Dopo aver avuto il vaccino,cosa si puo’ fare adesso?

RACHEL GUTMAN 25 FEBBRAIO 2021/ The Atlantic

 Con il progredire delle vaccinazioni aumenta il numero delle persone protette dal virus ma la maggior parte di queste non sa esattamente come comportarsi per il futuro. vediamo le considerazioni ed i suggerimenti offerti alla popolazione americana.

Gli ultimi 11 mesi sono stati un corso accelerato su un milione di argomenti di cui probabilmente ognuno di noi vorrebbe sapere meno. La famosa filtrazione di particelle. La ventilazione e le variabili epidemiologiche. E, forse soprattutto, l'interdipendenza. Nel formare bolle di quarantena, nell'indossare indumenti protettivi solo per comprare generi alimentari, nel ridurre i nostri giorni all’esterno solo alle nostre interazioni più essenziali, le persone in tutto il mondo hanno dimostrato esattamente quanto siano collegate le loro vite e la loro salute. Ora, mentre i vaccini COVID-19 riscrivono ancora una volta le regole della vita in caso di pandemia, siamo costretti a una nuova lezione su come il benessere di ogni persona è inestricabilmente intrecciato con gli altri ".

Questo strano (e si spera breve) periodo di tempo in cui alcuni americani sono completamente vaccinati, ma non abbastanza per proteggere la popolazione più ampia dalla diffusione del coronavirus, porta con sé una serie completamente nuova di questioni pratiche ed etiche.

Se sono vaccinato, posso viaggiare liberamente?

Possono due persone vaccinate di famiglie diverse pranzare insieme?

Se i tuoi genitori sono vaccinati ma tu no, puoi vederli al chiuso?

E se solo uno di loro avesse ottenuto la doppia vaccinazione?

E se una di loro fosse un'infermiera in un reparto COVID-19?

Dopo aver chiesto a quattro esperti cosa possono fare i vaccinati in tutti i modi che ho potuto trovare, mi dispiace riferire che non esistono guide valide per tutti su quali nuove libertà dovrebbero godere i nuovi vaccinati. Tuttavia, c'è un principio, se non una regola del bianco e nero, che può aiutare sia i vaccinati che i non vaccinati a navigare nel nostro mondo ancora una volta sconosciuto: quando decidi cosa puoi e non puoi fare, dovresti pensare meno al tuo stato di vaccinazione e molto di più su quanto i i tuoi vicini, la famiglia, gli impiegati della drogheria, i fattorini e gli amici siano ancora vulnerabili alla infezione

I vaccini COVID-19 sono fantastici. I vaccini attualmente disponibili sono estremamente efficaci nel proteggere le persone da gravi malattie, ricoveri ospedalieri e morte, tutte cose che vogliamo evitare se abbiamo qualche speranza di riaprire completamente la società. Anche così, i consigli su ciò che le persone possono fare una volta vaccinati diventano complicati. Coloro che sono vaccinati possono ancora essere infettati da SARS-CoV-2 e risultare positivi al test; sono solo molto, molto meno propensi ad ammalarsi di conseguenza. L'elemento complicato è se le persone vaccinate, non malate ma ancora infette, possono diffondere il virus ad altri e farli ammalare. Finora, i primi dati sono stati promettenti, dimostrando che i vaccini interrompono almeno una parte della trasmissione, ma la questione non è scientificamente risolta.

Questo ci lascia in una situazione imbarazzante. Vaccinarsi significa che le tue scelte non ti mettono più in pericolo, ma potrebbero comunque renderti un rischio per tutti gli altri. Per dirla in termini più concreti: se una persona vaccinata esce a mangiare, non può ancora essere sicura di non portare il virus e di diffonderlo ai suoi commensali non vaccinati e al personale del ristorante, o di non '' raccogliere il virus al ristorante e portarlo a casa alla loro famiglia non vaccinata.

Quindi, in primo luogo, una linea guida molto ampia per navigare in un mondo in cui le vaccinazioni sono in aumento e le infezioni stanno diminuendo: indipendentemente dal fatto che tu sia vaccinato o meno, quanto puoi concentrarti in sicurezza nelle tue attività e nella vita sociale dipende dal livello di base del virus nella tua comunità. Puoi immaginare che, nella vita di una pandemia, a ciascuno di noi siano stati spiegati un certo numero di modalita’ di rischio che possiamo fare come vedere gli amici fuori, andare a lavorare, mandare i bambini all'asilo nido e così via. Se tu o qualcuno con cui vivi è particolarmente vulnerabile al virus, potresti scegliere di fare meno attività’ facendoti consegnare la spesa; se vivi da solo in una zona in cui pochissime persone sono ammalate, potresti scegliere di fare più attivita’ formando una bolla con gli amici. Il vaccino ti offre un numero enorme di vantaggi , se sei abbastanza fortunato da poter sfruttarne uno. E quando la diffusione del virus è bassa, tutti ottengono più vantaggi.

Saskia Popescu, un'epidemiologa di malattie infettive della George Mason University, mi ha detto che tutti, vaccinati o meno, dovrebbero cercare di tenere traccia di tre parametri nella zona dove si vive : il numero di nuovi casi giornalieri per 100.000 persone, la velocità con cui le persone trasmettono il virus l'uno all'altro e la velocità con cui le persone risultano positive al virus. Popescu ha detto che non ci sono numeri magici che riporterebbero immediatamente il paese alla vita pre-COVID, ma ci si sentirà meglio alla riapertura quando raggiungeremo tassi giornalieri di appena uno o due su 100.000, velocità di trasmissione di 0,5 o meno. e tassi di positività al test pari o inferiori al 2 percento. (Alla scorsa settimana, nessuno stato degli Stati Uniti aveva raggiunto la tripletta, e il paese nel suo insieme è ancora lontano da esso.) Molti dipartimenti locali di sanità pubblica forniscono regolarmente questi numeri.

Potresti essere tentato di considerare anche i tassi di vaccinazione nella tua equazione di sicurezza, ma Whitney Robinson, epidemiologa dell'Università della Carolina del Nord, mi ha detto che questo valore non dovrebbero essere il principale indicatore di sicurezza di nessuno. Questo perché la distribuzione di vaccini finora si è concentrata su particolari reti sociali (ad esempio, operatori sanitari) e gruppi demografici ( negli USA in particolare bianchi e ricchi), quindi un'intera comunità non raccoglierà necessariamente i benefici che un tasso di vaccinazione locale di 15, o anche del 50%, potrebbe implicare.

Conoscere il rischio complessivo di infezione nella tua zona è almeno un primo passo per prendere decisioni migliori sull'opportunità di organizzare quella festa di compleanno o portare il nonno a pranzo fuori. Anche per le persone vaccinate, tutti gli esperti di sanità pubblica con cui ho parlato hanno sottolineato, che è comunque importante non gettare al vento la prudenza. Se le persone vaccinate si riversano nei ristoranti al coperto o girano senza maschere in mezzo alla folla, non stanno solo rischiando di infettare gli altri ma possono effettivamente diffondere il virus, ha detto Popescu. Stanno contribuendo alla sensazione che la vita come la conoscevamo prima di marzo 2020 sia tornata, nonostante il fatto che più di 65.000 persone contraggono ancora il virus ogni giorno. Per ora il semplice ritorno alle nostre vecchie abitudini sarebbe mortale.

Ciò non significa che qualsiasi allentamento delle restrizioni sia fuori discussione per i vaccinati. Tutt'altro: molti esperti di sanità pubblica hanno sostenuto che le persone vaccinate che vedono i parenti in sicurezza o che tornano in ufficio possono giovare a tutti, perché vedere quanto l'iniezione migliora la vita convincerà più persone a prenderla. Minimizzare il successo dei vaccini potrebbe scoraggiare le persone dal prenderli, perché se non cambierà le loro vite, non avranno alcun incentivo.

Il modo migliore per andare avanti per tutti noi è che le persone vaccinate spendano le loro attività a rischio extra in modo da non mettere in pericolo le persone non vaccinate. Mentre consideri se dovresti fare cose che non avresti fatto prima del vaccino, pensa in modo creativo a come puoi rendere quelle cose più sicure per tutte le persone coinvolte. "I nonni vogliono davvero poter abbracciare i loro nipoti", mi ha detto Tara Kirk Sell, uno studioso senior del Johns Hopkins Center for Health Security. "Non ho problemi con questa modalità di socializzazione." Ma considera di chiedere alla nonna e al nonno di indossare maschere durante quell'abbraccio, o di incontrarli fuori,. Durante la pandemia, abbiamo sviluppato un arsenale di strategie per rendere più sicuri ambienti e attività particolari. Il vaccino è un'arma extra potente contro la trasmissione che alcune persone possono utilizzare, ma ciò non significa che debbano scartare tutte le altre attività di sicurezza.

Quanti di questi metodi scelti dovrebbero dipendere dal numero di persone vulnerabili con cui entri regolarmente in contatto. Un oncologo vaccinato che vive con la sorella immunocompromessa si comporterà in modo diverso da un pensionato vaccinato che vive da solo. Detto questo, ci sono molte impostazioni, come ristoranti e negozi, in cui non sai o non puoi controllare quante persone vulnerabili ci sono intorno a te. Per questo motivo, piccoli raduni privati ​​in cui è possibile adattare le proprie tattiche anti-diffusione per soddisfare i fattori di rischio di tutti sono un primo passo più sicuro verso la normalità rispetto ad attività come concerti, cene al coperto o grandi matrimoni. Anche viaggiare in piccoli gruppi potrebbe essere un obiettivo più vicino: Popescu ha detto che spera che entro la fine dell'anno possa fare una vacanza in un altro stato con suo marito senza preoccuparsi di "essere un cattivo amministratore della salute pubblica".

Giocare sul sicuro, anche se ti rilassi un po ', è il modo migliore per assicurarti che un giorno vivrai di nuovo in un mondo con bar, feste di compleanno e cinema. È anche il modo migliore per impedirti di ammalarti di COVID-19 in futuro, indipendentemente dal fatto che tu sia già vaccinato. Nessuno sa esattamente per quanto tempo sarai protetto da malattie gravi se ricevi un vaccino (o sei stato precedentemente infettato), semplicemente perché nessuno è stato vaccinato sin qui per più di sette mesi. Dato quello che sappiamo finora, il modo più probabile per una persona vaccinata di ammalarsi gravemente dal coronavirus sarebbe se incontra una variante da cui il vaccino che ha ricevuto non protegge efficacemente. È molto più probabile che tali varianti emergano se si permette al virus di imperversare in particolari luoghi o gruppi prima che la stragrande maggioranza delle persone nel mondo possa essere vaccinata.

Come ha affermato Gregg Gonsalves, epidemiologo della Yale School of Public Health, "Nel contesto dell'epidemiologia, siamo tutti sulla stessa barca.