Perché è fondamentale vaccinarsi contro il morbillo

Dopo che la vaccinazione contro il morbillo fu introdotta negli anni '60, i casi di morbillo diminuirono drammaticamente. Misteriosamente, ovunque questo accadesse, diminuivano anche i decessi per infezioni, fenomeno che allora sembrava completamente non correlato e soprattutto poco compreso.

Il virus del morbillo è direttamente responsabile di oltre 100.000 decessi ogni anno. Gli studi epidemiologici hanno associato il morbillo ad un aumento della morbilità e della mortalità anche per numerosi anni dopo l'infezione, ma non si era mai riusciti a capire i motivi per cui questo avvenisse.

Recenti studi hanno appurato che Il morbillo ha un effetto devastante e a lungo termine sul sistema immunitario. Ammalarsi di morbillo aumenta la vulnerabilità ad altre infezioni mentre il vaccino MMR (morbillo, parotite e rosolia), proteggendo dal morbillo, evita un alto numero di queste infezioni.

È stato osservato che il virus del morbillo infetta le cellule immunitarie, causando una intensa ed acuta soppressione del sistema immunitario.

Per identificare e quantificare gli effetti a lungo termine del morbillo sul sistema immunitario, alcuni ricercatori hanno sottoposto a studio 77 bambini non vaccinati prima e 2 mesi dopo essere stati colpiti dall'infezione da virus del morbillo.

Il morbillo ha causato in questi bambini l'eliminazione dell'11-73% del loro patrimonio di anticorpi presenti prima della malattia. Questi giovani pazienti hanno recuperato il normale numero degli anticorpi solo dopo una nuova esposizione naturale ai patogeni. In particolare, questi effetti sul sistema immunitario non sono stati osservati nei neonati vaccinati contro la MMR (morbillo, parotite e rosolia), ma sono stati confermati nei macachi ai quali è stata provocata l’infezione da morbillo. La riduzione della memoria immunitaria umorale dopo l'infezione da morbillo genera una potenziale vulnerabilità alle infezioni future, sottolineando la necessità di diffondere il più possibile il programma di vaccinazione.

Da anni è noto che Il morbillo rende i bambini più vulnerabili ad altre infezioni. Ora questi due importanti studi effettuati su giovani pazienti olandesi, tutti protestanti ortodossi con familiari che rifiutano la vaccinazione, hanno rilevato il motivo di quanto avviene: l’infezione del morbillo danneggia gravemente il sistema immunitario, rendendo questa malattia ancora più letale di quanto si pensasse.

Questa è una brutta notizia, poiché i casi di morbillo in tutto il mondo sono cresciuti a livelli mai visti dal 2006, sono aumentati di dieci volte in Africa e raddoppiati in Europa. negli anni negli Stati Uniti e in Inghilterra hanno raggiunto il livello più elevato mai registrato. Nel 2017 ci sono stati 7 milioni di casi in tutto il mondo, ma le cifre che dovrebbero essere pubblicate questo dicembre mostrano che i numeri sono aumentati "in modo notevole" nel 2018, afferma Katrina Kretsinger dell'Organizzazione mondiale della sanità.

"Tutti i casi sono dovuti al fatto che le persone che avrebbero dovuto essere vaccinate non lo sono state”, a causa dei sistemi sanitari nazionali deboli e poco efficienti, della scarsa informazione pubblica e del forte sentimento anti-vaccini.

Nel 2015, Michael Mina, ora alla Harvard University, ha scoperto che i bambini che hanno avuto il morbillo hanno molte più probabilità di contrarre altre malattie, queste infezioni post-morbillo possono rappresentare la metà di tutte le morti per malattie infettive nei bambini che vivono in aree in cui è diffuso il virus.

Nel 2017 circa 100.000 bambini sono morti di morbillo. Mina sospetta che due o tre volte questo numero di pazienti che hanno contratto il morbillo morirà in seguito per altre infezioni che non avrebbero preso se non avessero avuto il morbillo.

Questi studi sembrano dimostrare il motivo di tutto ciò. Poiché tutti siamo esposti ai vari patogeni da bambini, accumuliamo cellule immunitarie specializzate, ognuna delle quali ha imparato a produrre anticorpi per attaccare un particolare frammento di un agente patogeno. Sembra che Il virus del morbillo uccida queste cellule, ma sino ad ora l'impatto di questo non era noto.

Mina e il suo team hanno determinato quali anticorpi sono stati prodotti da 77 bambini olandesi non vaccinati che in seguito hanno preso il morbillo. Prima che qualcuno di loro avesse il morbillo, questi bambini potevano produrre anticorpi contro molti virus e batteri. Ma in seguito hanno perso tra l'11 e il 73% del loro patrimonio di anticorpi, per vari tipi di agenti patogeni.

Sembra quindi che il loro sistema immunitario, accumulato nel tempo, sia stato spazzato via dalla infezione naturale.

"Il 20% dei bambini più colpito ha perso più della metà degli anticorpi che avrebbe potuto produrre contro più della metà dei patogeni che abbiamo testato", afferma Mina. Il virus del morbillo vivo e indebolito nel vaccino MMR non ha avuto tale effetto negli altri 32 bambini sottoposti a studio.

Per recuperare i loro anticorpi persi, Mina sospetta che coloro che hanno avuto il morbillo debbano essere nuovamente esposti a tutti i patogeni che avevano già incontrato, prima della infezione con i relativi rischi di malattia. In alcuni casi può capitare che serva ripetere nuovamente eventuali vaccinazioni già ricevute, poiché i vaccini funzionano insegnando al sistema immunitario a produrre anticorpi specifici.

Secondo alcuni ricercatori la realtà potrebbe anche essere peggiore. In un altro studio recente, Colin Russell dell'Università di Amsterdam nei Paesi Bassi e i suoi colleghi hanno sequenziato il DNA delle cellule immunitarie da 20 pazienti dello stesso gruppo di bambini. "In questo modo potremmo esaminare non solo le cellule che producono anticorpi, ma anche le loro cellule precursori", afferma Russell.

Nei nostri primi anni di vita, queste cellule maturano, si diversificano in modo da riconoscere rapidamente particolari tipi di molecole su diversi agenti patogeni. Il team di Russell ha scoperto che il morbillo uccide le cellule mature. "È come se il nostro sistema immunitario fosse riportato ad uno stadio iniziale."

Ciò significa, dice, uno dei ricercatori che chi ha avuto il morbillo potrebbe aver bisogno di essere nuovamente esposto alle malattie più volte per ricostruire il proprio patrimonio di anticorpi.

Potrebbero essere necessari cinque anni per il ripristino del loro sistema immunitario, poiché questo è il tempo impiegato dai pazienti sottoposti al potente farmaco immunosoppressivo rituximab, che colpisce le stesse cellule immunitarie e che viene utilizzato per trattare alcuni tipi di cancro. Ciò concorda con gli studi che dimostrano che le persone che hanno avuto il morbillo hanno ridotto l'immunità per un massimo di cinque anni.

Questo effetto ha un reale impatto clinico. Il team di Russell ha somministrato un virus simile al morbillo ai furetti vaccinati contro l'influenza. Questi animali hanno continuato ad avere continui attacchi di influenza. Furetti vaccinati, ai quali non è stato inoculato il virus simile al morbillo sono rimasti protetti nel tempo contro l'influenza.

Bibliografia

https://www.newscientist.com/article/2222038-measles-has-a-devastating-and-long-term-effect-on-your-immune-system/

Science, DOI: 10.1126 / science.aay6485; Science Immunology, DOI: 10.1126 / sciimmunol.aay6125

Debora MacKenzie