Quanto tempo impiega Omicron per farci ammalare?

Categoria: Coronavirus
Pubblicato: Venerdì, 24 Dicembre 2021 15:08
Scritto da Giovanni Creton
Visite: 355

  Con questo articolo in uscita il giorno di Natale continua la diffusione di notizie sulla pandemia. In quasi due anni abbiamo cerato di tenervi aggiornati sulle problematiche legate al Covid perché reputiamo che solo una buona informazione permette alle persone di avere gli strumenti per decidere come comportarsi in un momento di crisi sanitaria e sociale. Sperando che questi articoli vi siano utili vi auguriamo un BUON NATALE.

 Atlantic 20 DICEMBRE 2021 KATHERINE J. WU

 La nuova variante sembra essere la più veloce finora.  Ciò rende più difficile la sua individuazione con i test che abbiamo.

  Certamente potrebbe non sembrare così, dato il caos della pandemia che abbiamo avuto, ma la forma del virus originale di SARS-CoV-2 era un po' più lenta.  Dopo essersi infiltrato nei nostri corpi, il virus in genere” fermentava” per circa cinque o sei giorni prima che i sintomi si manifestassero. Nei molti mesi trascorsi da quando è emersa quella versione ormai defunta del virus, sono arrivate nuove varianti per accelerare la cronologia.  Le stime per definire questo divario esposizione-sintomo, chiamato periodo di incubazione, sono state di circa cinque giorni per Alpha e quattro giorni per Delta.  Ora si dice che il nuovo ceppo pandemico, Omicron, potrebbe averlo ridotto a un minimo di tre.

  Se quel numero si conferma valido, probabilmente è una cattiva notizia.  Si ritiene che questi tempi ridotti svolgano un ruolo importante nell'aiutare la diffusione delle varianti del coronavirus: con ogni probabilità, più breve è il periodo di incubazione, più velocemente qualcuno diventa contagioso e più rapidamente si diffonde un focolaio. “Un’incubazione breve rende un virus molto, molto, molto più difficile da controllare", mi ha detto Jennifer Nuzzo, epidemiologo presso il Johns Hopkins Center for Health Security.

 Già, questo è ciò che sembra essere questa variante.  In meno di un mese, Omicron ha raggiunto dozzine di paesi, portando la percentuale di casi a livelli record. Se, come sospettano alcuni scienziati, questa variante è così predisposta a svilupparsi più rapidamente dentro di noi - incluso, a quanto pare, in molte persone con almeno una certa immunità - ciò lascia molto poco tempo per rilevare il virus, intervenire con antivirali, e ostacolarne la diffusione.

 

 Siamo ancora a poche settimane dalla nostra lotta contro l'Omicron e non è facile raccogliere dati sul periodo di incubazione, che potrebbe differire tra le popolazioni, o scoprire esattamente come il virus sta entrando in contatto con le nostre cellule.  Ma i primi segnali di allarme sono qui e, come ha riferito la mia collega Sarah Zhang, sappiamo abbastanza per agire.

 Tutto ciò, quindi, aumenta l'urgenza di disporre di test in grado di individuare Omicron in modo rapido e affidabile.  "Se Omicron ha un periodo di incubazione più breve, ciò rovinerà il modo in cui lo testiamo e lo affrontiamo", mi ha detto Omai Garner, un microbiologo clinico nel sistema sanitario dell'UCLA.  Ma i test negli Stati Uniti rimangono lenti, costosi e, per molti, esasperatamente fuori portata.  Non siamo preparati per l'ondata di Omicron in arrivo non solo perché è una nuova versione del coronavirus, ma perché è pronta a sfruttare una delle maggiori vulnerabilità nel nostro bagaglio di prevenzione delle infezioni.  Il coronavirus sta diventando più veloce, il che significa che sta diventando anche più difficile da catturare.

  Da quando l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha designato Omicron come una variante preoccupante alla fine di novembre, il virus sembra essere apparso un po' ovunque.  I ricercatori stanno rintracciando i casi in scuole, asili nido, hotel, università, matrimoni e bar.  E lo stanno trovando alle feste in ufficio, come quella in un ristorante a Oslo, in Norvegia, dove circa 80 persone potrebbero aver catturato o trasmesso Omicron.

 In un documento di ricerca che descrive l'epidemia di Oslo, gli scienziati hanno notato che, dopo l'evento, i sintomi sembravano manifestarsi rapidamente, in genere in circa tre giorni.  Più preoccupante, quasi tutte le persone che hanno riferito di aver preso l’Omicron hanno affermato di essere state vaccinate e di aver ricevuto un risultato negativo del test dell'antigene nei due giorni precedenti la festa.  Era un indizio che forse il virus si era moltiplicato all'interno delle persone così rapidamente che i risultati dei test rapidi erano stati rapidamente resi obsoleti.

 Le linee temporali descritte dai ricercatori norvegesi sono preliminari e potrebbero non essere rappresentative del resto di noi.  Ma sembrano corrispondere ai primi rapporti, a volte aneddotici, inclusi alcuni dal Sudafrica, uno dei primi paesi a rilevare e segnalare l'esistenza di Omicron.  Periodi di incubazione più brevi generalmente portano a più infezioni che si verificano in meno tempo, perché le persone stanno diventando più contagiose prima, rendendo più difficile prevenire la trasmissione in avanti.  Ajay Sethi, un epidemiologo dell'Università del Wisconsin a Madison, mi ha detto che vuole ancora più dati su Omicron prima di promuovere un'incubazione regolare.  Ma "ha senso", ha detto, considerando la crescita esplosiva della variante in praticamente tutti i paesi con cui si scontra.  In molti luoghi, i casi di Omicron raddoppiano ogni due o tre giorni.

  Individuare l’intervallo di incubazione è davvero difficile.  I ricercatori devono rintracciare focolai considerevoli, come la festa di Natale di Oslo; cercare di capire chi ha infettato chi; attendere che le persone segnalino quando iniziano a sentirsi male, sempre una cosa volubile, perché i sintomi sono soggettivi, quindi, idealmente, monitorare se anche i nuovi infetti stanno diffondendo il virus.  I numeri varieranno a seconda di chi è stato coinvolto: i periodi di incubazione di SARS-CoV-2 potrebbero differire in base allo stato di vaccinazione, alle condizioni di salute sottostanti, alla storia dell'infezione, all'età e persino alla dose del virus con cui le persone vengono colpite.  A complicare ulteriormente le cose, l'inizio dei sintomi tende a restare indietro rispetto all'inizio della contagiosità, in media, di un paio di giorni; quando i sintomi iniziano prima, la trasmissione potrebbe non seguire esattamente nella stessa misura.

 Se il periodo di incubazione di Omicron risultasse definitivamente più breve, dovremmo ancora capire come è stato misurato.  Alcuni potrebbero essere inerenti al virus stesso.  La proteina spike di Omicron è piena di loci con più di 30 mutazioni, alcune delle quali, basate su varianti precedenti, potrebbero aiutarla ad aderire più saldamente alle cellule e a divincolarsi in modo più efficiente al loro interno.  Due recenti studi di laboratorio, non ancora pubblicati su riviste scientifiche, potrebbero suggerire queste tendenze.  Uno, di un team dell'Università di Harvard, ha mostrato che un virus innocuo, progettato per mostrare la punta di Omicron sulla sua superficie, penetrava più facilmente nelle cellule umane in una piastra; un altro, dell'Università di Hong Kong, ha scoperto che Omicron si moltiplicava decine di volte più velocemente della variante Delta nel tessuto estratto dalle vie aeree superiori.  I risultati non si tradurranno necessariamente in ciò che accade nella realtà, ma supportano l'idea che Omicron stia sovraccaricando la velocità con cui si accumula fino alla contagiosità.  Più velocemente accade, più rapidamente il virus può riversarsi da una persona e nell'altra.  Se i dati si rivelassero esatti, "questo potrebbe fare molto per spiegare la rapida trasmissione", mi ha detto Lisa Gralinski, virologa dell'Università della Carolina del Nord a Chapel Hill.

 I non vaccinati rimangono i più a rischio, ma questa tendenza avrebbe conseguenze preoccupanti anche per i vaccinati e anche per quelli precedentemente infetti, soprattutto se non sottoposti a potenziamento.  Molti degli anticorpi che abbiamo schierato contro le versioni precedenti del coronavirus non riconoscono molto bene l'Omicron e non saranno in grado di sequestrarlo prima che si insinui nelle cellule.  Alla fine, un sistema immunitario addestrato a un vaccino o a un'infezione "recupererà", mi ha detto Ryan McNamara, un virologo della Harvard Medical School, producendo più anticorpi e lanciando un esercito di cellule T in grado di sedare il virus prima che diventi una   malattia seria.  Ma quelle difese impiegano alcuni giorni per entrare in azione e potrebbero non arrivare in tempo per prevenire le fasi iniziali, e spesso più potenti, della trasmissione.  Più veloci sono gli sprint di Omicron, maggiore è il vantaggio che ottiene contro le difese del corpo.

  L'immagine su Omicron si sta fondendo sia microscopicamente dentro di noi che ampiamente nelle comunità: pendii ripidi, in continua crescita.  I due fenomeni sono collegati: un periodo di incubazione più breve significa che c'è meno tempo per individuare un'infezione prima che diventi contagiosa.  Con Omicron, le persone che pensano di essere state esposte potrebbero aver bisogno di testarsi prima e più spesso per contrarre un virus in ripresa.  E i risultati negativi che ottengono potrebbero avere una longevità ancora inferiore rispetto ad altre varianti, mi ha detto Melissa Miller, microbiologa clinica dell'UNC.  I test offrono solo un'istantanea del passato, non una previsione del futuro; un virus a replicazione rapida può passare da non rilevabile a molto, molto rilevabile in poche ore: dalla mattina alla sera, i test negativi potrebbero non reggere.

 Questa, in particolare, potrebbe essere una cattiva notizia per i test PCR, che sono stati il ​​gold standard durante la pandemia ed essenziale per diagnosticare i malati.  (Per fortuna, la maggior parte dei test PCR sembra rilevare bene l'Omicron.) Questi test devono essere elaborati in un laboratorio prima di poter dare dei risultati, un processo che di solito richiede almeno alcune ore ma, quando le risorse sono ridotte al minimo, come ora, possono gonfiarsi per molti giorni.  In quel momento, Omicron potrebbe essere saltato fuori dal corpo di una persona per entrare nel prossimo e nel successivo.  È una scommessa particolare per le persone che non hanno sintomi e che sono ancora in giro mentre aspettano i risultati.  Quanto più rapidamente il virus diventa infettivo, tanto più importante diventa anche la velocità del test.

 I test rapidi dell'antigene a casa, che possono essere acquistati al banco e possono restituire i risultati in circa 15 minuti, potrebbero colmare alcune delle lacune.  I loro risultati arriverebbero anche con date di scadenza rapide, ma si manifesterebbero anche più velocemente e, potenzialmente, offriranno una migliore rappresentazione di ciò che sta accadendo nel corpo in questo momento.

 Ma i test rapidi dell'antigene non sono una soluzione perfetta.  Rispetto ai test PCR, sono meno in grado di rilevare il virus quando è presente a livelli piuttosto bassi, il che significa che potrebbero avere più difficoltà a individuare il virus mentre sta crescendo all'inizio dell'infezione, o potrebbero anche non riuscire a rilevarlo nelle persone che sono già contagiose.  Alcuni esperti mi hanno detto che sono preoccupati che alcuni test dell'antigene facciano fatica a individuare l'Omicron altamente mutato.

 Le persone potrebbero mettersi alla prova ripetutamente per ridurre le possibilità di perdere il microbo, ma una strategia del genere inizia rapidamente a diventare impraticabile.  Non puoi ragionevolmente chiedere alle persone di testarsi ogni 12 ore, ha detto Nuzzo.  E i prodotti non sono ancora disponibili in numero sufficientemente elevato da soddisfare un livello simile a questo tipo di domanda.  Sono anche selvaggiamente costosi, tenendoli fuori dalle mani di molte delle comunità vulnerabili che ne hanno più bisogno.  Alcuni stati stanno distribuendo test rapidi gratuitamente, ma sono ancora in minoranza

  È probabile che la rapidità della variante abbia grandi effetti a catena anche in contesti clinici.  Garner e Miller, che gestiscono entrambi laboratori clinici, sono preoccupati che l'imminente aumento dei test ritarderà i risultati per i pazienti che devono essere sottoposti a screening prima di essere sottoposti a un intervento chirurgico o che necessitano di una diagnosi per il trattamento.  Ciò potrebbe essere particolarmente problematico per la distribuzione delle tanto attese pillole antivirali per il trattamento del COVID, che devono essere assunte molto presto nel corso della malattia per arrestare efficacemente la progressione della malattia.  L'allungamento della capacità di laboratorio potrebbe anche compromettere i test per altri agenti patogeni, inclusa l'influenza, che sta tornando di soppiatto nella popolazione proprio mentre i sistemi sanitari stanno iniziando a cedere ancora una volta.  A livello nazionale, ha detto Garner, "siamo impreparati a un'impennata come lo eravamo un anno fa".

  Le persone non dovrebbero rinunciare ai test, mi hanno detto gli esperti; faranno comunque una grande differenza quando e dove verranno utilizzati, soprattutto per diagnosticare i malati.  Ma la velocità di Omicron è un forte promemoria della lentezza dell'umanità durante questa pandemia.  Finora, i test offrivano solo una rete di sicurezza porosa; nell’era di Omicron, i fori sono ancora più ampi.  Dovremo colmare le lacune raddoppiando ulteriormente le misure preventive: mascheramento, vaccinazione, ventilazione e, sfortunatamente, riducendo i viaggi e la socializzazione.  I virus in realtà non si muovono così velocemente da soli: hanno bisogno di ospiti umani per trasportarli.  Se le cose rimangono come sono, però, continueremo a dare a questo il viaggio la durata di una vita.