Il Covid-19 sta creando un'ondata di malattie cardiache

 Il dottor Warraich è un cardiologo ed il  17 agosto 2020  sul New York Time ha scritto un interessante articolo sugli effetti del covid-19 sul cuore.

 Inizialmente si pensava che SARS-CoV-2, il virus che causa il Covid-19, avesse un impatto principalmente sui polmoni - SARS sta per "sindrome respiratoria acuta grave".  Ora sappiamo che c'è a malapena una parte del corpo che questa infezione risparmia.  E i dati emergenti mostrano che alcuni dei danni più potenti del virus vengono inflitti al cuore.

 

Eduardo Rodriguez era pronto per iniziare questa stagione come lanciatore n. 1 dei Boston Red Sox.  Ma a luglio il 27enne è risultato positivo al Covid-19.  Sentendosi "vecchio di 100 anni", ha detto ai giornalisti: "Non sono mai stato così malato in vita mia e non voglio ammalarmi di nuovo".  I suoi sintomi sono diminuiti, ma poche settimane dopo si è sentito così stanco dopo aver lanciato circa 20 tiri durante l'allenamento che la sua squadra gli ha detto di fermarsi e riposare.

  Ulteriori indagini hanno rivelato che aveva una condizione che molti stanno ancora cercando di capire: una miocardite associata a Covid-19.  Il signor Rodriguez non giocherà a baseball in questa stagione.  Miocardite significa infiammazione del muscolo cardiaco.  Alcuni pazienti non ne sono mai colpiti, ma per altri può avere gravi implicazioni.  E il signor Rodriguez non è l'unico atleta a soffrirne: molti giocatori di football universitari hanno probabilmente sviluppato la miocardite da Covid-19, mettendo in pericolo l'intero panorama del football universitario.

 Recentemente ho trattato un paziente con Covid-19 sui 50 anni.  Era in perfetta forma senza precedenti di gravi malattie.  Quando iniziarono la febbre e i dolori muscolari, si chiuse nella sua stanza.  Ma invece di migliorare, le sue condizioni sono peggiorate e alla fine ha accumulato litri di liquido nelle gambe.  Quando è arrivato in ospedale incapace di riprendere fiato, non erano stati i suoi polmoni a spingerlo sull'orlo del baratro: era il suo cuore.  Ora lo stiamo valutando per vedere se ha bisogno di un trapianto di cuore.

 Un nuovo interessante studio effettuato in Germania offre uno sguardo su come SARS-CoV-2 colpisce il cuore.  I ricercatori hanno studiato 100 individui, con un'età media di soli 49 anni, che si erano ripresi dal Covid-19.  La maggior parte era asintomatica o presentava sintomi lievi.

 

 In media due mesi dopo aver ricevuto la diagnosi, i ricercatori hanno eseguito una risonanza magnetica del cuore e hanno fatto alcune scoperte allarmanti: quasi l'80% aveva anomalie persistenti e il 60% aveva evidenza di miocardite.  Il grado di miocardite non è stato spiegato dalla gravità della malattia iniziale. Sebbene lo studio abbia alcuni difetti e non è possibile generalizzare il significato dei suoi risultati non completamente noti, rende chiaro che nei pazienti giovani che avevano apparentemente superato la SARS-CoV-2 è abbastanza comune che il cuore ne sia colpito.  Potremmo vedere solo l'inizio del danno.

  I ricercatori stanno ancora cercando di capire come la SARS-CoV-2 causi la miocardite, sia che sia il virus che colpisce direttamente il cuore o che sia la reazione immunitaria virulenta che stimola.  È possibile che parte del successo dei farmaci immunosoppressori come lo steroide desametasone nel trattamento dei pazienti malati con Covid-19 derivi dalla prevenzione del danno infiammatorio al cuore.  Tali steroidi sono comunemente usati per trattare i casi di miocardite.  Nonostante il trattamento, le forme più gravi di miocardite associata a Covid-19 possono portare a danni permanenti al cuore, che a loro volta possono portare a insufficienza cardiaca.

 Ma la miocardite non è l'unico modo in cui Covid-19 può causare la morte di più persone per malattie cardiache.  Quando ho analizzato i dati dei Centers for Disease Control and Prevention, ho scoperto che da febbraio quasi 25.000 americani in più sono morti di malattie cardiache rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti.  Alcuni di questi decessi potrebbero essere attribuiti al Covid-19, ma è probabile che la maggior parte sia dovuta al fatto che i pazienti hanno rimandato la cura per i loro problemi cardiaci.  Ciò potrebbe portare a un'ondata di malattie cardiache non trattate sulla scia della pandemia.

 Molti pazienti sono comprensibilmente preoccupati di tornare in clinica o in ospedale.  L'American Heart Association ha avviato una campagna chiamata "Don't Die of Doubt” (Non morire a causa di un dubbio) per affrontare l'allarmante riduzione delle persone che chiamano i servizi di emergenza sanitaria o che cercano assistenza medica dopo un infarto o un ictus.

Dall'inizio della pandemia, è stato chiaro che le persone con malattie cardiache o condizioni correlate come il diabete o l'ipertensione sono a maggior rischio di malattia grave da Covid-19.  Il C.D.C. (Centro per il controllo delle malattie negli USA) raccomanda che gli oltre 30 milioni di americani che vivono con malattie cardiache adottino precauzioni aggiuntive per evitare l'infezione.  Gli ospedali e le cliniche dovrebbero fare gli straordinari sia per garantire la sicurezza per i pazienti, sia per rafforzare i servizi di telemedicina in modo che i pazienti possano essere assistiti senza dover lasciare le loro case.

 Medici e ricercatori non dovrebbero più pensare al Covid-19 come a una malattia dei polmoni ma come a una malattia che può colpire qualsiasi parte del corpo, in particolare il cuore.  L'unico modo per evitare che più persone muoiano di malattie cardiache, sia per i danni causati dal virus che per le cure rimandate delle malattie cardiache, è controllare la pandemia.