La Cannabis puo essere utile per il dolore cronico?

Categoria: Medicina e ricerca
Pubblicato: Giovedì, 09 Giugno 2022 14:33
Scritto da Giovanni Creton
Visite: 175

In Italia la Cannabis è legale per uso medico e industriale, sebbene sia strettamente regolamentata. Mentre è depenalizzata per usi ricreativi, ma sempre se non si superano i limiti per incorrere nel reato di “spaccio”. Limiti non fissi e non chiari nella nella normativa italiana.

 

 La maggior parte dei prodotti a base di cannabis prescritti per il dolore cronico causano effetti collaterali come vertigini, ma una nuova revisione ha scoperto che solo quelli con THC molto alto,   in realtà forniscono sollievo dal dolore

 6 giugno 2022 New Scientist Di Corryn Wetzel

 In alcuni stati americani la nuova marijuana legale arriva in dolcetti in stile caramella.  Nel mondo vengono prodotti sempre più prodotti a base di cannabis medica, con diversi rapporti tra THC e CBD.  Alcuni prodotti a base di cannabis ingeriti per via orale possono fornire sollievo a breve termine dal dolore cronico, secondo una delle più grandi revisioni di studi mai realizzate sul loro uso per questo scopo.  I prodotti con un alto rapporto tra tetraidrocannabinolo (THC) e cannabidiolo (CBD) sembrano offrire la riduzione del dolore più drammatica, ma il sollievo spesso arriva con effetti collaterali tra cui nausea, vertigini e sonnolenza.

 L'uso della cannabis per scopi medici è ora legale in un elenco crescente di paesi in tutto il mondo.  Negli Stati Uniti, 37 stati hanno legalizzato la marijuana medica e 19 ora consentono agli adulti di acquistare cannabis per uso ricreativo.

 L'uso più comune riportato di marijuana medica negli Stati Uniti è per il controllo del dolore ed è visto come una gradita alternativa agli oppioidi.  Più del 20% degli adulti negli Stati Uniti vive con dolore cronico, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. Eppure, nonostante la crescente accessibilità e popolarità dei prodotti a base di cannabis, la ricerca sui loro effetti medicinali è limitata.  Diversi studi hanno suggerito che la cannabis medica può aiutare ad alleviare il dolore.  Per determinare se questi prodotti possano ridurre in modo specifico il dolore cronico - definito come dolore persistente per tre mesi o più - e in che modo il rapporto tra THC e CBD influisse sulla loro efficacia, Marian McDonagh della Oregon Health & Science University e i suoi colleghi hanno esaminato ricerche precedenti.  "Volevamo sapere, la cannabis per il trattamento del dolore cronico dia benefici simili [agli oppioidi]?  E, naturalmente, volevamo davvero approfondire gli effetti collaterali negativi, in particolare quelli più gravi", afferma McDonagh.

 

-Altro articolo pubblicato sul sito:

Per saperne di più: la cannabis legalizzata in Canada e negli Stati Uniti non ha ucciso il mercato illegale

 I ricercatori hanno esaminato più di 3000 studi prima di identificarne 25 che soddisfacevano i loro criteri rigorosi: dovevano durare almeno quattro settimane e includere persone con diversi tipi di dolore, come mal di schiena, mal di testa cronico e neuropatia diabetica, che provoca bruciore e formicolio.  Dei 25 studi, 18 hanno confrontato i prodotti a base di cannabis con i placebo.  Nessuno degli studi includeva sostanze che potevano essere acquistate nei dispensari di marijuana ricreativa.

 L'analisi ha infine incluso i dati di oltre 14.000 partecipanti.  Ha rivelato che alcuni prodotti a base di cannabis forniscono una riduzione del dolore da lieve a moderata e che quelli con un alto rapporto tra THC e CBD avevano maggiori probabilità di attenuare il disagio.  Il THC fornisce l'effetto psicoattivo o "sballo" della marijuana, mentre è stato segnalato che il CBD allevia i sintomi di ansia e infiammazione, sebbene la sua efficacia di per sé sia ​​ancora in discussione.

  I partecipanti che hanno utilizzato prodotti contenenti almeno il 98% di THC hanno riportato una riduzione di circa il 30% dei sintomi del dolore.  Non ci sono stati miglioramenti significativi in ​​coloro che hanno consumato prodotti con quantità inferiori di THC e quantità maggiori di CBD.

 "C'è così tanto rumore là fuori sul fatto che il CBD sia davvero in grado di trattare il dolore", afferma McDonagh.  “Questo potrebbe aiutare a chiarire se è vero o meno.  In questo momento, non ci sono prove sufficienti".

  Le persone che hanno sperimentato i maggiori benefici sono state quelle con dolore neuropatico, il tipo di dolore ai nervi che di solito provoca sensazioni di formicolio e bruciore.

 Per saperne di più: il monitoraggio delle interruzioni del sonno potrebbe migliorare i trattamenti del dolore nervoso

  I ricercatori hanno notato che, sebbene suggestivi, i risultati si basavano su quali prove limitate potevano raccogliere e che sono necessari ulteriori studi prima che la cannabis medica possa essere raccomandata come potenziale alternativa ad altri farmaci da prescrizione per alleviare il dolore.  E, poiché la maggior parte degli studi esaminati dal team ha avuto una durata compresa tra uno e sei mesi, non è chiaro se i prodotti a base di cannabis possano offrire un sollievo significativo a lungo termine.

  McDonagh afferma che la decisione di usare la cannabis per il dolore dovrebbe dipendere da quali farmaci qualcuno ha già provato e quali sono le sue preoccupazioni particolari.  "Per un singolo paziente, è meglio iniziare a parlarne con il tuo medico per vedere cosa funzionerà per te", dice.