Ricordarsi i nomi per le varianti del coronavirus è da qualche giorno diventato un po' più semplice

Articolo pubblicato su STAT Helen Branswell 31 maggio 2021

 Tutti hanno difficoltà a ricordare i nomi delle varianti Covid-19 e si fa fatica a distinguere la variante B.1.1.7 dalla B.1.351 o dalla B.1.617.2?Da qualche giorno la variante del virus SARS-CoV-2 inizialmente nota come B.1.1.7 è stata ribattezzata Alpha con un nuovo sistema di denominazione ideato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità volendo semplificare la diffusione di notizie sul virus ha annunciato un nuovo sistema di denominazione ideato per le cosiddette varianti di interesse e varianti di preoccupazione, le forme del virus SARS-CoV-2 che presentano importanti mutazioni.

Ad ogni variante verrà assegnato un nome dall'alfabeto greco, nel tentativo sia di semplificare la discussione pubblica sia di eliminare parte della connotazione negativa che si attribuisce dall'emergere di nuove varianti. Un paese potrebbe essere più disposto a segnalare di aver trovato una nuova variante se sa che la nuova versione del virus sarà identificata come Rho o Sigma piuttosto che con il nome del paese, ha detto a STAT in un gruppo di esperti. Secondo il nuovo schema, B.1.1.7, la variante identificata per la prima volta in Gran Bretagna, sarà conosciuta come Alpha e B.1.351, la variante individuata per la prima volta in Sud Africa, sarà Beta. P.1, la variante rilevata per la prima volta in Brasile, sarà Gamma e B.1.671.2, la cosiddetta variante indiana, è denominata Delta.

Quando le 24 lettere dell'alfabeto greco saranno esaurite, verrà annunciata un'altra serie simile, ha detto Van Kerkhove. Un piano per semplificare la nomenclatura delle varianti è in lavorazione da diversi mesi, guidato dal Virus Evolution Working Group dell'OMS. Ma è stato sorprendentemente difficile trovare un sistema accettabile, ha detto Van Kerkhove. Il piano iniziale era quello di creare un gruppo di nomi di due sillabe che non fossero un neologismo formato da due parole diverse, ha detto Frank Konings dell'OMS, che guida il gruppo di lavoro. Ma è diventato subito evidente che troppi erano già stati rivendicati: alcuni erano nomi di aziende o località, altri erano cognomi. La combinazione di tre sillabe non ha risolto il problema e quattro sillabe sono diventate ingombranti.

 Per un po', il gruppo ha preso in considerazione i nomi di dei e dee greche, ma alla fine è stato annullato. L'idea di numerarli semplicemente uno, due, tre e così via è stata presa in considerazione, ma respinta perché si pensava che avrebbe probabilmente creato confusione con i nomi dati ai virus nei database di sequenze genetiche che tracciano l'evoluzione della SARS-2.

 "Non stiamo dicendo di sostituire B.1.1.7, ma in realtà ma in realtà’ tutto ciò è stato fatto solo per cercare di aiutare un po’ 'di dialogo con la persona media", ha spiegato Van Kerkhove. "In modo che nel discorso pubblico, potremmo discutere alcune di queste varianti in un linguaggio più facile da usare". Il suggerimento dell'alfabeto greco ha ottenuto l'approvazione degli esperti che l'OMS ha convocato per elaborare il sistema di denominazione, alcuni dei quali sono membri del Comitato internazionale sulla classificazione dei virus. Quel gruppo è incaricato di nominare nuove specie di virus - ha chiamato SARS-CoV-2, il virus che causa il Covid-19. Ma non nomina le sottospecie di virus, motivo per cui il compito è spettato all'OMS. “Ho sentito dire che a volte è una vera sfida raggiungere un accordo sulla nomenclatura. Questa è stata una discussione relativamente semplice per arrivare al punto in cui tutti erano d'accordo", ha detto Konings.

 L'OMS manterrà un elenco di varianti con i loro nuovi nomi sul suo sito web