiche la coesione di una comunità, abbia permesso di limitare la diffusione di un’epidemia mortale come il tifo. Gli ebrei confinati all'interno di un ghetto nazista durante la seconda guerra mondiale furono in grado di arginare una massiccia epidemia di tifo introducendo misure di controllo delle infezioni simili a quelle utilizzate oggi per combattere il covid-19.

Il tifo, una malattia batterica spesso fatale, che si diffonde attraverso le punture di pidocchi sul corpo, colpi’ tutta l'Europa durante la seconda guerra mondiale.  La propaganda nazista rappresentava gli ebrei come i principali responsabili della diffusione della malattia per ottenere il sostegno della pubblica opinione e per poterli imprigionare nei ghetti.

Nel novembre del 1940, i nazisti costrinsero più di 400.000 ebrei a rinchiudersi in un ghetto di 3.4 chilometri quadrati a Varsavia, in Polonia.  Le condizioni di sovraffollamento, la mancanza di manutenzione delle acque reflue e l'inadeguatezza delle risorse alimentari e ospedaliere permisero al tifo di infettare rapidamente circa 100.000 persone e causare 25.000 morti.Tuttavia, nell'ottobre 1941, poco prima dell'inverno successivo, improvvisamente si interruppe l’insorgenza di nuove infezioni.  Ciò risultò decisamente inaspettato, perché il tifo normalmente accelera la sua diffusione all'inizio dell'inverno e altri ghetti in posti diversi come l'Ucraina erano ancora devastati dalla malattia.  "Molti pensarono che fosse un miracolo", afferma Lewi Stone alla RMIT University in Australia.

Per scoprire come il ghetto di Varsavia abbia eliminato il tifo, Stone e i suoi colleghi hanno cercato tra i documenti storici delle biblioteche di tutto il mondo, tra cui alcuni custoditi da medici che vivevano nel ghetto di Varsavia.  Hanno scoperto così che i medici imprigionati nel ghetto, tra cui l'eminente microbiologo e candidato al premio Nobel Ludwik Hirszfeld, che contribuì a scoprire i gruppi sanguigni, hanno guidato gli sforzi della comunità per impedire la diffusione della malattia.Furono tenute centinaia di lezioni per educare il pubblico sull'importanza dell'igiene personale, del distanziamento sociale e dell'isolamento personale in caso di malattia.  Fu inoltre istituita una sorta di università segreta per addestrare gli studenti di medicina al controllo delle infezioni e gli stessi leader della comunità si impegnarono ad elaborare programmi di igienizzazione nella preparazione degli alimenti.

La simulazione matematica di Stone e dei suoi colleghi suggerisce che queste misure abbiano evitato oltre 100.000 infezioni da tifo nel ghetto e conseguentemente decine di migliaia di morti.Tragicamente, quasi tutti i residenti del ghetto furono successivamente inviati a morire nei campi di sterminio, cosa che i nazisti cercarono di giustificare come mezzo per prevenire futuri focolai di tifo.

L'esempio di Varsavia mostra come le pandemie siano state sfruttate per favorire l'odio nei confronti dei gruppi minoritari, cosa di cui diffidare nell'era covid-19, afferma Stone.  "Ma un aspetto positivo di questa esperienza è che indica come le comunità possano utilizzare semplici misure di salute pubblica per combattere le malattie infettive”, conclude l’autore di questo studio.

Riferimento del giornale: Science Advances, DOI: 10.1126 / sciadv.abc0927

Alice Klein