E’ possibile ammalarsi di covid-19 due volte, ma è probabile che la seconda infezione risulti lieve.

Articolo pubblicato su New Scientist 19-06-2021

Con il rientro verso la normalità è opportuno avere informazioni precise sulle problematiche inerenti la infezione da Covid-19 anche dopo la vaccinazione. Con la speranza di raggiungere nel giro di qualche mese la famosa immunità da gregge è opportuno ricordarsi che anche dopo il vaccino è possibile riprendersi l'infezione e che cosa di deve sapere almeno per ora.

Ad agosto 2020, è arrivato un rapporto preoccupante da Reno, in Nevada.  Un uomo di 25 anni che si era ripreso dal covid-19 ad aprile si era ammalato di nuovo, e questa volta i suoi sintomi erano peggiorati.  Era risultato negativo al virus tra un attacco e l'altro, quindi era stato infettato due volte.

All'epoca circolavano anche altre segnalazioni di reinfezione in tutto il mondo, suscitando il timore che le infezioni non portino a un'immunità di lunga durata. Nove mesi dopo, tuttavia, quei timori sono diminuiti.  Non solo la vaccinazione si sta dimostrando altamente efficace, ma numerosi ampi studi in Europa e negli Stati Uniti hanno ora dimostrato che, sebbene sia possibile la reinfezione, è rara e di solito produce una malattia lieve nel peggiore dei casi. Uno di questi studi è stato condotto nell'arco di quattro mesi in 100 case di cura per anziani in Inghilterra.  Tra giugno e novembre 2020, Maria Krutikov dell'University College di Londra e i suoi colleghi hanno prelevato campioni di sangue da 682 residenti e 1429 membri del personale e li hanno testati per gli anticorpi contro SARS-CoV-2.  Nei quattro mesi successivi, tutti i soggetti sono stati regolarmente sottoposti a screening per l'infezione mediante test PCR.

 Gli esami del sangue iniziali hanno rilevato che 634 delle 2111 persone totali erano positive agli anticorpi, il che significa che erano già state infettate.  Solo 14 di loro hanno successivamente avuto un test PCR positivo, un tasso di reinfezione di poco superiore al 2%. In confronto, 204 delle 1477 (14%) persone il cui esame del sangue è risultato negativo agli anticorpi successivamente hanno contratto il virus.  I dati dei residenti e del personale che erano stati vaccinati più di 12 giorni prima del prelievo dei campioni sono stati esclusi dall'analisi (The Lancet Healthy Longevity, doi.org/gkc8dr).

Undici delle 12 persone reinfette per le quali sono stati registrati i sintomi avevano disturbi come tosse o febbre, ma nessuna ha richiesto il ricovero in ospedale.  I ricercatori avvertono che i numeri sono piuttosto piccoli, quindi è difficile trarre conclusioni definitive, ma sembra che l'infezione precedente riduca il rischio di reinfezione di circa il 70%.  Ciò è in linea con un altro studio sugli operatori sanitari in Inghilterra, condotto anch'esso tra giugno e novembre 2020.La ricerca condotta in Danimarca durante la seconda ondata di infezioni ha riscontrato un livello di protezione ancora più elevato tra le persone precedentemente infettate nella prima ondata, circa l'80%.  Nel frattempo, uno studio non sottoposto a revisione paritaria su 50.000 dipendenti sanitari in Ohio tra dicembre 2020 e aprile 2021 ha rilevato un tasso di reinfezione pari a zero.

 "La preoccupazione per il covid-19 è che potremmo non vedere una protezione completa o che la protezione potrebbe diminuire con il tempo", afferma Alexander Edwards dell'Università di Reading, nel Regno Unito.  “È quindi una grande notizia vedere che il tasso di reinfezione non è stato riscontrato molto spesso.  Tuttavia, è importante anche confermare che si può verificare una reinfezione, quindi la protezione non è completa.  Prevediamo che l'infezione naturale dovrebbe proteggere da infezioni gravi, ma non abbiamo ancora dati sufficienti per saperlo".

Non sappiamo fino a che punto le nuove varianti cambino il quadro.  Lo studio sulle case di cura in Inghilterra è stato condotto quando la variante alfa stava diventando dominante nel Regno Unito.  "Il basso numero di reinfezioni suggerisce un buon livello di immunità contro questa variante a seguito di un'infezione naturale", afferma Krutikov.  Tuttavia, precede l'ascesa della variante delta, che ora causa il 91% dei casi nel Regno Unito. "Lo studio non informa direttamente la protezione contro la reinfezione con questa variante", afferma Rowland Kao dell'Università di Edimburgo, nel Regno Unito. È improbabile che ulteriori informazioni sulla reinfezione siano per ora disponibili perché la vaccinazione di massa rende difficile studiare un numero sufficiente di persone non vaccinate, afferma Edwards.

Quanto dura l'immunità?

Dopo un'infezione naturale da covid-19, il numero di anticorpi neutralizzanti, la nostra prima linea di difesa, diminuisce in quattro mesi.  Le cellule B, tuttavia, che formano una memoria immunitaria che garantisce protezione per decenni, sono presenti 11 mesi dopo l'infezione e sono rimaste stabili in un piccolo numero di persone testate a 15 mesi (Nature, doi.org/gj6hmb).

È probabile che le risposte ai vaccini siano simili.  La maggior parte degli studi suggerisce che i vaccini forniscono una buona protezione contro il covid-19 per almeno sei mesi.  Sono ancora in corso le prove per verificare se funzionano più a lungo.

Non sappiamo ancora quale livello di cellule immunitarie corrisponda all'immunità, ma i modelli suggeriscono che mentre l'immunità alle infezioni potrebbe svanire, l'immunità contro le malattie gravi potrebbe durare anni.  L'impatto delle varianti sulla durata dell'immunità non è ancora chiaro.