CHIUDI QUELLA BOCCA : Come respirare per migliorare la memoria e il sonno.

Categoria: Letture consigliate
Pubblicato: Venerdì, 14 Gennaio 2022 14:47
Scritto da Giovanni Creton
Visite: 116

Nel   gennaio del 2020 su New Scientist fu pubblicato questo articolo che mi spinse ad approfondire l’argomento sino ad arrivare a leggere un bellissimo libro “L’arte di respirare” che è stato un best seller negli Stati Uniti ed è uscito in Italia nel marzo del 2021.

 

 

 

Più della metà di noi respira nel modo sbagliato, in questo modo si perdono molti benefici per una salute migliore ed una coscienza alterata. 

 Sembra la cosa più naturale del mondo, ma respirare è sorprendentemente facile da sbagliare – e questo conta più di quanto si possa pensare.

 Il più delle volte, il modo giusto di respirare è attraverso il naso.  L’organo appuntito attaccato al tuo viso è squisitamente progettato per intrappolare polvere e altri corpi estranei con i peli e muco.  Oltre il naso visibile si trova la cavità nasale, uno spazio cavernoso delle dimensioni di una bocca spalancata.  Questo è rivestito con membrane ripiegate progettate per riscaldare o raffreddare l'aria alla temperatura corporea, aggiungere umidità e intrappolare gli agenti patogeni in ancora più muco.  I tuoi seni - spazi pieni d'aria che si collegano alla cavità nasale - fanno vorticare di più l'aria e aggiungono ossido nitrico, che uccide batteri e virus e rilassa i vasi sanguigni nel tratto respiratorio, consentendo a più ossigeno di passare nel sangue.

L’ossido nitrico si può considerare una molecola chiave per la vitalità e la salute di tutti gli organi del nostro corpo.

 

 

 

 

 

 Il risultato di tutto questo è che la respirazione nasale aggiunge il 50% in più di resistenza dell'aria rispetto alla respirazione attraverso la bocca.  Ciò dà al tuo cuore e ai tuoi polmoni un allenamento e aumenta il vuoto nei tuoi polmoni, che ti consente di aspirare fino al 20% in più di ossigeno rispetto alla respirazione orale.

 Come se non bastasse, la respirazione nasale aumenta anche la funzione cerebrale.  I giovani ratti che respiravano con la bocca si sono dimostrati più lenti a completare un labirinto rispetto a quelli che respiravano con il naso e, quando raggiunsero l'età adulta, avevano meno neuroni nell'ippocampo, una parte del cervello importante per l'apprendimento e la memoria.  Gli studi effettuati sulle persone rivelano che facciamo meglio anche nei test di memoria quando respiriamo attraverso il naso.

 

 La spiegazione è che la cavità nasale ha una linea diretta con i centri di elaborazione delle emozioni e della memoria del cervello, tramite neuroni sensoriali che si collegano al bulbo olfattivo del cervello.  Oltre a trasmettere messaggi sull'odore, questi neuroni percepiscono l'aria che entra e esce dalla cavità nasale e bloccano le onde cerebrali allo stesso ritmo.  Le onde cerebrali sincronizzate si sono quindi diffuse oltre le aree cerebrali di elaborazione degli odori in regioni responsabili della memoria, delle emozioni e della cognizione.

 Molti di noi stanno perdendo questi vantaggi.  Secondo alcune stime, oltre il 50% dei bambini e il 61% degli adulti respirano troppo spesso con la bocca.  Di conseguenza, rischiamo anche l'alitosi, il sonno scarso, le difficoltà di apprendimento, la carie e persino la malformazione della mascella.

 Se sospetti di respirare accidentalmente con la bocca, puoi impostare un allarme per ricordarti di controllare come respiri durante il giorno.  Puoi comprare delle strisce per chiudere di notte la bocca con del nastro adesivo.  Tuttavia, l'evidenza che questo funziona si limita a un piccolo studio, che ha scoperto che in questo modo si riduce il russare e la sonnolenza nelle persone con lieve apnea ostruttiva del sonno.

  Per quanto riguarda la velocità di respirazione, se cerchi un modo per rilassarti, rallenta la frequenza fino a circa sei respiri al minuto.  Questo innesca un riflesso che allarga i vasi sanguigni e riduce la frequenza cardiaca.  Concentrarsi su un'espirazione lunga e lenta stimola anche il nervo vago, che è responsabile della risposta di riposo dopo la digestione, l'opposto della risposta di lotta o fuga.  Respirare ancora più lentamente potrebbe persino cullarti in uno stato alterato di coscienza.  A tre respiri al minuto, le onde cerebrali theta aumentano, insieme a uno stato di isolamento che sembra un sonno a onde lente, uno stato di sonno profondo.

Esistono alcuni esercizi di respirazione Pranayama - Respirazione a narici alternate, spesso eseguita per alleviare lo stress e l'ansia.

 Qualunque sia la velocità, la respirazione nasale è la strada da percorrere.  E durante l’esercizio potresti anche canticchiare una piccola melodia.  Il ronzio crea vortici d'aria nei seni paranasali, che aumentano di 15 volte la produzione di ossido nitrico, con tutti i suoi benefici immunitari e cardiovascolari.  L'unico momento in cui la respirazione nasale è insufficiente è quando è necessario riempire rapidamente i polmoni.  In caso di emergenza, una presa d'aria veloce attraverso la bocca fa miracoli.  Cerca solo di non farlo in modo abitudinario.

Un ultimo suggerimento, molti lettori avranno amici medici ai quali potrebbero regalare questo libro per aiutarli a considerare numerosi disturbi con un’ ottica nuova.

 https://www.newscientist.com/article/mg24532640-600-how-to-breathe-your-way-to-better-memory-and-sleep/

 https://www.comemigliorare.com/ossido-nitrico-aumentare-in-modo-naturale/

 https://www.doppiozero.com/materiali/larte-di-respirare