Il Covid lungo nei bambini puo rappresentare un problema sanitario.

Categoria: Coronavirus
Pubblicato: Martedì, 16 Marzo 2021 13:52
Scritto da Ryder Italia Onlus
Visite: 104

I bambini colpiti dal covid’ presentano effetti prolungati e talvolta alcuni rimangono con problemi cronici significativi

 Articolo pubblicato su The new scientist 27/2/2021

 Sta emergendo un quadro preoccupante sugli effetti a lungo termine sulla salute del covid-19 in alcuni bambini.

 I bambini sembrano essere abbastanza protetti dai sintomi più gravi di covid-19.  Secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, la maggior parte dei bambini non sviluppa sintomi se infettata dal coronavirus, oppure i suoi sintomi sono molto lievi.

  Tuttavia, sta diventando sempre più evidente che un gran numero di bambini con covid-19 sintomatico e asintomatico sta presentando effetti a lungo termine, molti mesi dopo l'infezione iniziale.

 Sintomi a lungo termine

 Inizialmente si pensava che i sintomi di covid prolungato includessero affaticamento, dolori muscolari e articolari, mal di testa, insonnia, problemi respiratori e palpitazioni cardiache.  Ora, gruppi di supporto e ricercatori affermano che potrebbero esserci fino a 100 altri sintomi, inclusi problemi gastrointestinali, nausea, vertigini, convulsioni, allucinazioni e dolore ai testicoli.

 La maggior parte della ricerca sugli effetti del covid è basata sugli adulti.  Ci sono meno informazioni sui minori di 18 anni, in parte perché ci vuole più tempo per ottenere l'approvazione etica per studiare i bambini, afferma Natalie Lambert della Indiana University School of Medicine.

  Uno studio recente ha rilevato che il 13,3% degli adulti con covid-19 sintomatico ha sintomi che durano più di 28 giorni (medRxiv, doi.org/ghgdsv).  I sintomi di lunga durata erano più probabili con l'aumentare dell'età e del BMI, (Body Mass Index (BMI) o Indice di Massa Corporea (IMC) è un parametro molto utilizzato per ottenere una valutazione generale del proprio peso corporeo). Questi dati erano più frequenti nelle donne rispetto agli uomini, anche se non è chiaro il motivo.  L'esperienza di manifestare più di cinque sintomi nella prima settimana dopo l'infezione era associata a una maggiore probabilità di avere sintomi più avanti nel tempo.

  L'evidenza del primo studio sul covid prolungato nei bambini suggerisce che più della metà dei bambini di età compresa tra i 6 ei 16 anni che contraggono il virus ha almeno un sintomo che dura più di 120 giorni, con il 42,6% dei pazienti affetto da questi sintomi durante le attività quotidiane.   Questi risultati intermedi si basano su valutazioni periodiche di 129 bambini in Italia a cui è stato diagnosticato il covid-19 tra marzo e novembre 2020 presso il Policlinico Gemelli di Roma (medRxiv, doi.org/fv9t).

 L'ultimo rapporto dell'Ufficio per le statistiche nazionali del Regno Unito stima che il 12,9% dei bambini del Regno Unito di età compresa tra 2 e 11 anni e il 14,5% dei bambini di età compresa tra 12 e 16 anni presentino ancora sintomi cinque settimane dopo la loro prima infezione.  Quasi 500.000 bambini del Regno Unito sono risultati positivi al covid-19 da marzo 2020.

 La maggior parte degli organismi medici afferma che normalmente ci vogliono alcuni giorni o settimane per riprendersi dal covid-19 e che la maggior parte si riprenderà completamente entro 12 settimane.

  Il gruppo di studio del Regno Unito Long Covid Kids afferma che attualmente dispone dei dettagli di 1200 bambini con covid lungo provenienti da 890 famiglie in Inghilterra.  "E quel numero è aumentato rapidamente", afferma il fondatore Sammie Mcfarland.  "Nessuno è tornato alla salute precedente e la maggior parte non è in grado di svolgere le normali attività".

  Le conseguenze del lungo covid nei bambini possono essere debilitanti.  In una riunione parlamentare del Regno Unito il 26 gennaio, Mcfarland ha descritto come sua figlia di 14 anni ha iniziato a diventare distratta, debole e insensibile dopo aver avuto covid-19 nel marzo 2020. Dopo tre settimane a letto, ha fatto qualche esercizio leggero in giardino e indicando il petto, si lamentava del dolore al cuore.  "È diventata molto floscia e quasi non è riuscita a tornare in casa per andare a letto", dice Mcfarland.  "È rimasta praticamente lì [a letto] per i successivi sette mesi".

 Dall'agosto 2020, Mcfarland dice che ci sono stati momenti in cui sua figlia si è sentita meglio e sono usciti di casa per un picnic, ma presto si sono resi conto che ogni uscita ha innescato un lungo periodo di ricaduta, un problema che sembra essere comune anche negli adulti con covid lungo.

  Altri casi sembrano presentarsi in modo molto diverso.  Charlie Mountford-Hill ha cinque figli, tutti convinti di aver contratto il virus nelle prime fasi della pandemia.  Quasi un anno dopo aver preso il covid-19, il suo bambino di 4 anni ha ancora mal di collo, letargia, problemi di stomaco e mal di testa.  Il suo bambino di 10 anni ha stanchezza e problemi gastrici con dolori al cuore.  "Anche se hanno periodi brutti e periodi migliori, non stanno mai bene", dice Mountford-Hill.

 Alla ricerca di cure per il lungo covid   Una frustrazione comune tra i genitori è la mancanza di supporto da parte dei medici.  Mcfarland dice che possono ignorare i sintomi come non correlati al covid-19 perché sono così vari.  Spesso anche gli esami del sangue e le scansioni non forniscono alcuna risposta.  "La maggior parte delle persone note a Long Covid Kids non è stata in grado di ottenere supporto", afferma.  Il gruppo sta ora lavorando con NHS England per cercare di ottenere l'accesso alle cure.

 

 Diversi genitori hanno testimoniato al briefing parlamentare sul lungo covid nei bambini, gestito dalla deputata Layla Moran.  Ha detto a New Scientist che "la mancanza di sostegno, del riconoscimento e del trattamento del lungo covid nei bambini è uno scandalo nazionale".  In una lettera al Primo Ministro mostrata a New Scientist, diversi parlamentari si riferiscono alla situazione come a una crisi che deve essere presa più seriamente.

 La mancanza di informazioni sul lungo covid nei bambini è particolarmente pertinente per le decisioni in merito alla riapertura delle scuole, come dovrebbero fare in alcune parti del Regno Unito e degli Stati Uniti nelle prossime settimane.  "Certamente non abbiamo dati sufficienti sugli impatti a lungo termine di covid nei bambini per prendere buone decisioni politiche in questo momento", afferma Lambert, che è direttore della ricerca per Survivor Corps, il più grande gruppo di difesa del covid-19 al mondo.  Il 18 febbraio, il National Institute for Health Research del Regno Unito ha assegnato 1,4 milioni di sterline per uno studio per valutare i fattori di rischio e la prevalenza di covid lungo nei bambini.

 Gli asili nido sono stati autorizzati a rimanere aperti in Inghilterra mentre le scuole primarie e secondarie sono rimaste chiuse dal 5 gennaio.  Quando è stato chiesto il 5 febbraio se l'impatto del lungo covid nei bambini è stato considerato in relazione alla riapertura delle scuole, il ministero dell'Istruzione del Regno Unito non ha risposto.

  Rimandare migliaia di bambini a scuola è "folle", afferma McFarland.  “Rimandare i bambini a scuola sembra invitare alla possibilità di dare a un'intera generazione problemi di salute cronici a lungo termine.  Perché correre il rischio di aprire le scuole prima che i bambini siano stati vaccinati? "

  Finora, nessun vaccino contro il coronavirus è stato approvato per l'uso nei bambini, sebbene CanSino Biologics in Cina stia testando uno su un bambino di età compresa tra 6 e 12 anni, secondo i dati rivelati in un recente incontro della New York Academy of Science.  Il CEO Xuefeng Yu afferma che i dati preliminari verranno analizzati presto.  La società statunitense Codagenix sta anche pianificando di testare un vaccino nasale nei bambini.

  Gli studenti di Glasgow, nel Regno Unito, sono tornati a scuola il 22 febbraio   I dati suggeriscono che i bambini non si passano facilmente il covid-19 in classe.  In uno studio, un bambino di 9 anni in Francia con influenza e covid-19 è risultato aver contagiato più di altri 80 bambini in tre scuole diverse.  Tuttavia, nessuno è stato infettato da covid-19, nonostante le numerose infezioni influenzali all'interno delle scuole, suggerendo che sebbene l'ambiente fosse favorevole alla trasmissione di virus respiratori, covid-19 non è stato trasmesso così facilmente.

  Più recentemente, uno studio su bambini di età compresa tra 5 mesi e 4 anni in asili nido in Francia ha mostrato bassi livelli di infezione e trasmissione di covid-19.  Lo studio mostra anche che il personale non era a maggior rischio di infezione rispetto a un gruppo di controllo di adulti.  I risultati suggeriscono che i bambini hanno maggiori probabilità di ottenere il covid-19 dai membri della famiglia che dai loro coetanei o dagli insegnanti all'asilo nido, sebbene siano necessarie ulteriori prove, affermano gli autori dello studio, perché lo studio è avvenuto quando erano in atto misure rigorose per controllare il virus e prima che comparissero varianti a rapida diffusione.

 Fino ad ora, l'obiettivo della pandemia è stato la prevenzione di malattie gravi e decessi nelle generazioni più anziane, ma Mcfarland afferma che è necessario concentrarsi sull'eredità che il virus sta lasciando ai bambini.