Guida per gli anziani sull'influenza stagionale

https://www.aging.com/a-guide-to-the-seasonal-flu-for-seniors/

Quando inizia l'autunno e le temperature cominciano a scendere, molti di noi si ammalano. Questa non è una coincidenza. Il clima più freddo favorisce le influenze stagionali e nonostante l'influenza condivida i sintomi con il comune raffreddore - mal di gola, tosse e naso che cola - l'influenza può causare conseguenze molto più devastanti. 

Ciò è particolarmente vero tra gli anziani, che possono andare incontro anche ad un il ricovero o addirittura alla morte. La proporzione dei casi gravi rispetto al totale è però quest'anno abbastanza alta, circa uno su 1000: in Italia da ottobre 2018 sono state infatti 516 le persone affette da influenza ricoverate in terapia intensiva a causa di complicanze di tipo respiratorio acuto, tra cui anche 7 donne in gravidanza con un totale di 95 deceduti, per quanto cattiva sia la statistica, la situazione indica che il 90% delle persone decedute per influenza nel 2017-18 avevano più di 65 anni.

Ma grazie ai vaccini e ad altri approcci, l'influenza è prevenibile.

Cos'è l'influenza?

L'influenza è una malattia respiratoria che può insorgere lievemente o gravemente e può provocare un ricovero o la morte. L'influenza è causata dal virus dell'influenza, che può infettare l'uomo e quasi tutti gli altri mammiferi e uccelli del pianeta. Ciò gli consente di diffondersi in tutto il mondo con relativa facilità.

Esistono tre tipi principali di virus influenzali:

Influenza A

Questo è il tipo più comune di influenza; provoca fondamentalmente tutte le epidemie di influenza (focolai localizzati di una malattia) e pandemie (focolai globali di una malattia) in tutto il mondo. Questa versione dell'influenza può infettare l'uomo e gli animali (come i maiali) e si trova spesso anche negli uccelli selvatici, che diffondono la malattia attraverso i continenti. L'influenza A ha causato molte delle pandemie influenzali nel XX e XXI secolo.

Influenza B

Insieme all'influenza A, l'influenza B, che provoca circa il 20% delle infezioni influenzali, è alla base di quasi tutti i casi di influenza ogni anno. Questo virus sopravvive solo negli umani (e nelle foche), quindi viene trasmesso tra noi che apparteniamo alla specie homo sapiens.

Influenza C

La più lieve delle tre principali forme di virus influenzale, l'influenza C viene trasmessa tra uomo e suino. Nessuna epidemia è causata dall'influenza C, il che spiega perché non viene eseguita la prevenzione con un vaccino antinfluenzale.

Una volta contratta la malattia, il virus dell'influenza colpisce il naso, la gola e occasionalmente invade i polmoni.

Sintomi

Indipendentemente dal tipo di virus influenzale contratto, i sintomi sono piuttosto simili, anche se variano in gravità.

I sintomi dell'influenza  includono:

  • Tosse costante
  • Naso che cola
  • Febbre (per gli anziani, una temperatura corporea superiore a 38), anche se questo non si verifica sempre.
  • Gola infiammata
  • Brividi
  • Crampi o dolori muscolari
  • Mal di testa
  • Problemi di stomaco che possono provocare diarrea o vomito

Mentre l'influenza ha sintomi simili a quelli del comune raffreddore - mal di gola, tosse e naso che cola - l'influenza virale può portare a conseguenze molto più devastanti.

Solo perché hai questi sintomi non significa che hai l'influenza. Potresti soffrire del raffreddore comune, che ha sintomi simili, ma è molto meno fatale e grave. In genere, il raffreddore comune non provoca più di un naso chiuso e una leggera febbre. Di solito dura solo pochi giorni. Qualsiasi sintomo più grave di quello (mal di testa persistente, vomito, ecc.) o di durata superiore ai 2-3 giorni deve essere trattato immediatamente, poiché si potrebbe trattare di un’infezione da virus dell’influenza.

Complicazioni dell'influenza

In genere, con un trattamento adeguato e antibiotici, se necessari, l'influenza dura nell’organismo per circa due settimane. Gli anziani (persone di età superiore ai 65 anni) hanno un rischio più elevato rispetto a molti altri gruppi demografici che soffrono di complicanze influenzali e molte di queste complicanze possono prolungarsi nel tempo. L'influenza può avere un impatto particolare sugli anziani che hanno:

  • Diabete
  • Problemi ai reni
  • Problemi di cuore
  • Asma
  • Malattia polmonare cronica
  • Una malattia che li induce a prendere steroidi o altri farmaci come la chemioterapia che indeboliscono il sistema immunitario
  • Patologie al fegato
  • Problemi di obesità

Tutti questi problemi medici possono lasciare gli anziani sensibili agli effetti più gravi dell'influenza - lunghi ricoveri e morte - perché aiutano a indebolire il sistema immunitario. 

Alcune problematiche gravi che possono interessare gli anziani colpiti da l'influenza sono:

Polmonite: la polmonite è una malattia respiratoria batterica che presenta dolore toracico, tosse, agitazione e sudorazione e temperature corporee inferiori al normale che possono progredire dopo avere l'influenza. È il quarto killer leader tra gli anziani, che potrebbe essere in grado di prevenire la malattia post-influenza con un vaccino contro la polmonite. Gli anziani corrono un rischio maggiore di sviluppare la polmonite e di morire da essa rispetto a qualsiasi altro gruppo demografico.

Bronchite: la bronchite è un'infiammazione dei polmoni causata da un problema respiratorio come l'influenza. Il suo sintomo principale è una tosse guidata da irritazione polmonare e muco. Come l'influenza, una qualche forma di bronchite può durare nell’organismo due o tre settimane, ma ci sono alcune forme (bronchite cronica) che continuano a tornare, anche quando l'influenza è stata superata.

Infezioni del seno paranasale e dell’orecchio: avere l'influenza può rendere il corpo suscettibile alle infezioni da vari batteri in varie parti del corpo, inclusi i seni paranasali e le orecchie. Se un paziente ha l'influenza e inizia a provare dolore all'orecchio per più di 2-3 giorni e/o problemi di sinusite (non dei semplici starnuti) per più due o tre giorni, dovrebbe consultare un medico.

Disidratazione: la disidratazione è un grave problema tra gli anziani, specialmente quando sono malati. Gli anziani hanno meno acqua (dal 10 al 15 percento in meno) nel loro organismo rispetto ai più giovani, permettendo alla disidratazione di insorgere abbastanza rapidamente, motivo per cui è così importante bere costantemente liquidi mentre affrontano la malattia. Molti sintomi dell'influenza, come sudorazione, naso che cola e vomito, fanno defluire l'acqua dal corpo e possono disidratare rapidamente. La disidratazione può causare problemi ai reni, convulsioni e altri problemi medici potenzialmente fatali.

Insufficienza cardiaca : secondo la British Heart Foundation, problemi cardiaci come gli attacchi di cuore si sono verificati più frequentemente dopo aver avuto l'influenza . Come le infezioni del seno paranasale e dell'orecchio, i problemi cardiaci possono derivare dal fatto che il corpo diventa più vulnerabile ai batteri e ad altre sostanze dannose che colpiscono il cuore.

Cause dell'influenza e modalità di diffusione

Sappiamo che l'influenza è causata da vari ceppi di virus influenzale, ma il modo in cui si contrae il virus varia in base al caso. L'influenza è altamente contagiosa. Gli esperti affermano che una persona può infettarne un'altra se si trovano a una distanza di circa 2 metri l'una dall'altra. Alcuni modi per entrare in contatto con la malattia includono:

  • Un bacio
  • Respirare il virus
  • Toccando maniglie e maniglie precedentemente toccate da qualcuno con l'influenza

Il virus si diffonde attraverso piccole goccioline di liquido creato da tosse, starnuti e saliva che fuoriesce dalla bocca mentre si parla. Qualcuno con l'influenza - che potrebbe non saperlo ancora perché non ha avuto sintomi - può infettare qualcun altro con il virus fino a un giorno prima che inizi a mostrare i sintomi. La comparsa dei sintomi può richiedere fino a quattro giorni dopo l'accesso del virus nell’organismo. In genere, si rimane contagiosi per altri 5-7 giorni dopo aver mostrato i sintomi.

L'influenza ha il potenziale di provocare un'epidemia, che è la diffusione di un virus in una area o una comunità del mondo. Poiché è possibile che gli uccelli portino la malattia altrove, l'influenza può raggiungere la popolazione mondiale e causare una pandemia.

Nel 1918, la peggior pandemia di influenza registrata si verificò quando il ceppo di influenza A H1N1 uccise tra 50 milioni e 100 milioni di persone (fino al 5% della popolazione mondiale all'epoca). La pandemia influenzale più recente si è verificata nel 2009, quando quasi 20.000 persone sono morte in tutto il mondo a causa di un altro ceppo H1N1. Mentre quasi tutti i ceppi di influenza A sono coperti da vaccini, ci sono momenti in cui un ceppo che non è sensibile al vaccino antinfluenzale causa ospedalizzazioni e danni in tutto il mondo.

 Quando si presenta la stagione influenzale?

Non esiste un giorno specifico in cui segnare l'inizio della stagione influenzale. Il punto di partenza della stagione influenzale varia ogni anno a seconda dell’area geografica nel mondo e quando il virus dell'influenza raggiunge determinate comunità e paesi.

L'inizio della stagione influenzale è individuato ogni volta che i livelli di infezione da influenza iniziano a salire al di sopra dei livelli normali. Negli Stati Uniti ed in Europa, questo aumento delle infezioni influenzali si verifica in genere tra i mesi autunnali e primaverili, con punte in gennaio e febbraio. La durata della stagione influenzale può anche variare a seconda che un certo ceppo dell'influenza raggiunga livelli di pandemia,

Mentre le date di inizio e fine delle stagioni influenzali non fluttuano troppo ampiamente, non c'è ancora un giorno specifico in autunno in cui ci si dovrebbe preoccupare di prendere l'influenza e nessun giorno specifico in primavera che ne indichi la fine.  Ma la durata di una stagione influenzale racconta solo metà della storia. L'altra metà è l'intensità della stagione, misurata in base alle percentuali di visite mediche, ospedalizzazione e numero di morti. Indipendentemente dall'anno, tuttavia, spicca una tendenza: negli ultimi 16 anni, più di un quarto delle stagioni influenzali hanno portato tassi di influenza più alti del solito tra gli anziani rispetto alla popolazione generale.

Come scoprire di avere l'influenza

https://www.screenitalia.it/test-influenza-ab/

È possibile ammalarsi durante la stagione influenzale senza essere vaccinati, ma ciò non significa sempre che si tratti di influenza, potresti semplicemente avere il raffreddore comune. Ma, se i sintomi dell'influenza durano più di due giorni, dovresti fare immediatamente un controllo medico, poiché il raffreddore e l'influenza vengono trattati diversamente.

Esistono diversi test con diversi livelli di accuratezza che gli operatori sanitari possono condurre per capire se hai l'influenza. Questi possono includere:

Test diagnostico rapido sull'influenza (RIDT)

http://www.sjdiem.it/DOCUMENTI/Test%20rapidi%20influenza.pdf

Questo è il test dell'influenza più comune, ma è anche il meno accurato. Il CDC afferma che questo tipo di test ha lo scopo di rilevare il virus dell'influenza che innesca una risposta immunitaria nel tuo corpo. "Rapid" è nel nome del test perché i risultati possono essere visualizzati in circa 15 minuti. Il medico deve semplicemente strofinare un batuffolo di cotone all'interno del naso o sul retro della gola per raccogliere un campione.

Test Molecolari Rapidi

Più accurati dei RIDT, test molecolari rapidi per la ricerca dell'influenza per la composizione genetica del virus dell'influenza. Come i RIDT, un campione viene eseguito semplicemente con un tampone l'interno del naso o la parte posteriore della gola, e i risultati arrivano abbastanza rapidamente (meno di 20 minuti).

Immunofluorescenza

È qui che i test iniziano a diventare ancora più precisi, ma impiegano anche più tempo a produrre risultati e sono più costosi da condurre. Questo test, che rileva gli antigeni del virus dell'influenza, viene condotto con un microscopio a fluorescenza e ci vogliono un paio d'ore per ottenere risultati. L'Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che questo test dovrebbe essere usato per confermare il risultato di un test rapido per l'influenza in periodi di bassa diagnosi di influenza (stagione non influenzale).

Colture Cellulari

Esistono due tipi di test che analizzano le colture cellulari dei campioni: test rapidi e test sui tessuti virali. Entrambi richiedono da un paio di giorni a più di una settimana per ottenere risultati. Questi test aiutano i medici a confermare che il tipo di influenza in trattamento è già conosciuta ed è coperto dal vaccino. Se viene rilevato un nuovo filamento di influenza A o B, esiste il potenziale per un'epidemia o una pandemia e deve essere affrontato nel nuovo vaccino.

Potresti non essere sempre sottoposto a test per l'influenza, poiché i sintomi generali e più gravi dell'influenza (tosse, brividi e mal di testa) saranno trattati in modo simile con o senza una diagnosi confermata. In entrambe le situazioni, durante la stagione influenzale, l'OMS suggerisce ai medici di utilizzare uno dei test rapidi per confermare una diagnosi prima di qualsiasi altro test al fine di mantenere il virus sotto controllo il più rapidamente possibile.

Perché gli anziani dovrebbero considerare la vaccinazione

Gli anziani sono il gruppo demografico più colpito dall'influenza. Il CDC (Central Desease Control –USA ) riferisce che tra il 70 e l'85 percento delle persone che muoiono a causa di infezioni influenzali stagionali hanno un'età superiore ai 65 anni e che fino al 70 percento dei ricoveri ospedalieri correlati all'influenza coinvolgono anziani. Si tratta di tassi incredibilmente alti e possono essere direttamente collegati alla frequenza con cui vengono vaccinati gli anziani, oltre al sistema immunitario indebolito degli anziani che li rende particolarmente vulnerabili all'influenza.

Anche la vaccinazione aiuta. Il CDC ha scoperto nel 2016 che gli anziani che hanno ricevuto il vaccino antinfluenzale - che copre la maggior parte dei ceppi di influenza A e B - hanno ridotto la probabilità di essere ricoverati in ospedale a causa dell'influenza di oltre il 50 percento. Le persone vaccinate di età superiore ai 50 anni hanno dimostrato di avere il 57% in meno di probabilità di essere ricoverate in ospedale per l'influenza rispetto alle persone non vaccinate. I tassi di ospedalizzazione erano simili anche per le persone di età superiore ai 75 anni.

Sopratutto gli anziani dovrebbero essere vaccinati perché possono contrarre l'influenza senza sintomi evidenti. Secondo uno studio del CDC del 2019 , i sintomi che le persone comunemente associano all'influenza (come febbre o congestione) tendono a manifestarsi meno frequentemente tra gli adulti più anziani rispetto alla popolazione generale. D'altra parte, i sintomi meno evidenti (ma comunque pericolosi) come una perdita di lucidità mentale, sono più frequenti tra gli anziani. Inoltre, qualcuno che non si rende conto di essere infetto non può sapere di essere contagioso, diventando un pericolo per le persone che lo circondano. 
Se hai più di 50 Anni hai il 57 % di probabilità in meno di essere ricoverato in ospedale per l’influenza rispetto alle persone non vaccinate.

Nonostante l'efficacia del vaccino antinfluenzale, circa un terzo degli anziani non viene ancora vaccinato. Le percentuali si sono aggirate attorno a questo numero negli ultimi 15 anni e ogni governo mira ad aumentare le percentuali di vaccinazione antinfluenzale per anziani al 90 percento entro il prossimo anno. " Ecco perché è importante superare l'influenza con una vaccinazione. Non vale la pena rischiare.

Come e dove vaccinarsi?

Mentre la maggior parte degli adulti sta bene ricevendo un vaccino antinfluenzale a dose standard, gli anziani potrebbero aver bisogno di vaccini su misura per il loro sistema immunitario:

Iniezioni per l’Influenza con adiuvante

L'adiuvante, secondo il CDC , è "un ingrediente aggiunto a un vaccino che aiuta a creare una risposta immunitaria alla vaccinazione  più forte ". Questi tipi di vaccini antinfluenzali si sono rivelati molto più efficaci nell'aiutare gli anziani a creare una risposta immunitaria all'influenza rispetto ai vaccini senza adiuvante.

Qualsiasi medico o operatore sanitario dovrebbe essere in grado di distribuire il vaccino antinfluenzale. Alcuni luoghi in cui è possibile ottenere un vaccino antinfluenzale sono:

  • Uno studio medico

Possibili effetti collaterali della vaccinazione

Dopo la puntura, si può avvertire un dolore lieve o moderato nel punto in cui è stato iniettato il vaccino. C'è anche la possibilità - anche se piuttosto rara - che compaia la febbre a causa della vaccinazione. Questo non significa aver contratto l'influenza, in genere la febbre si placherà. Altri effetti collaterali rari, ma degni di nota, includono:

  • Reazioni allergiche
  • Problemi respiratori
  • Aumento della frequenza cardiaca
  • Vertigini

Chi non dovrebbe essere vaccinato?

Il CDC raccomanda che ogni anziano fisicamente in grado di sottoporsi all'influenza debba farlo, ad eccezione di coloro che:

In passato hanno avuto reazioni allergiche al vaccino, se hanno la febbre alta. In quest’ultimo caso, si suggerisce fare il vaccino quando la febbre si attenua

Gli anziani con allergie alle uova dovrebbero comunque effettuare il vaccino, in quanto molti vaccini antinfluenzali contengono una proteina dell'uovo chiamata ovalbumina. Si consiglia ai medici di osservare il paziente per 30 minuti per vedere se la puntura provoca reazioni allergiche, ma dopo quel periodo di tempo, la persona con l'allergia che riceve il vaccino dovrebbe essere esente da qualsiasi reazione allergica.

Come prevenire l'influenza

Il modo migliore per prevenire l'influenza è fare il vaccino, anche se solo il 60 percento delle vaccinazioni sono efficaci. Esistono molte altre misure preventive che gli anziani possono adottare per ridurre le possibilità di contrarre il virus dell'influenza quali:

Condurre uno stile di vita sano: come abbiamo visto, il sistema immunitario degli anziani diventa meno efficace con l'età. Ci sono alcune cose da fare per aiutare il nostro sistema immunitario, incluso mangiare correttamente e fare attività fisica. Oltre a ciò, ci sono attività quotidiane come lavarsi spesso le mani e mantenere uno stile di vita pulito e igienico che può aiutare a uccidere i virus e a fermare la diffusione della malattia.

Fare altri vaccini: il vaccino antinfluenzale aiuta sicuramente a prevenire l'influenza. Ci sono molti altri problemi di salute che possono svilupparsi dopo aver preso il virus dell'influenza. Esistono vari vaccini che per aiutare a prevenire questi ulteriori problemi, tra cui il vaccino per la polmonite e quello per la meningite.