Proteggere il cervello che invecchia

Categoria: Medicina e ricerca
Pubblicato: Martedì, 07 Dicembre 2021 17:40
Scritto da Giovanni Creton
Visite: 206

 Semplici attività come camminare rafforzano le cellule immunitarie nel cervello che possono aiutare a mantenere la memoria attiva e persino a scongiurare il morbo di Alzheimer.

Alzarsi in piedi e camminare piuttosto che sedersi può avere benefici per il cervello.

  Di Gretchen Reynolds 1 dicembre 2021

 

 Rimanere fisicamente attivi con l'avanzare dell'età riduce sostanzialmente il rischio di sviluppare demenza durante la nostra vita e non richiede un esercizio prolungato.  Camminare o muoversi, piuttosto che sedersi, potrebbe essere tutto ciò che serve per aiutare a rafforzare il cervello, e un nuovo studio sugli ottantenni di Chicago potrebbe aiutare a spiegare perché.

 

 Lo studio, che ha monitorato la frequenza con cui le persone anziane si muovevano o si sedevano e poi studiava con un’autopsia il loro cervello dopo la loro morte, ha scoperto che alcune cellule immunitarie vitali funzionavano in modo diverso nel cervello delle persone anziane che erano attive rispetto ai loro coetanei più sedentari.  L'attività fisica sembrava influenzare la salute del loro cervello, le loro capacità di pensiero e se sviluppano la perdita di memoria tipica del morbo di Alzheimer.  Questi risultati si aggiungono alla crescente evidenza che quando muoviamo i nostri corpi, cambiamo in meglio, non importa quanto sia avanzata la nostra età.

 

 Già, molte prove scientifiche indicano che l'attività fisica irrobustisce il nostro cervello.  Le persone anziane e sedentarie che iniziano a camminare per circa un'ora quasi tutti i giorni, ad esempio, in genere aggiungono volume al loro ippocampo, il centro della memoria del cervello, riducendo o invertendo il restringimento che altrimenti si verifica comunemente nel corso degli anni.  Le persone attive di mezza età o più anziane tendono anche a ottenere risultati migliori nei test della memoria e delle capacità di pensiero rispetto alle persone della stessa età che si allenano raramente e hanno quasi la metà delle probabilità di essere diagnosticati con il morbo di Alzheimer.  Quasi altrettanto incoraggiante, le persone attive che sviluppano la demenza di solito mostrano i loro primi sintomi anni dopo rispetto alle persone inattive.

 

 Ma come il movimento rimodella il nostro cervello è ancora per lo più misterioso, sebbene gli scienziati abbiano avuto suggerimenti da esperimenti sugli animali.  Quando topi e ratti di laboratorio adulti corrono su ruote, ad esempio, stimolano la produzione di ormoni e sostanze neurochimiche che stimolano la creazione di nuovi neuroni, nonché sinapsi, vasi sanguigni e altri tessuti che collegano e nutrono le giovani cellule cerebrali.

 

 Gli studi dimostrano che l'esercizio dei roditori rallenta o arresta anche il declino correlato all'invecchiamento nel cervello degli animali, in parte rafforzando le cellule specializzate chiamate microglia.  Poco comprese fino a poco tempo fa, le cellule microglia sono ora note per essere le cellule immunitarie residenti nel cervello i cosiddetti monitor di sala.  Queste osservano i segni di declino della salute neuronale e, quando vengono individuate cellule in declino, rilasciano sostanze neurochimiche che avviano una risposta infiammatoria.  L'infiammazione, a breve termine, aiuta a eliminare le cellule problematiche e qualsiasi altro detrito biologico.  Successivamente, le microglia rilasciano altri messaggi chimici che calmano l'infiammazione, mantenendo il cervello sano e ordinato e il pensiero dell'animale intatto.

 

 Ma come gli animali invecchiano, con recenti studi è stato scoperto, che la loro microglia può iniziare a funzionare male, avviando l'infiammazione ma successivamente non la calmano, portando a una continua infiammazione del cervello.  Questa infiammazione cronica può uccidere le cellule sane e causare problemi di memoria e apprendimento, a volte abbastanza gravi da indurre nel roditore una versione del morbo di Alzheimer.

 

 A meno che gli animali non si esercitino.  In tal caso, gli esami post mortem dei loro tessuti mostrano che il cervello degli animali tipicamente pullula di microglia sana e utile fino alla vecchiaia, mostrando pochi segni di continua infiammazione cerebrale, in questo modo gli stessi roditori anziani hanno mantenuto una capacità giovanile di apprendere e ricordare.

Gli scienziati non avevano precedentemente trovato un modo per studiare se essere fisicamente attivi con l'avanzare dell'età – o meno – avrebbe influenzato il funzionamento interno delle cellule microgliali.  Quindi, per il nuovo studio, pubblicato a novembre sul Journal of Neuroscience, gli scienziati affiliati al Rush University Medical Center di Chicago, all'Università della California, a San Francisco e ad altre istituzioni, si sono rivolti ai dati dell'ambizioso progetto Rush Memory and Aging. Per quello studio, centinaia di abitanti di Chicago, la maggior parte inizialmente di 80 anni, hanno completato ampi test annuali di pensiero e memoria e hanno indossato monitor di attività per almeno una settimana.  Pochi si esercitavano formalmente, ma alcuni si muovevano o camminavano molto più spesso di altri.

 

 Molti dei partecipanti sono morti mentre lo studio continuava e i ricercatori hanno esaminato i tessuti cerebrali immagazzinati di 167 di essi, alla ricerca di marcatori biochimici persistenti dell'attività microgliale.  Volevano vedere, in effetti, se la microglia delle persone sembrava essere stata perennemente sovraeccitata durante i loro ultimi anni, guidando l'infiammazione del cervello, o se fosse stata in grado di ridurre la loro attività quando appropriato, attenuando l'infiammazione.  I ricercatori hanno anche cercato le caratteristiche biologiche comuni dell'Alzheimer, come le placche e i grovigli rivelatori che avvolgono il cervello.  Quindi hanno incrociato questi dati con le informazioni dei tracker di attività delle persone.

 

 Inoltre hanno trovato una forte relazione tra fare movimento e la microglia sana, specialmente nelle parti del cervello coinvolte nella memoria.  La microglia degli uomini e delle donne anziani più attivi conteneva marcatori biochimici che indicavano che le cellule sapevano come essere silenziose quando necessario.  Ma la microglia dei partecipanti sedentari ha mostrato segni di un blocco con un sovraccarico malsano durante i loro ultimi anni.  Anche gli uomini e le donne inattivi generalmente hanno ottenuto il punteggio più basso nei test cognitivi.

 

 Forse la cosa più interessante, però, è che questi effetti erano maggiori nelle persone il cui cervello mostrava segni di Alzheimer quando morivano, indipendentemente dal fatto che avessero gravi problemi di memoria mentre erano ancora in vita.  Se queste persone fossero state inattive, la loro microglia tendeva a sembrare piuttosto disfunzionale e i loro ricordi tendevano ad essere imprevedibili.  Ma se le persone si erano mosse frequentemente durante la tarda età, la loro microglia di solito appariva sana dopo la loro morte e molti non avevano sperimentato una notevole perdita di memoria negli ultimi anni.  Il loro cervello potrebbe aver mostrato segni di Alzheimer, ma le loro vite e le loro capacità di pensiero no.

 

 Ciò che questi risultati suggeriscono è che l'attività fisica può ritardare o alterare la perdita di memoria dovuta all'Alzheimer nelle persone anziane, in parte mantenendo in forma la microglia, ha detto Kaitlin Casaletto, assistente professore di neuropsicologia presso l'U.C.S.F.  Centro Memoria e Invecchiamento, che ha guidato il nuovo studio.

 

 In modo incoraggiante, la quantità di attività necessaria per vedere questi benefici non era grande, ha detto il dott. Casaletto.  Nessuno dei partecipanti aveva corso maratone negli anni del tramonto.  Pochi si erano formalmente esercitati.  "Ma c'era una relazione lineare" tra quanto erano fermi e la salute del loro cervello, ha detto.  "Meno si sedevano, più stavano in piedi, più si muovevano, migliori erano i loro risultati".

 

 Lo studio è importante, ha affermato Mark Gluck, professore di neuroscienze alla Rutgers University nel New Jersey, che non è stato coinvolto nella ricerca.  I risultati sono "i primi a utilizzare analisi post-mortem del tessuto cerebrale per dimostrare che un marker di infiammazione nel cervello, l'attivazione della microglia, sembra essere il meccanismo attraverso il quale l'attività fisica può ridurre l'infiammazione cerebrale e aiutare a proteggere dai danni cognitivi del morbo di Alzheimer", ha detto, anche se sono necessarie ulteriori ricerche sulle persone viventi.

 

 Inoltre, nessuno crede che le microglia siano l'unico aspetto del cervello interessato dal movimento, ha affermato il dott. Casaletto.  L'attività fisica modifica innumerevoli altre cellule, geni e sostanze chimiche nel cervello, ha detto, e alcuni di questi effetti potrebbero essere più importanti della microglia nel mantenerci mentalmente svegli.  Inoltre, questo studio non dimostra che l'attività fa sì che la microglia funzioni meglio, solo che la microglia sana è comune nelle persone attive.  Infine, non ci dice se otteniamo benefici extra per il cervello dall'essere fisicamente attivi quando siamo molto più giovani di 80 anni.  Ma il dottor Casaletto, che ha 36 anni, ha detto che i risultati dello studio spingono a fare attività fisica.