Quali sono gli effetti collaterali del vaccino

Categoria: Non categorizzato
Pubblicato: Martedì, 22 Dicembre 2020 16:48
Scritto da Ryder Italia Onlus
Visite: 3670

 Il vaccino COVID-19 farà star male alcune persone.  Ma è solo il sistema immunitario che fa il suo lavoro.

SARAH ZHAN Atlantic 18 DICEMBRE 2020

Per una frazione di persone, ottenere questi primi vaccini COVID-19 potrebbe essere spiacevole, più del solito disturbo di ricevere un'iniezione.  Potrebbero farti sentire male per un giorno o due, anche se non contengono virus interi capaci di infettarti effettivamente.  Entrambi i vaccini Pfizer / BioNTech e Moderna sono abbastanza "reattogeni", nel senso che stimolano una forte risposta immunitaria che può causare dolori alle braccia, febbre, brividi e mal di testa temporanei ma fastidiosi.  In altre parole, farli potrebbe fare un po’ 'schifo, ma non è neanche lontanamente così grave come lo stesso COVID-19.

La reattività si verifica in una certa misura con tutti i vaccini e non è di per sé un problema di sicurezza.  I vaccini, dopo tutto, agiscono inducendo il corpo a pensare di essere stato infettato e questi "sintomi" sono un'indicazione che lo ha fatto con successo.  La febbre, l'affaticamento e altri segni che associamo a raffreddore o influenza o persino a COVID-19 sono in genere causati dalle nostre risposte immunitarie, non dal virus stesso.  "Un vaccino reattogeno non è la stessa cosa di un vaccino non sicuro", afferma Saad Omer, un esperto di vaccini e direttore dello Yale Institute for Global Health.

Rispetto ai vaccini esistenti, i due COVID-19 di Pfizer / BioNTech e Moderna sono un po' 'più reattogeni dei vaccini antinfluenzali ma sono all'incirca alla pari con il vaccino contro l'herpes zoster, che può interferire con la vita quotidiana per un paio di giorni in alcune persone.  (Anche quello di Moderna sembra essere un po’ più reattogeno di Pfizer, forse perché ha un dosaggio maggiore.) Questi vaccini possono dare fastidio e il CDC ha suggerito agli ospedali di scaglionare le vaccinazioni tra il personale, per evitare che un’intera unità operativa non sia colpita in un dato giorno.  Anche le case di cura sono preoccupate di vaccinare tutto il personale e i residenti contemporaneamente, il che potrebbe ridurre la disponibilità del personale e nello stesso momento nel quale i residenti hanno bisogno di maggiori cure.

Mentre gli Stati Uniti intraprendono la loro più grande e complessa campagna di vaccinazione della storia, gli esperti dicono che i fornitori di vaccini devono stabilire aspettative per le persone che ricevono il vaccino. Se qualcuno che riceve un vaccino è spiacevolmente sorpreso, potrebbe non tornare per una seconda dose o la sua esperienza potrebbe influenzare i suoi amici e familiari contro di essa.  Gestire le aspettative significa assicurarsi che gli americani siano disposti a ricevere il vaccino.  "Deve esserci una trasparenza abbastanza buona su ciò che sperimenterai", afferma Deborah Fuller, microbiologa e ricercatrice di vaccini presso l'Università di Washington.

Il dolore alle braccia, la febbre e il mal di testa sono il risultato dell'immunità innata, il primo dei due rami principali del sistema immunitario.  L'immunità innata è uno strumento diretto; vuole combattere qualsiasi cosa estranea.  Quando si riceve un vaccino COVID-19, le cellule del braccio assorbono l'mRNA che codifica una versione della proteina spike del coronavirus.  Il virus utilizza la proteina spike come chiave per entrare nelle nostre cellule, ma non collegata al resto del virus, la proteina spike non può infettare nulla. Tuttavia, il sistema immunitario innato riconosce i materiali del vaccino e la risultante proteina spike come estranei.

Questo segnale scatena una reazione che può sembrare molto simile a come ammalarsi.  Più cellule immunitarie vengono reclutate nel braccio, che può infiammarsi e dolorare, attivando ancora più cellule immunitarie che potrebbero causare sintomi di tutto il corpo come febbre e affaticamento.

Alcune di queste cellule immunitarie apparterranno al secondo ramo del sistema immunitario, l'immunità adattativa. Questi sono gli assassini mirati del sistema immunitario.  Includono le cellule B, che producono anticorpi che possono legarsi alla proteina spike e le cellule T che possono riconoscere le cellule infette.  L'immunità adattativa è ciò che ti proteggerà specificamente da COVID-19.  E per arrivarci, è necessario prima che il sistema immunitario innato riconosca la proteina estranea e attivi il sistema immunitario adattativo.  Un vaccino reattogeno non è necessariamente un vaccino più efficace, ma è un segno che il primo passo sta funzionando.

La reattività è anche diversa dall'anafilassi, una grave reazione allergica che si è verificata in una manciata di persone che hanno ricevuto il vaccino Pfizer negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Anche l'anafilassi è una reazione immunitaria, ma inizia pochi minuti dopo l'esposizione, con drastici cali di sangue pressione e difficoltà respiratorie.  Non è ancora chiaro cosa nei vaccini abbia innescato una reazione allergica, anche se i vaccini contengono zucchero come crioprotettore e sali per ottenere la giusta acidità, oltre ai principi attivi.  Il CDC raccomanda 30 minuti di osservazione dopo la vaccinazione COVID-19 per chiunque abbia una storia di anafilassi e 15 minuti per tutti gli altri.  L'anafilassi è molto curabile con l'adrenalina (Fastject penna preriempita) e gli antistaminici, e i destinatari del vaccino che l'hanno sperimentata si sono tutti ripresi.  Il CDC e la FDA hanno una rete di monitoraggio degli eventi avversi dei vaccini che esaminerà l'anafilassi e altri possibili effetti collaterali gravi ed a lungo termine.  Questi effetti collaterali sono tutti diversi dalla normale e comune reattogenicità, che dovrebbe durare solo un paio di giorni.

La reattogenicità dei vaccini a mRNA di Pfizer / BioNTech e Moderna è probabilmente in gran parte dovuta alla bolla di grasso utilizzata per confezionare l'mRNA.  Queste bolle, chiamate nano particelle lipidiche, sembrano stimolare il sistema immunitario negli animali anche quando sono vuote.  In passato, i produttori di vaccini a volte hanno aggiunto un secondo ingrediente a un vaccino, chiamato adiuvante, per migliorare la risposta immunitaria.  La nanoparticella lipidica, originariamente progettata per proteggere l'mRNA e introdurlo di nascosto all'interno delle cellule, ha funzionato anche come adiuvante.  "È come un pacchetto tre in uno", afferma Fuller.

Le nanoparticelle lipidiche sono un'area attiva di innovazione per la progettazione di futuri vaccini a mRNA, di cui Pfizer / BioNTech e Moderna sono i primi due.  La pandemia COVID-19 ha finalmente convalidato gli anni di aspettative sulla tecnologia.  Quando ho parlato con Drew Weissman, un pioniere del vaccino a mRNA presso l'Università della Pennsylvania, non molto tempo dopo i primi risultati della sperimentazione clinica che hanno dimostrato quanto funzionassero bene questi vaccini, era ottimista sul futuro dei vaccini a mRNA.  La tecnologia potrebbe essere applicata per migliorare i vaccini esistenti, come per l'influenza, e crearne di nuovi contro altre malattie o addirittura il cancro.  La sua unica nota di cautela era sulla reattogenicità.  "Stiamo lavorando a modi per ridurlo", mi ha detto.  "Non sono sicuro che le persone lo tollereranno per i vaccini antinfluenzali o altri vaccini."  Per il contesto, meno della metà degli adulti negli Stati Uniti ha ricevuto il vaccino antinfluenzale l'anno scorso.

Ma COVID-19 nel complesso è molto peggio dell'influenza.  Ha già ucciso più di 300.000 americani quest'anno, rispetto ai 60.000 che muoiono di influenza in un anno molto brutto.  E anche per le persone che guariscono, la malattia del coronavirus può durare molto più a lungo e sentirsi molto peggio.  Un braccio dolorante o la febbre per un giorno, al contrario, potrebbero non essere così gravi